Olimpiadi degli scacchi del 2004

Olimpiadi degli scacchi del 2004
Competizione Olimpiadi degli scacchi
Sport Chess.svg scacchi
Edizione 36ª
Organizzatore FIDE
Date dal 14 ottobre 2004
al 31 ottobre 2004
Luogo Spagna Spagna
Calvià
Partecipanti 129 squadre (open)
87 squadre (femminile)
Nazioni 125 (open)
84 (femminile)
Formula un torneo open e uno femminile entrambi giocati con sistema svizzero
Risultati
Gold medal blank.svgOro Ucraina Ucraina (open) 1º titolo
Cina Cina (femminile) 4º titolo
Silver medal blank.svgArgento Russia Russia (open)
Stati Uniti Stati Uniti (femminile)
Bronze medal blank.svgBronzo Armenia Armenia (open)
Russia Russia (femminile)
Quarto Stati Uniti Stati Uniti (open)
Georgia Georgia (femminile)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg Olimpiadi degli scacchi del 2002 Olimpiadi degli scacchi del 2006 Right arrow.svg

Le Olimpiadi degli scacchi del 2004 si tennero a Calvià, sull'isola di Maiorca, tra il 14 ottobre e il 31 ottobre. Organizzate dalla FIDE, furono la 36ª edizione ufficiale di questa competizione. Comprese un torneo open[1] e uno femminile, nonché vari altri eventi di contorno.

Le competizioniModifica

Entrambi i tornei furono gestiti dall'arbitro internazionale Ignatius Leong. I tornei durarono 14 turni, e fu adottato il sistema svizzero; il tempo concesso ad ognuno dei giocatori è stato di 90 minuti, più 30 secondi aggiuntivi per ogni mossa.

Torneo openModifica

129 squadre parteciparono al torneo open in rappresentanza di 125 paesi. La Spagna, come nazione ospitante, poté schierare tre squadre, mentre l'Associazione Internazionale Scacchi alla cieca e l'Associazione Internazionale Scacchi per Disabili Fisici parteciparono con una rappresentativa. Ogni incontro si svolgeva su quattro scacchiere.

L'Ucraina, guidata dai GM (Grandi Maestri) Vasyl' Ivančuk (a quel tempo il settimo giocatore del mondo secondo la classifica Elo, che riuscì a conquistare nove punti e mezzo su tredici partite), Sergej Karjakin (che, a soli quattordici anni, come seconda riserva, vinse sei partite sulle sette giocate, pareggiando solamente contro lo statunitense Grigorij Kajdanov), riuscì a conquistare tutti i punti nelle prime tre partite, battendo la Russia 2½-1½ al quarto turno e continuando a guidare la classifica fino al termine e vincendo la medaglia d'oro. L'argento andò ai russi, che erano campioni uscenti e avevano il seed[2] maggiore, in quanto schieravano quattro dei nove giocatori più qualificati del torneo.

L'Armenia, una delle quattro squadre a riuscire a pareggiare con l'Ucraina, arrivò al terzo posto, vincendo la medaglia di bronzo come nell'edizione precedente, guidata dalla seconda scacchiera Lewon Aronyan (che non perse nessuna partita) e dalla terza scacchiera Rafayel Vahanyan (che finì il torneo con 8 punti e mezzo su 11). Dopo essere stata sconfitta dalla Russia, l'Armenia riuscì a sconfiggere la Georgia all'ultimo turno con il punteggio di 3½-½, raggiungendo la Russia a 36,5 punti, ma classificandosi terza per bucholz.

Cuba e la Bulgaria, rispettivamente diciottesima e ventesima in ordine di seed, riuscirono ad entrare nelle prime dieci posizioni grazie alle prestazioni, rispettivamente, dei GM Lázaro Bruzón (8 punti su 11 in seconda scacchiera) e Kiril Georgiev (8 punti su 13 in prima scacchiera, compresa una vittoria all'ultimo turno contro Anand, il giocatore con il più alto punteggio Elo all'inizio del torneo); Francia e Inghilterra invece delusero le aspettative, arrivando rispettivamente ventitreesima e trentesima nonostante fossero dodicesima e ottava in ordine di seed.

Classifiche a squadreModifica

Le prime tre squadre classificate ricevettero le medaglie, così come le prime tre di ogni gruppo di squadre in ordine di seed; i vincitori di medaglie assolute vennero esclusi da questa seconda classifica.

Risultati assolutiModifica
Pos.[3] Squadra Giocatori[4][5] Seed[2] Elo[6] 1 ½ 0 Totale[7]
    Ucraina Vasyl' Ivančuk, Ruslan Ponomarëv, Andrij Volokitin, Oleksandr Moïsejenko, Pavlo El'janov, Sergej Karjakin 2 2680 10 4 0 39.5
    Russia Aleksandr Morozevič, Pëtr Svidler, Aleksandr Griščuk, Aleksej Dreev, Aleksandr Chalifman, Vadim Zvjagincev 1 2718 11 0 3 36.5
    Armenia Vladimir Hakobyan, Lewon Aronyan, Rafayel Vahanyan, Smbat Lpowtyan, Gabriel Sargsyan, Artašes Minasyan 4 2660 8 4 2 36.5
4   Stati Uniti Aleksandr Oniščuk, Alexander Shabalov, Alexander Goldin, Grigorij Kajdanov, Igor Novikov, Boris Gul'ko 10 2623 7 4 3 35.0
5   Israele Boris Gelfand, Emil Sutovskij, Il'ja Smiryn, Boris Avrukh, Alexander Huzman, Michael Roiz 3 2670 7 5 2 34.5
6   India Viswanathan Anand, Krishnan Sasikiran, Pendyala Harikrishna, Surya Shekhar Ganguly, Abhijit Kunte, Chanda Sandipan 5 2655 10 0 4 34.0
7   Cuba Lenier Domínguez, Lázaro Bruzón, Neuris Delgado, Jesús Nogueiras, Walter Arencibia, MI[8] Yuniesky Quezada 18 2596 8 2 4 33.5
8   Paesi Bassi Loek Van Wely, Ivan Sokolov, Sergej Tivjakov, Jan Timman, Erik Van Den Doel, Friso Nijboer 8 2641 9 1 4 33.0
9   Bulgaria Kiril Georgiev, Aleksandr Delčev, MI Ivan Čeparinov, Vasil Spasov, Boris Čatalbašev, MI Julian Radulski 20 2584 9 1 4 32.5
10   Spagna (squadra A) Aleksej Širov, Francisco Vallejo Pons, Miguel Illescas Córdoba, Roberto Cifuentes Parada, Alfonso Romero Holmes, MI Julien Arizmendi Martínez 7 2643 8 3 3 32.5
Gruppo AModifica

Squadre di seed[2] compreso tra la prima e la venticinquesima posizione:

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[6] Totale
    Stati Uniti 4 10 2623 35.0
    Israele 5 3 2670 34.5
    India 6 5 2655 34.0

+

Gruppo BModifica

Tra le squadre di seed[2] da 26 a 51.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[6] Totale
    Svizzera 13 29 2559 32.0
    Uzbekistan 14 30 2533 32.0
    Serbia e Montenegro 15 26 2568 32.0
Gruppo CModifica

Tra le squadre di seed[2] da 52 a 77.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[6] Totale
    Irlanda 43 54 2454 30.0
    Indonesia 48 65 2397 29.5
    Finlandia 49 53 2456 29.5
Gruppo DModifica

Tra le squadre di seed[2] da 78 a 103.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[6] Totale
    Tagikistan 61 83 2303 28.5
    Bolivia 65 79 2371 28.5
    Pakistan 69 84 2298 28.0
Gruppo EModifica

Tra le squadre di seed[2] da 104 a 129.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[6] Totale
    Giappone 87 112 2125 26.5
    Botswana 94 105 2174 25.5
    Kenya 95 119 2121 25.5

Risultati individualiModifica

Medaglie individuali furono assegnate ai tre giocatori che avessero giocato almeno otto partite e avessero ottenuto il miglior risultato secondo il sistema di calcolo del rating della FIDE.[9] Medaglie furono assegnate anche ai migliori giocatori (con almeno otto partite giocate) secondo la percentuale di punti ottenuti, con classifiche separate secondo la scacchiera; le riserve sono state considerate come giocatori della quinta e della sesta scacchiera. Condizioni di parità sono risolte considerando i giocatori che hanno giocato più partite; se la parità resiste, viene considerato superiore il giocatore con una migliore prestazione Elo.

Miglior prestazioneModifica
Pos. Giocatore[5] Squadra Elo[10] Scacchiera Partite Punti Prestazione
  Baadur Jobava   Georgia 2614 4 10 8.5 2842
  Viswanathan Anand   India 2781 1 11 8.0 2824
  Vasyl' Ivančuk   Ucraina 2705 1 13 9.5 2819
4 Rafayel Vahanyan   Armenia 2640 3 11 8.5 2818
5 Pëtr Svidler   Russia 2735 2 9 6.5 2811
6 Michael Adams   Inghilterra 2740 1 13 10.0 2773
7 Andrij Volokitin   Ucraina 2652 3 12 8.5 2771
8 Lázaro Bruzón   Cuba 2637 2 11 8.0 2771
9 Grigorij Kajdanov   Stati Uniti 2611 4 10 8.0 2763
10 Lenier Domínguez   Cuba 2645 1 11 7.5 2749
Prima scacchieraModifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  Evgeni Ermenkov   Palestina 2454 12 10.5 87.5
  Andrés Rodríguez   Uruguay 2533 10 8.0 80.0
  Michael Adams   Inghilterra 2740 13 10.0 76.9
Seconda scacchieraModifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  MI[8] Mohamed Tissir   Marocco 2394 9 7.5 83.3
  Anh Dung Nguyen   Vietnam 2567 11 8.5 77.3
  Bazar Hatanbaatar   Venezuela 2427 12 9.0 75.0
Terza scacchieraModifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  Rafayel Vahanyan   Armenia 2640 11 8.5 77.3
  Vladimir Georgiev   Macedonia del Nord 2512 12 9.0 75.0
  MI[8] José García González   Messico 2447 10 7.5 75.0
Quarta scacchieraModifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  Baadur Jobava   Georgia 2614 10 8.5 85.0
  Grigorij Kajdanov   Stati Uniti 2611 10 8.0 80.0
  Qədir Hüseynov   Azerbaigian 2552 10 8.0 80.0
Quinta scacchiera (prima riserva)Modifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  Vaidas Sakalauskas   Lituania 2464 7 6.0 85.7
  Serik Temirbaev   Kazakistan 2468 7 5.5 78.6
  Jean-Marc Degraeve   Francia 2551 9 7.0 77.8
Sesta scacchiera (seconda riserva)Modifica
Giocatore[5] Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  Sergej Karjakin   Ucraina 2576 7 6.5 92.9
  MF[11] Ibrahim Chahrani   Libia 2273 7 6.5 92.9
  William Bermudez Adams   Porto Rico 2138 8 6.5 81.3

Torneo femminileModifica

Nel torneo femminile parteciparono 87 squadre, in rappresentanza di 84 paesi. La Spagna schierò due squadre, mentre parteciparono sia l'Associazione Internazionale Scacchi alla cieca, che l'Associazione Internazionale Scacchi per Disabili Fisici. Il torneo si svolse su tre scacchiere.

La Cina, guidata dalla GM Xie Jun (ex campionessa del mondo) e dalla Grande Maestro Femminile (GMF) Xu Yuhua (che sarebbe diventata campionessa del mondo nel 2006), con il miglior seed[2] ed essendo campionesse uscenti, si posero subito in testa alla classifica, concedendo solamente due patte nei primi cinque turni (quindici partite) e sconfiggendo successivamente per 2-1 sia la Russia che la Polonia, arrivate rispettivamente seconde e terze nell'edizione precedente, arrivando ad avere sei punti di vantaggio prima del decimo turno rispetto agli Stati Uniti, che erano al secondo posto.

Gli Stati Uniti riuscirono a vincere 2-1 questa partita; aiutati da un pareggio e da una sconfitta nei turni successivi della Cina (rispettivamente contro Ungheria e Georgia), si portarono a tre punti dalla Cina con due turni rimanenti. La Cina riuscì tuttavia a sconfiggere l'India e la Slovacchia, vincendo così il torneo, mentre gli Stati Uniti si dovettero accontentare della medaglia d'argento.

La Russia, sebbene ottava dopo dieci turni, grazie alla prima riserva Nadežda Kosinceva (che riuscì ad ottenere 10 punti su 12 partite giocate) riuscì a risalire alla quarta posizione prima del penultimo turno, che giocarono contro la Georgia, che era mezzo punto sopra di loro; grazie alla vittoria per 2-1 contro questa riuscirono a superarla e a vincere la medaglia di bronzo per bucholz, dopo aver finito il torneo a pari punti.

Sorprese del torneo furono l'Ungheria, 13° in ordine di seed, e l'Inghilterra (27° seed), che finirono il torneo rispettivamente sesta e ottava; l'ucraina, invece, pur essendo la quinta squadra come punteggio Elo, finì soltanto 18°.

La miglior prestazione del torneo fu di Zsuzsa Polgár, la seconda giocatrice più quotata del torneo; la seconda scacchiera Szidónia Vajda riuscì ad ottenere due vinte ed una patta contro tre delle sette giocatrici più forti.

Classifiche a squadreModifica

Le prime tre squadre classificate ricevettero le medaglie, così come le prime tre di ogni gruppo di squadre in ordine di seed; i vincitori di medaglie assolute vennero esclusi da questa seconda classifica.

Risultati assolutiModifica
Pos.[3] Squadra Giocatrici[12] Seed[2] Elo[13] 1 ½ 0 Totale[14]
    Cina GM Xie Jun, GMF[15] Xu Yuhua, GMF Zhao Xue, MIF[16] Huang Qian 1 2514 11 1 2 31.0
    Stati Uniti GM Zsuzsa Polgár, MI[8] Irina Krush, GMF Hanna Zatons'kych, MIF Jennifer Shahade 3 2490 10 3 1 28.0
    Russia MI Aleksandra Kostenjuk, MGF Tat'jana Kosinceva, MI Ekaterina Kovalevskaja, GMF Nadežda Kosinceva 2 2491 9 3 2 27.5
4   Georgia GM Majja Čiburdanidze, GMF Nana Dzagnidze, GMF Lela Javakhishvili, MI Maria Lomineishvili 4 2470 10 1 3 27.5
5   Francia MI Almira Skripchenko, MI Marie Sebag, GMF Silvia Collas, MIF Sophie Millet 8 2417 8 2 4 25.5
6   Ungheria MI Ildikó Mádl, MI Szidónia Vajda, GMF Anita Gara, GMF Nikoletta Lakos 13 2376 8 3 3 25.0
7   Slovacchia GMF Eva Repková, GMF Regina Pokorná, MI Zuzana Hagarová, Zuzana Borosová 12 2377 8 2 4 25.0
8   Inghilterra MI Harriet Hunt, GMF Jovanka Houska, MIF Heather Richards, Melanie Buckley 27 2293 7 2 5 25.0
9   India GM Humpy Koneru, MI Subbaraman Vijayalakshmi, GMF Dronavalli Harika, GMF Nisha Mohota 6 2435 8 3 3 24.5
10   Polonia MI Iweta Radziewicz, MI Monika Soćko, MI Joanna Dworakwoska, GMF Marta Zielińska 7 2427 7 3 4 24.5
Gruppo AModifica

Squadre di seed compreso tra 1 e 17.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[13] Totale
    Georgia 4 4 2470 27.5
    Francia 5 8 2417 25.5
    Ungheria 6 13 2376 25.0
Gruppo BModifica

Squadre di seed compreso tra 18 e 34.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[13] Totale
    Inghilterra 8 27 2293 25.0
    Lituania 13 20 2311 24.0
    Svezia 15 24 2301 24.0
Gruppo CModifica

Squadre di seed compreso tra 35 e 51.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[13] Totale
    Uzbekistan 32 37 2235 22.5
    Iran 34 41 2189 22.0
    Estonia 36 38 2229 22.0
Gruppo DModifica

Squadre di seed compreso tra 52 e 69.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[13] Totale
    Colombia 37 55 2107 21.5
    Malaysia 40 56 2084 21.5
    Canada 41 52 2123 21.5
Gruppo EModifica

Squadre di seed compreso tra 70 e 87.

Squadra Piazzamento totale[3] Seed[2] Elo[13] Totale
    Kirghizistan 58 75 2080 20.0
    Indonesia 59 72 2125 20.0
    Guatemala 60 77 2043 20.0

Risultati individualiModifica

Medaglie individuali furono assegnate ai tre giocatori che avessero giocato almeno otto partite e avessero ottenuto il miglior risultato secondo il sistema di calcolo del rating della FIDE.[9] Medaglie furono assegnate anche ai migliori giocatori (con almeno otto partite giocate) secondo la percentuale di punti ottenuti, con classifiche separate secondo la scacchiera; le riserve sono state considerate come giocatori della quarta scacchiera. Condizioni di parità sono risolte considerando i giocatori che hanno giocato più partite; se la parità resiste, viene considerato superiore il giocatore con una migliore prestazione Elo.

Miglior prestazioneModifica
Pos. Giocatrice Squadra Elo[10] Scacchiera Partite Punti Prestazione
  GM Zsuzsa Polgár   Stati Uniti 2567 1 14 10.5 2622
  GM Xie Jun   Cina 2569 1 10 7.0 2597
  GMF[15] Zhao Xue   Cina 2487 3 12 10.0 2596
4 MI[8] Harriet Hunt   Inghilterra 2385 1 13 9.5 2558
5 GMF Nadežda Kosinceva   Russia 2446 4 12 10.0 2550
6 MI Viktorija Čmilytė   Lituania 2442 1 11 8.5 2550
7 MI Szidónia Vajda   Ungheria 2369 2 12 9.0 2541
8 MI Aleksandra Kostenjuk   Russia 2508 1 11 7.0 2539
9 GM Majja Čiburdanidze   Georgia 2503 1 13 8.5 2531
10 GM Humpy Koneru   India 2503 1 14 8.5 2521
Prima scacchieraModifica
Giocatrice Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  MI[8] Viktorija Čmilytė   Lituania 2442 11 8.5 77.3
  GM Zsuzsa Polgár   Stati Uniti 2567 14 10.5 75.0
  GMF[15] Elvira Berend   Lussemburgo 2307 12 9.0 75.0
Seconda scacchieraModifica
Giocatrice Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  MI[8] Szidónia Vajda   Ungheria 2369 12 9.0 75.0
  MI Corina-Isabela Peptan   Romania 2429 12 9.0 75.0
  GMF[15] Barbara Hund   Svizzera 2240 11 8.0 72.7
Terza scacchieraModifica
Giocatrice Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  GMF[15] Zhao Xue   Cina 2487 12 10.0 83.3
  Irene Kharisma   Indonesia nessun punteggio 12 10.0 83.3
  MIF[16] Tuvshintogs Batceceg   Mongolia 2209 12 9.0 75.0
Quarta scacchiera (riserva)Modifica
Giocatrice Squadra Elo[10] Partite Punti Percentuale
  GMF[15] Nadežda Kosinceva   Russia 2446 12 10.0 83.3
  GMF Maria Velčeva   Bulgaria 2299 10 8.0 80.0
  GMF Marta Zielińska   Polonia 2395 10 7.5 75.0

Titolo assolutoModifica

Il trofeo Nona Gaprindashvili viene aggiudicato alla nazione partecipante le cui squadre nel torneo open ed in quello femminile hanno ottenuto una migliore media nei piazzamenti delle rispettive classifiche finali. In caso di parità la classifica viene formata in base al miglior piazzamento nei singoli tornei ed eventualmente in base al maggior numero totale di punti. Nel 2004 la Russia si è aggiudicata il trofeo.

Pos. Nazione Piazzamento open Piazzamento femminile Media
    Russia 2 3 2.5
    Stati Uniti 4 2 3.0
    Armenia 3 11 7.0
4   India 6 9 7.5
5   Ucraina 1 18 9.5
6   Paesi Bassi 8 12 10.0
7   Polonia 12 10 11.0
8   Bielorussia 9 14 11.5
9   Cina 24 1 12.5
10   Georgia 21 4 12.5

Nazioni partecipantiModifica

Al torneo parteciparono squadre in rappresentanza di 199 nazioni, cinque nazioni costitutive, due entità autonome, due dipendenze della Corona Britannica, due organizzazioni internazionali, due regioni amministrative speciali, due aree insulari degli Stati Uniti e uno dei territori britannici d'oltremare; 1204 giocatori furono registrati, sebbene alcuni di loro non abbiano giocato nemmeno una partita.

Le squadre iscritte ad entrambi i tornei furono:

Le squadre partecipanti al solo torneo open furono:

ControversieModifica

L'incidente di AzmaiparashviliModifica

Prima della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi, il vice presidente della FIDE, il Grande maestro Zurab Azmaiparashvili, fu arrestato mentre tentava di salire sul palco. La polizia non gli permise di raggiungere gli organizzatori delle Olimpiadi, e nella lotta seguente Azmaiparashvili fu arrestato, dopo aver subito varie ferite. Fu rilasciato su cauzione dopo quaranta ore, e le accuse contro di lui caddero.

Azmaiparashvili, un georgiano, stava cercando di chiedere al presentatore del trofeo Nona Gaprindashvili di spiegare più chiaramente il contributo di Gaprindashvili agli scacchi (era stata campionessa mondiale), ma fu fermato dalla sicurezza. La FIDE sostenne che Azmaiparashvili fu fermato nonostante avesse mostrato le sue credenziali, mentre dei rappresentanti della Federazione Scacchistica Spagnola e gli organizzatori del torneo ritennero che Azmaiparashvili avesse provocato l'incidente, aggredendo un agente.[18]

AntidopingModifica

La FIDE, in previsione di un possibile ingresso degli scacchi alle Olimpiadi, aveva introdotto dei test antidoping come quelli somministrati dalla WADA. Due giocatori, Shaun Press della Papua Nuova Guinea e Bobby Miller di Bermuda, rifiutarono di sottoporsi al test; entrambi i giocatori furono ascoltati dalla commissione disciplinare della FIDE, che decise di cancellare i risultati dei due giocatori (Press aveva ottenuto 7,5 punti su 14, mentre Mille 3,5 su 9). Di conseguenza il punteggio totale della Papua Nuova Guinea scesa da 23 a 15,5 e quello di Bermuda da 22 a 18,5[19].

Eventi collegatiModifica

In concomitanza con i due tornei principali diversi eventi legati agli scacchi furono preparati dagli organizzatori, e alcuni anche sotto gli auspici della FIDE; gli eventi furono noti collettivamente come il Primo Festival Scacchistico di Calvià. Durante questo vi furono diverse esibizioni simultanee, partite dimostrative, lezioni da parte di giocatori spagnoli e diversi tornei di scacchi, inclusi uno per dilettanti, uno per under 16 (a gioco rapido) e uno per giocatori seniores.

Lezioni di scacchi furono tenute nelle scuole primarie e secondarie, come nei centri per anziani, a Calvià e nella zona circostante, in uno sforzo di promuovere gli scacchi; film di scacchi furono proiettati sulla spiaggia di notte.

Vi fu anche una mostra di arte scacchistica, con una giuria che assegnò dei premi alle opere più meritevoli.

NoteModifica

  1. ^ Generalmente si riferisce a questo torneo come il torneo maschile, sebbene la partecipazione sia permessa a giocatori di entrambi i sessi.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Ordine di iscrizione mediante la media Elo dei giocatori.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Dove due squadre si sono classificate a pari merito, vengono ordinate in base al bucholz, calcolato sommando il punteggio finale di ogni giocatore che ha giocato contro quella data squadra.
  4. ^ Ordinati per scacchiera; il quinto e il sesto giocatore hanno giocato su scacchiere superiori, ma meno spesso di colui che aveva quella posizione.
  5. ^ a b c d e f g h Tutti i giocatori sono Grandi Maestri, eccetto dove espressamente indicato.
  6. ^ a b c d e f Media del punteggio Elo a luglio 2004, considerato dei soli quattro giocatori principali.
  7. ^ Su un massimo di 56
  8. ^ a b c d e f g MI significa Maestro Internazionale.
  9. ^ a b Calcolatore online Archiviato il 15 marzo 2008 in Internet Archive.
  10. ^ a b c d e f g h i j k l Al luglio 2004
  11. ^ MF significa Maestro FIDE.
  12. ^ Ordinati per scacchiera; la quarta giocatrice è la riserva.
  13. ^ a b c d e f Media del punteggio Elo a luglio 2004 delle quattro giocatrici.
  14. ^ Su un massimo di 42
  15. ^ a b c d e f GMF indica Grande Maestro Femminile
  16. ^ a b MIF indica Maestro Internazionale Femminile.
  17. ^ Come paese ospitante, la Spagna ha schierato tre squadre nel torneo open e due in quello femminile.
  18. ^ FIDE Olympiad - Calvia, ESP Press Release by organisers on the Azmaiparashvilli arrest
  19. ^ FIDE Doping Hearing Panel decisions, su fide.com, 18 novembre 2004. URL consultato il 5 settembre 2013.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi