Apri il menu principale

Monete euro spagnole

Euro coniati dalla Regno di Spagna
Situazione aggiornata a giugno 2014:

     Zona euro

     UE non appartenenti all'AEC II

     UE appartenenti all'AEC II con opt-out

     UE non appartenenti all'AEC II con opt-out

     Non UE che usano bilateralmente l'euro

     Non UE che usano unilateralmente l'euro

1leftarrow blue.svgVoce principale: Monete in euro.

Le monete euro spagnole mostrano tre differenti soggetti per ognuna delle tre serie di monete. Le monete da 1, 2 e 5 centesimi sono state disegnate da Garcilaso Rollán e rappresentano la cattedrale di Santiago de Compostela; le monete da 10, 20 e 50 centesimi sono state disegnate da Begoña Castellanos e raffigurano il volto di Miguel de Cervantes; le monete da 1 e 2 euro mostrano, per la prima serie, l'effigie del re Juan Carlos I di Spagna e sono state disegnate da Luis José Diaz, mentre per la seconda serie mostrano l'effigie del re Filippo VI di Spagna. Tutti i tagli presentano le 12 stelle e l'anno di conio.

Indice

Faccia nazionaleModifica

In Spagna le monete in euro sono state introdotte nel 2002. Tuttavia la prima serie di monete fu coniata a partire dal 1999 e quindi le prime monete in euro della Spagna recano gli anni 1999, 2000 e 2001 invece del 2002.

1ª serie – Re Juan Carlos I (1999-2009)Modifica

€ 0,01 € 0,02 € 0,05
     
Facciata della cattedrale di Santiago de Compostela
€ 0,10 € 0,20 € 0,50
     
Ritratto dello scrittore Miguel de Cervantes
€ 1,00 € 2,00 Bordo 2 euro
   
Ritratto del re Juan Carlos I La sequenza "2**" ripetuta sei volte e alternativamente capovolta, dove "*" è sostituito da una stella

Restyling (2010-2014)Modifica

La Commissione della Comunità europea ha emesso una raccomandazione in data 19 dicembre 2008, una linea guida comune per le facce nazionali e l'emissione di monete in euro destinate alla circolazione. Una sezione di questa raccomandazione prevede che:

Articolo 4. Design delle facce nazionali:
"Il disegno che compare sulla faccia nazionale delle monete in euro destinate alla circolazione deve essere completamente circondato dalle 12 stelle dell’Unione europea, e deve riportare l’anno di conio e l’indicazione del nome dello Stato membro emittente. Le stelle dell’Unione europea devono essere uguali a quelle che figurano sulla bandiera europea."[1]

Nel 2010 è stata allora leggermente modificata la serie di monete in circolazione, per conformarsi alle nuove linee guida. La serie precedente mantiene validità di corso.

La modifica consiste nell'eliminazione, sulla circonferenza esterna, di quel settore in rilievo con le stelle in negativo (e, per 1€ e 2€, dell'analogo settore nella parte interna, in cui è scritto ESPAÑA).

€ 0,01 € 0,02 € 0,05
     
Facciata della cattedrale di Santiago de Compostela
€ 0,10 € 0,20 € 0,50
     
Ritratto dello scrittore Miguel de Cervantes
€ 1,00 € 2,00 Bordo 2 euro
   
Ritratto del re Juan Carlos I La sequenza "2**" ripetuta sei volte e alternativamente capovolta, dove "*" è sostituito da una stella

2ª serie – Re Filippo VI (2015-oggi)Modifica

Nel mese di novembre 2014 le monete da 1 e 2 euro sono state rinnovate in seguito all'abdicazione del re Juan Carlos I e alla successiva salita al trono del figlio Filippo VI. Le monete di valore minore sono rimaste invariate rispetto alla serie 2010-2014.

€ 0,01 € 0,02 € 0,05
     
Facciata della cattedrale di Santiago de Compostela
€ 0,10 € 0,20 € 0,50
     
Ritratto dello scrittore Miguel de Cervantes
€ 1,00 € 2,00 Bordo 2 euro
   
Ritratto del re Filippo VI La sequenza "2**" ripetuta sei volte e alternativamente capovolta, dove "*" è sostituito da una stella

2 euro commemorativiModifica

 Voce principale: 2 euro commemorativi.

Immagine Anno Tema Tiratura Emissione
400º anniversario del romanzo Don Chisciotte di Miguel de Cervantes 8.000.000 30 giugno 2005
50º anniversario della firma dei Trattati di Roma (emissione comune) 8.000.000 25 marzo 2007
10º anniversario dell'UEM (emissione comune) 8.000.000 2 marzo 2009
10º anniversario della circolazione di banconote e monete in euro (emissione comune) 4.000.000 2 gennaio 2012
Proclamazione di Re Filippo VI 8.100.000 15 dicembre 2014
30º anniversario della Bandiera europea (emissione comune) 4.300.000 27 novembre 2015
50º compleanno del re Filippo VI 400.000 7 febbraio 2018

SerieModifica

Patrimoni dell'umanità UNESCOModifica

Nel 2010 la Spagna ha iniziato la serie commemorativa dedicata ai suoi Patrimoni dell'umanità UNESCO. Con 46 siti ufficialmente riconosciuti, la serie potrebbe durare almeno fino al 2056. L'ordine in cui uno specifico sito è rappresentato sulla moneta coincide con l'anno di iscrizione del sito nella lista dei Patrimoni dell'umanità UNESCO. Le monete già emesse sono:

Immagine Anno Tema Tiratura Emissione
1
Grande moschea di Cordova 4.000.000 3 marzo 2010
2
Alhambra, Generalife e Albayzín, Granada 4.000.000 21 febbraio 2011
3
Cattedrale di Burgos 4.000.000 3 febbraio 2012
4
Monastero dell'Escorial, Madrid 4.000.000 2 marzo 2013
5
Parco Güell, Barcellona 4.000.000 17 marzo 2014
6
Grotta di Altamira e arte paleolitica nella Spagna settentrionale 4.200.000 2 febbraio 2015
7
Città vecchia di Segovia e il suo acquedotto 3.400.000 29 febbraio 2016
8
Chiesa di Santa María del Naranco a Oviedo 500.000 6 febbraio 2017
9
Città di Santiago di Compostela 300.000 7 febbraio 2018
10
Muraglia di Ávila 1.000.000 20 febbraio 2019

NoteModifica

  1. ^ CELEX 32009H0023, in Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, 19 dicembre 2008.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica