Apri il menu principale

Ferrovia Napoli-Nola-Baiano

linea ferroviaria italiana
Napoli-Nola-Baiano
InizioNapoli
FineBaiano
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza38 km
Apertura1884-85
GestoreEAV
Precedenti gestoriChemin de fer de Naples-Nola-Bajano et extensions (1884-1937)
SFSM (1937-1985)
Circumvesuviana (1985-2012)
Scartamento950 mm
Elettrificazione1 500 V CC
DiramazioniVolla-Madonnelle
Botteghelle-San Giorgio
Pomigliano-Acerra
Ferrovie

La linea Napoli-Nola-Baiano[1] è una ferrovia della ex Circumvesuviana, ed è gestita dall'Ente Autonomo Volturno.

La linea collega Napoli al suo hinterland nord-orientale, fino a Baiano in provincia di Avellino, inoltre dalle rispettive stazioni di Pomigliano d'Arco, Botteghelle e Volla si diramano le linee per Acerra[2] e San Giorgio a Cremano.

StoriaModifica

Tratta Inaugurazione[3]
Napoli-Nola 22 novembre 1884
Nola-Baiano 9 luglio 1885

La ferrovia fu concessa nel 1880 all'ingegner Giovanni Frontini[4], il quale cedette successivamente la concessione alla società belga Chemin de Fer de Naples-Nola-Bajano et Extensions, costituita a Bruxelles nel 1883[5], e la linea ferroviaria fu inaugurata nel 1884, a binario unico, scartamento ridotto e trazione a vapore tra Napoli e Nola: l'anno successivo la linea venne terminata, con l'arrivo definitivo a Baiano.

Con scritture private del 18 e 28 dicembre 1936 la società belga, nel frattanto andata in liquidazione, cedette la concessione della linea alla Strade Ferrate Secondarie Meridionali (SFSM)[6][7], concessionaria delle linee Napoli-Ottaviano-Sarno e Napoli-Pompei-Poggiomarino e Torre Annunziata-Castellammare di Stabia con effetto dal 16 maggio 1937[8]. Con l'acquisto da parte della SFSM si provvide ad ammodernare la linea: ciò comportò l'abbandono dell'antico tracciato tra Porta Capuana e Poggioreale, che consentì l'abolizione di ben 14 passaggi a livello e l'attestamento del capolinea presso la stazione di Napoli Porta Nolana, già terminale delle linee per Sarno, Poggiomarino e Castellammare di Stabia[9]. Venne quindi sostituito l'armamento, elettrificata la linea e integrato il vecchio materiale rotabile con quello moderno già in servizio sulle altre linee della SFSM.[10].

A partire dagli anni settanta, grazie alla notevole crescita demografica dell'hinterland napoletano, la linea ha assunto la funzione di trasporto suburbano di massa.

Interventi di potenziamentoModifica

Nel 1992 viene attivato il raddoppio del binario fra Casalnuovo e Pomigliano d'Arco; la nuova sede, i cui lavori erano iniziati nel 1977[11], è realizzata in viadotto, a fianco della vecchia linea a binario unico, eccetto una breve variante di tracciato su cui vengono realizzate le nuove stazioni La Pigna, Talona, Parco Piemonte e Pratola Ponte[12].

Il 23 marzo 1998 viene attivato un ulteriore tratto di linea raddoppiata, da Pomigliano d'Arco a Scisciano[13], realizzando una lunga variante in viadotto comprendente le nuove stazioni di Pomigliano d'Arco, Castelcisterna, Brusciano, De Ruggiero, Via Vittorio Veneto, Marigliano e San Vitaliano[12].

Nel 2003 viene attivata ed aperta al servizio viaggiatori la nuova tratta Napoli - Volla - Casalnuovo, che comprende le nuove stazioni di Centro Direzionale, Poggioreale e Botteghelle[14]. L'anno successivo il tracciato tra Napoli e Poggioreale, ancora a binario singolo, viene raddoppiato in contemporanea con l'attivazione della Ferrovia Botteghelle-San Giorgio a Cremano.

