Apri il menu principale

La religiosa

film del 2013 diretto da Guillaume Nicloux
La religiosa
Titolo originaleLa religieuse
Lingua originalefrancese
Paese di produzioneFrancia, Belgio, Germania
Anno2013
Durata112 min
Generedrammatico
RegiaGuillaume Nicloux
SoggettoDenis Diderot
SceneggiaturaGuillaume Nicloux, Jérôme Beaujour
ProduttoreBenoît Quainon
Produttore esecutivoSylvie Pialat, Nicole Ringhut
Casa di produzioneLes Films du Worso, Belle Époque Films, Versus Production
Distribuzione in italianoOfficine UBU
FotografiaYves Cape
MontaggioGuy Lecorne
MusicheMax Richter
ScenografiaOlivier Radot
CostumiAnaïs Romand
TruccoRaphaële Thiercelin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La religiosa (La religieuse) è un film drammatico del 2013 diretto da Guillaume Nicloux e interpretato da Pauline Étienne.

Secondo adattamento dell'omonimo romanzo di Denis Diderot dopo Suzanne Simonin, la religiosa, diretto da Jacques Rivette nel 1966, è stato presentato in concorso alla 63ª edizione del Festival di Berlino e al Chicago International Film Festival.

TramaModifica

Francia, XVIII secolo. La sedicenne Suzanne è spinta dalla famiglia a prendere i voti contro la sua volontà. All'inizio resiste alle regole del convento e cerca di sfuggire al percorso religioso che le è stato imposto, ma presto scopre di essere figlia illegittima e di dover scontare la colpa materna. L'unico conforto è una Madre Superiora anziana e comprensiva che però muore improvvisamente e viene sostituita da suor Christine, una donna sadica e crudele. Suzanne viene trasferita in un altro convento dove continua a combattere con tutti i mezzi per riconquistare la sua libertà.

Luoghi delle ripreseModifica

Le riprese del film sono state effettuate tra Germania e Francia. Tra le location il Monastero di Bronnbach e il Monastero di Maulbronn nel Baden-Württemberg, il Castello di Passage nel dipartimento dell'Isère, la Certosa di Pierre-Châtel a Virignin e il Castello di Fléchères a Fareins nel dipartimento dell'Ain.[1]

DistribuzioneModifica

Dopo l'anteprima del 10 febbraio 2013 al Festival di Berlino e la proiezione al Rendez-vous with French Cinema di New York del 1 marzo, il film è uscito nelle sale francesi e belghe il 20 marzo 2013.[2]

Sempre nel 2013 è stato presentato al Montreal World Film Festival (26 agosto), al Festival du Film Français d'Helvétie di Bienne (19 settembre), al Chicago International Film Festival (15 ottobre), al Festival del cinema di Stoccolma (8 novembre) e al French Cinepanorama Film Festival di Hong Kong (20 novembre).[2]

Date di uscitaModifica

CriticaModifica

Il sito Metacritic assegna al film un punteggio di 51 su 100 basato su 4 recensioni, mentre il sito Rotten Tomatoes riporta il 75% di recensioni professionali con un giudizio positivo, con un voto medio di 5,9 su 10.[3][4]

Dave Calhoun del magazine Time Out ha giudicato il film "misurato e sensibile", notando però che «manca dell'assoluto orrore claustrofobico di film come Magdalene»,[5] mentre Catherine Shoard di The Observer lo ha definito «un ritratto emozionante e onesto della solitudine della fede così come della mancanza di fede».[6]

Jordan Mintzer, che su The Hollywood Reporter ha definito il film «complessivamente affascinante, anche se non così originale», ha evidenziato la prova dell'attrice belga Pauline Étienne, «la cui rappresentazione studiata di un giovane badessa ribelle dovrebbe lanciarla verso altri ruoli da protagonista in futuro». Nel complesso Mintzer parla di un prodotto "ben confezionato" e di "contributi tecnici superbi", tra cui la fotografia di Yves Cape e i costumi di Anais Romand».[7]

Giudizi negativi sono stati espressi da Anna Maria Pasetti, che sul Fatto Quotidiano ha scritto: «Nonostante la presenza di eminenti attrici, il film soffre di didascalismo, piattezza e banalità registiche»,[8] e dal critico Boyd van Hoeij che sulla rivista Variety ha giudicato il regista «incapace di infondere al materiale alcuna tensione... usa tutti i trucchi di mise-en-scene del libro in modo molto accademico». Tra gli aspetti positivi sono stati evidenziati i costumi, le scenografie e la colonna sonora di Max Richter.[9]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ La religiosa - Filming Locations, www.imdb.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  2. ^ a b La religiosa - Release Info, www.imdb.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  3. ^ The Nun, www.metacritic.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  4. ^ La religieuse (The Nun), www.rottentomatoes.com. URL consultato il 4 aprile 2017.
  5. ^ The Nun (La Religieuse), www.timeout.com. URL consultato il 6 aprile 2017.
  6. ^ The Nun - review, www.theguardian.com. URL consultato il 6 aprile 2017.
  7. ^ The Nun (La Religieuse): Berlin Review, www.hollywoodreporter.com. URL consultato il 6 aprile 2017.
  8. ^ La religiosa, su Cinedatabase, Rivista del cinematografo. URL consultato il 6 aprile 2017.
  9. ^ Review: "The Nun", www.variety.com. URL consultato il 6 aprile 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema