Apri il menu principale
Leyton House CG911
Descrizione generale
Costruttore Regno Unito  March Engineering
Categoria Formula 1
Produzione 1991
Squadra Leyton House March Racing Team
Progettata da Gustav Brunner e Chris Murphy
Sostituisce Leyton House CG901
Sostituita da Leyton House CG911B
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio monoscocca in fibra di carbonio
Motore Ilmor LH10 da 3 498 cm3 inclinato di 72º V10 longitudinale alle spalle del pilota
Trasmissione cambio manuale March 6 marce + RM
Dimensioni e pesi
Passo 2790 mm mm
Peso 505 kg kg
Altro
Carburante BP
Pneumatici Goodyear
Risultati sportivi
Debutto Stati Uniti Gran Premio degli Stati Uniti 1991
Piloti 15. Brasile Maurício Gugelmin
16. Italia Ivan Capelli
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
32 0 0 0
Campionati costruttori 0
Campionati piloti 0

La Leyton House CG911 è la vettura utilizzata dalla March Engineering nel Campionato mondiale di Formula 1 1991: progettata da Gustav Brunner e Chris Murphy, venne guidata da Maurício Gugelmin e Ivan Capelli e venne riutilizzata, aggiornata, nel Campionato mondiale di Formula 1 1992.

CG911Modifica

La vettura venne sviluppata senza discostarsi troppo dalla precedente Leyton House CG901, che a sprazzi aveva fornito buone prestazione. Il più grande cambiamento fu senza dubbio quello del motore, in quanto la scuderia anglo-giapponese passò alla Ilmor lasciando così la Judd. Maurício Gugelmin guidò la vettura per tutto il corso della stagione, mentre Karl Wendlinger sostituì Ivan Capelli negli ultimi due appuntamenti stagionali.

La scuderia visse una stagione molto travagliata, sia a causa di motore che garantì scarsa affidabilità se confrontato al Judd, sia a causa di alcune vicende extrasportive che coinvolsero nel mese di settembre il rappresentante della squadra Akira Akagi, che venne arrestato nel Fuji con l'accusa di frode. A causa di questo scandalo, il giapponese fu costretto a passare di la mano alla fine della stagione e la scuderia si trovò costretta a cambiare nome in vista della stagione successiva. Il miglior risultato venne ottenuto da Capelli, che giunse al sesto posto nel Gran Premio d'Ungheria.

CG911BModifica

Assunta nuovamenta la denominazione di March in luogo di Leyton House a causa delle sopraccitate vicende che videro coinvolto Akagi, il nome della macchina è stato in March CG911B pur rimanendo sostanzialmente la vettura della stagione precedente.

Al Gran Premio del Giappone l'austriaco Wendlinger, che aveva fatto il suo debutto nella precedente stagione, venne sostituito dal pilota di Formula 3000 Paul Belmondo: il francese fu il primo dei sostituti di Wendlinger e tra gli altri ci furono Jan Lammers e Emanuele Naspetti.

Wendlinger fu però l'unico a mettersi in luce, conquistando un ottimo quarto posto Gran Premio del Canada, al contrario di Belmondo che collezionò solamente risultati mediocri e ben sei ritiri.

La squadra, che si teneva a stento a galla a causa delle evidenti difficoltà finanziarie, annunciò l'intenzione di iscriversi al mondiale del 1993: la FIA inserì nella lista degli iscritti la scuderia, che presentava alla guida delle proprie vetture Lammers e il francese Jean-Marc Gounon. Per rispariare ulteriori fondi si decise di utilizzare la macchina dell'anno precedente, ma quando si giunse in Sudafrica la March non si presentò e chiuse i battenti.