Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il periodico satirico, vedi Il Guerin Meschino (periodico).
Il Guerrin Meschino
Copertina Guerrin Meschino 1562.png
Copertina dell'edizione di Venezia 1562
AutoreAndrea da Barberino
1ª ed. originale1473
Genereromanzo
Lingua originaleitaliano

Il Meschino da Durazzo, comunemente noto come Guerrin Meschino o Guerrino detto il Meschino (talvolta reso Guerino), è il titolo di un'opera letteraria in otto libri, a metà strada fra la favola e il romanzo cavalleresco, scritta intorno al 1410 da Andrea da Barberino. La sua prima pubblicazione a stampa avvenne il 21 aprile 1473[1].

Contenuto del libroModifica

TramaModifica

Il romanzo è ambientato al tempo di Carlo Magno (VIII-IX secolo).

Il protagonista Guerrino è figlio di Milone, principe di Borgogna e cavaliere dell'Aspromonte, il quale conquista l'Albania strappandola al dominio turco dei fratelli Napar e Madar. Milone diviene quindi re di Durazzo e sposa Fenisia, principessa turca convertita al cristianesimo, dalla quale nasce appunto Guerrino.

Quando i fratelli turchi riusciranno in seguito a riconquistare la città di Durazzo facendo prigionieri Milone e Fenisia, il principe Guerrino, ancora neonato, sarà allontanato dal suo regno e dai genitori, e non potendo conoscere le proprie origini sarà ribattezzato "il Meschino".

Tutto il romanzo è incentrato sulla ricerca dei genitori, intrapresa dal Meschino per scoprire le proprie origini.

Argomento del Libro IModifica

Il Meschino alla corte di CostantinopoliModifica

Quando Guerrino ebbe compiuto i due mesi, i Turchi assediarono e conquistarono Durazzo, facendo prigionieri il re Milone e la moglie Fenisia. La balia Sefferra riuscì a fuggire ed imbarcarsi su una nave diretta a Costantinopoli, conducendo in salvo il fanciullo. La nave però venne assalita dai pirati, e Sefferra fu uccisa e Guerrino venduto al mercato di Salonicco e acquistato come servo da Epidonio di Costantinopoli, che gli pose nome Meschino, a causa della sua condizione; tuttavia lo allevò e istruì come un proprio figlio.

Dopo due anni Epidonio ebbe un figlio naturale, chiamato Enidonio. Questi usava frequentare i giochi e gli addestramenti militari presso la corte, insieme ad Alessandro figlio dell'imperatore, e recava con sé il Meschino come servo. Il principe Alessandro notò presto l'abilità bellica e cavalleresca del Meschino e volle prenderlo con sé, affrancandolo dalla condizione di servo e ospitandolo presso la corte imperiale, dove i due giovani divennero presto sinceri amici, e dove il Meschino si innamorò della principessa Elisena, sorella di Alessandro.

Il torneoModifica

Un giorno l'imperatore decise di indire un torneo per maritare la figlia Elisena, torneo a cui potevano partecipare soltanto nobili e cavalieri, e dal quale il Meschino era escluso a causa delle sue ignote origini. Tuttavia, aiutato da Alessandro che gli prestò vesti e armi, riuscì a partecipare in incognito alle giostre, e per tre giorni consecutivi vinse tutte le gare del torneo. Ma ovviamente non potendo pretendere il premio della vittoria, né tanto meno la mano di Elisena, decise di non palesarsi. L'imperatore fu allora costretto a non conferire a nessuno dei partecipanti l'onore della vittoria, in quanto questo spettava al misterioso cavaliere anonimo che aveva battuto tutti gli altri, ma che era irrintracciabile. Al torneo avevano partecipato i principi turchi Torindo e Pinamonte, figli del re Astiladoro, i quali raccontarono mentendo che l'imperatore di Costantinopoli non aveva voluto conferire loro il premio per la vittoria del torneo. Con questo falso pretesto dell'offesa ricevuta, il re Astiladoro mosse guerra all'imperatore e strinse d'assedio Costantinopoli.

 
Il Meschino combatte con Pinamonte
La guerra con i turchiModifica

Durante l'assedio, che stava stremando la città, la principessa Elisena notò che il Meschino non era per nulla preoccupato: egli infatti vedeva nella guerra la possibilità di mostrare il proprio onore e di ottenere il suo riscatto. Tuttavia avvenne che la principessa si adirò per l'atteggiamento del Meschino al tal punto che lo accusò di fronte ad altre donne: ella avanzò l'ipotesi che il Meschino fosse turco, a motivare il fatto che egli si rallegrava della guerra che volgeva in favore dei nemici. Dopo questo episodio l'amore segreto che il Meschino provava per la principessa si tramutò in odio, ed egli fu a maggior ragione motivato a partire per scoprire le origini dei suoi genitori.

Intanto la guerra volgeva al peggio per i greci, e la città di Costantinopoli stava per capitolare. Allora il principe Alessandro decise di sfidare a duello un campione turco per decidere l'esito della guerra: se Alessandro avesse battuto il principe turco Pinamonte i saraceni avrebbero tolto l'assedio dalla città, altrimenti essi avrebbero acquistato il possesso delle terre dell'impero. Però Alessandro fu sconfitto e fatto prigioniero, e l'imperatore e la città furono gettati nello sgomento generale.

Il Meschino volle allora liberare l'amico Alessandro e chiese una rivincita ai principi turchi. L'imperatore di Costantinopoli, vedendo che tutto era ormai perduto, approvò quest'ultimo disperato tentativo: concesse quindi l'investitura a cavaliere al Meschino e lo armò. Il Meschino uccise in duello Pinamonte e fece prigioniero il fratello Torindo, e nella rivincita chiesta a loro volta dagli altri fratelli dei principi turchi, ne uccise un altro e fece ancora due prigionieri. Avendo il Meschino catturato tre principi figli del re Astiladoro ottenne di scambiare i prigionieri e liberare così Alessandro.

Viste il valore del Meschino, l'imperatore acconsentì a nominarlo capitano dell'esercito greco, cosicché egli andò contro i turchi mandandoli definitivamente in rotta, liberando Costantinopoli e riconquistando tutte le terre sottomesse dal re Astiladoro.

Nei mesi seguenti all'armistizio il Meschino venne onorato e tenuto in grande considerazione presso la corte di Costantinopoli, e l'imperatore volle addirittura che egli sposasse la principessa Elisena, la quale nel frattempo si era innamorata del Meschino, che però ora rifiutava il matrimonio a causa dell'odio che portava per la principessa dopo che ella lo aveva offeso.

La ricerca dei genitoriModifica

Durante la firma dei trattati di pace, era avvenuto che il principe turco Brunoro bestemmiasse contro il fato per aver permesso ad un villano di cui non si conosceva la stirpe di aver vinto sul sangue troiano. I pensieri del Meschino erano perciò tutti incentrati sul fatto che egli non sapeva chi fosse davvero, incertezza che gli procurava non poco dolore, nonostante egli fosse ora riscattato e tenuto in gran considerazione a corte. L'imperatore promise di aiutare il Meschino a risalire ai suoi genitori, domandando prima a Epidoinio e cercando nei porti della grecia di rintracciare i corsari che lo avevano venduto al mercato. Ma le ricerche furono infruttuose, così si ricorse agli incantesimi di diversi negromanti, giungendo in Egitto, dove un indovino consigliò di recarsi nell'estremo oriente indiano per interrogare gli Alberi del Sole.

Il Meschino si risolse perciò di partire, e non senza fatica ottenne la licenza di Alessandro e dell'imperatore, che non volevano lasciasse la corte, e si imbarcò su una galea diretta in oriente.

Argomento del Libro IIModifica

 
Il Meschino alle prese con le fiere selvatiche

Attraverso la Colchide e l'Iberia, attuale regione del Caucaso, il Meschino giunge in Asia, dove si imbatte in svariate creature mitologiche: giganti, bestie selvatiche (grifoni, draghi e altri animali fantastici) e popolazioni mitiche (sciapodi e arimaspi) tipiche dell'immaginario collettivo medievale.

Appena giunto in Asia stringe amicizia con Brandisio, un cavaliere guascone catturato dai giganti che il Meschino riesce a liberare. Passando per l'Armenia e la Tartaria i due cavalieri vengono fatti prigioniero dal Lalfamech, un nobile del regno che voleva derubarli, ma riuscirono a fuggire e rifugiarsi nella città di Media (terra dell'antico popolo dei Medi), dove appresero dalla giovane regina Aminadan che il regno era in guerra con il Lalfamech, un traditore che voleva usurpare il trono. Il Meschino si offrì di combattere per la regina, venne eletto capitano dell'esercito e sconfisse il Lalfamech. Brandisio sposò la giovane regina di Media e il Meschino ripartì verso oriente.

Traversando l'Asia, incontrò diverse popolazioni e bestie selvatiche, e giunse infine ai confini orientali dell'India, dove l'Albero del Sole gli rivelò che egli fosse di stirpe regale, che si chiamasse Guerrino e che fosse di origine cristiana, battezzato per due volte; l'Albero della Luna profetizzò che in occidente egli avrebbe scoperto le proprie origini.

Argomento del Libro IIIModifica

Le guerre in PersiaModifica

Durante il ritorno dall'India verso occidente, Guerrino viene a trovarsi in Persia, nella città di Lamech, e viene condotto al cospetto del Sultano. Qui è costretto a nascondere la sua fede cristiana e si finge pagano e devoto al dio Apollo. L'Almansore e l'Argalifo lo conducono in visita all'Arca di Maometto, dove il Meschino volta le spalle all'altare e viene accusato di sacrilegio, ma adducendo il pretesto di non essere egli degno di rivolgere lo sguardo verso il profeta riesce a salvarsi ed essere anche preso in grande considerazione.

Mentre Guerrino si trova a corte, il Sultano riceve la giovane Antinisca, principessa di Persepoli fuggita dalla città dopo che i Turchi di Galismarte, fratello di Astiladoro, l'avevano occupata e avevano ucciso il re e i suoi due figli maschi. Il Meschino si innamora della fanciulla e convince il Sultano a muovere guerra contro Galismarte e liberare la Persia e la Siria dagli invasori Turchi.

Grazie alla fama che il Meschino si era procurato raccontando dei suoi viaggi in India, e alle ottime qualità cavalleresche dimostrate in un duello contro un barone locale di nome Tenaur, viene nominato capitano e intraprende la guerra a capo di un esercito: già in seguito alle prime vittorie riportate si diffonde la voce che il Meschino fosse il figlio del dio Marte.

 
Guerrino al cospetto del Prete Gianni

Al termine di una delle battaglie vinte dai Persiani, Guerrino insegue da solo il capitano turco Finistauro, figlio di Galismarte, che dopo la rotta del suo esercito fuggiva per salvarsi la vita. Raggiunto Finistauro sulle rive del fiume Ulion (forse Pulvar, affluente del fiume Kor), lo sfida a duello e lo uccide a seguito di un duro e lungo combattimento. Dopodiché si reca da solo a Persepoli per spiare la situazione dei nemici, e tramite un oste presso cui alloggia viene a conoscenza del mal disposizione della popolazione verso i Turchi, e proprio insieme all'oste organizza un piano di insurrezione da attuare in concomitanza all'assedio armato al quale avrebbe guidato l'esercito Persiano.

Forte dell'appoggio della popolazione della città, il Meschino torna dal Sultano, riorganizza l'esercito e muove verso Persepoli e la riconquista. Tuttavia nel frattempo apprende che i Turchi stanno mettendo a ferro e fuoco Darida e altre città persiane, perciò si rimette alla testa dell'esercito e affronta i Turchi in un'ultima battaglia in cui il re Galismarte perde la vita.

Restaurata la regina Antinisca sul trono di Persepoli, Guerrino dovette ripartire alla ricerca dei genitori, ma promette alla principessa di tornare entro dieci anni e allora prenderla in sposa, facendo voto di fedeltà verso di lei.

Partendo da Persepoli il Meschino prosegue la campagna militare contro i Turchi e sottomette al Sultano di Persia tutte le terre di Mesopotamia, Babilonia, Siria e Gerusalemme, cacciando definitivamente i Turchi.

Il regno del Prete GianniModifica

Al termine della guerra, il Meschino ripensa alle virtù dei Tre Magi e alle profezie della Regina di Saba, e si convince che in Arabia avrebbe potuto rintracciare qualche sapiente capace di rivelargli il nome dei suoi genitori: si reca quindi verso l'Arabia felice e l'Etiopia, dove incontra il Prete Gianni.

Passa poi per l'Egitto diretto verso i monti dell'Atlante.

Argomento del Libro IVModifica

La vicenda è ambientata nell'Africa settentrionale. Qui Guerrino viene prima fatto prigioniero dal Re di Polismagna, il quale poi si converte segretamente al cristianesimo e lo rimette in libertà per combattere contro gli invasori Arabi e liberare l'Egitto.

Il Meschino salva Dinoino, un cavaliere inglese che recandosi in Terra Santa era stato assalito, e i due divengono amici.

I due incontrano Artilafo che si converte al cristianesimo.

In seguito il Meschino combatte contro Artilaro e ne conquista le città. E poi contro Validor, che verrà ucciso a tradimento dalla sorella Rampilla, che innamoratasi del Meschino gli offrirà il regno del fratello. Ma Guerrino rifiuta l'offerta della donna traditrice, ed questa si suicida.

Trovandosi a Tunisi, il Meschino viene a conoscenza dell'indovino Calagabac che abitava presso il Monte Zina, il quale non sapendo rivelargli il nome dei genitori gli racconta di aver ritrovato alcuni scritti in cui si diceva che la Sibilla Cumana non fosse ancora morta ma dovesse vivere sino alla fine dei tempi, e che ella abitava nei monti dell'Appennino al centro d'Italia (presso la città di Norza, detta Norsia o Noccea). Il Meschino si separa da Dinoino, il quale si reca finalmente in Terra Santa, e passa il Sicilia per giungere in Italia.

 
Guerrino alle porte del regno della Sibilla

Argomento del Libro VModifica

Attraverso la Calabria il Meschino giunge alla città di Norza e alloggia presso l'osteria di Anuello, il quale lo accompagna al castello e poi al romitorio, dove tre eremiti sorvegliano l'accesso alla grotta della Sibilla per scoraggiare chi volesse avventurarvisi, in quanto nessuno di quanti vi entrano poi riescono ad uscirne. Il Meschino decide comunque di partire, quindi i monaci lo istruiscono su ciò che lo attenderà presso la Sibilla e sulle tentazioni che dovrà superare, e gli insegnano la preghiera da ripetere ogni volta che si fosse trovato in difficoltà. A questo punto, attraverso le aspre montagne, Guerrino giunge fino alla grotta, nella quale incontrerà alcune prove da superare (come un ponte strettissimo sospeso sull'abisso) prima di arrivare al cospetto della Sibilla. Durante il cammino si imbatte in Macco: un uomo tramutato in serpente e condannato nella grotta per la sua accidia ed invidia.

La fata Sibilla tiene Guerrino intrappolato nel suo regno per un anno, durante il quale lo tenterà di lussuria senza rivelargli le suo origini. Allo scadere dell'anno, per evitare di rimanervi per sempre, il Meschino abbandona il regno della Sibilla e si reca dal Papa a chiedere perdono. Il pontefice, apprese le ragioni non maliziose con cui Guerrino si era recato dalla Sibilla, decide di assolverlo, e come penitenza lo invia sulla strada di Santiago di Compostela per proteggere i pellegrini dai briganti, e per l'espiazione definitiva al Pozzo o Purgatorio di San Patrizio, nell'estremo occidente dell'Irlanda.

Argomento del Libro VIModifica

Il Purgatorio di San PatrizioModifica
 
Guerrino ritrova Milone e Fenisia

Il Meschino si reca a Santiago di Compostela e a Santa Maria di Finibus Terrae per liberare la strada dai briganti, e poi al Purgatorio di San Patrizio in Irlanda, come indicato dal Papa per espiare i suoi peccati.

In Inghilterra incontra Messer Dinoino, che aveva precedentemente conosciuto in Libia, il quale lo accoglie e lo conduce in Irlanda (Ibernia). Il Meschino giunge nel Donegal, presso il lago Lough Derg, dal quale emerge l'Isola Carmara, precedentemente Isola Santa, dove sorge un'abbazia i cui monaci custodiscono l'accesso al Purgatorio.

All'interno del Purgatorio di San Patrizio Guerrino viene accompagnato e tentato dai demoni attraverso i luoghi in cui i penitenti scontano le pene per raggiungere il Paradiso: qui incontra Brandisio, che aveva conosciuto in Media e fatto regnante, e altri personaggi precedentemente citati nel libro (un cavaliere dell'Almansore e il Re di Polismagna conosciuti in oriente, Lambero da Pavia che combatté in Albania con Milone). In seguito i demoni conducono Guerrino nell'Inferno, dove egli incontra Rampilla, la sorella di Validor conosciuta in Africa, che uccise il fratello consegnando il suo regno. La descrizione del lago ghiacciato dell'inferno ha diversi punti in comune con la Divina Commedia: come ad esempio la raffigurazione di Satana che divora nelle sue tre bocche i traditori Giuda, Cassio e Dario di Persia (Bruto invece secondo Dante).

Guerrino giunge infine nel Paradiso Terrestre, dove Elia ed Enoch gli spiegano il significato di tutte le visioni che aveva avuto attraversando Inferno e Purgatorio, e gli mostrano le porte del Paradiso. Prima di tornare al mondo terrestre, Guerrino domanda ai due profeti se essi conoscano il nome dei suoi genitori: gli viene risposto che a loro non è consentito rivelarglielo esplicitamente ma lo conducono nel cortile di una chiesa dove appare la visione di due anziane figure dall'aspetto trasandato con le vesti malconce, e gli dicono di imprimere bene in mente quelle figure, perché i suoi genitori erano vivi, e proprio in quell'aspetto egli li avrebbe rivisti e riconosciuti.

La guerra in Albania e l'incontro con i genitoriModifica

Tornato il Meschino in Inghilterra viene presentato alla corte reale da Messer Dinoino, e poi riparte verso Roma per tornare dal Papa. Il Pontefice gli concede l'assoluzione e lo invia in Puglia, dove il Re Guizzardo stava organizzando l'assedio di Durazzo per vendicare il fratello Milone spodestato dai Saraceni trent'anni prima.

Guerrino si unisce all'esercito, e grazie alla raccomandazione del Papa, viene nominato capitano e insieme a Girardo, figlio di Guizzardo, riconquista prima Dulcigno e poi Durazzo, dove la popolazione lo accoglie come liberatore. Quando vengono scagionati i prigionieri dei saraceni e condotti a palazzo, Milone e Fenisia entrano nella sala dove si trovava Guerino, che dall'apparizione che gli era stata mostrata in Irlanda, li riconosce come i suoi genitori.

Argomento del libro VIIModifica

La liberazione della Grecia dai TurchiModifica

Milone riottiene dal fratello Guizzardo la reggenza sul principato di Taranto e torna in Italia.

Nel frattempo, essendo morto l'imperatore di Costantinopoli e la reggenza dell'impero passata nelle mani di Alessandro, il re turco Astiladoro muove guerra a Costantinopoli. Il Meschino e il cugino Girardo gli vanno in soccorso: inizialmente liberano tutta la Schiavonia, Ragusa (Dubrovnik) e Spalato privando i turchi dell'accesso al Mediterraneo.

In seguito muovono verso la Macedonia, dove presso il Monte Ascaron combattono contro i capitani turchi Galabi da Pabinia, Falach di Saucia e Artibano di Liconia: i primi due vengono uccisi in battaglia, mentre Artibano, il più forte e valoroso dei tre, si trova a combattere contro il Meschino che lo sconfigge e gli concede la grazia. Artibano si converte al cristianesimo e viene inviato da Milone a Taranto, dove è battezzato con il nome di Fidelfranco.

Guerrino e Girardo muovono allora verso la Tessaglia, dove prendono la città di Antinopoli e resistono diversi giorni all'assedio turco. Infine si congiungono con l'esercito di Alessandro e il Meschino uccide il re Astiladoro sconfiggendo definitivamente gli invasori.

La partenza per Persepoli e l'incontro con ArtibanoModifica
 
L'incontro tra Guerrino e Antinisca

Mentre il Meschino si trova a Costantinopoli riceve le lettere di Antinisca, e parte per Persepoli accompagnato da Alessandro. Camuffati con vesti orientali per viaggiare in incognito nei territori turchi, sbarcano a Trebisonda, passano l'Armenia, la Siria e la città di Ninive. Ma nei pressi della città di Camopoli, lungo il fiume Tigri, vengono assaliti da due giganti e da alcuni briganti tartari, ai quali riescono a sfuggire. Giunti ad un'osteria apprendono che la città di Persepoli è assediata da Lionetto, figlio del Sultano di Persia, il quale avendo chiesto la mano di Antinisca ed essendogli questa stata rifiutata in virtù della promessa che la principessa aveva fatto al Meschino, voleva rapire la principessa per vendicare l'oltraggio subito. Mentre sono nell'osteria vengono riconosciuti da due briganti tartari sopravvissuti all'assalto, i quali informano Baronif, signore di Camopoli, della presenza dei due forestieri, e questi li fa condurre a palazzo e nella notte li imprigiona a tradimento. Un barone della corte riconosce Alessandro di Costantinopoli, e i due vengono condannati a morte in quanto nemici della fede islamica.

In quei giorni passava per quelle terre il capitano turco Artibano, convertito e battezzato Fidelfranco, che inviato a Taranto era stato ricevuto presso la corte di Milone, accolto e trattato come un figlio. Egli viene a sapere della condanna a morte del Meschino e, per l'onore che doveva al padre Milone, si risolve di andare a Comopoli per salvargli la vita. Essendo egli capitano turco gli è facile nascondere la sua conversione al cristianesimo, e fingendo di odiare profondamente il Meschino per la sconfitta subita in Macedonia riesce a farsi accogliere alla corte di Baronif come amico. Nella notte prima dell'esecuzione, Artibano uccide Baronif, libera Alessandro e il Meschino, e insieme fuggono via verso Persepoli travestiti da mercenari.

L'arrivo a PersepoliModifica

Essi si presentano al campo di Lionetto, che stava di assedio a Persepoli, chiedendo di essere assoldati nell'esercito, ma si fingono talmente inetti alle armi che vengono scacciati via e mandati a Persepoli, dove senza essere riconosciuti vengono accettati nell'esercito.

Dopo la prima battaglia Alessandro, Artibano e il Meschino vengono notati, e il servitore Trifalo riconosce il Meschino per le gesta compiute a Persepoli contro i turchi, e Antinisca viene avvertita dell'arrivo di Guerrino in città.

Argomento del libro VIIIModifica

La caduta di PersepoliModifica

La città di Persepoli, aiutata dalla città di Media, resiste a Lionetto per un anno intero. Finché i turchi, venuti a sapere della presenza dei cavalieri cristiani a Persepoli, si alleano con Lionetto per catturarli. Durante la guerra, il principe turco Utinifar, figlio di Galismarte, sfida il Meschino, e per garanzia che il Meschino non venisse attaccato dall'esercito durante il duello viene inviato come ostaggio Melidonio, fratello di Utinifar. Il quale conoscendo Parvidas come governante della città gli propone di consegnare il Meschino e i cavalieri cristiani in cambio della pace.

Parvidas accetta, ma il Meschino viene a sapere del tradimento tramite Trifalo, e insieme con Antinisca, Alessandro e Artibano, scappano dalla città prima che i Persiani e i Turchi riescano ad entrarvi. Non trovando in città i cristiani, Lionetto e i turchi devastano e saccheggiano Persepoli, sterminandone la popolazione.

Il castello nella selvaModifica

Scappando da Persepoli, il Meschino e i compagni giungono in Armenia, dove trovano la Selvaggia Rocca, un castello nascosto nella foresta. Artibano, Alessandro e Trifalo vanno alla rocca a chiedere da mangiare, ma il signore Sinogrante fa prigionieri Artibano e Alessandro. Nel frattempo il Meschino incontra dei pastori che vogliono derubarlo, ma quando Trifalo li raggiunge per dare notizia dei compagni catturati li riappacifica, e il Meschino promette ai pastori, oppressi da Sinogrante, di cedergli il castello in cambio di aiuto.

Il plotone attacca perciò il castello, e Guerrino combatte a duello con Sinogrante uccidendolo. Così vengono liberati i prigionieri e la rocca ceduta al controllo dei pastori. Si scopre inoltre che il signore del castello teneva rapita una fanciulla, chiamata Diaregina, figlia del re Polidon di Armauria, che il Meschino e i compagni riconducono dal padre.

Modifica

Artibano sposa la principessa Diaregina, e Alessandro sposa la sorella Lauria e la conduce con sé a Costantinopoli.

Guerrino e Antinisca tornano a Durazzo, dove hanno due figli: Fioramonte e Milon. Il Meschino regnò su Durazzo per molti anni, poi alla morte della moglie Antinisca decide di ritirarsi nel deserto a vita eremitica per fare penitenza; si ammala e muore all'età di 56 anni.

PersonaggiModifica

  • Alessandro: principe di Costantinopoli, figlio dell'Imperatore Raimondo
  • Aminadam: regina di Media, sposa di Brandisio
  • Antinisca: principessa di Persepoli e moglie del Meschino
  • Archilao e Amazzone di Schina: baroni greci, fratelli signori di Negroponte
  • Artibano (ribattezzato Fidelfranco): capitano turco convertito al cristianesimo
  • Astiladoro: re turco dominante sui territori di Polonia, Romania e parte della Grecia
  • Brandisio: cavaliere guascone amico del Meschino, che egli libera da un gigante tartaro
  • Calidocor: ribelle mediano, insieme al Lalfamech tenta di usurpare il trono di Media
  • Corante, Lalfamech di Media: nobile mediano usurpatore del trono. Egli ospita il Meschino e Brandisio nel suo castello, poi tenta di derubarli
  • Diaregina di Saragona: principessa armena rapita da Sinogrante, poi sposa di Artibano
  • Dinoino: cavaliere inglese amico del Meschino
  • Elisena: sorella di Alessandro di Costantinopoli
  • Epidonio: mercante di Costantinopoli, padre putativo del Meschino
  • Enidonio: figlio naturale di Epidonio e amico del principe Alessandro
  • Fenisia: moglie di Milone e madre del Meschino
  • Finistauro: principe turco, figlio del re Galismarte
  • Galismarte: fratello di Astiladoro; re turco dominante sui territori del Medio Oriente
  • Girardo: figlio del re Guizzardo, cugino del Meschino
  • Guizzardo: fratello di Milone, re di Puglia
  • Guerrino (o Guerino) detto il Meschino: protagonista
  • Lionetto: figlio del Sultano di Persia, pretendente della principessa Antinisca
  • Madar e Napar: fratelli turchi tiranni di Durazzo
  • Macco: anima dannata all'interno della grotta della Sibilla, sotto forma di serpente
  • Melidonio: figlio del re Galismarte, principe turco che trama con la gente di Persepoli per tradire il Meschino e consegnare la città
  • Milone (o Milon): padre del Meschino; re di Taranto che stappò Durazzo al dominio turco
  • Parvidas: nobile della città di Persepoli, posto dal Meschino al governo della città
  • Polinador: re libico di Polismagna, convertito dal Meschino al cristianesimo
  • Prete Gianni: regnante delle terre presso l'Etiopia e l'Eritrea
  • Sefferra: balia di Guerrino che lo conduce via da Durazzo salvandolo dai turchi
  • Sibilla: fata, incantatrice e indovina, che dimora in un paradiso infernale tra i monti dell'Appennino al centro dell'Italia
  • Sinogrante: cavaliere turco, signore della Selvaggia Rocca in Armenia
  • Trifalo: figlio dell'oste di Persepoli che aiuta Guerrino a conquistare la città, poi fatto cavaliere dal Meschino
  • Utinifar: principe turco, figlio del re Galismarte


 
Alessandro Magno agli Alberi del Sole e della Luna, in un affresco presso il castello di Quart (XIII sec)

Riferimenti alle leggende medievaliModifica

Poemi cavallereschiModifica

Nel libro si trovano svariati elementi rintracciabili nelle chanson de geste, del quale Andrea da Barberino fu uno studioso e un traduttore:

  • Nella narrazione del Libro V si cita la città di Risa (Reggio Calabria), distrutta dai Saraceni di Agolante, come si racconta nella Canzone d'Aspromonte (XII sec), tradotta da Andrea da Barberino nella sua opera Aspramonte.
  • Anche Milone figlio di Gherardo è un personaggio ripreso dalla suddetta canzone.[2] La storia del Meschino (come quella dei Reali di Francia, dello stesso autore) si innesta infatti nei racconti cavallereschi del ciclo carolingio: infatti nel romanzo Milone e Guizzardo sono figli di Gherardo da Fratta, che discese con Carlo Magno per cacciare i mori dall'Italia meridionale. Dopo la vittoria in Aspromonte Guizzardo fu creato re di Puglia e Milone principe di Taranto.[3]
  • Molte delle vicende raccontate nel romanzo si riflettono nelle narrazioni della chanson de geste di Ugo d'Alvernia, attestata come prima opera cavalleresca franco-italiana risalente almeno al XIV secolo, ma derivante forse da una più antica versione francese. Il poema racconta un viaggio nell'oltretomba ispirato a quello di Dante nella Divina Commedia[4]. Andrea da Barberino traspone le vicende dell'Ugo d'Alvernia in prosa toscana nella sua Storia di Ugone d'Alvernia. Nel Guerrin Meschino si raccontano: l'incontro con il Prete Gianni, il soggiorno in un regno incantato e la discesa agli inferi; tutte storie che trovano corrispondenza anche nell'Ugo d'Alvernia, in particolare per quanto riguarda l'episodio della catabasi agli inferi, che presenta moltissimi aspetti comuni nei due romanzi. La critica fa risalire la stesura del Guerrin Meschino ad un periodo successivo alla stesura della Storia di Ugone d'Alvernia, in quanto il primo vanta di una maggiore scientificità nella collocazione geografica dei luoghi, derivante da una consapevolezza maturata nell'autore in seguito alla lettura della Cosmographia di Tolomeo, diffusa in Italia intorno al 1410 in seguito alla volgarizzazione operata da Jacopo da Scarperia.[5]

Il Purgatorio di San PatrizioModifica

Durante la traversata dell'inferno, Guerrino viene a trovarsi su un ponte tanto stretto da non entrarvi due piedi, ma riesce miracolosamente ad attraversarlo quando pronunciando il nome di Cristo il ponte si allarga. L'episodio è identico a quello dell'eroe Owein raccontato nel Tractatus de Purgatorio Sancti Patricii (1190).[6]

Alessandro MagnoModifica

Durante il medioevo la storia di Alessandro Magno, degna di nota per l'eccezionalità delle sue gesta, divenne molto popolare: viene a crearsi un vasto corpus letterario composto di numerose cronache, poemi e leggende. Alessandro magno viene ricordato come dominatore del mondo per antonomasia, per il fatto di aver conquistato il solo dodici anni tutte le terre dell'Impero Persiano dal Medio Oriente fino all'India. Già in vita egli aveva costruito un mito di se stesso, tanto che a solo un secolo di distanza dalla morte (326 a.C.), è stata redatta ad Alessandria d'Egitto una raccolta di racconti leggendari nati intorno alla sua vicenda, la quale andò crescendo fino a costituire il cosiddetto Roman d'Alexandre.

Tra leggende di Alessandro Magno si racconta di creature fantastiche che abitavano le terre allora sconosciute e affascinanti della Persia e dell'India. Un episodio particolare, ambientato nell'India occidentale e tratto dalla Lettera di Alessandro ad Aristotele è la visita all'oracolo degli Alberi del Sole e della Luna: che con rami carichi di teste umane (secondo la tradizione orientale dell'Albero Secco), predicono ad Alessandro la sua morte:[7]

«Nel giardino sacro del Sole e della Luna [...] due alberi, simili a cipressi […] parlavano, l’uno con voce maschile, l’altro con voce femminile. […] Al sorgere della luna, l’albero-Luna parlò, in lingua greca, e disse: “Re Alessandro, a Babilonia dovrai morire: sarai ucciso dai tuoi e non potrai tornare da Olimpia, tua madre”. [...] E quando [...] i primi raggi di luce del mattino colpirono le fronde dell’albero, si levò una voce che distintamente diceva: “Il tempo della tua vita è compiuto: non ti è dato di tornare da tua madre Olimpia, ma a Babilonia hai da morire.»

(Romanzo di Alessandro, III, 17)

EdizioniModifica

  • (editio princeps) Padova, 1473[1]
  • El libro de lo infelice Guerino dito Meschino: magnifico & generoso capitanio, in Venexia: Gerardus de Flandria impressit, a di xxii de Novembre 1477;
  • In questo libro ulgarmente se trata alchuna istoria breue de re Carlo. Poi del nascimento et opere di quello magnifico cavaliero nominato Guerino et prenominato Meschino, Venezia 1483;
  • Guerino dito Meschino. In questo libro vulgarmente se trata alcuna historia breve de re Carlo imperatore. Poi del nascimento & opere de quello magnifico cavaliero nominato Guerino & poi nominato Meschino, Impresso in la inclita cità de Venetia: per maestro Simone Bevilacqua da Pavia, 1503;
  • Guerrino detto Meschino, Venetiis: per Alexandro de Bindoni, 1512 (codice identificativo: IT\ICCU\CNCE\001689)
  • El libro de Guerrino chiamato Meschino, impresso in Milano: per magistro Bernardino da Castello ad instantia de misere Nicolo da Gorgonzola, 1520 adi xv de febrario;
  • Guerrino. Detto il Meschino. Con accuratissima diligenza nuovamente corretto, in Venetia, 1567 (codice identificativo: IT\ICCU\CNCE\001697)
  • Guerrino detto il Meschino, nel quale si tratta come trouò suo padre & sua madre, in la città di Durazzo in prigione. Et de diuerse vittorie hauute contra Turchi, in Venetia: appresso Gio. Battista Vsso, 1618;
  • Guerino detto il Meschino. Nel quale si tratta come trovò suo Padre, & sua Madre, in la città di Durazzo in prigione. Et de diverse vittorie hauute contra Turchi. In Venetia, Presso Ghirardo , & Beppo Imberti, 1626;
  • (FR) Cy commence l'histoire du premier livre de Guerin Mesquin, fils de Millon de Bourgogne ... Le quel ce trouva en plusieurs grandes batailles, rencontres, & assaux, ou il fit de merveilleux faitz darmes. Ainsi que recite ce present livre, le quel à esté traduit de italien en langue francoise. Par J. Duchermois, A Troyes: chez Nicolas Oudot, 1629;
  • Guerino detto il Meschino. Storia in cui si tratta delle grandi imprese, e vittorie avute contro i turchi, nuovamente ristampato, correttamente ridotto alla sua vera lezione, e di figure adornato; in Venezia: appresso Gio: Francesco Garbo, e figli, 1778;
  • Andrea da Barberino, Guerino detto il Meschino. Storia in cui si tratta delle grandi imprese e vittorie da lui riportate contro i turchi, a cura di Giuseppe Berta, Milano, 1841.
  • Andrea da Barberino, Guerrino detto il meschino: storia delle grandi imprese e vittorie riportate contro i Turchi durante il regno di Carlo Magno imperatore, re di Francia, opera completa diligentemente corretta, Napoli: Ferdinando Bideri libraio editore, 1891;
  • Andrea da Barberino, Dalle avventure del Guerino detto il meschino, a cura di Luisa Steiner, Torino, Paravia e C., 1934;
  • Andrea da Barberino, Il Guerrin Meschino, edizione critica secondo l'antica vulgata fiorentina a cura di Mauro Cursietti, Roma-Padova, Antenore, 2005

ManoscrittiModifica

Sono stati individuati diciassette manoscritti, dodici incunaboli e sedici cinquecentine.[8] I manoscritti sono successivi al 1410, anno della prima stesura da parte dell’autore. Gli incunaboli sono stampe pubblicate nel corso del XV secolo, le cinquecentine sono quelle risalenti al XVI secolo.

Le versioni più antiche sono:[2]

  • Manoscritto ex Dyson Petrins 71 (in possesso di un collezionista privato), 1462
  • Manoscritto MA297, Biblioteca Civica di Bergamo Angelo Mai, 1467-68
  • Prima edizione a stampa (incunabolo), 1473

Diverse versioni dell'operaModifica

L'opera ha avuto una storia controversa. La maggior parte delle edizioni moderne è riferibile ad un'edizione del 1785 che viene considerata falsata, ovvero non fedele a quanto scritto originariamente dall'autore.

Tutte le edizioni successivo al Concilio di Trento (quindi approssimativamente dopo il 1563), in particolare l'edizione conosciuta come quella di Venezia 1785[9], presentano delle modifiche rispetto al testo originale:

  • ogni riferimento alla Sibilla Appenninica (libro V), che nel romanzo presenta le caratteristiche della maliarda seduttrice derivate dalla letteratura cortese e rafforzate dalle ormai diffuse idee sulla stregoneria, viene cancellato. Questa censura avvenne in quanto le Sibille erano al tempo considerate dal mondo cristiano come profetesse della nascita di Cristo in terra pagana, e non potevano perciò ricoprire il ruolo demoniaco attribuito nel romanzo. Il termine Sibilla, ricorrente una sessantina di volte all'interno del libro, viene quindi sostituito con termini quali: Alcina (utilizzata per Alcina dell'Orlando furioso), Fata, Fatalcina, Ammaliatrice, Incantatrice; e di conseguenza scompare anche l'intero capitolo in cui la Sibilla Appenninica descrive al meschino le altre Sibille classiche. Resta invece intatto il capitolo relativo all'astronomia.
  • Tutta la descrizione dell'aldilà visitato dal Meschino all'interno del Purgatorio di San Patrizio (libro VI) è stata censurata e rimossa dalle versioni a stampa successive al XV secolo. Questa parte in realtà è ancora presente nell'edizione di Venezia 1567[10].

Opere derivateModifica

LetteraturaModifica

  • Nel 1560 Tullia d'Aragona compone il poema Il Meschio, o il Guerino, senza essere a conoscenza dell'edizione originale, ma traducendo in versi una versione spagnola.[11]
  • Diego Valeri ha scritto Il romanzo di Guerrino il Meschino, pubblicato nella Collana La Scala d'oro (UTET, Torino 1932), con illustrazioni in nero e a colori di Carlo Nicco[12].
  • Dall'opera di Andrea da Barberino deriva anche il poema epico cavalleresco intitolato Le armi vergini, scritto in rime da Letterio Calabrò e pubblicato nel 1933.
  • Un libro con il medesimo titolo - Il Guerrin Meschino - è stato scritto da Gesualdo Bufalino e pubblicato nel 1993 da Bompiani[13].

Contributi criticiModifica

  • Cesare Catà, L'idea di “anima stellata” nel Quattrocento fiorentino. Andrea da Barberino e la teoria psico-astrologica in Marsilio Ficino, in “Bruniana & Campanelliana”, XVI, 2 (2010), pp. 629–639

RivisteModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Il Guerin Meschino (periodico).

FumettiModifica

  • Una prima versione a fumetti fu realizzata nel 1942 in 10 albi in grande formato, dalle Edizione Alpe a Milano, nella collana "Albi della fantasia". Il disegnatore era Mario Zampini, dallo stile vagamente "liberty", e lo sceneggiatore era Cesare Solini. Questi albi, assai rari nell'edizione originale, sono stati riediti in una edizione anastatica assai ben curata.
  • Il Guerrino ha avuto riduzioni per fumetto anche su il Corriere dei Piccoli, giornale sul quale è stato pubblicato nel n. 29 del 1968, su testi di Mino Milani (che firmò con lo pseudonimo di Piero Selva) e con disegni di Sergio Toppi. Una precedente riduzione, con il titolo Guerino detto il Meschino, sviluppata in una ventina di puntate dal n. 30 del 1959 al n. 47 del 1959, era stata firmata da Domenico Natoli[12].
  • La Disney ad opera degli italiani Guido Martina e Pier Lorenzo De Vita omaggiò nel 1958 il romanzo con una sua reinterpretazione intitolata Paperin Meschino. Divisa in tre parti, la storia venne pubblicata inizialmente sulla testata Topolino nei numeri 197-198-199 e successivamente fu ristampata varie volte (1959-1973-1977-1992-2006) per far parte di raccolte a tema parodistico.

CinemaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Silvia Gorgi, I luoghi e i racconti più strani di Padova, Newton Compton Editori, 2018.
  2. ^ a b Guerrino il meschino e l’antro della Sibilla - Corriere Locride, su www.corrierelocride.it. URL consultato il 13 maggio 2019.
  3. ^ Giacomo Osella, Elementi popolari, cavallereschi e devoti nel « Guerrino », in Lares (Casa Editrice Leo S. Olschki s.r.l.), Vol. 32, 3/4 (Luglio-Dicembre 1966), pp. 119-124.
  4. ^ Claudia Di Fonzo, Introduzione a Pio Rajna, La materia e la forma della Divina Commedia.
  5. ^ H. Hawickhorst, Über die Geographie bei Andrea de’ Magnabotti, in Romanische Forschungen, XIII (1902), pp. 689-784.
  6. ^ P. Romagnoli, Paradiso della regina Sibilla. Testo originale a fronte, Tararà, 2001, Note al commento.
  7. ^ engramma - la tradizione classica nella memoria occidentale n.165, su www.engramma.it. URL consultato il 4 giugno 2019.
  8. ^ Andrea da Barberino, Il Guerrin Meschino, a cura di Mauro Cursietti, Editrice Antenore, 2005.
  9. ^ Vedi: "Il Guerrin Meschino", Venezia 1785 Archiviato il 7 ottobre 2011 in Internet Archive.
  10. ^ Vedi: "Il Guerrin Meschino", Venetia 1567 Archiviato l'11 marzo 2011 in Internet Archive.
  11. ^ Tullia : d' Aragona, Francesco Zanotto e Giovanni Maria Mazzuchelli, Il Meschino detto il Guerrino di Tullia d'Aragona, G. Antonelli, 1839. URL consultato il 9 aprile 2019.
  12. ^ a b Vedi: Lfb.it con sinossi degli otto libri secondo la versione di Napoli 1893
  13. ^ Vedi: Bompiani.rcslibri.corriere.it
  14. ^ Vedi: Scheda Internet Movie Database

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica