Giorgio Arlorio

sceneggiatore e regista italiano

Giorgio Arlorio (Torino, 27 febbraio 1929Roma, 25 luglio 2019) è stato uno sceneggiatore, autore televisivo, regista, attore, doppiatore e docente italiano.

Considerato uno dei maggiori sceneggiatori italiani[1], il suo nome si lega ai più grandi maestri del cinema italiano, tra cui Mauro Bolognini, Mario Camerini, Nanni Loy, Mario Monicelli, Gillo Pontecorvo e Dino Risi.

Biografia modifica

Figlio di industriali del liquore piemontesi,[2] ma mai intenzionato a seguirne l'attività, inizia la carriera scrivendo racconti su diverse riviste sperimentali ed entrando in contatto con personalità del calibro di Cesare Pavese, Elio Vittorini e Giulio Einaudi.

Dal 1951 si avvicina al cinema lavorando come aiuto regista per Pietro Germi (Il brigante di Tacca del Lupo, 1952), Glauco Pellegrini (Gli uomini, che mascalzoni!, 1953 e Sinfonia d'amore, 1954), Carmine Gallone (Puccini, 1953), PieroTellini (Prima di sera, 1954), Carlo Borghesio (I due compari, 1955) e Antonio Musu (Il prezzo della gloria, 1956 e Totò e Marcellino, 1958).[3][4]

Entra nel mondo della sceneggiatura con l’aiuto dell’amico e collega Rodolfo Sonego, che convince Dino De Laurentiis a scritturarlo per tre anni nella sua "bottega", che riuniva gran parte degli sceneggiatori italiani più importanti dell'epoca.[5]

L’esordio avviene come soggettista nel 1959, con Esterina di Carlo Lizzani. Nello stesso anno firma la sua prima sceneggiatura, in Crimen di Mario Camerini.

Il 4 dicembre 1959, presso un ufficio rionale di matrimonio di Mosca, sposa Ludmila Blat, conosciuta nei due mesi trascorsi nella capitale sovietica per il montaggio del documentario Mosca di giorno e di notte - Viaggio a Mosca. I suoi testimoni di nozze sono Bruno Pontecorvo e Maurizio Ferrara. Dal matrimonio nasce la figlia Sasha, che reciterà la parte della ragazza russa nel film Bianco, rosso e Verdone, stessa pellicola in cui sua nipote acquisita, Irina Sanpiter, interpreta il ruolo di Magda Ghiglioni.

Il suo operato di sceneggiatore prosegue con L’arciere delle mille e una notte (1962, di Antonio Margheriti), Il giorno più corto (1963, di Sergio Corbucci), Il padre di famiglia (1967, di Nanni Loy), che gli vale la candidatura al Nastro d'argento del 1968 come Migliore Soggetto, Queimada (1969), Ogro (1979) – entrambi diretti da Gillo Pontecorvo - La patata bollente (1979, di Steno) e Cento giorni a Palermo (1984, di Giuseppe Ferrara).

Nel 1962 collabora con Mario Monicelli a I compagni, dove cura la ricostruzione della Torino di fine 1800, la supervisione ai dialoghi e la direzione del doppiaggio, prestando personalmente la voce a Renato Salvatori.[6]

Come autore televisivo inventa, insieme a Nanni Loy, Specchio segreto[7], dove è l'ideatore delle situazioni, e Viaggio in seconda classe (1977).[8][9]

Come attore, è protagonista ne I sovversivi (1967, di Paolo e Vittorio Taviani), e ricopre altri ruoli ne La bambolona (1969, di Franco Giraldi), Il rapporto (1969, di Lionello Massobrio), Un silenzio particolare (2004, di Stefano Rulli) e Anch’io ero comunista (2011, di Mimmo Calopresti).

Come regista, dirige soprattutto alcuni documentari di stampo civile, come L’addio ad Enrico Berlinguer (1984) e Un altro mondo è possibile (2011).

Tra i fondatori del Premio Solinas, dal 1999 al 2016 è stato docente di sceneggiatura al Centro sperimentale di cinematografia, annoverando tra i propri allievi Francesco Bruni, Ivan Cotroneo, Matteo Garrone, Filippo Gravino, Guido Iuculano e Francesca Manieri.[10][5][1]

Nel 2017 pubblica, insieme a Caterina Taricano, Viaggi non organizzati, una sua biografia edita dal Centro Sperimentale di Cinematografia. Nello stesso anno vince il premio Maria Adriana Prolo, organizzato dall'Associazione Museo Nazionale del Cinema.[9]

Muore a Roma il 25 luglio 2019.

Filmografia modifica

Soggettista e Sceneggiatore modifica

Regista modifica

Aiuto regista modifica

Attore modifica

Doppiatore modifica

Programmi televisivi modifica

Autore modifica

Sceneggiatore modifica

Premi e Candidature modifica

Opere modifica

Note modifica

  1. ^ a b Addio a Giorgio Arlorio, su Cinematografo. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  2. ^ Addio Giorgio Arlorio, grande sceneggiatore e straordinario incubatore di talenti, su Scritti al buio. URL consultato il 21 ottobre 2022.
  3. ^ Giorgio Arlorio - Biografia - Cinema e Film - Il Sole 24 ORE, su cinema.ilsole24ore.com. URL consultato l'11 novembre 2016.
  4. ^ Giorgio Arlorio - CinemaItaliano.info, su cinemaitaliano.info. URL consultato l'11 novembre 2016.
  5. ^ a b Grazie Giorgio Arlorio, per avermi insegnato che il cinema è un viaggio, su Socialmediacoso, 26 luglio 2019. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  6. ^ SemiColonWeb, Giorgio Arlorio e quel flop di Monicelli, su news.cinecitta.com. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  7. ^ Giorgio Arlorio, su Centro Sperimentale di Cinematografia. URL consultato il 3 ottobre 2022.
  8. ^ GIORGIO ARLORIO: GLI OCCHI DEL CINEMA RACCONTANO, su Casa del Cinema. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  9. ^ a b In memoria di Giorgio Arlorio che la storia del cinema l'ha scritta col noi, su Bookciakmagazine, 25 luglio 2019. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  10. ^ admin, "Il Centro Sperimentale si stringe intorno alla famiglia di Giorgio Arlorio", su Centro Sperimentale di Cinematografia, 28 novembre 2019. URL consultato il 9 ottobre 2022.
  11. ^ a b c Non accreditato

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN44505145 · ISNI (EN0000 0001 1631 7086 · SBN CFIV032215 · LCCN (ENno99049148 · GND (DE142262277 · BNE (ESXX4578392 (data) · BNF (FRcb140751599 (data) · J9U (ENHE987007324748505171 · WorldCat Identities (ENlccn-no99049148