Chiesa di Santa Maria di Canepanova

Santa Maria Incoronata di Canepanova
Santa Maria di Canepanova (Pavia) 01.jpg
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàPavia
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
Diocesi Pavia
ArchitettoGiovanni Antonio Amadeo
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzioneXV secolo
CompletamentoXVII secolo

Coordinate: 45°11′08″N 9°09′32.5″E / 45.185556°N 9.159028°E45.185556; 9.159028

La chiesa di Santa Maria Incoronata di Canepanova è il luogo di culto cattolico sito in via Defendente Sacchi a Pavia. È il più rilevante monumento cinquecentesco nella città di Pavia, opera dell'architetto Giovanni Antonio Amadeo o, secondo altri, di Donato Bramante.

StoriaModifica

I lavori di costruzione della chiesa iniziarono nel 1500 e la prima parte fu ultimata nel 1507. Il progetto di costruzione è precedente se è vero che nel 1492 venne fondata la Confraternita di Santa Maria Immacolata di Canepanova, che si occupa della raccolta dei fondi necessari per la sua costruzione. I lavori furono realizzati sotto la direzione di Giovanni Antonio Amadeo. L'architetto pavese, all'apice della sua fama dopo aver eretto il tiburio del duomo di Milano, si trovava a Pavia su incarico del cardinale Ascanio Sforza, fratello di Ludovico il Moro, a dirigere la costruzione del duomo. Lo studioso Bruno Adorni, contesta questa attribuzione, secondo la sua tesi dovuta alla citazione da parte dello storico dell’arte Francesco Malaguzzi Valeri di uno scritto seicentesco che dava presente nel cantiere l’Amadeo nel 1507, attribuzione “che ha pesantemente condizionato gli studiosi che si sono occupati della chiesa fino ai giorni nostri“[1]. Secondo Adorni, così come per Arnoldo Bruschi, invece il progetto della chiesa deve essere attribuito a Bramante.

La chiesa è stata costruita per celebrare un affresco quattrocentesco miracoloso raffigurante la Madonna del latte che si trovava sulla facciata di una casa di Viscardo della famiglia nobile dei Canepanova, che sovvenzionò in parte i lavori, da qui il nome della chiesa stessa[2]. A sinistra dell'ingresso della chiesa vi è il dipinto risalente alla prima metà del XVII secolo raffigurante papa Giovanni XIV che venera l'immagine della Madonna. Il papa è l'esponente più illustre della famiglia Canepanova, assunto al soglio di Pietro dopo essere stato vescovo di Pavia nel X secolo. Sotto l'affresco un'incisione riporta la scritta:

«A Giovanni XIV, pontefice pavese della famiglia Canepanova, regnante nel 985, in precedenza vescovo di Pavia e primo cancelliere dell’imperatore Ottone III, l’immagine della Vergine, anticamente dipinta sulla casa della sua famiglia, avrebbe concesso benefici e miracoli»

I lavori della costruzione furono interrotti durante il periodo delle grandi guerre italiane venendo poi ultimati solo nel XVI secolo con l’arrivo dei padri Barnabiti nel 1557, che completarono la costruzione con l'erezione della cupola. La chiesa fu consacrata nel 1564 dal cardinale Ippolito de' Rossi. I Barnabiti acquistarono alcune case nel circondario e ottennero dei permessi edilizi per edificare il proprio collegio, fino al 1620 quando fu creata la piazza antistante con l'abbattimento di alcune case[3].

Nel Seicento fu realizzata la decorazione barocca dell'interno con pitture e stucchi[4].

Nel 1810, con la soppressione napoleonica delle congregazioni religiose, i Barnabiti dovettero abbandonare il convento, che era già adibito a scuola[5]. I locali del convento ospitano il Liceo Classico che nel 1865 venne intitolato a Ugo Foscolo[6] e la chiesa divenne sussidiaria della parrocchia di San Francesco. Il 6 dicembre del 1915 la chiesa venne affidata ai Frati Minori che costruirono a fianco il nuovo convento, i cui lavori, affidati a Carlo Morandotti, si protrassero dal 1935 al 1937.

Il 30 maggio 1926 il cardinale e arcivescovo di Milano Eugenio Tosi, presiede al rito dell'Incoronazione della Vergine[7]

Il 22 gennaio 2012 è stata presentata la conclusione dei lavori che hanno interessato per tutto il 2016 un integrale progetto di restauro.

 
Altare maggiore
 
cupola
 
facciata

ArchitetturaModifica

Seguendo l'ipotesi di attribuzione all'architetto Amadeo lo stesso riprese il suo stile costruttivo ad quadratum derivante dal suo maestro Guiniforte Solari, già utilizzato tra il 1470 e 1476 per realizzare la famosa cappella Colleoni a Bergamo: si tratta di un volume cubico impostato sul quadrato, su cui poggiano un tiburio ottagonale e quattro piccoli campanili[8]. È la tipologia di tempio a pianta centrale diffuso all'epoca in Lombardia, i cui esempi più insigni furono San Magno a Legnano, l'Incoronata di Lodi e Santa Maria della Croce a Crema, da molti ritenuti di ascendenza bramantesca[9].

All'effetto di compattezza prodotto dall'apparato esterno quasi completamente privo di aperture e di decorazioni, fa da contrappunto la movimentata disposizione dell'interno[10]. Lo spazio a pianta centrale è generato dagli otto lati della cupola proiettati entro il perimetro quadrato della chiesa; la figura così inscritta crea una successione di nicchie sostenute da un arcone per ciascuna delle facce dell'ottagono.

Esterno e facciataModifica

Agli angoli della chiesa sorgono quattro torri. Quella a destra della facciata ha un orologio, mentre l'altra sullo stesso lato, a est, ha sulla sommità la cella campanaria. La seconda torre della facciata a sinistra è interrotta al livello della facciata stessa anche se è ben riconoscibile dalla rifinitura del basamento.

La facciata è incompiuta ed è intonacata nella parte inferiore. Nella parte sud è presente una decorazione molto particolari di forme circolari tra loro tangenti racchiusa da una cornice in cotto. All’altezza del matroneo la decorazione è interrotta da un architrave in pietra. Sul motivo per cui sia stato inserito questo particolare costruttivo che interrompe la continuità stilistica della parete laterale sono state avanzate diverse ipotesi[11].

InternoModifica

La decorazione interna fu realizzata all'inizio del Seicento da importanti pittori di scuola barocca. L'aula centrale presenta una forma quadrata su cui si innesta nella parte superiore una ripartizione ottagonale che ricalca quella della cupola.

L'ultima ad essere decorata fu la cupola, affrescata con quadrature architetture architettoniche di Giovanni Battista Longone.
Sopra il portale, la cantoria con il pregevole organo "Angelo Amati 1853"[12] che viene suonato nei giorni festivi e in occasione di concerti. L’organo ha una tastiera di 58 note e una pedaliera di 18; è stato restaurato nel 1992[13].

 
paliotto altare maggiore

PresbiterioModifica

Il presbiterio viene costruito a partire dal 1564. Nelle vele in cui si imposta la seconda cupola che copre l'altare maggiore sono rappresentate otto Sibille disposte a coppia, dipinte da Guglielmo Caccia, detto il Moncalvo. Ogni sibilla ha un nastro dipinto con le citazioni in latino di profezie che sono rilette in chiave mariana. La cupola in cui sono dipinti dei rosoni, presenta un effetto prospettico.

Al di sotto delle sibille vi sono quattro statue di due re biblici, a fianco dell’altare e due profeti nella parte verso l’aula: Isaia (P), Davide (R), Ezechia (R) e Daniele (P)[14].

L'altare maggiore conserva la raffigurazione della Madonna del latte, racchiusa entro una monumentale opera scultorea, in alabastro, marmo bianco e marmo rosso delle colonne, del genovese Tommaso Orsolino (1587?-1675), già attivo in duomo e alla Certosa. L'intero impianto dell'altare è una narrazione dell'Assunzione di Maria. Partendo dal basso il paliotto riproduce la scena degli apostoli sorpresi intorno al sepolcro vuoto della Vergine. Un angelo porta un nastro con l’iscrizione “Assumpta est”. Nella parte sopra alla mensa dell’altare è posto il dipinto che è sostenuto da due angeli scolpiti in marmo, mentre altri due angeli più piccoli sopra al dipinto reggono una corona. Ancora sopra, nella cimasa, è scolpita la colomba dello Spirito Santo e infine in posizione ancora più elevata, Dio Padre attende la Vergine a braccia aperte.

A fianco dell'altare maggiore sui pilastri si trovano due formelle: a sinistra vi è la città di Pavia circondata da fortificazioni medioevali, a destra sempre della città pavese, ma circondata da mura quadrate, con tre porte per ogni lato.[15]

Il ciclo delle sibilleModifica

Da sinistra nelle vele della cupola dell'altare, sono rappresentate le sibille con le loro profezie. Sebbene le sibille siano delle figure pagane la tradizione cristiana a partire da sant'Agostino[16] ha riconosciuto che esse in qualche modo prefigurassero l’annunciazione di Cristo[17].

Partendo da sinistra:

  • Sibilla Cumana (“Deus ab alto regem dimittet Olympo” / “Dio manderà il re dall’alto”) e Sibilla Ellespontica (“Ille persimilem formam refert” / “Egli porta una grande bellezza”)
  • Sibilla Samia (Nascetur ex paupere puella” / “Nascerà da una ragazza povera”) e Sibilla Eritrea (“Ipsa erit virgo ante partum et post partum” / “Sarà una vergine prima e dopo il parto”)
  • Sibilla Delfica (“Propheta nascetur ex Virgine” / “Il Profeta nascerà dalla Vergine”) e Sibilla Tiburtina (Felix mater, cuius ubera lactavit” / “Felice la madre il cui seno allatta”)
  • Sibilla Persica (“Tunc vox veniet nuncia” / “Allora una voce verrà ad annunziare”) e Sibilla Cimmeria (iscrizione non leggibile)
CoroModifica

Dietro all'altare si sviluppa il coro ligneo, con stalli molto semplici e lineari che sostituisce quello più antico trasferito in cattedrale nel 1884. La parte posteriore dell'altare che da verso il coro ripete le forme della parte anteriore. A differenza dell'iconografia dell'altare maggiore, nella cimasa, anziché la figura di Dio Padre, è posta la raffigurazione di Sant'Antonio con Gesù Bambino. Nella parte inferiore della parete vi sono due epigrafi che ricordano la venuta dei ordine francescano, nel 1915 e l'Incoronazione della Vergine, nel 1926.

Nel centro della parete est, sopra al coro, è posta in un'edicola la statua seicentesca della Vergine Assunta, mentre nel timpano che copre l'edicola stessa, sono rappresentati due angeli che sostengono la corona della Madonna.

CriptaModifica

Al di sotto del presbiterio si trova una cripta ottagonale che oggi non è più raggiungibile dall'interno della chiesa. Essa ospita la sepoltura di diversi nobili.

Cappelle laterali al presbiterioModifica

Al lato del presbiterio si aprono due cappelle.
A sinistra la cappella del Crocifisso che ospita, in una nicchia nella parete est, il complesso ligneo del Crocifisso portato in dote dalla confraternita di san Sebastiano che si è trasferita nella chiesa dopo la soppressione napoleonica del 1810. Le due statue lignee della Madonna e di san Giovanni collocate al lato del crocefisso provengono, invece, dal Duomo della città. Dal patrimonio della stessa confraternita arriva anche il bassorilievo cinquecentesco in pietra con san Sebastiano, posto sul pilastro a fianco della entrata laterale del presbiterio. Nella parete nord si trova la tela della Resurrezione di Pietro Maggi e su quella ovest un’altra tela con L’Assunzione della Vergine. A completamento dell'impianto iconografico, sulla volta della cappella sono affrescati gli strumenti della passione. Al centro della volta il pellicano con le ali aperte, simbolo cristologico, e la scritta “Ut vitam habeant” (“In modo che essi abbiano la vita”) che allude al pellicano che resuscita con il suo sangue i propri piccoli morti[18].

A destra del presbiterio la Cappella dell'Immacolata. Sulla parete est è collocata la tela con L'Immacolata di Bernardino Ciceri. Di fronte invece la tela con L'incoronazione della Vergine.

Nello spesso muro che divide l'aula dal presbiterio, in due piccoli vani, sono posti, a sinistra, la tela raffigurante san Carlo Borromeo in abiti verscovili con un putto a destra ai suoi piedi che sostiene la mitria, mentre, a sinistra, è raffigurato il cappello cardinalizio. A destra, di fronte, la tela con san Alessandro Sauli. Anche in questa tela un putto ai piedi del santo sulla sua destra sostiene la mitria e un pastorale. Entrambe le tele sono del Moncalvo e datano 1614.

SacrestiaModifica

Dalla Cappella dell'Immacolata si accede all'antisacrestia e alla sacrestia. Quest'ultima è un locale molto vasto che ospita grandi armadi intagliati in noce settecenteschi. La pala dell'altare in fondo alla sacrestia è del pittore settecentesco Alessandro Porta e raffigura san Alessandro Sauli, con gli abiti da barnabita. Il santo, il primo ad essere consacrato dell’ordine barnabita, visse peraltro una decina d’anni nel convento. Sulla cimasa della porta della sacrestia sono riportati i simboli barnabiti: un libro aperto e le iniziali P. A. (Pietro Apostolo).

Aula quadrataModifica

Nelle pareti laterali dell'aula si aprono due cappelle, a sinistra quella di sant'Anna e a destra quella di san Giuseppe. Nei quattro angoli sono esposte a coppia le grandi tele del ciclo delle eroine bibliche.

Sull'altare della Cappella di sant'Anna è posta la tela attribuita a Gianbattista Tassinari, pittore pavese degli inizi del Seicento. Il dipinto raffigura la Madonna con il Bambino, e alle sue spalle in piedi, sua madre sant'Anna ai lati san Pietro e san Paolo, che è anche patrono dei Barnabiti. Davanti alla Vergine in ginocchio sono ritratti san Giacomo e santa Margherita d'Antiochia. In origine nella cappella erano sepolti i nobili pavesi Jacopo Menocchio e il nipote Enrico come risulta dalle epigrafi murali presenti sulle pareti laterali. Originariamente la cappella era stata dedicata a san Alessandro Sauli in occasione della sua beatificazione, come si può vedere dalla mitria vescovile dipinta sulla volta. Il dipinto con il santo è stato spostato in sacrestia con l’avvento dei francescani, mentre la Cappella è riconsacrata a sant’Anna.

Sull’altare della Cappella di san Giuseppe è posta la tela del Moncalvo che rappresenta la Natività con la Sacra famiglia vi sono figure di santi e di altre figure adoranti (a destra sant'Antonio di Padova). Ultimamente la tela è stata attribuita alla mano di Simone Peterzano.

Nella parte superiore del dipinto che occupa quasi metà della superficie sono ritratti quattro angeli su delle nuvole e in mezzo i raggi dello Spirito Santo. Dietro alla Madonna è ritratto un paesaggio. Secondo Luisa Erba il papa raffigurato potrebbe essere Giovanni XIV Canepanova, mentre il vescovo Ippolito de' Rossi[19].

CupolaModifica

La grande cupola ottagonale fu l'ultima ad esser decorata, con le prospettive illusive dal pittore quadraturista Giovanni Battista Longone agli inizi del XVIII secolo[20].
Sulle vele su cui si innesta la cupola sono dipinti angeli musicanti[21]. Sopra le vele si apre un finto matroneo con alte finestre bifore, quattro delle quali sono aperte all’esterno e quattro chiuse.

Il ciclo delle eroine biblicheModifica

Agli angoli dell'aula si trova un ciclo di otto tele ritraenti eroine bibliche. Il ciclo intende presentare attraverso le vicende dei personaggi femminili del Vecchio testamento le virtù che sono proprie della Madonna[22]. Le tele sono state dipinte nel primo quarto del secolo XVII da quattro diversi pittori Camillo Procaccini, Giulio Cesare Procaccini, Alessandro Tiarini e Guglielmo Caccia. Sotto ad ogni tela una cornice sorretta da due angeli/putti che assumono posture diverse.

A sinistra dell'ingresso:

  • Rebecca al pozzo disseta il servo mandato da Abramo a chiederla in sposa per il figlio Isacco (CP 1620-1623), “allude alla Madonna dispensatrice di Grazia”[23]
  • Miriam esulta dopo il passaggio del Mar Rosso (CP 1620-1623), “evoca l’esultanza del Magnificat”. Miriam, sorella di Mosè balla con altre donne e con i cantori per festeggiare la riuscita della fuga mentre intona il canto “Cantate al Signore. Perché ha mirabilmente trionfato: ha gettato in mare avallo e cavaliere!” (Esodo, 15,21)

A sinistra del presbiterio:

  • Debora ordina a Barac di affrontare in guerra il nemico (GCP 1620), “prelude alla Vergine che guida e conforta il suo popolo”
  • Rachele con Giacobbe che rimuove il coperchio del pozzo (GCP 1620), “fa pensare alla Madonna che conduce all’incontro con il Salvatore”

A destra del presbiterio:

  • Ester sviene al cospetto di Assuero (AT 1616), “evoca il ruolo della Vergine che intercede presso Dio”
  • Giuditta[24] dopo aver decapitato Oloferne (AT 1616), “sta a significare la vittoria sul demonio”

A destra dell'ingresso:

  • Abigail offre doni a Davide per placarne l’ira (GCM 1616), “allude alla Vergine che placa l’ira divina”
  • Giaele uccide Sisara (GCM 1616), “prefigura l’Immacolata che schiaccia il capo del drago-demonio”. Giaele impugna nella sua mano destra il martello con il quale ha appena conficcato un picchetto della tenda in testa a Sisale, generale che era appena stato sconfitto da Debora e Barac in battaglia. Il generale del re Cazor, nemico del popolo di Israele, si era rifugiato nella tenda di Eder, marito di Giaele, pensando fosse un suo alleato. La mano sinistra di Giaele indica il corpo di Sisale che giace a terra. (Libro dei Giudici 4,17-22)

Lettura simbolicaModifica

Gli stessi frati minori che abitano il complesso monastico, partendo da una “catechesi liturgica di padre Tarcisio Colombotti”[25] propongono una lettura simbolica dell'edificio religioso basato su cinque percorsi di lettura: architettura e apocalisse, la Sposa adorna nel Paradiso giardino, le donne dell'Antico testamento, le donne nel paganesimo: le sibille, i profeti[26].

La struttura della chiesa si presta, infatti, a una evidente lettura teologica, riflettendo il modello della Gerusalemme celeste. Nell'Apocalisse Gerusalemme viene indicata come una città di pianta quadrata[27] e a questa figura si rifà l'aula centrale della chiesa. Su questa forma, per effetto delle vele che si innalzano ai quattro angoli, si innesta l'ottagono che simboleggia con il suo numero otto, l'eternità[28]. Infatti il numero otto rappresenta l'ottavo giorno, cioè quello successivo ai sette che sono serviti alla creazione, il giorno del compimento dell'unità, quindi il giorno che proietta nell'eternità.

Figure importanti legate alla chiesa e al conventoModifica


 
tela all'interno della chiesa

NoteModifica

  1. ^ Bruno Adorni, Bramante ritrovato: Santa Maria di Canepanova a Pavia, in Quaderni dell’Istituto di Storia dell’Architettura, vol. 64, nº 216, p. 27.
  2. ^ Paolo Montonati, Santa Maria di Canepanova, Pavia Freet.it. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  3. ^ Elia Giardini, Memorie topografiche dei cambiamenti avvenuti e delle opere eseguite nella città di Pavia, Pavia, Tipografia dei Fratelli Fusi, 1872, pp. 72/73.
  4. ^ Santa Maria di Canepanova, su paviaedintorni.it, le chiese di Pavia. URL consultato il 26 maggio 2016.
  5. ^ Paolo Mazzarello, Una punizione esemplare. Camillo Golgi nel Risorgimento pavese, 2007, pp. 18.
    «Nel 1804 il Ginnasio venne affidato ai padri Barnabiti e aprì i battenti nel loro convento situato vicino alla cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Canepanova [...]. Nel 1810-11, con la soppressione dell'Ordine religioso, il comune si trovò costretto a occuparsi dell'amministrazione della scuola e decise di acquistare l'edificio dal Governo che aveva incamerato il bene ecclesiastico».
  6. ^ lastoria del Liceo Classico Ugo Foscolo, su liceofoscolopavia.weebly.com. URL consultato il 26 maggio 2016.
  7. ^ Cerimoniale dei Vescovi - Capitolo XVIII - Rito dell'incoronazione di un'immagine della beata Vergine Maria, su unionecatechisti.it.
    «Spetta al vescovo diocesano, insieme con la comunità locale, giudicare sull'opportunità di incoronare l'immagine della beata Vergine Maria. Si tenga tuttavia presente che è opportuno incoronare soltanto quelle immagini che, essendo oggetto di venerazione per la grande fiducia dei fedeli nella Madre del Signore, godono di una certa celebrità, e il luogo in cui sono venerate è diventato sede e quasi centro di genuino culto liturgico e di attività cristiana.».
  8. ^ La chiesa di Santa Maria di Canepanova, LombardiaBeni culturali. URL consultato il 26 maggio 2016.
  9. ^ Alberto Arecchi, L’impronta di Bramante a Pavia, in Pavia Economica, 1996.
  10. ^ Simonetta di Zanutto, la più bella di epoca rinascimentale, su minube.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  11. ^ Andrea Zerbi, Sandra Mikolajewska e Susanna Mattioli, Il rilievo a supporto dell'analisi storica. La Chiesa di Santa Maria di Canepanova a Pavia, in Paesaggio urbano, nº 4, 2018, pp. 74-87.
  12. ^ È uno dei quattro organi Amati che si trovano nelle chiese di Pavia, gli altri sono nella chiesa dei Santi Gervasio e Protasio (del 1822), nella chiesa di San Luca (del 1830), e nella basilica di San Michele (del 1840).
  13. ^ Gaia Curci, Il gioiello di Canepanova e il suo suono ormai antico, in La Provincia Pavese, 25 maggio 2018.
  14. ^ Cenni storici e architettonici. "Lettura" teologica - liturgica del santuario di Santa Maria Incoronata di Canepanova, su fraticanepanova.it.
    «Che sotto le Sibille siano collocati i Profeti non è un fatto anomalo, anzi la stessa liturgia, nell’antica sequenza dei defunti, cantava: “Dies irae, dies illa / solvet saeclum in favilla, / teste David cum Sibylla”. E questo perché sia l’Antico Testamento con Davide, sia il paganesimo con le Sibille) e con le loro profezie, orientano a Cristo.».
  15. ^ Cenni storici e architettonici. "Lettura" teologica - liturgica del santuario di Santa Maria Incoronata di Canepanova, su fraticanepanova.it.
    «È la stessa città di Pavia, già divenuta Gerusalemme Celeste. Le due formelle sono collocate a fianco dell’altare maggiore il quale custodisce la venerata icona di S. Maria Incoronata di Canepanova. Il messaggio che si annuncia è chiaro: la città di Pavia, se, come Maria Incoronata, ascolterà e compirà la Parola, si trasformerà fin d’ora in Celeste Gerusalemme.».
  16. ^ Lucio Coco, Le Sibille di Cristo nell’antica letteratura cristiana, su Osservatore Romano, 3 agosto 2017.
  17. ^ Arnaldo Momigliano, Dalla Sibilla pagana alla Sibilla cristiana: profezia come storia della religione, in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa. Classe di Lettere e Filosofia, vol. 17, nº 2, 1987, pp. 407-428.
  18. ^ Alfredo Cattabiani, Volario. Simboli, miti e misteri degli esseri alati, Mondadori, 2000.
    «Fra tutti gli uccelli il pellicano ama i suoi figli; la madre cova il suo nido, proteggendo i piccoli, li tiene al caldo, li bacia, e divorandoli di baci perfora loro i fianchi ed essi muoiono. Ma dopo tre giorni arriva il pellicano maschio, trova i suoi piccoli morti e, pieno di angoscia, spinto dal dolore colpisce il proprio fianco e lo perfora; il sangue cola goccia a goccia sulle ferite dei piccoli morti che così sono resuscitati. Ripreso dal libro di Consalus Ponce de León (a cura di), Oeuvres de sant’Epiphane, 1587».
  19. ^ Luisa Erba, Santa Maria Incoronata di Canepanova, in Le chiese di Pavia, Pavia, Diocesi di Pavia, 2014, p. 15.
  20. ^ Santa Maria di Canepanova, Frati minori bemni artistici. URL consultato il 23 dicembre 2019..
  21. ^ Il Tirreno (PDF), su ticino.diocesi.pavia.it. URL consultato il 23 dicembre 2019.
    «Il sodalizio matrimoniale è anche rappresentato dagli affreschi della cupola che danno vita ad angeli con strumenti musicali, intenti ad allietare il convivio nuziale».
    .
  22. ^ Luisa Erba, Santa Maria Incoronata di Canepanova, in Le chiese di Pavia, Pavia, Diocesi di Pavia, 2014, p. 10.
  23. ^ Questa e le successive citazioni sono tratte da Luisa Erba, ibidem
  24. ^ Per un approfondimento sul significato religioso della figura di Giuditta anche in riferimento ad altre figure femminili bibliche si veda ad esempio il testo della biblista Mercedes Navarro Puerto, “Giuditta la salvatrice” in Osservatore Romano del 2 novembre 2016. http://www.osservatoreromano.va/it/news/giuditta-la-salvatrice
  25. ^ Padre Tarcisio Colombotti ha ricoperto diversi incarichi all’interno dell’ordine dei frati minori ed è autore di diversi libri e pubblicazioni di carattere religioso anche di carattere storico come “L’Eucarestia al centro di ogni istituzione. Teologia dell’Istituzione nell’eucologia eucaristica nel Rito Ispanico”, Pontificio Ateneo Sant’Anselmo, Roma, 1983
  26. ^ Cenni storici e architettonici. "Lettura" teologica - liturgica del santuario di Santa Maria Incoronata di Canepanova, su fraticanepanova.it.
  27. ^ “La città è a forma di quadrato, la sua lunghezza è uguale alla larghezza” Apocalisse 21, 16
  28. ^ Michele Benazzo, Conclusi i lavori alla chiesa di Santa Maria di Canepanova (PDF), in Il Ticino, 27 gennaio 2012.

BibliografiaModifica

  • Richard V. Schofield, Janice Shell, Grazioso Sironi, Giovanni Antonio Amadeo-I documenti, Como, Edizioni New Press, 1989.
  • Flavio Fagnani, S. Maria di Canepanova, Pavia : guida storico-artistica, World Cat, OCLC 878735016.
  • Luisa Erba, Santa Maria Incoronata di Canepanova, in Le chiese di Pavia, Diocesi di Pavia, 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN151717072 · LCCN (ENnr94019818 · WorldCat Identities (ENlccn-nr94019818