Ugo Agostoni

ciclista su strada italiano
Ugo Agostoni
Agostoni ugo.jpg
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1924
Carriera
Squadre di club
1911 Atala-Dunlop
1912 Peugeot
1913 Griffon-Continental
Maino
1914 Bianchi
1914-1915 Maino
1916-1917 Individuale
1918-1920 Bianchi
1921-1922 Legnano
1923-1924 Individuale
 

Ugo Agostoni (Lissone, 27 luglio 1893Desio, 26 settembre 1941) è stato un ciclista su strada italiano, professionista dal 1911 al 1924. Conta la vittoria della Milano-Sanremo del 1914 e del Giro dell'Emilia del 1912. A lui è dedicata la Coppa Agostoni.

CarrieraModifica

Nacque in un'agiata famiglia di commercianti, in giovane età praticò diverse discipline sportive nella Polisportiva Pro Lissone, per poi intraprendere la carriera di ciclista. Nella categoria dei dilettanti vinse, nel 1910, la corsa a tappe chiamata Ai mari, ai laghi, ai monti, imponendosi all'attenzione di tecnici e tifosi. Nello stesso anno arrivò terzo al Campionato italiano di categoria.

Divenuto professionista all'età di soli diciotto anni, nel 1911, lo stesso anno vinse una tappa nella Corsa delle Tre Capitali, una gara che partiva da Torino ed arrivava a Roma dopo essere passata per Firenze; vinse anche la prima delle due tappe della Roma-Napoli-Roma. L'anno successivo si impose nel Giro dell'Emilia, vittoria che rimarrà fra le più importanti della sua carriera insieme al secondo posto al Giro d'Italia di quell'anno (corso a squadre) con la sua formazione, la Peugeot, dietro all'Atala.[1] Sempre nel 1912 partecipò al Tour de France.

Nel 1913 conquistò il record italiano dell'ora sulla pista delle Cascine a Firenze.[1] Fu alla Milano-Sanremo che ottenne la più importante vittoria della carriera, imponendosi nel 1914 su Carlo Galetti e Charles Crupelandt; arriverà terzo nella "Classicissima" nel 1918, a quasi un'ora da Costante Girardengo. Dopo la Guerra conquistò altre piazzamenti ragguardevoli anche al Giro d'Italia, come il quinto posto nel 1919 e il settimo nel 1920, quando fu anche insignito della vittoria nella tappa finale con arrivo a Milano ex aequo con altri 8 corridori. Fu anche quarto al Giro di Lombardia 1919.

Scomparve il 26 settembre del 1941 in seguito a un'operazione chirurgica. Dal 1946 gli è stata dedicata la Coppa Agostoni divenuta ormai una classica, che parte proprio da Lissone, suo paese natale.[1] Oggi Agostoni riposa nel cimitero di Lissone.

PalmarèsModifica

Ai mari, ai laghi, ai monti
Grande Corsa del Secolo
1ª tappa Roma-Napoli-Roma
Giro dell'Emilia
Milano-Sanremo
8ª tappa Giro d'Italia (Trieste > Milano)

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1911: ritirato
1912: 2º (cl. a squadre)
1913: 11º
1914: ritirato
1919: 5º
1920: 7º
1921: ritirato
1922: ritirato
1923: ritirato
1912: ritirato (2ª tappa)

Classiche monumentoModifica

1911: 16º
1914: vincitore
1918: 3º
1919: 14º
1920: 8º
1921: 5º
1922: 7º
1909: 6º
1910: 14º
1911: 25º
1912: 5º
1913: 11º
1914: 9º
1919: 4º
1920: 9º
1924: 19º

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Silvano Lissoni, Due campioni nella leggenda, Ugo Agostoni e Isacco Mariani, in Brianze, n. 58, giugno 2011, pp. 30-35.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316737146 · ISNI (EN0000 0004 5093 9964 · BNF (FRcb14976696p (data) · WorldCat Identities (ENviaf-316737146