Italia al Junior Eurovision Song Contest

Italia
EuroItalia.svg
TelevisioneRai Gulp
Stato organizzatoreItalia Italia
Partecipazioni7
Prima partecipazione2014
Miglior piazzamento1º, 2014
Peggior piazzamento16º, 2015

L'Italia ha debuttato al Junior Eurovision Song Contest nell'edizione 2014, dopo diversi anni di trattative tra la tv di Stato e l'UER. Ha finora conquistato una vittoria e un terzo posto.

StoriaModifica

L'interesse della RaiModifica

Già nel luglio 2011, la Rai si era interessata alla competizione, trattando la partecipazione con l'Unione europea di radiodiffusione (UER). Inizialmente nel 2012 era previsto il debutto italiano, poi fallito. Nel 2013 ha debuttato San Marino, riportando la lingua italiana sul palco del Junior Eurovision, in modo del tutto indipendente dalle scelte della Rai.

L'8 luglio 2014, infine, l'UER ha confermato che la Rai aveva deciso di portare l'Italia al concorso, con selezione successivamente da decidere. Vladislav Jakovlev, il supervisore esecutivo della competizione, si è detto emozionato per la partecipazione dell'Italia, che con Malta, paese organizzatore in quell'anno, condivide molti fattori in comune dal punto di vista musicale.

2014-2019: Il debutto e la prima vittoriaModifica

 
Vincenzo Cantiello all'Aeroporto Internazionale di Malta con il premio dopo la vittoria

Con l'annuncio della partecipazione italiana, è stato anche confermato che la rete che avrebbe trasmesso il concorso sarebbe stata Rai Gulp, canale dedicato ai ragazzi, sotto l'egida del direttore Massimo Liofredi, direttore di Rai Ragazzi.[1] Il 4 settembre, viene confermato anche il partecipante scelto internamente: Vincenzo Cantiello, concorrente di Ti lascio una canzone, programma in cui hanno già partecipato Federica Falzon, rappresentante maltese nel 2014, Gaia Cauchi, vincitrice dell'edizione 2013, e Michele Perniola, rappresentante sammarinese nel 2013. La scelta è spettata al Maestro Leonardo De Amicis, che ha seguito Vincenzo durante il programma. Nella serata del 15 novembre, il cantante napoletano ha vinto al debutto italiano con 159 punti, distaccandosi dalla Bulgaria per 12 punti. Si tratta della prima vittoria dell'Italia in una competizione UER dal 1999 (ultima edizione di Giochi senza frontiere).

La finale è stata trasmessa sabato 15 novembre dalle 19:00 su Rai Gulp con il commento di Simone Lijoi[2]. Antonella Clerici è stata la madrina dell'evento e ha condotto una speciale anteprima dalle 18.35 - sempre su Rai Gulp - con ospiti in studio tra cui il rapper Moreno ed i ragazzi di Ti lascio una canzone. Nei pochi break previsti dal programma, ci sono stati rapidi collegamenti in studio con la popolare conduttrice.[3] La trasmissione dell'evento in diretta è stata seguita da 151.000 telespettatori, pari allo 0,66% di share, mentre la speciale anteprima in studio con Antonella Clerici (dalle 18:30 alle 19:00) è stata seguita da 204.000 telespettatori, con share pari all'1,20%.[4]

 
Chiara e Martina Scarpari, rappresentanti per l'Italia nel 2015 a Sofia

Il 23 giugno 2015, la Rai conferma la partecipazione all'edizione 2015, ma ha rinunciato a organizzare l'evento. Durante la prima puntata di Ti lascio una canzone, che ha funto come selezione nazionale per l'artista, sono state scelte Chiara e Martina Scarpari, confermate nella puntata successiva come rappresentanti a causa di disguidi sul televoto. La canzone Viva è stata scritta da Gigi d'Alessio, ed è stata eseguita per la prima volta dal vivo il 7 novembre 2015. Nella serata del 22 novembre, le gemelle calabresi arrivano sedicesime con 34 punti, precedute dalla sola Macedonia.

La diretta dell'evento trasmesso è stata seguita da 80.836 telespettatori, per uno share dello 0,33%. La breve anteprima con Antonella Clerici in studio (dalle 19:25 alle 19:30) è stata seguita da 37.070 telespettatori e lo 0,15% di share.[5]

 
Fiamma Boccia, terza classificata nell'edizione 2016, tenutasi a La Valletta

Il 2 giugno 2016 viene confermata la presenza dell'Italia all'edizione 2016[6]. Per questa edizione, la scelta è stata fatta internamente dalla Rai, dopo la cancellazione di Ti lascio una canzone, ed è ricaduta su Fiamma Boccia (già presente allo Zecchino d'Oro) con la canzone Cara Mamma. L'evento si tiene a La Valletta il 20 novembre: tra le novità di questa edizione, lo spostamento della diretta alla domenica pomeriggio, l'eliminazione del televoto e la presenza di più location. Il vincitore è stato determinato da un 50% di giuria di esperti e da un 50% di una giuria composta da bambini[7]. Nel pomeriggio del 20 novembre, Boccia si classifica al terzo posto con 209 punti, dietro soltanto all'Armenia e alla Georgia.

L'edizione 2016 registra in Italia il secondo ascolto più basso in audience dal 2014, dopo quello del 2017: 50.000 telespettatori sintonizzati su Rai Gulp, per uno share dello 0,31%. L’anteprima dalle 15:55 alle 16 con Simone Lijoi e Laura Carusino è stata seguita da 50.000 telespettatori con uno share dello 0,32%.[8]

Il 26 giugno 2017 tramite il sito Eurovoix, Rai Gulp conferma per la quarta volta consecutiva la partecipazione italiana al concorso[9]. La scelta è ricaduta tra i cantanti dello Zecchino d'Oro[10]. La scelta è ricaduta su Maria Iside Fiore (già presente anche al Cantagiro) con la canzone Scelgo (My Choice)[11]. L'evento si tiene a Tbilisi il 26 novembre: tra le novità di questa edizione, la reintroduzione del televoto, questa volta completamente online in cui si possono votare dalle 3 alle 5 canzoni preferite, tra cui quella del proprio Paese. Il vincitore è stato determinato da un 50% di giuria di esperti e da un 50% dal televoto online[12]. Nel pomeriggio del 26 novembre, la giovane ligure si classifica all'undicesimo posto con 86 punti, ad un passo fuori dalla Top 10[13].

L'edizione 2017 registra un ascolto più basso rispetto alle tre edizioni precedenti: 37.000 ascoltatori e lo 0,23% di share, L’anteprima dalle 15:30 alle 16 condotta da Laura Carusino e Mario Acampa, è stata seguita da 24.000 telespettatori con lo 0,14% di share.

 
Melissa Di Pasca e Marco Boni, settimi classificati allo Junior Eurovision Song Contest 2018

Il 26 giugno 2018 tramite il sito Eurovoix, come acadde nell'anno precedente, Rai Gulp conferma la parteciapzione[14]. La scelta è ricaduta sul duo composto da Melissa Di Pasca e Marco Boni con la canzone What Is Love, brano che contiene l'arrangiamento musicale del maestro Beppe Vessicchio[11]. L'evento si tiene a Minsk il 25 novembre: rimane invariato il sistema di votazione online in cui si possono votare dalle 3 alle 5 canzoni preferite, tra cui quella del proprio Paese. Il vincitore sarà determinato da un 50% di giuria di esperti e da un 50% dal televoto online[15]. L'Italia chiude in settima posizione. L'ascolto su Rai Gulp si conferma molto basso: 34.300 di audience e 0,2% di share.

Il 16 luglio 2019, viene confermata la sesta partecipazione al JESC.[16] La scelta è ricaduta sulla torinese Marta Viola con il brano a tema ecologico-ambientale La voce della terra, brano che contiene le parole di Franco Fasano e Marco Iardella[17]. L'evento si tiene a Gliwice il 24 novembre: rimane invariato il sistema di votazione online, utilizzato negli anni precedenti, in cui si possono votare dalle 3 alle 5 canzoni preferite, tra cui quella del proprio Paese. Il vincitore è stato determinato da un 50% di giuria di esperti e da un 50% dal televoto online. L'Italia chiude nuovamente al settimo posto. In crescita gli ascolti rispetto alle due precedenti edizioni, con una media di 42.000 telespettatori su Rai Gulp e 302.000 contatti unici.[18]

2020-presente: Il primo ritiro e il ritornoModifica

Nel 2020 la Rai decide di non partecipare al JESC per la prima volta, dal suo debutto nel 2014, per motivi legati alla pandemia di COVID-19.[19]

La decisione di non partecipare al concorso canoro viene inizialmente confermata anche per l'anno seguente[20], ma successivamente, il 30 agosto 2021, viene comunicata la partecipazione all'edizione 2021 a Parigi.[21] La scelta dell'interprete è ricaduta sulla adrense Elisabetta Lizza con il brano Specchio (Mirror on the Wall), che è stato presentato il 12 novembre 2021.[22] L'Italia chiude al decimo posto, raggiungendo per la terza volta consecutiva la top ten. L'edizione 2021 registra l'ascolto più basso di sempre: 15.112 telespettatori, per uno share dello 0,10%.[23]

PartecipazioniModifica

  •      Primo posto

  •      Secondo posto

  •      Terzo posto

  •      Ultimo posto

Anno Artista Lingua Canzone Posizione
Finale Punti
2014 Vincenzo Cantiello Italiano, inglese Tu primo grande amore 159
2015 Chiara & Martina Scarpari Italiano, inglese Viva 16º 34
2016 Fiamma Boccia Italiano, inglese Cara mamma (Dear Mom) 209
2017 Maria Iside Fiore Italiano, inglese Scelgo (My Choice) 11º 86
2018 Melissa & Marco Italiano, inglese What Is Love 151
2019 Marta Viola Italiano, inglese La voce della terra 129
Nessuna partecipazione nel 2020
2021 Elisabetta Lizza Italiano, inglese Specchio (Mirror on the Wall) 10º 107

Commentatori e portavoceModifica

 
Jade Scicluna, portavoce per l'Italia nel 2016
Anno Commentatore/i Portavoce
2014 Antonella Clerici
Simone Lijoi
Geordie
2015 Simone Lijoi Vincenzo Cantiello[24]
2016 Laura Carusino Vignera
Simone Lijoi
Jade Scicluna
2017 Laura Carusino Vignera
Mario Acampa
Sofia Bartoli
2018 Mario Acampa
Federica Carta
Jan Musvidas
2019 Mario Acampa
Alexia Rizzardi
Maria Iside Fiore
2020 Nessuna trasmissione
2021 Mario Acampa
Marta Viola
Giorgia Boni
Céleste

AscoltiModifica

Anno Data Rete Telespettatori Share Note
2014 15 novembre 2014 Rai Gulp 151 000 0,66% [25]
2015 21 novembre 2015 80 800 0,33% [26]
2016 20 novembre 2016 50 000 0,31% [27]
2017 26 novembre 2017 37 000 0,23% [28]
2018 25 novembre 2018 34 300 0,21% [29]
2019 24 novembre 2019 42 000 0,25% [30]
2020 29 novembre 2020 Nessuna trasmissione
2021 19 dicembre 2021 Rai Gulp 15 112 0,10% [23]

Storia delle votazioniModifica

Al 2019, le votazioni dell'Italia sono state le seguenti:

Punti dati

Posizione Stato Punti
1   Malta 64
2   Australia 42
3   Bulgaria 28
4   Albania
  Irlanda
25

Punti ricevuti

Posizione Stato Punti
1   Malta 43
2   Irlanda 42
3   Serbia
  Macedonia del Nord
39
5   Georgia 37

NoteModifica

  1. ^ Junior Eurovision, l’Italia partecipa con Vincenzo Cantiello di «Ti lascio una canzone» | TV Sorrisi e Canzoni Archiviato il 4 settembre 2014 in Internet Archive.
  2. ^ (IT) Junior Eurovision: al commento Simone Lijoi. Anteprima con la Clerici e ospite in studio, Eurofestival NEWS
  3. ^ (IT) Junior Eurovision: ospiti della Clerici i ragazzi di Ti lascio una canzone, Eurofestival NEWS
  4. ^ eurofestival, Ascolti tv Junior Eurovision 2014: in 151.000 su Rai Gulp (oltre 80mila over 65!), su Eurofestival News, 16 novembre 2014. URL consultato il 21 novembre 2016.
  5. ^ eurofestival, Ascolti tv Junior Eurovision 2015 dimezzati: solo 80.836 telespettatori, su Eurofestival News, 22 novembre 2015. URL consultato il 21 novembre 2016.
  6. ^ eurofestival, L'Italia parteciperà allo Junior Eurovision Song Contest 2016, su Eurofestival NEWS, 2 giugno 2016. URL consultato il 2 giugno 2016.
  7. ^ eurofestival, Junior Eurovision 2016, via il televoto e in onda di pomeriggio, su Eurofestival NEWS, 25 maggio 2016. URL consultato il 4 giugno 2016.
  8. ^ eurofestival, Junior Eurovision 2016, ascolti al minimo: in 50.000 su Rai Gulp, su Eurofestival News, 21 novembre 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
  9. ^ Anthony Granger, Italy: RAI Gulp Confirms Junior Eurovision 2017 Participation, su eurovoix.com, Eurovoix, 26 giugno 2017. URL consultato il 26 giugno 2017.
  10. ^ Alex Pigliavento, Junior Eurovision 2017: l’Italia sarà in gara! Rappresentante uscirà da Zecchino d’Oro, su eurofestivalnews.com, Eurofestival NEWS, 26 giugno 2017. URL consultato il 26 giugno 2017.
  11. ^ a b STAFF, Junior Eurovision 2017: per l’Italia Maria Iside Fiore con Scelgo (My Choice), su eurofestivalnews.com, Eurofestival NEWS, 4 ottobre 2017. URL consultato il 4 ottobre 2017.
  12. ^ Junior Eurovision 2017: si potrà votare anche via web e per il proprio Paese!, 5 ottobre 2017. URL consultato il 5 ottobre 2017.
  13. ^ Junior Eurovision 2017: vince La Russia con Wings di Polina Bogusevich!, 26 novembre 2017. URL consultato il 26 novembre 2017.
  14. ^ Anche l'Italia parteciperà allo Junior Eurovision 2018 di Minsk!, in Eurofestival News, 26 giugno 2018. URL consultato il 26 giugno 2018.
  15. ^ Junior Eurovision’18: Details of Voting Revealed, 5 novembre 2018. URL consultato il 5 novembre 2018.
  16. ^ Antonio Adessi, Junior Eurovision Song Contest 2019: l’Italia ci sarà. Diretta su Rai Gulp, su Eurofestival News, 16 luglio 2019. URL consultato il 16 luglio 2019.
  17. ^ Junior Eurovision 2019: Marta Viola per l’Italia con “La voce della terra”, in Federico Rossini, 9 ottobre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2019.
  18. ^ Alex Pigliavento, Ascolti Junior Eurovision 2019: miglior risultato dal 2017. Picco di 90.000 telespettatori e 302.000 contatti unici, su Eurofestival News, 25 novembre 2019. URL consultato il 25 novembre 2019.
  19. ^ eurofestival, Junior Eurovision 2020, non ci sarà l'Italia: esibizioni live dai 13 paesi in gara, su Eurofestival News, 8 settembre 2020. URL consultato l'8 settembre 2020.
  20. ^ (EN) Anthony Granger, 🇮🇹 Italy: RAI Will Not Participate in Junior Eurovision 2021 in Paris, su Eurovoix, 2 luglio 2021. URL consultato il 2 luglio 2021.
  21. ^ Torna su Rai Gulp lo Junior Eurovision Song Contest, su RAI Ufficio Stampa. URL consultato il 30 agosto 2021.
  22. ^ (EN) Italy reveals Elisabetta Lizza for Junior Eurovision, su junioreurovision.tv, 11 novembre 2021. URL consultato l'11 novembre 2021.
  23. ^ a b (EN) Anthony Granger, 🇮🇹 Italy: Just Over 15,000 Viewers Watched Junior Eurovision 2021, su Eurovoix, 20 dicembre 2021. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  24. ^ eurofestival, Junior Eurovision 2015: Vincenzo Cantiello spokesperson. Lijoi al commento, su Eurofestival NEWS, 11 ottobre 2015. URL consultato il 2 giugno 2016.
  25. ^ eurofestival, Ascolti tv Junior Eurovision 2014: in 151.000 su Rai Gulp (oltre 80mila over 65!), su Eurofestival News, 16 novembre 2014. URL consultato il 12 giugno 2020.
  26. ^ eurofestival, Ascolti tv Junior Eurovision 2015 dimezzati: solo 80.836 telespettatori, su Eurofestival News, 22 novembre 2015. URL consultato il 12 giugno 2020.
  27. ^ eurofestival, Junior Eurovision 2016, ascolti al minimo: in 50.000 su Rai Gulp, su Eurofestival News, 21 novembre 2016. URL consultato il 12 giugno 2020.
  28. ^ E. P, Ascolti Junior Eurovision 2017 in calo. In 37.000 su Rai Gulp, su Eurofestival News, 27 novembre 2017. URL consultato il 12 giugno 2020.
  29. ^ E. P, Ascolti Junior Eurovision 2018: 34.300 telespettatori su Rai Gulp (0,21% di share), su Eurofestival News, 26 novembre 2018. URL consultato il 12 giugno 2020.
  30. ^ eurofestival, Ascolti Junior Eurovision 2019: miglior risultato dal 2017. Picco di 90.000 telespettatori e 302.000 contatti unici, su Eurofestival News, 25 novembre 2019. URL consultato il 12 giugno 2020.

Voci correlateModifica