Rai Yoyo

canale tematico della Rai, dedicato ai bambini
(Reindirizzamento da Rai YoYo)
Rai Yoyo
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua Italiano
Tipo Tematico
Target 3-5 anni[1]
Versioni Rai Yoyo 576i (SDTV)
(data di lancio: 1º novembre 2006)
Rai Yoyo HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 4 gennaio 2017)
Nomi precedenti RaiSat YoYo (2006-2010)
Sostituisce RaiSat Ragazzi
Editore Rai
Direttore Luca Milano (dal 2017)[2]
Sito raiplay.it
Diffusione
Terrestre
RAI
RAI Mux 3
Rai Yoyo (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 43 SD
Satellite
Tivùsat
Hot Bird 13C
13° Est
Rai Yoyo (DVB-S - FTV)
11804 V - 27500 - 3/4
Canale 43 LCN Standard
Canale 143 EasyHD

Hot Bird 13D
13° Est
Rai Yoyo HD (DVB-S2 - FTV)
11013 H - 29900 - 3/4
Canale 43 EasyHD
Canale 143 LCN Standard
Via cavo
UPC
(Svizzera italiana)
Rai Yoyo
Canale 73

(Svizzera romanda e tedesca)
Rai Yoyo
Canale 573
Streaming
RAI Rai Yoyo Rai Play
IPTV
Sunrise Canale 149 ( - SDTV)

Rai Yoyo è un canale televisivo per bambini tematico italiano curato dalla struttura Rai Ragazzi della Rai.

StoriaModifica

Rai Yoyo nasce il 1º novembre 2006 all'interno della piattaforma Sky Italia, dopo la chiusura di RaiSat Ragazzi che si divise in due forme originando RaiSat YoYo (per bambini in età prescolare) e RaiSat Smash (per ragazzi fino ai 19 anni).

Il 31 luglio 2009, quando non viene rinnovato il contratto tra RaiSat e Sky Italia, RaiSat YoYo inizia a trasmettere gratuitamente sul digitale terrestre anche nelle zone coperte dal RAI Mux 3, via satellite con il bouquet Tivùsat e in streaming visibile su Rai.it.

Dal 27 aprile 2010 il canale, insieme a Rai Gulp, è coordinato della struttura Rai Ragazzi.

Il 18 maggio 2010 il canale subisce un restyling grafico diventando Rai YoYo[3]. Con la nuova denominazione il logo, un tempo animato, diventa statico, anche se fino al 3 gennaio 2011 il nuovo logo Rai si è alternato alla storica farfalla.

Dal 1º maggio 2016 Rai Yoyo è senza interruzioni pubblicitarie[4].

Dal 13 dicembre 2016 i cartoni storici, prima trasmessi in formato 4:3, vengono trasmessi in formato 16:9 pillarbox, così come succede su Rai Gulp oltre a tutti i canali televisivi del digitale terrestre.

Dal 4 gennaio 2017 ha iniziato a trasmettere in alta definizione anche sulla piattaforma satellitare Tivùsat.

Il 10 aprile 2017 il canale rinnova logo e grafica insieme a tutti gli altri canali tematici Rai.

LoghiModifica

PalinsestoModifica

Programmi televisivi in prima visioneModifica

Serie animate in prima visioneModifica

AscoltiModifica

Share 24h di Rai YoyoModifica

Dati Auditel relativi al giorno medio mensile sul target individui 4+[5].

Anno Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media
anno
2010 0,36% 0,39% 0,38% 0,38% 0,33% 0,45% 0,43% 0,39% 0,46% 0,40% 0,39% 0,69% 0,39%
2011 0,71% 0,69% 0,70% 0,65% 0,58% 0,70% 0,81% 0,87% 0,68% 0,62% 0,60% 0,74% 0,69%
2012 0,74% 0,76% 0,69% 0,64% 0,63% 0,87% 1,10% 1,08% 1,06% 1,01% 1,03% 1,16% 0,88%
2013 1,12% 1,18% 1,24% 1,21% 1,20% 1,46% 1,56% 1,41% 1,49% 1,41% 1,37% 1,40% 1,34%
2014 1,32% 1,36% 1,38% 1,38% 1,29% 1,50% 1,61% 1,57% 1,43% 1,30% 1,22% 1,24% 1,38%
2015 1,28% 1,35% 1,52% 1,50% 1,39% 1,52% 1,67% 1,61% 1,39% 1,29% 1,30% 1,37% 1,43%
2016 1,29% 1,20% 1,20% 1,15% 1,26% 1,27% 1,43% 1,43% 1,43% 1,35% 1,47% 1,55% 1,33%
2017 1,42% 1,56% 1,48% 1,56% 1,49% 1,70% 1,64% 1,50% 1,58% 1,55% 1,36% 1,44% 1,51%
2018 1,25% 1,16% 1,30% 1,31% 1,23% 1,24% 1,37% 1,26% 1,19% 1,11% 1,20% 1,24% 1,23%
2019 1,28% 1,22% 1,16% 1,19% 1,15% 1,28% 1,25% 1,10% 1,13% 1,08% 1,03% 1,07% 1,16%
2020 1,06% 0,99% 0,93% 0,87% 0,96% 1,15% 1,17%

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione