Charlie Cutter è un personaggio immaginario della serie di videogiochi Uncharted.

ApparizioniModifica

Uncharted 3: L'inganno di DrakeModifica

Appare per la prima volta all'interno di un bar, dove Nathan e Sullivan si dirigono per fare uno scambio con un criminale di nome Talbot. Charlie blocca la fuga a Nathan e Sully, sparandoli ed uccidendoli apparentemente. Successivamente si scopre che Charlie è un vecchio amico di Nathan e Sullivan, e quindi un loro collaboratore. Troverà insieme ai due il covo di Marlowe, per poi andare in Siria insieme a Chloe per prendere la metà di un doblone. Ricongiungendosi con Nate e Sully, i quali arrivano anch'essi in Siria con il timore che i criminali possano aver teso un'imboscata anche a lui e Chloe, Cutter viene drogato da Talbot con lo scopo di metterlo contro Nathan. Fortunatamente riesce a guarire immediatamente. Alla fuga però, Charlie si rompe una gamba e quindi impossibilitato a continuare, abbandona l'avventura confidando a Nathan che quest'ultimo potrà trovare ciò che cerca.

Uncharted 4: Fine di un ladroModifica

Anche se non appare nel videogioco, molti sono i riferimenti di Cutter. A casa di Nate si può tranquillamente notare una nota appiccicata nella soffitta con scritto che deve contattarlo. Successivamente, con l'arrivo di Sam, Nathan dice a suo fratello maggiore che può tranquillamente affidarsi a Charlie, rivelando che quest'ultimo e Samuel si conoscono.

AspettoModifica

Non si sa molto della vita di Cutter prima degli eventi del terzo capitolo della saga videoludica. Charlie, nella sua prima apparizione, appare come un uomo di quarantaquattro anni. Visibilmente alto, muscoloso e con pochissimi capelli. Ha moltissime cicatrici nel volto. Nonostante può essere tranquillamente scambiato come un comune teppista, Charlie è molto lecito alla storia, esattamente come Nathan, ed ha un grandissimo senso dell'umorismo, che Charlie "tira fuori" nel momento di grande stress. Come si può notare durante il videogioco è claustrofobico. Inoltre, utilizza parole come "tesoro" "amore", "gioia" "caro". Nella versione italiana viene doppiato da Claudio Moneta.