George Brent

attore irlandese

George Brent, nome d'arte di George Brendan Nolan (Shannonbridge, 15 marzo 1899Solana Beach, 26 maggio 1979), è stato un attore irlandese naturalizzato statunitense.

George Brent

BiografiaModifica

Nacque in un piccolo villaggio della contea di Offaly, nell'Irlanda centrale, da un ufficiale dell'esercito britannico. Durante la guerra d'indipendenza irlandese (1919-1921), militò nell'IRA e fu costretto a fuggire in Canada con una taglia sulla testa. Due anni dopo si trasferì a New York e poi a Hollywood dove, nel 1930, interpretò il suo primo film, Under Suspicion.

Verso la metà degli anni trenta firmò un contratto con la Warner Bros. che fece decollare la sua carriera, rendendolo uno dei più famosi attori degli anni Trenta e Quaranta. Recitò insieme a molte famose attrici del tempo come Greta Garbo, Madeleine Carroll, Barbara Stanwyck, Joan Fontaine e Bette Davis, alla quale fu legato da una lunga amicizia; alcune fonti sostengono che i due ebbero una lunga e tormentata storia d'amore, ma la notizia non è mai stata confermata[senza fonte].

Seduttore anche nella vita, Brent si sposò quattro volte: con le attrici Ruth Chatterton (1932-1934), Constance Worth (1937) e Ann Sheridan (1942-1943) e infine con la stilista ed ex modella Janet Michaels (1947-1974, anno della morte di lei), dalla quale ebbe due figli.

Nel 1941 partecipò al film La grande menzogna. Alla fine degli anni Quaranta prese parte a molti B-movie, e nel 1956 si ritirò a vita privata. Nel 1978 tornò a recitare nella produzione televisiva Born Again per poi ritirarsi definitivamente. Morì di enfisema l'anno successivo, all'età di 80 anni.

Massone, fu membro della Loggia Mount Olive n. 506 di Los Angeles[1].

Premi e riconoscimentiModifica

A George Brent sono state dedicate due stelle sulla Hollywood Walk of Fame per il suo contributo all'industria cinematografica e televisiva.

FilmografiaModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Giordano Gamberini, Mille volti di massoni, Roma, Ed. Erasmo, 1975, p. 253

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122132674 · ISNI (EN0000 0000 8055 5866 · LCCN (ENn86138542 · GND (DE1207559172 · BNF (FRcb139300629 (data) · BNE (ESXX1176176 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-75342490