CaratteristicheModifica

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
     
Napoli Porta Nolana
         
Napoli Porta Capuana
         
tranvie provinciali
     
Napoli Garibaldi corrisp. Piazza Garibaldi (RFI) e Napoli Centrale
     
Napoli Centrale
 
 
     
linee Circumvesuviana per Poggiomarino e Sarno
         
     
 
 
 
Napoli Centro Direzionale (* 2002)
     
Poggioreale (interrata dal 2003)
         
linea RFI Roma–Napoli (via Cassino)
   
 
   
linea RFI Napoli-Foggia
     
Botteghelle (* 2003)
     
 
 
 
Autostrada A1 - Strada europea E45
         
diramazione per San Giorgio a Cremano
     
Volla Bretella Volla-Madonnelle
         
linea RFI a monte del Vesuvio
           
         
linea RFI a monte del Vesuvio
     
     
Salice
     
     
Autostrada A16 - Strada europea E842
     
Casalnuovo
         
linea RFI Roma–Napoli (via Cassino)
 
La Pigna inizio viadotto
 
Talona
 
Parco Piemonte
         
variante *1992
         
Pratola Ponte
         
variante *1998
         
Pomigliano d'Arco
         
         
diramazione per Acerra
         
Castelcisterna
         
         
Brusciano
         
De Ruggiero
         
Via Vittorio Veneto
         
Marigliano
         
linea FS Torre Annunziata–Cancello (senza traffico)
         
San Vitaliano
         
Autostrada A16 - Strada europea E842
         
Scisciano fine viadotto - termine doppio binario
         
 
Saviano
 
Autostrada A30 - Strada europea E841
         
linea RFI Cancello–Avellino
 
Nola
 
Autostrada A16 - Strada europea E842
 
Cimitile
 
Camposano
 
Cicciano
 
Roccarainola - Tufino
 
Sperone - Avella
 
Baiano

TrafficoModifica

La linea è servita da treni NapoliBaiano che fermano in tutte le stazioni, con frequenza oraria[15].

NoteModifica

  1. ^ Tracciato Napoli-Baiano: Eavcampania.it[collegamento interrotto]
  2. ^ Diramazione Pomigliano-Acerra
  3. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  4. ^ Regio Decreto n° 5466 del 23 maggio 1880, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 140 dell'11 giugno 1880
  5. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 11
  6. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 53
  7. ^ La cessione fu riconosciuta con Regio Decreto n° 566 del 25 marzo 1937, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 108 dell'11 maggio 1937
  8. ^ Ordine di servizio n° 5/1937, pubblicato in Ogliari, Paci, op. cit., p. 58
  9. ^ Ente Autonomo Volturno, su eavsrl.it.
  10. ^ Ogliari, Paci, op. cit., pp. 56-57
  11. ^ Ogliari, Paci, op. cit., p. 89
  12. ^ a b Eleuterio e Giorgio Vallini, Binari intorno al Vesuvio, in "I Treni" n. 210 (dicembre 1999), p. 17.
  13. ^ "Notizia flash" su "I Treni" n. 194 (giugno 1998), p. 7
  14. ^ http://web.tiscali.it/defalco_ivanoe/trasporti/neti/linea3.html Metrò regionale, altro passo da Est al centro
  15. ^ Orari della linea (PDF), su eavsrl.it. URL consultato l'8 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2017).

BibliografiaModifica

  • Francesco Ogliari, Ulisse Paci, La Circumvesuviana. 100 anni di storia, 144 chilometri di tecnologia 1890-1990, Gabriele Mazzotta Editore, Milano, 1990, ISBN 88-202-0943-8
  • Antonio Gamboni, La ferrovia Napoli - Nola - Baiano, Napoli 2008

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti