Anna di Danimarca (1532-1585)

principessa
Anna di Danimarca
Lucas Cranach d. J. 011.jpg
Elettrice di Sassonia
In carica 9 luglio 1553 – 1 ottobre 1585
Predecessore Agnese d'Assia
Successore Agnese Edvige di Anhalt
Nascita Haderslev, 22 novembre 1532
Morte Dresda, 1 ottobre 1585
Casa reale Casa di Oldenburg
Padre Cristiano III di Danimarca
Madre Dorotea di Sassonia-Lauenburg
Consorte di Augusto I, elettore di Sassonia
Religione luterana

Anna di Danimarca (Haderslev, 22 novembre 1532Dresda, 1 ottobre 1585) fu una principessa danese e principessa consorte di Sassonia.

BiografiaModifica

Era figlia di Cristiano III di Danimarca, re di Danimarca, Norvegia e Svezia, e di sua moglie, Dorotea di Sassonia-Lauenburg[1]. Sua madre le insegnò i principi di base per raccogliere piante medicinali e preparare rimedi erboristici. Dopo l'introduzione del protestantesimo in Danimarca nel 1537, fu cresciuta come una rigorosa luterana ortodossa[2].

MatrimonioModifica

Nel marzo 1548 divenne promessa sposa di Augusto I di Sassonia, fratello minore e possibile erede del principe elettore Maurizio di Sassonia. Questo matrimonio servì per unire ancora di più la Danimarca con la Germania. L'Elettore da parte sua voleva stabilire migliori rapporti con le fazioni luterane. Il matrimonio ebbe luogo a Torgau il 7 ottobre 1548[3]. Fu la prima grande festa durante il regno dell'elettore Maurizio e la prima occasione per la linea albertina della casa di Wettin di presentarsi come Elettori di Sassonia, titolo che avevano ottenuto nel 1547[2].

Diede alla luce quindici figli[4][1]:

Anna e Augusto inizialmente vivevano a Weißenfels. Quando Augusto divenne elettore nel 1553 in seguito alla morte di suo fratello Maurizio, vissero principalmente a Dresda. Il loro matrimonio era considerato armonioso.

Anna di Danimarca era una grande scrittrice di lettere e conservò un buon archivio della sua corrispondenza. Le sue lettere forniscono una visione dettagliata della sua vita quotidiana e del suo coinvolgimento negli affari politici e religiosi del suo tempo. In Sassonia e in tutta Europa era considerata una persona di notevole influenza[2]. Era una sostenitrice molto attiva del luteranesimo e ha svolto un ruolo nella soppressione del cripto-calvinismo in Sassonia (1574-1577). Non è chiaro fino a che punto sia stata coinvolta nella dura persecuzione dei calvinisti che includeva torture e lunghi periodi di carcerazione[5]. Aveva buoni rapporti con altre case reali e principesche e spesso le veniva chiesto di agire come intermediaria, nei conflitti così come nelle trattative matrimoniali[2].

Agricoltura e farmaciaModifica

Durante la sua vita, Anna era nota per la sua abilità nella gestione di giardini e terreni agricoli. Nel 1578 il marito le affidò la gestione di tutte le sue tenute. Ha contribuito allo sviluppo dell'agricoltura in Sassonia introducendo nuove colture e nuove specie di bestiame e ha promosso l'introduzione dell'orticoltura praticata nei Paesi Bassi e in Danimarca. Ciò ha avuto un effetto positivo sull'economia della Sassonia, che è diventata una delle zone più prospere della Germania. Era un'esperta riconosciuta di tradizioni erboristiche e di rimedi erboristici preparati personalmente; ora è considerata la prima farmacista donna in Germania[5]. Nel castello di Annaburg, da cui prende il nome, si trova il suo grande laboratorio e la sua biblioteca[2].

MorteModifica

Anna di Danimarca morì il 1 ottobre 1585 dopo un lunga malattia. Rimane una delle elettrici più conosciute della Sassonia, in parte a causa delle biografie scritte su di lei nel XIX secolo che sottolineano il suo ruolo tradizionale di "madre della nazione"[5].

NoteModifica

  1. ^ a b Anne Oldenburg, Princess of Denmark, su The Peerage: a genealogical survey of the peerage of Britain as well as the royal families of Europe. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  2. ^ a b c d e Katrin Keller, Anna von Dänemark, Kurfürstin von Sachsen, su Sächsische Biografie, Institut für Sächsische Geschichte und Volkskunde., 13 novembre 2007. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  3. ^ Oldenburg 2
  4. ^ Wettin 10
  5. ^ a b c Rolf Naumann, Anna, Kurfürstin von Sachsen, su Neue Deutsche Biographie, 1953. URL consultato il 21 ottobre 2016.

BibliografiaModifica

  • (DE) Hans-Joachim Böttcher, Elisabeth von Sachsen und Johann Kasimir von der Pfalz: Ein Ehe- und Religionskonflikt [Elisabeth of Saxony and John Casimir of the Palatinate: A Marital and Religious Conflict], Dresden, Dresdner Buchverlag, 2018, ISBN 978-3-946906-06-3.
  • Reinhard Delau, From the history of Ostragehege (3): rise and fall of the Ostra chamber estate, in SZ, 1º novembre 1995.
  • (DE) Heath Inhetveen, Agrarpionierinnen. Women as bearers of the agricultural progress, in Hermann Heidrich (a cura di), Frauenwelten: Arbeit, Leben, Politik und Perspektiven auf dem Land [Women's Worlds: Work, life, politics and prospects in the country], Bath Windsheim, Verl Franconian Open-air Museum, 1999, ISBN 3-926834-41-2.
  • (DE) Katrin Keller, Princess Anna of Saxony. Of possibilities and limits of a "mother country", in Jan Hirschbiegel e Werner Paravicini (a cura di), Das Frauenzimmer: die Frau bei Hofe in Spätmittelalter und früher Neuzeit [The Women's Room: The woman at the court in late medieval and early modern], Stuttgart, Thorbecke, 2000, ISBN 3-7995-4511-5.
  • Thomas Klein, The battle for the 2nd Reformation in Saxony 1586-91, in Mitteldt. Research, vol. 25, 1962.
  • Otto Posse, The House of Wettin, Leipzig, Giesecke & Devrient, 1897.
  • Hellmut Robbers, Gardening and landscape design, in The Union, vol. 4, June 1994.
  • Ursula Schlude, The Hofhalterin. Princess Anna of Saxony 1532 - 1585, Women of the Renaissance, WDR, 2000.
  • Ursula Schlude, Heath Inhetveen e Albrecht High, From the shops of the Princess, in Research (Magazine of the DFG), vol. 2, 2005, pp. 22–24.
  • Otto Eduard Schmidt, Saxon raids, Leipzig, Grunow, 1913.
  • Konrad Sturmhoefel, Princess Anna of Saxony. A political and sittengeschichtliches picture of life from the XVI. Century, Leipzig, Haberland, 1905.
  • August Richard Victor, The Elector of Saxony, Chancellor Nicholas Krell, Dresden, Kuntze, 1859.
  • Carl von Weber, Anna, Duchess of Saxony Churchill, Leipzig, Tauchniz, 1865.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN10639354 · ISNI (EN0000 0000 0905 679X · LCCN (ENn2012041598 · GND (DE118645293 · CERL cnp00576729 · WorldCat Identities (ENlccn-n2012041598
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie