Apri il menu principale

Il sipario strappato

film del 1966 diretto da Alfred Hitchcock
Il sipario strappato
Ludwig Donath-Paul Newman in Torn Curtain trailer.jpg
Paul Newman in una scena del film
Titolo originaleTorn Curtain
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1966
Durata128 min
Rapporto1,85:1
Generespionaggio
RegiaAlfred Hitchcock
SoggettoBrian Moore
SceneggiaturaBrian Moore
ProduttoreAlfred Hitchcock (non accreditato)
Casa di produzioneUniversal Pictures
FotografiaJohn F. Warren
MontaggioBud Hoffman
MusicheJohn Addison
ScenografiaFrank Arrigo e Hein Heckroth Arredatore: George Milo
CostumiEdith Head
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il sipario strappato (Torn Curtain) è un film del 1966 diretto da Alfred Hitchcock.

TramaModifica

Nell'Europa della guerra fredda, il fisico americano Armstrong va a Copenaghen per un congresso internazionale. Da qui, tra l'incredulità di tutti, compresa quella della fidanzata, passa oltrecortina a lavorare con gli scienziati del blocco comunista. La sua assistente e fidanzata Sarah tuttavia, intromettendosi indebitamente, gli complica notevolmente la vita seguendolo di nascosto.

Armstrong parte per Berlino Est e all'aeroporto d'arrivo il giovane scienziato viene accolto entusiasticamente dal vice primo ministro della DDR e poi dai giornalisti, fra i quali molti del mondo occidentale, nella sala stampa dell'aeroporto. L'arrivo di un transfuga dagli Stati Uniti in un paese socialista è infatti una notizia più unica che rara: la cortina di ferro veniva allora attraversata in continuazione, con i mezzi e gli stratagemmi più strampalati, ma solo nella direzione opposta[1].
Naturalmente c'è chi pensa che la conversione del giovane fisico americano non sia così sincera come appare e in particolare la pensa così l'onnipresente Hermann Gromek, agente dei servizi di sicurezza tedesco-orientali, che gli viene messo, dichiaratamente, alle calcagna.

In attesa del trasferimento a Lipsia, nella cui università dovrà incontrare il professor Gustav Lindt, con il quale collaborerà alla messa a punto di un sistema di missili anti-missile, Armstrong cerca di contattare il membro designato di Pi-greco, un'organizzazione clandestina che si occupa di aiutare a fuggire in occidente chi se ne vuole andare dalla DDR, per concordare il piano di fuga dopo che avrà raggiunto il suo obiettivo. Infatti Armstrong fa il doppio gioco: vuole intrufolarsi nei laboratori missilistici della Germania Est per carpire il segreto di una formula molto importante, a vantaggio degli Stati Uniti d'America. Trovato il contatto, interviene Gromek, che però viene ucciso dalla moglie del contatto e da Armstrong, che subito dopo parte per Lipsia con la fidanzata.

Il mattino seguente egli incontra all'Università il rettore con alcuni professori che vorrebbero sentire da lui che cosa sa veramente in materia di missilistica. Fra questi, fieramente discosto, sta il supponente e stravagante professor Lindt, ansioso di poter portare ai colleghi russi a Leningrado, ove sta per recarsi, qualche chicca sullo stato di avanzamento dei lavori in materia di missili negli Stati Uniti.

L'indomani mattina Armstrong, nel laboratorio di Lindt, riesce, sfruttando la vanità dell'eminente scienziato tedesco-orientale, che non vede l'ora di impartire una lezione al giovane fisico americano e dimostrare quindi la sua superiorità come scienziato, a strappargli la formula risolutiva sulla quale lui ed i colleghi americani si erano inutilmente, fino ad allora, impegnati. Tuttavia la scoperta del cadavere di Gromek fa di Armstrong un sospetto. Egli, sempre accompagnato dalla fidanzata, riesce a sfuggire alla ricerca della polizia grazie ad altri membri di Pi-greco che li faranno prima ritornare a Berlino Est con un rocambolesco viaggio in pullman e poi entrare in un teatro; al termine dello spettacolo dovranno nascondersi in due cesti di costumi di scena che, con altri bagagli e l'intero corpo di ballo, verranno trasferiti a Stoccolma.

Ma in teatro succede l'imprevisto: la vista, inverosimilmente acuta, della prima ballerina li individua fra gli spettatori e fa chiamare la polizia, che accorre in forze e si dispone nei corridoi tutt'intorno alle poltrone. Armstrong, approfittando della suggestione provocata dal finto rogo che, da copione, sembra ardere sul palcoscenico, si mette a urlare al fuoco, gli spettatori spaventati si accalcano alle uscite travolgendo gli agenti e così i due riescono a sparire nei cestoni dei costumi in partenza. Al porto di Stoccolma ultima suspense, ma poi i due fuggitivi guadagnano a nuoto la sospirata banchina, in territorio svedese.

ProduzioneModifica

SoggettoModifica

L'idea del film venne al regista fin dal 1951, quando due diplomatici inglesi, Guy Burgess e Donald Maclean, si rifugiarono in Unione Sovietica, causando un grande scalpore.[2]

SceneggiaturaModifica

La sceneggiatura venne affidata a Brian Moore, autore di romanzi di successo come The Lonely Passion of Judith Hearne. per i dialoghi furono contattati anche Keith Waterhouse e Willis Hall, gli sceneggiatori inglesi di Billy il bugiardo, un'opera teatrale molto ben accolta dal pubblico e dalla critica.

CastModifica

Nel ruolo della protagonista femminile la casa di produzione Universal volle e impose Julie Andrews, divenuta popolarissima e molto richiesta dopo aver vinto l'Oscar con Mary Poppins.

Nel ruolo del protagonista maschile fu scritturato Paul Newman, noto seguace del metodo di recitazione Stanislavskij, di cui però Alfred Hitchcock era insofferente; questa è infatti l'unica pellicola del regista interpretata da Newman ed è anche l'unica di Newman in coppia con Julie Andrews.

La scelta dei due attori, considerati tra le star più importanti del momento, fu molto costosa e non si rivelò del tutto felice: non erano adatti né al modello né al metodo di Hitchcock.[3], nonostante il rispetto e la riconoscenza verso il regista espressi dalla Andrews, piuttosto diversa dalle tipiche eroine bionde di Hitchcock e in uno dei suoi rari ruoli "seri" di quegli anni.

RipreseModifica

Le riprese iniziarono nel novembre 1965 e si conclusero nel febbraio 1966

PrimaModifica

La prima si ebbe il 14 luglio a Boston ed il 27 luglio 1966 a New York.[4]

CameoModifica

Hitchcock fa la sua comparsa seduto su una poltrona della hall dell'hotel di Copenaghen con in braccio una bimba (la piccola Emma Kate, figlia di Julie Andrews) che gli fa la pipì sui pantaloni.

CriticaModifica

AccoglienzaModifica

Il sipario strappato fu quasi unanimemente stroncato dai critici e anche l'accoglienza del pubblico fu piuttosto tiepida.[5]

Antologia criticaModifica

Ai giudizi negativi :

  • «È un brutto film. E se conosci Hitchcock, vedi subito che qui ha semplicemente fatto man bassa del suo repertorio di trucchi.» (Brian Moore, in un'intervista rilasciata a Donald Spoto il 20 febbraio 1982)
  • «Il film è caratterizzato da un grave errore capitale, insolito per Hitch: è per la maggior parte piatto e grigio. Il vero dramma della donna si perde, i protagonisti sembrano disinteressati alla vicenda...» (John Russell Taylor)
  • «Il film è fiacco e povero di suspense»[6]
  • «[...] Il regista inglese s'è affaticato meno di altre volte, tanto che il prodotto, pur apprezzabile tecnicamente, è inferiore al solito standard per qualità di trama e di regia. [...] L'incalzare delle difficoltà e degli ostacoli che in tutti i modi la drammatizzano, non obbediscono a una logica serrata, ma appaiono soprattutto come l'artificioso risultato della somma di risaputi effetti di repertorio: di qui un senso di confusione, di freddezza e di stanchezza contrae la suspense e riduce l'emozione. Gli interpreti principali risentono della forzatura dei sentimenti e delle situazioni che caratterizzano la pellicola e, per quanto si tratti di Paul Newman e di Julie Andrews, non hanno uno spicco eccezionale»[7]

seguono le rivalutazioni:

  • «...si tratta di una bellissima, intelligente, nonché profetica risposta ai film di James Bond»[8]
  • «...film lucidissimo, con un ritmo quasi mai infranto e che, nel finale, ricorda quel Number Seventeen, antico paradigma inglese della «razionalità» dell'azione e dei suoi movimenti.»[9]

L'inverosimiglianzaModifica

Molte situazioni nel film risultano inverosimili, come ad esempio riuscire ad ottenere da uno scienziato la chiave logica per sviluppare una certa formula, cercando di non far capire che gliela si vuole estorcere; o come l'espediente di Armstrong di urlare «al fuoco» per sfuggire alla morsa della polizia nel teatro. L'urlo di un solo spettatore, davanti ad una scenografia già tale dall'inizio della rappresentazione, nella quale il falò sul palcoscenico è finto (strisce di carta colorata mosse da una corrente d'aria ascendente a simulare le fiamme) ben difficilmente scatenerebbe in brevissimo tempo il panico in un teatro vero. Si tratta di una situazione analoga a quella del film di Hitchcock Intrigo internazionale, quando il protagonista, in una sala di aste, riesce a sfuggire ai killer che lo vogliono eliminare.

Ma Hitchcock ha più volte dichiarato, in numerose interviste, che non gli interessa il realismo, lui non vuol fare documentari, ma vuole raccontare delle storie e la finzione e l'inverosimiglianza, sono componenti essenziali dello spettacolo: «Chiedere a uno che racconta delle storie di tener conto della verosimiglianza mi sembra tanto ridicolo come chiedere a un pittore figurativo di rappresentare le cose con esattezza» e ancora «Certi film sono dei pezzi di vita, i miei sono dei pezzi di torta.»[10]

Sequenze celebriModifica

Ci sono un paio di sequenze degne di menzione e del miglior Hitchcock :

Nel museo di Berlino
La prima è il tentativo di depistaggio di Gromek da parte di Armstrong, che allo scopo si reca in un museo berlinese.
Si tratta di un fabbricato neoclassico, l'interno è vuoto di visitatori: solo Armstrong e, a distanza, Gromek. Una scenografia surreale, con Armstrong che percorre a passo deciso queste sale e questi corridoi solitari, in penombra, ed il cui aspetto ricorda le architetture metafisiche di De Chirico ed i labirinti di Escher. Unico suono i passi dei due che si alternano: quelli di Armstrong, quando cammina, e l'eco di quelli di Gromek (che qui non si vede mai), quando Armstrong si ferma per accertarsi di essere seguito. Un senso di destino incombente, una sequenza da antologia.
L'uccisione di Gromek
La seconda è quella dell'uccisione di Gromek alla fattoria. Gromek accusa Armstrong di essere una spia, pronostica a lui l'ergastolo e alla contadina (uno dei membri di Pi-greco), fa intendere, la forca. Ma quando, impugnando una rivoltella, telefona al comando di polizia, la contadina gli butta addosso un recipiente pieno di farina, Armstrong ne approfitta per togliergli l'arma ed aggredirlo alle spalle. I due si divincolano, Gromek invita sprezzantemente Armstrong a non aggravare la sua posizione («Adesso basta scherzare, io sono un agente addestrato, la posso stendere con un solo braccio, tenendo l'altro dietro la schiena … »). Ma, nonostante l'addestramento vantato dall'agente di polizia, Armstrong gli tiene sempre il braccio intorno al collo, finché la contadina non gli pianta la lama di un coltellaccio da cucina nella parte superiore del torace. Gromek, pur sanguinando copiosamente cade, riesce comunque ad alzarsi ed a bloccare Armstrong stringendolo forte al collo, impedendogli così i movimenti. La contadina cerca di fiaccarne la resistenza colpendolo ripetutamente, con una pala, alle ginocchia, finché non le viene l'idea di spalancare il portello del forno della cucina, aprire i becchi del gas per poi trascinare Gromek ed infilargli la testa nel forno: il monossido di carbonio[11] porta a compimento ciò che il coltello da cucina aveva iniziato.
Hitchcock ebbe a dire di avere ideato questa scena per mostrare quanto sia difficile, a chi non è un killer professionista, ma una persona comune, uccidere un suo simile, soprattutto se usa armi improprie, oggetti di uso corrente.[12]

Colonna sonoraModifica

Con questo film il celeberrimo sodalizio artistico di Alfred Hitchcock con il compositore abituale dei suoi film, il maestro Bernard Herrmann, è arrivato al capolinea; il regista non è entusiasta della partitura e la produzione vorrebbe imporgli delle canzoni non sue da inserire all'interno del film: per Herrmann è troppo e così ritira la sua partitura lasciando la produzione e al suo posto viene chiamato John Addison.

La scena dell'uccisione di Gromek era stata pensata inizialmente da Bernard Herrmann con sottofondo musicale, mentre nel montaggio finale con il commento di John Addison la musica è assente, nel documentario Music for the Movies[13] si può vedere la scena come l'aveva pensata musicalmente Herrmann.

NoteModifica

  1. ^ Tra la fine della guerra e il crollo del muro di Berlino, più di 3 milioni di cittadini della DDR emigrarono nella Germania Occidentale, vedi: (EN) John Hooper, East Germany jailed 75,000 escapers, in: The Guardian, Numero del 7 agosto 2001 (salvo alcuni casi famosi, ma statisticamente irrilevanti, quali ad esempio le celebri defezioni dell'agente doppiogiochista Kim Philby, delle spie inglesi Guy Burgess e Donald Duart Maclean e del fisico nucleare italiano Bruno Pontecorvo, il caso, questo, più vicino a quello della presente fiction)
  2. ^ John Russell Taylor,op.cit., p. 349.
  3. ^ Donald Spoto, Il lato oscuro del genio, Lindau, Torino, 2006, p. 618
  4. ^ Donald Spoto,op.cit., p. 621
  5. ^ John Russell Taylor, Hitch, Garzanti, Milano, 1980, p. 353
  6. ^ Paolo Mereghetti, Dizionario dei film, Baldini e Castoldi, Milano, 1993, p.1099
  7. ^ Recensione de La Stampa, 27 ottobre 1966
  8. ^ Bill Krohn, Alfred Hitchcock, Cahiers du Cinéma, 2010, p. 90
  9. ^ Bruzzone-Caprara, I film di Hitchcock, Gremese, Roma, 1992, p. 261
  10. ^ François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Il Saggiatore, Milano, 2009, pp. 82 e 84
  11. ^ Allora, come anche nel mondo occidentale, il gas da cucina non era ancora il metano ma il gas illuminante, in Italia chiamato anche 'Gas di Città' costituito prevalentemente da monossido di carbonio, ottenuto per ossidazione parziale del carbone coke, piuttosto velenoso quando inspirato
  12. ^ François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Pratiche Editrice, Parma-Lucca, 1977 p. 262
  13. ^ Music for the movie", su imdb.com. URL consultato il 23 febbraio 2010.

BibliografiaModifica

  • John Russell Taylor, Hitch, Garzanti, Milano, 1980
  • Donald Spoto, Il lato oscuro del genio, Lindau, Torino, 2006
  • Paolo Mereghetti, Dizionario dei film, Baldini e Castoldi, Milano, 1993
  • François Truffaut, Il cinema secondo Hitchcock, Il Saggiatore, Milano, 2009

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316751613 · LCCN (ENno98025399 · GND (DE4758636-9 · BNF (FRcb16718855t (data) · WorldCat Identities (ENno98-025399
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema