Nazionale di calcio dell'Islanda

Rappresentativa calcistica maschile dell'Islanda
Islanda Islanda
Knattspyrnusamband Íslands KSÍ logo.png
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
">
Calzettoni
Trasferta
Sport Football pictogram.svg Calcio
Federazione KSÍ
Knattspyrnusamband Íslands
Confederazione UEFA
Codice FIFA ISL
Soprannome Strákarnir okkar
(I nostri ragazzi)
Selezionatore Islanda Arnar Viðarsson
Record presenze Rúnar Kristinsson (104)
Capocannoniere Eiður Guðjohnsen, Kolbeinn Sigþórsson (26)
Stadio Laugardalsvöllur
(10 000 posti)
Ranking FIFA 39° (11 giugno 2020)[1]
Esordio internazionale
Islanda Islanda 0 - 3 Danimarca Danimarca
Reykjavík, Islanda; 17 luglio 1946
Migliore vittoria
Islanda Islanda 6 - 0 Indonesia Indonesia
Giacarta, Indonesia; 11 gennaio 2017
Peggiore sconfitta
Danimarca Danimarca 14 - 2 Islanda Islanda
Copenaghen, Danimarca; 23 agosto 1967
Campionato del mondo
Partecipazioni 1 (esordio: 2018)
Miglior risultato Primo turno nel 2018
Campionato d'Europa
Partecipazioni 1 (esordio: 2016)
Miglior risultato Quarti di finale nel 2016
Nations League
Partecipazioni 2 (esordio: 2018-2019)
Miglior risultato 12º posto nella Lega A 2018-2019

La nazionale di calcio dell'Islanda (in islandese Karlalandslið Íslands í knattspyrnu) è la squadra di calcio che rappresenta l'Islanda ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica dell'Islanda. Rappresenta il paese in tutte le competizioni internazionali dal 1946.

La squadra ha ottenuto i primi risultati di rilievo nella seconda metà degli anni duemiladieci. Il 6 settembre 2015 conseguì la sua prima qualificazione al campionato europeo[2]. Presente nella fase finale di Euro 2016, l'Islanda superò la fase a gironi come seconda classificata ed ebbe accessi alla fase a eliminazione diretta e, dopo aver eliminato agli ottavi di finale l'Inghilterra, fu estromessa dal torneo dalla Francia ai quarti. Il 9 ottobre 2017, dopo la vittoria per 2-0 sul Kosovo al Laugardalsvöllur di Reykjavík, guadagnò per la prima volta nella sua storia la qualificazione ai campionato mondiale, classificandosi prima nel proprio girone eliminatorio[3][4]. Al 2018, l'Islanda è lo Stato meno popoloso al mondo la cui nazionale si sia qualificata alla fase finale della massima competizione calcistica per nazionali[5]. La partecipazione della squadra islandese al mondiale si è conclusa al primo turno, con un pareggio (contro l'Argentina) e due sconfitte (contro Nigeria e Croazia).

La sua migliore posizione nella classifica mondiale della FIFA per nazionali è il 19º posto, raggiunto nel luglio 2017, mentre la peggiore è il 131º posto, toccato a giugno 2012. Nel giugno del 2020 si trova al 39º posto[1].

StoriaModifica

Dagli esordi agli anni duemilaModifica

Sebbene la KSÍ fosse stata fondata già nel 1921, il primo match internazionale di una selezione islandese fu disputato soltanto il 29 luglio 1930 contro le Isole Fær Øer in quella che era un'amichevole interna al Regno di Danimarca. L'Islanda vinse fuori casa 1-0. La partita non è ritenuta ufficiale perché entrambe le squadre e federazioni non erano affiliate alla FIFA. Quello che è considerato il primo match ufficiale della nazionale islandese, riconosciuto quindi anche dalla FIFA, è quello disputato a Reykjavík contro la Danimarca il 17 luglio 1946, perso dagli islandesi per 3-0. Di fatto per i primi 20 anni di esistenza della KSÍ, la squadra non partecipò ad alcuna qualificazione né ai Mondiali né agli Europei. La prima partecipazione islandese si registrò alle qualificazioni per i mondiali del 1958: il risultato fu abbastanza deludente, con l'Islanda ultima del proprio gruppo, mai vincente e un passivo di 26 gol. Con l'eccezione del Campionato Europeo del 1964 l'Islanda non provò altre qualificazioni ai tornei maggiori. Solo dal 1974 la squadra ha preso parte a tutte le successive qualifiche, senza tuttavia successo per numerosi anni. Nel 1994 la squadra raggiunse un primo traguardo, ottenendo un premio per la loro miglior posizione, allora, di sempre nel ranking FIFA, quando raggiunsero il 37º posto.

Tra i più eclatanti risultati precedenti agli anni Duemila ricordiamo una vittoria contro la Germania Est per 2 reti a 1 nel 1975 e due contro la Norvegia nel 1988.

Il 24 aprile 1996 Eiður Guðjohnsen debuttò in Nazionale sostituendo il padre Arnór nel secondo tempo di un'amichevole tra Islanda ed Estonia, entrando nella storia del calcio dato che mai prima di allora un padre e un figlio avevano giocato entrambi in una partita internazionale.[6]

Gli anni duemila e gli investimenti sul calcioModifica

Le cose migliorano durante le qualificazioni per l'europeo 2000. Gli islandesi, con Guðjón Þórðarson, raggiungono il quarto posto nel girone a sei squadre, con 15 punti (cinque in meno rispetto all'Ucraina, che può partecipare ai play-off): un successo rispetto agli scarsi risultati ottenuti in precedenza. Da ricordare il pareggio strappato alla Francia, allora campione del mondo, e la vittoria sulla Russia per 1 a 0.

Fu dopo quella campagna che il governo islandese puntò sullo sport ed in particolare il calcio per combattere il dilagante alcolismo e tabagismo che imperversava tra le fasce giovani della popolazione: si puntò alla costruzione di vari campi da calcio, in particolare indoor per ovviare il problema del clima inclemente al di fuori dei periodi estivi, si incoraggiò la pratica tra i giovani e si attuò ed organizzò dei corsi di formazione per allenatori e dirigenti.[7]

 
Una formazione islandese nel 2011

Prima del 2013, il risultato migliore in una competizione internazionale avvenne alle qualificazioni per l'europeo del 2004, quando la nazionale, guidata da Ásgeir Sigurvinsson, sfiorò per un punto il secondo posto nel girone preliminare: questo piazzamento avrebbe condotto la squadra ai play-off per la fase finale.

Il 18 agosto 2004 l'Islanda batté in amichevole per 2-0 l'Italia in occasione dell'esordio del commissario tecnico azzurro Marcello Lippi (che nel 2006 portò gli italiani a vincere la Coppa del Mondo).[8] Fu una partita da record anche perché allo stadio Laugardalsvöllur di Reykjavík accorsero 20.034 spettatori, mai così tanti per una partita in Islanda. Le due squadre si ritrovarono il 30 marzo 2005, sempre in un test amichevole: questo confronto terminò senza reti.[9]

Le prime qualificazioni europee e mondiali (2014-oggi)Modifica

Sovvertendo i pronostici, l'Islanda arrivò a giocarsi la qualificazione per il campionato del mondo 2014 nello spareggio contro la Croazia.[10] Dopo un pari senza reti all'andata[11], soltanto la sconfitta per 2-0 nel ritorno ha impedito l'accesso alla fase finale.[12] I progressi degli ultimi anni sono stati confermati durante la fase eliminatoria del campionato d'Europa 2016, in cui l'Olanda è stata battuta per 2-0.[13] Contro gli stessi olandesi, nella partita di ritorno, è stata conseguita una nuova vittoria[14]: infine, lo 0-0 contro il Kazakistan ha assicurato una storica qualificazione a un evento di calcio internazionale.[15] Nel girone della fase finale i nordici sono rimasti imbattuti, pareggiando contro Portogallo e Ungheria per poi battere l'Austria accedendo così agli ottavi.[16] Questo turno ha riservato l'eliminazione dell'Inghilterra, decisamente più quotata ma battuta per 2-1[17]; a fermare gli islandesi, nei quarti, sono stati i padroni di casa della Francia.[18]

 
Una formazione islandese al campionato del mondo 2018

Un anno più tardi l'Islanda si qualificò per la prima volta anche per il campionato mondiale. La qualificazione a Russia 2018 fu ottenuta vincendo il girone davanti alla Croazia[4][19]. Questo risultato rese la nazionale islandese la selezione dello stato più piccolo in termini di abitanti a essersi qualificata per un mondiale, con i suoi 334 000 abitanti e, più in generale, l'unico paese con meno di un milione di abitanti ad aver disputato una fase finale di Coppa del mondo[20]. Dopo un buon esordio a Russia 2018, caratterizzato da un pari per 1-1 contro la quotata Argentina di Leo Messi, che si fece parare un rigore dall'estremo difensore avversario, la squadra islandese perse per 2-0 contro la Nigeria (match in cui fallì un rigore nel finale di gara) e fu sconfitta per 2-1 anche dalla Croazia. La squadra islandese terminò l'esperienza mondiale all'ultimo posto del girone, totalizzando un solo punto in tre partite.

Terminata l'esperienza al mondiale, ha partecipato alla Nations League 2018-2019, nuova competizione europea, nella quale, grazie agli ottimi risultati dell'ultimo biennio, è stata sorteggiata nel gruppo 2 della Lega A insieme a Svizzera e Belgio. Con quattro sconfitte i nordici retrocedono nella Lega B per poi essere riammessi in Lega A per allargamento dei quadri.

IncontriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Incontri ufficiali della Nazionale di calcio dell'Islanda.

Impianti e struttureModifica

 
Il Laugardalsvöllur, stadio di casa della nazionale islandese

La nazionale islandese disputa i propri incontri casalinghi nello stadio Laugardalsvöllur di Reykjavík, impianto casalingo anche del Fram, club della capitale. L'impianto originariamente era di modeste dimensioni, con una sola tribuna costruita nel 1958. Soltanto nel 1997 fu aggiunta un'altra tribuna opposta, prima della ristrutturazione complessiva avvenuta nel 2006 a seguito degli impegni del governo islandese di valorizzare il calcio, che ha portato l'impianto ad avere circa 9.800 posti a sedere, con una capienza massima di 15.000 calcolando anche quelli in piedi. Paradossalmente la partita che ha visto più spettatori è stata l'amichevole disputata tra Islanda ed Italia nel 2004 quando lo stadio aveva ancora soltanto le due tribune, con un'affluenza di 20.204 spettatori, molti dei quali in piedi.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

 
Kolbeinn Sigþórsson nel 2014 con la tipica maglia casalinga (blu) dell'Islanda

L'Islanda scende tradizionalmente in campo con una divisa ove il colore dominante è l'azzurro. Col passare del tempo sono entrate in uso quali tinte complementari anche il bianco ed il rosso, così da richiamare i colori della bandiera nazionale.

Tra le divise più iconiche vi sono quelle sfoggiate ad Euro 2016 e al mondiale 2018, entrambe prodotte dall'italiana Erreà: la prima composta da un kit blu con una fascia rossa bordata di bianco verticale sul lato, che sfuma con un gioco di pallini nei pressi dello stemma della federazione, la seconda ugualmente blu con maniche raglan adornate da un motivo sfumato nei tre colori della bandiera nazionale; idealmente esse evocavano i geyser, peculiare fenomeno geologico islandese[21]. Complice la contestuale crescita del livello della squadra, si è verificato un aumento esponenziale di richieste del materiale di merchandising, obbligando ad aumentare la produzione delle divise onde soddisfare le richieste degli acquirenti.[22].

Le divise da trasferta sono generalmente a colori invertiti rispetto alle casalinghe, pertanto su di esse domina il bianco; le terze divise, laddove previste dai contratti di sponsorizzazione, hanno visto l'adozione di soluzioni con il rosso o il nero quali tinte dominanti.

Modifica

Periodo Fornitore
1947–1975   Adidas
1975-1976   Umbro
1976-1993   Adidas
1993–2002   Reusch
2002–2020   Erreà
2020-   Puma

Simboli ufficialiModifica

Nei primi decenni di attività, la nazionale di calcio islandese ha adottato quale simbolo la bandiera nazionale, applicandondola talora (con pochi orpelli) sul torso delle casacche da gioco. Nel 1973 fece la sua comparsa sui pantaloncini da gioco l'acronimo federale KSÍ, mentre tre anni dopo il logo della federazione (poi ridisegnato nel 1997) fu ricamato sul petto delle maglie[23].

Nel 2020, allorché la federcalcio islandese ha attuato un completo rebranding, la nazionale si è dotata di un proprio logo, sotto forma di un complesso di linee spezzate che formano la rappresentazione stilizzata dei Landvættir, gli "spiriti" (toro, drago, aquila e gigante) che secondo la mitologia norrena proteggerebbero le quattro regioni storiche islandesi (Vopnafjörður, Eyjafjörður, Reykjanes, Breiðafjörður)[24].

Partecipazioni ai tornei internazionaliModifica

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1950 Non partecipante
1954 Non partecipante
1958 Non qualificata
1962 Non partecipante
1966 Non partecipante
1970 Non partecipante
1974 Non qualificata
1978 Non qualificata
1982 Non qualificata
1986 Non qualificata
1990 Non qualificata
1994 Non qualificata
1998 Non qualificata
2002 Non qualificata
2006 Non qualificata
2010 Non qualificata
2014 Non qualificata
2018 Primo turno
Campionato europeo
Edizione Risultato
1960 Non partecipante
1964 Non qualificata
1968 Non partecipante
1972 Non partecipante
1976 Non qualificata
1980 Non qualificata
1984 Non qualificata
1988 Non qualificata
1992 Non qualificata
1996 Non qualificata
2000 Non qualificata
2004 Non qualificata
2008 Non qualificata
2012 Non qualificata
2016 Quarti di finale
Giochi olimpici[25]
Edizione Risultato
1948 Non partecipante
Confederations Cup
Edizione Risultato
1992 Non invitata
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata
2017 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionaliModifica

MondialiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1950   Brasile Non qualificata - - - -
1954   Svizzera Non qualificata - - - -
1958   Svezia Non qualificata - - - -
1962   Cile Non qualificata - - - -
1966   Inghilterra Non qualificata - - - -
1970   Messico Non qualificata - - - -
1974   Germania Ovest Non qualificata - - - -
1978   Argentina Non qualificata - - - -
1982   Spagna Non qualificata - - - -
1986   Messico Non qualificata - - - -
1990   Italia Non qualificata - - - -
1994   Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998   Francia Non qualificata - - - -
2002   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2006   Germania Non qualificata - - - -
2010   Sudafrica Non qualificata - - - -
2014   Brasile Non qualificata - - - -
2018   Russia Primo turno 0 1 2 2:5

EuropeiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1960   Francia Non qualificata - - - -
1964   Spagna Non qualificata - - - -
1968   Italia Non qualificata - - - -
1972   Belgio Non qualificata - - - -
1976   Jugoslavia Non qualificata - - - -
1980   Italia Non qualificata - - - -
1984   Francia Non qualificata - - - -
1988   Germania Ovest Non qualificata - - - -
1992   Svezia Non qualificata - - - -
1996   Inghilterra Non qualificata - - - -
2000   Belgio /   Paesi Bassi Non qualificata - - - -
2004   Portogallo Non qualificata - - - -
2008   Austria /   Svizzera Non qualificata - - - -
2012   Polonia /   Ucraina Non qualificata - - - -
2016   Francia Quarti di finale 2 2 1 8:9
2021[26]   Europa Non qualificata - - - -

FIFA Confederations CupModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1995   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1997   Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1999   Messico Non qualificata - - - -
2001   Corea del Sud /   Giappone Non qualificata - - - -
2003   Francia Non qualificata - - - -
2005   Germania Non qualificata - - - -
2009   Sudafrica Non qualificata - - - -
2013   Brasile Non qualificata - - - -
2017   Russia Non qualificata - - - -

UEFA Nations LeagueModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
2018-2019   Portogallo 12º in Lega A [27] 0 0 3 1:11
2020-2021   Italia 16° in Lega A[28] 0 0 6 3:17

OlimpiadiModifica

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1948 Londra Non partecipante - - - -

Tutte le roseModifica

MondialiModifica

Coppa del Mondo FIFA 2018
Halldórsson, 2 Sævarsson, 3 Friðjónsson, 4 A. Guðmundsson, 5 Ingason, 6 R. Sigurðsson, 7 J. B. Guðmundsson, 8 Bjarnason, 9 Sigurðarson, 10 G. Sigurðsson, 11 Finnbogason, 12 Schram, 13 Rúnarsson, 14 Árnason, 15 Eyjólfsson, 16 Ó. I. Skúlason, 17 Gunnarsson, 18 Magnússon, 19 Gíslason, 20 Hallfreðsson, 21 Traustason, 22 Böðvarsson, 23 A. F. Skúlason, CT: Hallgrímsson

EuropeiModifica

Campionato d'Europa UEFA 2016
Halldórsson, 2 Sævarsson, 3 Hauksson, 4 Hermannsson, 5 Ingason, 6 R. Sigurðsson, 7 Guðmundsson, 8 B. Bjarnason, 9 Sigþórsson, 10 G. Sigurðsson, 11 Finnbogason, 12 Kristinsson, 13 Jónsson, 14 Árnason, 15 Böðvarsson, 16 Sigurjónsson, 17 Gunnarsson, 18 T. Bjarnason, 19 Magnússon, 20 Hallfreðsson, 21 Traustason, 22 Guðjohnsen, 23 Skúlason, CT: Lagerbäck e Hallgrímsson

Rosa attualeModifica

Lista dei giocatori convocati per la finale playoff contro l'Ungheria del 12 novembre 2020, valida per l'accesso alla fase a gironi a UEFA Euro 2020 e per le gare della fase a gironi della UEFA Nations League 2020-2021 contro la Danimarca e l'Inghilterra del 15 e 18 novembre 2020.

Presenze e reti aggiornate al 14 ottobre 2020

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Hannes Þór Halldórsson 27 aprile 1984 (36 anni) 72 0   Valur
P Ögmundur Kristinsson 19 giugno 1989 (31 anni) 16 0   Olympiacos
P Rúnar Alex Rúnarsson 18 febbraio 1995 (26 anni) 6 0   Arsenal
D Ragnar Sigurðsson 19 giugno 1986 (34 anni) 96 5   Copenhagen
D Birkir Már Sævarsson 11 novembre 1984 (36 anni) 93 2   Valur
D Kári Árnason 13 ottobre 1982 (38 anni) 85 6   Víkingur Reykjavík
D Ari Freyr Skúlason 14 maggio 1987 (33 anni) 74 0   Oostende
D Sverrir Ingi Ingason 5 agosto 1993 (27 anni) 33 3   PAOK
D Hörður Björgvin Magnússon 11 febbraio 1993 (28 anni) 32 2   CSKA Mosca
D Hólmar Örn Eyjólfsson 6 agosto 1990 (30 anni) 17 2   Rosenborg
D Hjörtur Hermannsson 8 febbraio 1995 (26 anni) 17 1   Brøndby
C Birkir Bjarnason 27 maggio 1988 (32 anni) 89 13   Brescia
C Aron Gunnarsson 22 aprile 1989 (31 anni) 89 2   Al-Arabi (Capitano)
C Gylfi Sigurðsson 8 settembre 1989 (31 anni) 76 24   Everton
C Jóhann Berg Guðmundsson 27 ottobre 1990 (30 anni) 76 7   Burnley
C Arnór Ingvi Traustason 30 aprile 1993 (27 anni) 37 5   Malmö
C Rúnar Már Sigurjónsson 18 giugno 1990 (30 anni) 28 1   Astana
C Victor Pálsson 30 aprile 1991 (29 anni) 20 0   Darmstadt
C Arnór Sigurðsson 15 maggio 1999 (21 anni) 10 1   CSKA Mosca
A Kolbeinn Sigþórsson 14 marzo 1990 (30 anni) 59 26   AIK
A Alfreð Finnbogason 1º febbraio 1989 (32 anni) 59 15   Augusta
A Jón Daði Böðvarsson 25 maggio 1992 (28 anni) 52 3   Millwall
A Viðar Örn Kjartansson 11 marzo 1990 (30 anni) 27 3   Vålerenga
A Albert Guðmundsson 15 giugno 1997 (23 anni) 15 3   AZ

Staff tecnicoModifica

Staff tecnico
  • Commissario Tecnico:   Arnar Viðarsson
  • Vice-Allenatore:   Eiður Guðjohnsen
  • Preparatore dei portieri:   Gudmundur Hreidarsson
  • Fisioterapista:   Friðrik Ellert Jónsson
  • Fisioterapista:   Pétur Örn Gunnarsson
  • Preparatore atletico:   Sebastian Boxleitner
  • Medico sociale: ?

Record individualiModifica

 
Aron Gunnarsson, attuale capitano dell'Islanda
 
Eiður Guðjohnsen, primatista di gol con la nazionale islandese insieme a Kolbeinn Sigþórsson

Dati aggiornati al 12 dicembre 2020.

Record di presenzeModifica

Pos. Nome Presenze Reti Periodo
1 Rúnar Kristinsson 104 3 1987-2004
2 Ragnar Sigurðsson 97 5 2007-
3 Birkir Már Sævarsson 95 2 2007-
4 Birkir Bjarnason 92 13 2010-
5 Aron Einar Gunnarsson 91 2 2008-
6 Hermann Hreiðarsson 89 5 1996-2011
7 Eiður Guðjohnsen 88 26 1996-2016
8 Kári Árnason 87 6 2005-
9 Guðni Bergsson 80 1 1984-2003
10 Gylfi Sigurðsson 78 25 2010-

Record di retiModifica

Pos. Nome Reti Presenze Periodo Reti a partita
1 Kolbeinn Sigþórsson 26 60 2010- 0.47
Eiður Guðjohnsen 88 1996-2016 0.30
3 Gylfi Sigurðsson 25 78 2010- 0.30
4 Ríkharður Jónsson 17 33 1947-1965 0.52
5 Alfreð Finnbogason 15 61 2010- 0.27
6 Ríkharður Daðason 14 44 1991-2004 0.32
Arnór Guðjohnsen 73 1979-1997 0.19
8 Birkir Bjarnason 13 92 2010- 0.15
Þórður Guðjónsson 58 1993-2004 0.22
10 Tryggvi Guðmundsson 12 42 1997-2008 0.29
Heiðar Helguson 55 1999-2011 0.22

Commissari tecniciModifica

I primi quattro allenatori furono alla guida della Nazionale per una sola partita.

 

Confronti con altre NazionaliModifica

Tra gli avversari nazionali contro cui sono stati disputati almeno 10 incontri, l'Islanda presenta i seguenti saldi:

Saldo positivoModifica

Nazionale Giocate Vinte Nulle Perse Reti fatte Reti subite Differenza Ultima vittoria Ultimo pari Ultima sconfitta
  Malta 14 10 1 3 31 10 +21 19 novembre 2008 9 ottobre 2004 4 febbraio 2008
  Fær Øer 12 11 0 1 23 8 +15 15 agosto 2012 22 marzo 2009

Saldo negativoModifica

Nazionale Giocate Vinte Nulle Perse Reti fatte Reti subite Differenza Ultima vittoria Ultimo pari Ultima sconfitta
  Norvegia 26 7 4 15 25 50 –25 7 settembre 2012 5 settembre 2009 3 settembre 2010
  Danimarca 19 0 3 16 10 63 –53 4 settembre 1991 4 giugno 2011
  Svezia 13 2 2 9 13 30 –17 16 agosto 2000 1º giugno 1995 6 giugno 2007
  Germania Est 11 1 1 9 5 26 –21 5 giugno 1975 12 ottobre 1974 6 settembre 1989
  Francia 11 0 3 8 8 32 –24 5 settembre 1998 3 luglio 2016
  Finlandia 10 2 2 6 10 17 –7 2 febbraio 2000 25 giugno 1980 30 aprile 2003
  Paesi Bassi 10 2 1 9 5 33 –28 3 settembre 2015 1º settembre 1982 6 giugno 2009

NoteModifica

  1. ^ a b Fifa World Ranking, fifa.com, su fifa.com.
  2. ^ Qualificazioni Europei: la Norvegia scavalca la Croazia, l'Olanda crolla. Storica Islanda: è qualificata repubblica.it
  3. ^ (IS) Þórður Snær Júlíusson, Það er staðfest...Ísland fer á HM!, su Kjarninn.is, 9 ottobre 2017. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  4. ^ a b Paolo Tomaselli, Qualificazioni Mondiali 2018: Islanda in Russia: il c.t dentista Hallgrímsson ha fatto sognare un Paese, in Corriere della Sera, 9 ottobre 2017. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  5. ^ La più piccola nazione a essersi mai qualificata ai Mondiali di calcio, su ilpost.it.
  6. ^ Padre e figlio in nazionale nella stessa partita di calcio Sportvintage.it
  7. ^ Il Messaggero: "Cenerentola Islanda: da 15 anni il governo investe nello sport per combattere alcolismo e tabagismo"
  8. ^ Pessimo esordio per Lippi Italia sconfitta in Islanda, su Repubblica.it, 18 agosto 2004. URL consultato il 28 giugno 2016.
  9. ^ Enrico Currò, Italia 2 che noia Con l'Islanda solo 0-0 ma Mondiale più vicino, in la Repubblica, 31 marzo 2005.
  10. ^ Qualificazioni mondiali: Spagna, Russia e Inghilterra ok. Prima volta Bosnia, Islanda al playoff, su repubblica.it, 15 ottobre 2013.
  11. ^ Qualificazioni: pareggio tra Islanda e Croazia La Grecia schiaccia la Romania: 3-1, su gazzetta.it, 15 novembre 2013.
  12. ^ Brasile 2014: qualificate Grecia e Croazia, eliminate Romania e Islanda, su gazzetta.it, 19 novembre 2013.
  13. ^ L'Islanda gela l'Olanda. Croazia super: 6-0 all'Azerbaigian, su sport.sky.it, 13 ottobre 2014.
  14. ^ Euroqualificazioni, Olanda-Islanda 0-1, Belgio-Bosnia 3-1, Cipro-Galles 0-1, su gazzetta.it, 3 settembre 2015.
  15. ^ Euro 2016: Islanda e Rep. Ceca: festa! Galles e Belgio: ci siamo, su gazzetta.it, 6 settembre 2015.
  16. ^ Cesare Zanotto, Euro 2016: Islanda-Austria 2-1, la squadra di Lagerback vola agli ottavi, su sportmediaset.mediaset.it, 22 giugno 2016.
  17. ^ Islanda-Inghilterra 2-1 e il commentatore islandese esplode, tra gioia e incredulità, su it.eurosport.com, 28 giugno 2016.
  18. ^ Andrea Sorrentino, Ciao Islanda, allegra fino all'ultimo, in la Repubblica, 4 luglio 2016, p. 40.
  19. ^ Russia 2018, Spagna ok in Macedonia. Colpo Islanda: 1-0 e aggancio alla Croazia, su gazzetta.it, 11 giugno 2017.
  20. ^ La più piccola nazione a essersi mai qualificata ai Mondiali di calcio, su ilpost.it, 10 ottobre 2017.
  21. ^ https://www.passionemaglie.it/maglia-islanda-europei-2016-errea/ Passione Maglie - Break The Ice, Le maglie dell'Islanda per gli Europei 2016
  22. ^ Il Fatto Quotidiano - "Islanda mania, richiesta record di maglie ufficiali da tutto il mondo: alla Erreà di Parma si lavora giorno e notte per superare il sold out"
  23. ^ Búningasaga Íslenska landsliðsins - History of our kit - facebook.com/footballiceland, 14 mar 2018
  24. ^ Islanda, un nuovo logo epico fra design moderno e antichi simboli - passionemaglie.it, 8 lug 2020
  25. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.
  26. ^ Originariamente previsto per il 2020, fu posticipato al 2021 in seguito alla pandemia di COVID-19 del 2019-2021
  27. ^ Retrocessa in Lega B ma successivamente ripescata in Lega A con il cambio di formula a partire dall'edizione 2020-2021.
  28. ^ Retrocessa in Lega B

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica