Henrik Coppens

calciatore belga
Henrik Coppens
Rik Coppens.jpg
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 170 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Termine carriera 1970 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1946-1961Beerschot362 (258)
1961-1962Charleroi27 (3)
1962-1967RWD Molenbeek127 (32)
1997-1969Berchem45 (8)
1969-1970non conosciuta Tubantia Borgerhout? (?)
Nazionale
1949-1959Belgio Belgio45 (20)
Carriera da allenatore
1971-1974Berchem
1974-1978Beerschot
1978-1981Berchem
1981-1982Club Bruges
1982-1984Beerschot
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Henrik Coppens (Anversa, 29 aprile 1930Anversa, 5 febbraio 2015[1]) è stato un calciatore e allenatore di calcio belga, di ruolo attaccante.

CarrieraModifica

Vincitore del titolo di Calciatore dell'anno in Belgio nella prima edizione di tale trofeo (1954), ha partecipato nello stesso anno con la nazionale belga ai Mondiali in Svizzera, disputando entrambe le partite giocate dai diavoli rossi e segnando una rete nel pareggio per 4-4 con l'Inghilterra.

Ha vinto per due volte la classifica dei marcatori della prima divisione belga.

È stato l'inventore del “rigore a due tocchi”[2], che ha avuto pochi seguaci: Johan Cruyff con Jesper Olsen[3], Lionel Messi assieme a Luis Suarez[4], mentre, in Italia, il primato lo hanno i gemelli Marco e Mario Piga[5].

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

Competizioni internazionaliModifica

Beerschot: 1978

NoteModifica

  1. ^ Beerschot e Belgio dicono addio a Coppens Uefa.com
  2. ^ Rigore, undici metri sotto al cielo Avvenire.it Archiviato il 25 luglio 2018 in Internet Archive.
  3. ^ Il rigore tattico, lo schema di Cruijff, su video.repubblica.it. URL consultato il 25 luglio 2018 (archiviato il 25 luglio 2018).
  4. ^ Il “rigore a due” di Messi e Suarez, su ilpost.it. URL consultato il 25 luglio 2018 (archiviato il 20 aprile 2016).
  5. ^ Messi, Cruyff? Siamo noi gli inventori del rigore a due, su repubblica.it. URL consultato il 25 luglio 2018 (archiviato il 22 febbraio 2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63428856 · ISNI (EN0000 0000 3650 8130 · LCCN (ENn2006004823 · WorldCat Identities (ENlccn-n2006004823