Mussolini ultimo atto

film del 1974 diretto da Carlo Lizzani

Mussolini ultimo atto è un film del 1974 diretto da Carlo Lizzani. Racconta gli ultimi giorni di Benito Mussolini.

Mussolini ultimo atto
Benito Mussolini (Rod Steiger) subito dopo l'arresto da parte dei partigiani
Lingua originaleitaliano, tedesco, inglese
Paese di produzioneItalia
Anno1974
Durata135 min
Generestorico, drammatico
RegiaCarlo Lizzani
SoggettoFabio Pittorru
SceneggiaturaCarlo Lizzani e Fabio Pittorru
ProduttoreEnzo Peri
Casa di produzioneAquila Cinematografica Roma
FotografiaRoberto Gerardi
MontaggioFranco Fraticelli
MusicheEnnio Morricone (dirette da Bruno Nicolai)
ScenografiaAmedeo Fago
CostumiUgo Pericoli
TruccoGiannetto De Rossi (truccatore) e Paolo Borzelli (parrucchiere)
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali

Trama modifica

In una Repubblica Sociale Italiana ormai in disfacimento vengono rappresentati i pensieri e gli stati d'animo del Duce, in viaggio verso la morte.

Mussolini, che si trova a Milano sotto la protezione dei tedeschi, rifiuta la resa ai partigiani del CLN Alta Italia che gli viene suggerita dal cardinale Schuster e decide di fuggire verso la Svizzera contando sull'aiuto degli anglo-americani che sono già penetrati nel Nord Italia. L'amante Claretta Petacci decide di seguirlo, così come i gerarchi che intendono arrendersi agli Alleati, per evitare la cattura e la fucilazione da parte dei partigiani. Egli viaggia scortato da una colonna composta da soldati tedeschi e da SS ma, durante il tragitto, questa viene fermata da un gruppo di partigiani che, in ossequio agli accordi intercorsi tra le autorità tedesche e il CLN, lasciano proseguire i tedeschi, a condizione che vengano loro consegnati i gerarchi fascisti, cosa che avviene.

L'unica speranza di salvezza del Duce è travestirsi da soldato tedesco, mescolato tra i soldati caricati sui camion ma, a un secondo posto di blocco, a Dongo sul lago di Como, viene riconosciuto e, dopo essere stato arrestato, viene trasportato in varie e improvvisate prigioni, tra cui un casolare contadino, in attesa di una decisione sulla sua sorte. Il CLN incarica il colonnello Walter Audisio, noto con il nome di battaglia di Valerio, di giustiziarlo, e il mattino del 28 aprile 1945 viene quindi condotto a Giulino di Mezzegra e lì fucilato; insieme a lui muore anche Claretta Petacci, che al primo sparo si era frapposta tra il proiettile e l'amante.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica