Apri il menu principale

Paul Lukas

attore ungherese, naturalizzato statunitense

BiografiaModifica

Nato da una famiglia ebrea di Budapest, studiò all'Accademia ungherese di recitazione[1] e si dedicò fin da giovanissimo al teatro, dove debuttò nel 1916[2] e affrontò il repertorio classico[1]. Carismatico e affascinante, divenne un idolo delle platee ungheresi[2] e in seguito venne chiamato anche in Germania e in Austria dove ebbe modo di lavorare con Max Reinhardt[1][2] e nel 1927, su richiesta del produttore della Paramount Adolph Zukor, arrivò a Hollywood e debuttò nel film Amori di un'attrice (1928) accanto a Pola Negri[1], ottenendo dieci anni dopo la cittadinanza statunitense.

All'avvento del sonoro, Lukas imparò perfettamente l'inglese e conservò un leggero accento straniero grazie al quale gli furono spesso offerte parti di villain e ruoli di nazista in numerose pellicole[1]. Gli anni trenta lo videro protagonista di film di ogni genere, prima con ruoli di innamorato o dongiovanni, ma passando ben presto a interpretare il prototipo del cattivo, fino alla conquista del premio Oscar al miglior attore protagonista nel 1944 per la sua interpretazione in Quando il giorno verrà, in un ruolo completamente opposto a quelli che aveva spesso impersonato[1], quello del partigiano tedesco che deve nascondersi ai nazisti. Per lo stesso ruolo, che aveva già interpretato precedentemente a Broadway, Lukas ottenne anche il Premio dei critici cinematografici di New York[1].

Nello stesso periodo divenne un membro attivo della Motion Picture Alliance for the Preservation of American Ideals, un'associazione conservatrice che operava a difesa del cinema hollywoodiano contro una possibile influenza comunisti. Nel 1943 aveva anche impersonato il professore ungherese scampato all'Olocausto che da una lezione di antirazzismo e antifascismo nel cortometraggio di propaganda Don't be a sucker[3].

Da ricordare anche il ruolo del Professor Pierre Aronnax nel film 20.000 leghe sotto i mari (1954), trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di Jules Verne. La lavorazione non fu molto facile per lui a causa dei problemi di memoria che lo resero inviso al cast e al resto della troupe. Malgrado queste difficoltà, riuscì a continuare a lavorare anche per il teatro e la televisione.

Morì a causa di una crisi cardiaca a Tangeri, dove si era recato alla ricerca di un luogo dove trascorrere gli ultimi anni, e venne poi sepolto in Spagna.

Filmografia parzialeModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, p. 323
  2. ^ a b c Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, p. 702
  3. ^ Don't Be a Sucker (1943). URL consultato l'11 settembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN53145003719361340217 · ISNI (EN0000 0001 1591 636X · LCCN (ENn85151606 · GND (DE135931622 · BNF (FRcb13896858s (data) · WorldCat Identities (ENn85-151606