Apri il menu principale

Motomondiale 2001

edizione del motomondiale
Motomondiale 2001
Edizione nº 53 del Motomondiale
Dati generali
Inizio8 aprile
Termine3 novembre
Prove16
Titoli in palio
Classe 500Italia Valentino Rossi
su Honda NSR 500
Classe 250Giappone Daijirō Katō
su Honda RS 250 R
Classe 125San Marino Manuel Poggiali
su Gilera 125 GP
Altre edizioni
Precedente - Successiva
Edizione in corso

La stagione 2001 è stata la cinquantatreesima del Motomondiale; si svolsero le stesse 16 prove dell'anno precedente con solo delle modifiche nell'ordine del calendario.

Il contestoModifica

Si trattò dell'ultima stagione di gare della classe 500, categoria dove ormai da anni gareggiavano solo motociclette dotate di motore a due tempi, destinata ad essere sostituita dal motomondiale 2002 dalla nuova MotoGP dove erano ammesse motociclette con motore a quattro tempi di cilindrata inferiore a 1.000 cm3.

In totale la storia della classe 500 terminò dopo 580 gran premi: il primo fu al Tourist Trophy 1949 e l'unico circuito su cui si svolse in tutte le 53 edizioni fu quello di Assen.

La stagione di gare iniziò l'8 aprile con la disputa del Gran Premio motociclistico del Giappone per prevedere quindici giorni dopo la trasferta per il Gran Premio motociclistico del Sudafrica; le gare disputate consecutivamente tra maggio e settembre in Europa furono sempre dieci. La conclusione avvenne con quattro trasferte, dapprima in Asia e Oceania per la seconda prova disputata in Giappone, per il Gran Premio motociclistico d'Australia e quello della Malesia (l'anno precedente inserito invece all'inizio de calendario); la prova conclusiva si ebbe in Sudamerica con il Gran Premio motociclistico del Brasile del 3 novembre.

Si sono laureati campioni del mondo Valentino Rossi nella classe 500, Daijirō Katō nella classe 250 e Manuel Poggiali nella classe 125; i primi due disponevano di moto Honda, il terzo di una Gilera, fu comunque la casa motociclistica giapponese ad aggiudicarsi il titolo costruttori in tutte e tre le classi.

Durante la stagione, in occasione delle tre vittorie ottenute nel GP del Giappone, proprio la Honda tagliò il traguardo storico delle 500 vittorie ottenute in tutte le categorie.

Il calendarioModifica

Data
Resoconto
Gran Premio
(Circuito)
Vincitori
classe 125 classe 250 classe 500
8 aprile
Resoconto
  GP del Giappone
(Suzuka)
  Masao Azuma   Daijirō Katō   Valentino Rossi
22 aprile
Resoconto
  GP del Sudafrica
(Welkom)
  Yōichi Ui   Daijirō Katō   Valentino Rossi
6 maggio
Resoconto
  GP di Spagna
(Jerez)
  Masao Azuma   Daijirō Katō   Valentino Rossi
20 maggio
Resoconto
  GP di Francia
(Le Mans)
  Manuel Poggiali   Daijirō Katō   Max Biaggi
3 giugno
Resoconto
  GP d'Italia
(Mugello)
  Noboru Ueda   Tetsuya Harada   Alex Barros
17 giugno
Resoconto
  GP di Catalogna
(Catalunya)
  Lucio Cecchinello   Daijirō Katō   Valentino Rossi
30 giugno
Resoconto
  GP d'Olanda
(Assen)
  Toni Elías   Jeremy McWilliams   Max Biaggi
8 luglio
Resoconto
  GP di Gran Bretagna
(Donington Park)
  Yōichi Ui   Daijirō Katō   Valentino Rossi
22 luglio
Resoconto
  GP di Germania
(Sachsenring)
  Simone Sanna   Marco Melandri   Max Biaggi
26 agosto
Resoconto
  GP della Repubblica Ceca
(Brno)
  Toni Elías   Tetsuya Harada   Valentino Rossi
9 settembre
Resoconto
  GP del Portogallo
(Estoril)
  Manuel Poggiali   Daijirō Katō   Valentino Rossi
23 settembre
Resoconto
  GP della Comunità Valenciana
(Valencia)
  Manuel Poggiali   Daijirō Katō   Sete Gibernau
7 ottobre
Resoconto
  GP del Pacifico
(Motegi)
  Yōichi Ui   Tetsuya Harada   Valentino Rossi
14 ottobre
Resoconto
  GP d'Australia
(Phillip Island)
  Yōichi Ui   Daijirō Katō   Valentino Rossi
21 ottobre
Resoconto
  GP della Malesia
(Sepang)
  Yōichi Ui   Daijirō Katō   Valentino Rossi
3 novembre
Resoconto
  GP del Brasile
(Jacarepaguá)
  Yōichi Ui   Daijirō Katō   Valentino Rossi

Sistema di punteggio e legendaModifica

Pos. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 >
Punti 25 20 16 13 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0

Le classiModifica

Classe 500Modifica

 
La Honda NSR 500 vincitrice del titolo

Al secondo anno nella classe regina, Valentino Rossi si aggiudicò il titolo piloti su una Honda NSR (sempre gestita da un team autonomo rispetto a quello ufficiale della Honda Racing Corporation, che schierava tra le sue file Àlex Crivillé e Tōru Ukawa), precedendo i connazionali Max Biaggi su una Yamaha YZR e Loris Capirossi su Honda. Quest'ultima si aggiudicò anche il titolo riservato ai costruttori, precedendo Yamaha e Suzuki.

Il detentore del titolo iridato del motomondiale 2000, Kenny Roberts Jr su Suzuki, si dovette accontentare quest'anno dell'undicesimo posto finale senza alcuna vittoria.

Rossi si aggiudicò anche 11 dei 16 Gran Premi in calendario, Biaggi si impose in altre tre occasioni e gli ultimi due successi furono di Alex Barros su Honda e di Sete Gibernau passato quest'anno alla guida della Suzuki RGV Γ 500.

Alcuni dei Gran Premi della stagione furono avversati dal maltempo: il GP d'Italia (disputato in due manches), quello d'Olanda (gara ridotta in lunghezza) e quello del Brasile.

Come in diversi casi precedenti, non sempre si ebbero 15 piloti a traguardo e, di conseguenza, non sempre tutti i punti disponibili vennero assegnati.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2001.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
1   Valentino Rossi Honda 1 1 1 3 Rit 1 2 1 7 1 1 11 1 1 1 1 325
2   Max Biaggi Yamaha 3 8 11 1 3 2 1 2 1 10 5 10 Rit 2 Rit 3 219
3   Loris Capirossi Honda 8 2 8 7 2 3 3 10 8 3 2 Rit 3 3 2 5 210
4   Alex Barros Honda 6 9 6 8 1 Rit 4 3 5 9 Rit 2 2 4 7 4 182
5   Shin'ya Nakano Yamaha 5 4 4 11 8 4 5 6 3 NP 9 7 6 7 4 9 155
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.
Classifica costruttori (prime tre posizioni)
Pos Costruttore                                 P.ti
1   Honda 1 1 1 3 1 1 2 1 5 1 1 2 1 1 1 1 367
2   Yamaha 2 4 2 1 3 2 1 2 1 4 3 4 4 2 3 2 295
3   Suzuki 7 7 7 6 6 5 6 8 9 8 6 1 8 9 8 12 153
Pos Costruttore                                 P.ti

Classe 250Modifica

 
La Honda NSR 250 di Daijirō Katō

Dopo che i primi due classificati dell'anno precedente, Olivier Jacque e Shin'ya Nakano, erano passati a gareggiare nella classe di cilindrata superiore, il titolo piloti fu ottenuto da Daijirō Katō su Honda NSR (terzo l'anno prima) che si aggiudicò anche 11 delle 16 prove disputate, aggiudicandosi matematicamente il titolo con due gare di anticipo e precedendo in classifica il connazionale Tetsuya Harada e Marco Melandri, entrambi su Aprilia RSW; le due case motociclistiche si classificarono nello stesso ordine anche nel campionato destinato ai costruttori. La Yamaha, vincitrice del titolo del 2000, piazzò il migliore dei suoi piloti, Naoki Matsudo, al nono posto.

Per la prima volta nella storia della categoria vi fu al via dei gran premi per l'intera stagione una donna, si tratta della tedesca Katja Poensgen che raccolse 2 punti in classifica iridata.

Il GP d'Olanda fu disturbato dal maltempo e vide la prima vittoria in carriera per il pilota nordirlandese Jeremy McWilliams (l'ultima vittoria di un pilota britannico in questa classe risaliva al 1983); fu anche l'unico pilota ad ottenere successi stagionali oltre ai primi tre in classifica generale, tre furono infatti di Harada e una di Melandri (alla prima vittoria in questa classe).

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2001.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
1   Daijirō Katō Honda 1 1 1 1 10 1 11 1 2 3 1 1 Rit 1 1 1 322
2   Tetsuya Harada Aprilia 2 3 2 2 1 2 24 18 3 1 3 2 1 2 2 6 273
3   Marco Melandri Aprilia 6 2 3 3 3 Rit 6 3 1 2 2 Rit Rit NP 11 2 194
4   Roberto Rolfo Aprilia 5 8 7 9 2 3 Rit 2 4 5 4 8 5 3 10 8 177
5   Fonsi Nieto Aprilia 11 5 5 5 5 5 NP 6 10 4 7 3 4 5 3 4 167
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.
Classifica costruttori
Pos Costruttore                                 P.ti
1   Honda 1 1 1 1 6 1 2 1 2 3 1 1 2 1 1 1 361
2   Aprilia 2 2 2 2 1 2 1 2 1 1 2 2 1 2 2 2 345
3   Yamaha 4 7 12 8 9 10 3 5 8 8 6 6 7 9 7 9 142
Pos Costruttore                                 Pti

Classe 125Modifica

 
Lucio Cecchinello nel GP d'Australia

In quest'anno il gruppo Piaggio acquisisce la Derbi, pertanto decise di ripresentare in corsa un altro marchio storico in suo possesso la Gilera; Manuel Poggiali con questa moto si aggiudicò il titolo iridato dei piloti, pur avendo vinto solo 3 gran premi in stagione. Fu anche il primo titolo ottenuto da un pilota di San Marino e il ritorno alla vittoria della Gilera nei gran premi dal motomondiale 1963.

Al secondo posto si classificò Yōichi Ui su Derbi che ottenne anche 6 vittorie nelle singole prove; al terzo posto giunse Toni Elías su Honda (2 vittorie).

La vittoria nel GP d'Italia con Noboru Ueda rappresentò anche la prima vittoria nel motomondiale per la Technical Sport Racing, preparatore di motociclette con motore Honda. Nel GP di Catalogna fu Aprilia a conquistare il suo 50º successo della storia.

Per quanto riguarda il titolo riservato ai costruttori, fu appannaggio della casa motociclistica giapponese Honda che precedette Aprilia e Gilera.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Risultati del motomondiale 2001.
Classifica piloti (prime 5 posizioni)
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
1   Manuel Poggiali Gilera 5 2 Rit 1 3 3 Rit 3 3 Rit 1 1 2 2 2 5 241
2   Yōichi Ui Derbi 2 1 Rit 11 18 5 Rit 1 19 4 2 4 1 1 1 1 232
3   Toni Elías Honda 16 18 13 3 4 2 1 2 2 1 3 2 Rit 3 6 4 217
4   Lucio Cecchinello Aprilia 6 19 2 5 Rit 1 Rit 5 5 2 16 8 4 5 3 Rit 156
5   Masao Azuma Honda 1 10 1 8 8 Rit Rit 4 4 13 Rit 23 5 4 8 7 142
Pos. Pilota Moto                                 P.ti
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Gara non valida Non qualificato Ritirato Squalificato "-" Dato non disp.
Fonte dei dati: motogp.com, racingmemo.free.fr, autosport.com, jumpingjack.nl.
Classifica costruttori (prime tre posizioni)
Pos Costruttore                                 P.ti
1   Honda 1 5 1 2 4 2 1 2 2 1 3 2 3 3 4 3 301
2   Aprilia 3 4 2 4 2 1 3 5 1 2 4 5 4 5 3 2 263
3   Gilera 5 2 Rit 1 3 3 Rit 3 3 Rit 1 1 2 2 2 5 241

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica