Ruby Riott

wrestler statunitense
Ruby Riott
Ruby Riott 2018 (cropped).jpg
Ruby Riott nel 2018
NomeDori Prange
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
Luogo nascitaEdwardsburg, Michigan
9 gennaio 1991 (30 anni)
Ring nameDori Prange
Heidi Lovelace
Heidi the Riveter
Miss Heidi[1]
Ruby Riot[2]
Ruby Riott
Residenza dichiarataLafayette
Altezza dichiarata163 cm
Peso dichiarato55 kg
AllenatoreBilly Roc
Ohio Valley Wrestling
Debutto2010
FederazioneWWE
Progetto Wrestling

Dori Prange (Edwardsburg, 9 gennaio 1991) è una wrestler statunitense sotto contratto con la WWE, dove lotta con il ring name Ruby Riott.

È nota anche per aver militato nel circuito indipendente con il nome di Heidi Lovelace, in promozioni quali la Shimmer Women Athletes, la Shine Wrestling, la Ohio Valley Wrestling e la World Wonder Ring Stardom.

CarrieraModifica

Circuito indipendente (2010–2017)Modifica

Nel 2010 Prange comincia ad allenarsi con Billy Roc presso la sua scuola di wrestling. Con il ring name Heidi Lovelace esordisce nella Juggalo Championship Wrestling all'evento Arena Chicks at the Gathering!, dove sconfigge C.J. Lane. Passa poi alla Shimmer Women Athletes, si allea in coppia con December, ma le due perdono contro Pink Flash Kira e Sweet Cherrie in un tag-team match.

Ohio Valley Wrestling (2012–2013)Modifica

Il 23 maggio 2012, Prange debutta nella Ohio Valley Wrestling con il ring name Heidi Lovelace, perdendo un match contro C.J Lane. Il 1º settembre a Saturday Night Special, la Lovelace sconfigge Taeler Hendrix in un no disqualifications match, guadagnandosi l'opportunità di sfidarla per il titolo. La sconfigge nuovamente il 15 settembre vincendo il titolo OVW Women's Championship durante un house show.[3] Dopo la vittoria della cintura, Lovelace sconfigge prima Jessie Belle Smoothers, e poi Epiphany, Josette Bynum e Scarlett Bordeaux. Il 14 novembre a OVW episode 691, cede il titolo a Taryn Terrell.[4] Sin dal gennaio 2013, Hendrix riceve regali da un ammiratore segreto che la ragazza crede essere Dylan Bostic o Ryan Howe. La conclusione della storyline si ha quando Heidi annuncia di essere lei invece "l'ammiratore segreto" che le inviava regali.[5] Il 4 maggio a OVW, Lovelace cerca di esprimere i suoi sentimenti alla Hendrix ma senza successo.[6] Nella puntata del 31 maggio di OVW, Lovelace (informata dalla Hendrix che Trina ha qualcosa contro loro due) sfida Trina a un match per il titolo da disputarsi a Saturday Night Special.[7] Il giorno seguente a Saturday Night Special, Trina sconfigge Lovelace mantenendo il titolo.

Shine Wrestling (2012–2014)Modifica

Chikara (2013–2016)Modifica

 
Lovelace nel settembre 2014

Il 18 maggio 2013, Heidi Lovelace esordisce nella federazione Chikara, prendendo parte insieme a Saturyne al torneo 2013 Tag World Grand Prix. Le due vengono eliminate al primo round da Arik Cannon e Darin Corbin.[8] Il 6 dicembre 2014, nel pre-show del ppv Tomorrow Never Dies iPPV, Lovelace sconfigge Missile Assault Ant nella finale del torneo conquistando la Chikara Young Lions Cup.[9]

Nel 2015 Heidi partecipa al torneo Challenge of the Immortals. Viene inserita per sorteggio nel team di Dasher Hatfield, denominato "Dasher's Dugout", che inoltre include "Mr. Touchdown" Mark Angelosetti e Icarus. Dopo un buon inizio, tuttavia la squadra viene squalificata.

Il 19 marzo 2016 Heidi riceve una title shot per la cintura Chikara Grand Championship con Princess Kimber Lee. Kimber mantiene il titolo.

World Wonder Ring Stardom (2015)Modifica

L'11 gennaio 2015, Lovelace esordisce in terra giapponese nella World Wonder Ring Stardom, lottando in coppia con Act Yasukawa e sconfiggendo Hudson Envy e Kris Wolf.[10] Il 18 gennaio Lovelace, Yasukawa e Dragonita vengono costrette ad unirsi alla stable heel Monster-gun, dopo aver perso contro Envy, Wolf e la leader della fazione Kyoko Kimura in un six-woman tag team match. A seguito dell'aggiunta dei nuovi membri, la stable viene rinominata "Oedo Tai".[11] L'8 febbraio, Lovelace, Dragonita ed Envy sfidano senza successo le Heisei-gun (Io Shirai, Mayu Iwatani e Takumi Iroha) per il titolo Artist of Stardom Championship.[12]

WWEModifica

NXT (2017)Modifica

Il 15 dicembre 2016 la WWE annuncia l'ingaggio di Prange, la quale viene spedita al WWE Performance Center per ulteriore allenamento.[13] Compie il suo esordio sul ring il 13 gennaio 2017 seguente nel corso di un evento dal vivo di NXT, dove è sconfitta da Daria Berenato.[14] Il 22 febbraio viene annunciato il suo nuovo ring name, ovvero Ruby Riot.[2] Debutta ufficialmente nell'episodio del 22 marzo di NXT come face, quando attacca Nikki Cross ed il resto dei SAni†Y con l'aiuto di Tye Dillinger, No Way Jose e Roderick Strong.[15] Nella puntata di NXT del 3 maggio, prende parte a una Battle Royal per determinare la contendente n° 1 all'NXT Women's Championship di Asuka, tuttavia il match termina in no contest, quando la campionessa attacca sia lei, che Ember Moon che la stessa Nikki, mettendole fuori gioco definitivamente; tuttavia, il General Manager di NXT William Regal, decide di inserire tutte e tre nel match titolato in programma a NXT TakeOver: Chicago. Il 20 maggio, a NXT TakeOver: Chicago, è stata sconfitta in un Triple Treath match che includeva oltre a lei, la Cross e Asuka, che è rimasta campionessa. Nella puntata di NXT del 14 giugno, Ruby ha preso parte a un Triple Treath Elimination match per l'NXT Women's Championship che includeva anche Nikki Cross e Asuka, ma è stata eliminata dalla Cross; il match si è poi concluso in un No-contest. Nella puntata di NXT del 18 ottobre, Ruby ha affrontato Sonya Deville e Ember Moon con in palio la possibilità di inserirsi nel Fatal 4-Way match per il vacante NXT Women's Championship di NXT TakeOver: WarGames, ma il match è stato vinto dalla Moon. Nella puntata di NXT del 6 dicembre, Ruby è stata sconfitta da Sonya Deville in un No Holds Barred match, in quello che sarà il suo ultimo match ad NXT.

Riott Squad (2017–2019)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Riott Squad.

Ruby ha fatto il suo debutto nel roster principale come heel nella puntata di SmackDown del 21 novembre 2017 insieme a Liv Morgan e Sarah Logan; le tre hanno attaccato Becky Lynch e Naomi nel backstage e, in seguito, sono intervenute durante il match titolato tra la campionessa Charlotte Flair e Natalya attaccando brutalmente entrambe. Il 28 gennaio, alla Royal Rumble, Ruby ha partecipato all'omonimo match femminile entrando col numero 15, ma è stata eliminata da Nia Jax. L'11 marzo, a Fastlane, Ruby ha affrontato Charlotte Flair per il WWE SmackDown Women's Championship, ma è stata sconfitta. L'8 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 34, Ruby ha partecipato alla prima edizione della WrestleMania Women's Battle Royal, ma è stata eliminata da Bayley e Sasha Banks.

Con lo Shake-up del 16 aprile, l'intera Riott Squad è stata trasferita a Raw; quella stessa sera hanno interrotto il match fra Bayley e Sasha Banks. A Raw del 23 aprile la Riott Squad, Alexa Bliss e Mickie James hanno sconfitto Bayley, Ember Moon, Natalya, Nia Jax e Sasha Banks per squalifica a causa dell'intervento di Ronda Rousey. Il 6 maggio, nel Kick-off di Backlash, Ruby ha sconfitto Bayley. Nella puntata di Raw del 28 maggio, Ruby ha partecipato ad un Gauntlet match per potersi inserire nel Money in the Bank Ladder match ma, dopo aver eliminato Bayley, Dana Brooke e Mickie James, è stata eliminata per ultima da Sasha Banks. Successivamente, Ruby ha subito un infortunio al ginocchio che la terrà fuori dalle scene per un periodo imprecisato. Ritorna a Raw del 6 agosto, aiutando Liv Morgan e Sarah Logan a vincere contro Bayley e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 5 novembre, la Riott Squad affronta Bayley, Natalya e Sasha Banks, ma il match finisce in No-Contest quando Ruby rompe gli occhiali del padre defunto di Natalya, lasciandola in lacrime. A Raw del 12 novembre, Ruby viene annunciata come quinto e ultimo membro del Team Raw al 5-on-5 Traditional Survivor Series Women's Elimination match contro il Team SmackDown per le Survivor Series. Il 18 novembre, alle Survivor Series, Ruby Riott e Natalya hanno una rissa nel backstage prima dell'incontro, venendo così sostituite da Bayley e Sasha Banks. Nella puntata di Raw del 26 novembre, la Riott Squad attacca Natalya che era intenta a salvare la sua amica Ronda Rousey. Nella puntata di Raw del 10 dicembre, Ruby Riott avverte Natalya che a TLC: Tables, Ladders & Chairs, sarà sconfitta quando verrà schiantata su un tavolo, presentandone uno sullo stage che vede raffigurato il padre di Natalya. Il 16 dicembre, a TLC: Tables, Ladders & Chairs, Ruby Riott è stata sconfitta da Natalya in un Tables match, quando la Neidhart effettua una Powerbomb sulla Riott dalla seconda corda su un tavolo che raffigurava un'immagine di Ruby. Il 27 gennaio alla Royal Rumble, Ruby entra con il numero 21; elimina Alicia Fox, Candice LeRae e Kairi Sane, e dopo 13 minuti viene eliminata da Bayley. Il 17 febbraio, a Elimination Chamber, Ruby viene sconfitta da Ronda Rousey per il WWE Raw Women's Championship in pochi secondi. Nella puntata di Raw del 18 febbraio, avviene il rematch, ma Ruby viene nuovamente sconfitta questa volta in una contesa più duratura, con la Rousey che rimane campionessa. Il 7 aprile, nel Kick-off di WrestleMania 35, Ruby ha partecipato alla seconda edizione della WrestleMania Women's Battle Royal, ma è stata eliminata da Dana Brooke.

In seguito allo Draft, Liv Morgan è stata trasferita nel roster di SmackDown, lasciando la Riott Squad composta dalla stessa Ruby Riott e Sarah Logan. Il 22 maggio, la WWE rende noto che Ruby Riott dovrà effettuare un'operazione chiururgica alle spalle che la terrà fuori dalle scene per diversi mesi.

Reunion della Riott Squad (2020-presente)Modifica

Riott torna dall'infortunio il 3 febbraio 2020 a Raw, attaccando la sua ex partner nella Riott Squad, Liv Morgan, episodio che ha come conseguenza un match tra le due con Sarah Logan in veste di arbitro speciale. Vince Liv dopo un conteggio veloce eseguito dalla Logan.[16] All'evento Elimination Chamber dell'8 marzo, Riott partecipa all'Elimination Chamber match, durante il quale viene eliminata da Shayna Baszler, che poi si aggiudicherà l'incontro.[17] Dopo WrestleMania 36, Ruby Riott prosegue il suo feud con la Morgan, contro la quale perde due volte: il 20 e 27 aprile a Raw. Il 22 giugno Riott cerca di consolare la Morgan dopo la sua sconfitta ma la ragazza la respinge immediatamente.[18] Nelle successive due settimane, per Riott sembra prospettarsi un turn face in quanto difende la Morgan dagli atti di bullismo delle The IIconics, cominciando un feud con loro. Il 13 luglio a Raw, Riott forma un'alleanza con Bianca Belair. Le due sconfiggono The IIconics in un tag team match quella stessa sera.

Nella puntata del 3 agosto di Raw, Ruby appare al talk show di Kevin Owens e si scusa con la rientrante Liv Morgan, ma viene interrotta dalle IIconics. Quindi, Liv decide di lottare insieme a Riott sconfiggendo The IIconics. L'evento sancisce la ricostituzione ufficiale della Riott Squad. Il duo si scontra altre due volte con le IIconics, prima a Payback e il 31 agosto a Raw per stabilire le prime sfidanti al titolo WWE Women's Tag Team Championship.

Per effetto del draft in ottobre, Riott e Morgan passano a SmackDown.[19]

PersonaggioModifica

Mosse finaliModifica

SoprannomiModifica

  • "Punk Rock Ragdoll"[13]

Musiche d'ingressoModifica

  • Black Sheep dei Metric[20]
  • The Road Ahead di Kenny Wootton e Harley Wootton[21]
  • We Riott dei CFO$ (NXT/WWE; 1º aprile 2017–presente)

Titoli e riconoscimentiModifica

 
Heidi Lovelace con l'A1 Alpha Male Championship

NoteModifica

  1. ^ Thunderkitty vs. Heidi the Riveter, Olde Wrestling, 1º gennaio 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  2. ^ a b Andrew Twiss, Early notes from WWE NXT TV taping, su Pro Wrestling Insider, 22 febbraio 2017. URL consultato il 23 febbraio 2017.
  3. ^ Trent Van Drisse, OVW TV report – Rob Terry turns face, Doug Williams wrestles, in Wrestling Observer Newsletter, 21 settembre 2012. URL consultato il 21 settembre 2012.
  4. ^ OVW TV Episodes, OVW. URL consultato il 17 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2012).
  5. ^ OVW TV #714: "Coalition Carnage", OVWmania, 24 aprile 2013. URL consultato il 27 aprile 2013.
  6. ^ OVW TV #715: "King Mo, Queen Trina, & Checkmate", OVWmania, maggio 2013. URL consultato il 4 maggio 2013.
  7. ^ OVW TV #719: "Hey Coalition, Meet Some Real American Heroes", OVWmania, 29 maggio 2013. URL consultato il 31 maggio 2013.
  8. ^ Jason Namako, 5/18 Chikara Results: Chicago, Illinois (Tag World Grand Prix), in WrestleView, 19 maggio 2013. URL consultato il 20 maggio 2013.
  9. ^ Joshua Higham, 12/6 Chikara 'Tomorrow Never Dies' iPPV live report from Philadelphia: Chikara announces UK tour & Royal Rumble Sunday matinee in Philly and more, in Pro Wrestling Insider, 7 dicembre 2014. URL consultato il 7 dicembre 2014.
  10. ^ (JA) 2015年1月11日 Newyear Stars2015, in World Wonder Ring Stardom, 11 gennaio 2015. URL consultato il 18 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  11. ^ (JA) 2015年1月18日 スターダム4周年記念日, in World Wonder Ring Stardom, 18 gennaio 2015. URL consultato il 18 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  12. ^ (JA) 2015年2月8日 Newyear Stars2015, in World Wonder Ring Stardom, 8 febbraio 2015. URL consultato l'8 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  13. ^ a b John Clapp, Kimber Lee and Heidi Lovelace among WWE Performance Center's new recruits, su WWE, 4 gennaio 2017. URL consultato il 5 gennaio 2017.
  14. ^ NXT Lakeland, FL, live results: Heidi Lovelace debuts; Revival in the main event, su f4wonline.com, 14 gennaio 2017. URL consultato il 15 gennaio 2017.
  15. ^ WWE NXT taping results: Andrade 'Cien' Almas def. Oney Lorcan; Tye Dillinger, Roderick Strong & No Way Jose vs. SAnitY ended in a No Contest, Ruby Riot debuts, su f4wonline.com. URL consultato il 22 marzo 2017.
  16. ^ Jason Powell, 2/3 WWE Raw Results: Powell's review of Seth Rollins vs. Ricochet vs. Bobby Lashley in a Triple Threat for a shot at the WWE Championship at WWE Super ShowDown, Randy Orton addresses his attack on Edge, Liv Morgan vs. Lana rematch, in Pro Wrestling Dot Net, 3 febbraio 2020. URL consultato il 4 febbraio 2020.
  17. ^ Steve Khan, WWE Elimination Chamber live results: Two Chamber matches, su Wrestling Observer Newsletter, 8 maggio 2020. URL consultato il 20 maggio 2020.
  18. ^ WWE Raw 6/22/20 Results: 3 Title Matches, While Dolph Ziggler & Rey Mysterio Make Their Raw Returns, su Fightful.
  19. ^ WWE.com Staff, See all the results from the 2020 Draft, in WWE, 9 ottobre 2020. URL consultato il 12 ottobre 2020.
  20. ^ Heidi Lovelace, New Era Wrestling.com. URL consultato il 28 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2015).
  21. ^ Chikara Themes, Vol. 5, su Chikara, iTunes, 19 settembre 2016. URL consultato il 20 settembre 2016.
  22. ^ Video: Heidi Lovelace after winning the AIW Women's Title, Wrestleview. URL consultato il 22 settembre 2015.
  23. ^ Show results - 8/15 AAW in Berwyn, Ill.: Heidi Lovelace captures Heritage Title, Kingston scratched from main event, replacement AAW Hvt. Title match, more, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  24. ^ Philip Kreikenbohm, A1 Alpha Male Championship « Titles Database « CAGEMATCH - The Internet Wrestling Database, su cagematch.net. URL consultato il 6 giugno 2016.
  25. ^ Ophidian The Cobra on Twitter, su twitter.com. URL consultato il 6 giugno 2016.
  26. ^ PWI Female 50 2016, su The Internet Wrestling Database. URL consultato il 10 gennaio 2017.
  27. ^ Heidi Lovelace wins RCW Heavyweight Championship, Revolution Championship Wrestling Facebook Page. URL consultato il 17 maggio 2015.
  28. ^ Martin Bentley, Shimmer Volumes 84 & 85 results from Berwyn, IL, su Pro Wrestling Insider, 27 giugno 2016. URL consultato il 27 giugno 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica