Samsung Electronics

multinazionale di elettronica sudcoreana

1leftarrow blue.svgVoce principale: Samsung.

Samsung Electronics
Logo
Samsung headquarters.jpg
Samsung Town a Seul
StatoCorea del Sud Corea del Sud
ISINKR7005930003
Fondazione1969 a Taegu
Fondata daLee Byung-chul
Sede principaleSuwon e Samsung Town
Settoreelettronica
Sito websamsung.com

La Samsung Electronics Co., Ltd. (nota anche con l'acronimo SEC, in coreano 삼성전자, letteralmente "tristar electronics") è una società di elettronica multinazionale sudcoreana con sede a Suwon, in Corea del Sud, tra i maggiori produttori mondiali nel settore dell'elettronica di consumo e degli elettrodomestici. A causa di alcune proprietà incrociate,[1] è la compagnia di punta del chaebol Samsung, pari al 70% delle entrate del gruppo nel 2012.[2] Samsung Electronics ha catene di montaggio e reti di vendita in 80 paesi e impiega circa 308.745 persone.[3] È il maggiore produttore mondiale di elettronica di consumo e semiconduttori per fatturato.[4] A giugno 2018, la capitalizzazione di mercato di Samsung Electronics era pari a 325,9 miliardi di dollari.[5]

Risultati trimestrali Samsung Electronics CE: Elettronica di consumo DS: Soluzioni per dispositivi IM: IT e comunicazioni mobili

StoriaModifica

La creazione e i primi anni (1969-1987)Modifica

'Venne creata col nome di Samsung Electric Industries come parte industriale del Gruppo Samsung nel 1969 a Suwon, in Corea del Sud, divisione elettronica del Gruppo Samsung.[6] Sebbene il gruppo non disponesse di tecnologia e risorse sufficienti perché è entrato nel settore più tardi anche rispetto ai suoi concorrenti all'interno del paese, e sebbene abbia attirato da loro una notevole quantità di critiche per la collaborazione con aziende giapponesi, Samsung Electric è riuscita a stabilire una joint venture chiamata Saumsung-Sanyo Electric con Sanyo e Sumitomo Corporation del Giappone nello stesso anno in cui è entrata in affari.[7] I suoi primi prodotti erano apparecchi elettronici ed elettrici tra cui televisori, calcolatrici, frigoriferi, condizionatori d'aria e lavatrici. Nel 1970, Samsung Group fondò un'altra filiale, Samsung-NEC, insieme alla giapponese NEC Corporation e alla Sumitomo Corporation per produrre elettrodomestici e dispositivi audiovisivi. Nel 1974, il gruppo si espanse nel settore dei semiconduttori acquisendo Korea Semiconductor, una delle prime strutture di produzione di chip nel paese in quel momento. L'acquisizione di Korea Telecommunications, un produttore di sistemi di commutazione elettronica, venne completata all'inizio del successivo decennio nel 1980.

Nel 1981, Samsung Electric Industries aveva prodotto oltre 10 milioni di televisori in bianco e nero. Nel febbraio 1983, il fondatore di Samsung, Lee Byung-chull, insieme al consiglio di amministrazione e all'accordo di Samsung sull'industria e alle società e aiutando sponsorizzando l'evento, fece un annuncio in seguito soprannominato la "dichiarazione di Tokyo", in cui dichiarò che Samsung intendeva diventare un fornitore di memoria ad accesso casuale dinamico (DRAM). Un anno dopo, Samsung annunciò di aver sviluppato con successo una DRAM da 64 kb. Nel processo, Samsung utilizzò le tecnologie importate dalla Micron Technology degli Stati Uniti per lo sviluppo di DRAM e Sharp del Giappone per SRAM e ROM.[8] Nel 1988, Samsung Electric Industries si fuse con Samsung Semiconductor & Communications per formare Samsung Electronics,[9] come in precedenza, non erano state una società leader insieme, ma non erano rivali, infatti stettero in contatto fino a quando non si unirono.

L'espansione ed il contrasto con la concorrenza (1988-1995)Modifica

Samsung Electronics lanciò il suo primo telefono cellulare nel 1988, sul mercato sudcoreano.[10] Inizialmente le vendite furono scarse e all'inizio degli anni '90 Motorola deteneva una quota di mercato di oltre il 60% nel mercato della telefonia mobile del paese rispetto al solo 10% di Samsung.[10] La divisione di telefonia mobile di Samsung dovette contrastare anche i prodotti di qualità scadente e di qualità inferiore fino alla metà degli anni '90 e l'uscita dal settore fu un argomento di discussione frequente all'interno dell'azienda.[11]

Le innovazioni e le strategie di progettazione (1995–2008)Modifica

Lee Kun-Hee decise che Samsung doveva cambiare strategia. La società accantonò la produzione di molte linee di prodotti sotto-vendita e perseguì invece un processo di progettazione e produzione di componenti e investimenti in nuove tecnologie per altre società. Inoltre, Samsung delineò un piano decennale per scrollarsi di dosso l'immagine di "marchio economico" e sfidare Sony come il più grande produttore di elettronica di consumo al mondo. In questo modo, si sperava che Samsung potesse capire come venivano prodotti i prodotti e dare un vantaggio tecnologico in futuro. Questa paziente strategia di integrazione verticale dei componenti di produzione diede i suoi frutti a Samsung alla fine degli anni 2000.[12]

Una strategia complementare di leadership del marchio venne inoltre avviata dal presidente Lee quando dichiarò il 1996 "l'anno della rivoluzione del design" di Samsung. Il suo obiettivo era quello di sviluppare le capacità di progettazione Samsung come risorsa competitiva e trasformare l'azienda in un leader mondiale nella progettazione. Tuttavia, questo sforzo richiese importanti cambiamenti nella cultura, nei processi e nei sistemi aziendali. Integrando un sistema e una strategia di gestione del design completi nella cultura aziendale, Samsung riuscì a sviluppare un pluripremiato portafoglio di design di prodotti alla fine degli anni '90, determinando una significativa crescita del patrimonio netto del marchio.[13][14][15]

Mentre Samsung si allontanava dai mercati di consumo, la società ideò un piano per sponsorizzare i principali eventi sportivi. Uno di questi sponsor era per le Olimpiadi invernali del 1998 tenute a Nagano, in Giappone.[16]

Come un chaebol, Samsung Group esercitò ricchezza che permise all'azienda di investire e sviluppare nuove tecnologie piuttosto che costruire prodotti a un livello che non avrebbero avuto un buon impatto sulle finanze di Samsung.[17]

Samsung registrò una serie di innovazioni tecnologiche, in particolare nel campo della memoria, oggi comuni nella maggior parte dei prodotti elettrici. Ciò include la prima DRAM al mondo da 64 MB nel 1992, 256 MB DRAM nel 1994, 1 GB DRAM nel 1996.[18] Nel 2004, Samsung sviluppò il primo chip di memoria flash NAND da 8 GB e un accordo di produzione venne raggiunto con Apple nel 2005. Nel 2005 venne siglato un accordo per fornire ad Apple chip di memoria e, a partire da ottobre 2013, Samsung rimane un fornitore chiave di componenti Apple, producendo i processori A7 che si trovano all'interno del modello iPhone 5S.[19][20]

Lo sviluppo nell'elettronica di consumo (2008-presente)Modifica

 
Il display Samsung all'International Funkausstellung 2008 di Berlino

Per quattro anni consecutivi, dal 2000 al 2003, Samsung ha registrato utili netti superiori al 5%; questo è stato in un momento in cui 16 delle 30 principali società sudcoreane hanno smesso di operare sulla scia di una crisi senza precedenti.[21][22]

Nel 2005, Samsung Electronics ha superato per la prima volta la sua rivale giapponese, la Sony, diventando il ventesimo marchio di consumo più grande e popolare al mondo, come misurato da Interbrand.[23]

Nel 2007, Samsung Electronics è diventata la seconda casa produttrice di telefoni cellulari al mondo, superando per la prima volta Motorola.[24] Nel 2009, Samsung ha realizzato un fatturato totale di 117,4 miliardi di dollari, superando Hewlett-Packard diventando la più grande azienda tecnologica al mondo nelle vendite.[25]

Nel 2009 e nel 2010, gli Stati Uniti e l'UE hanno multato la società, insieme ad altri otto produttori di chip di memoria, per la sua parte in un sistema di fissazione dei prezzi che si è verificato tra il 1999 e il 2002. Altre società multate includevano Infineon Technologies, Elpida Memory e Micron Technology.[26][27][28][29][30] Nel dicembre 2010, l'UE ha concesso l'immunità a Samsung Electronics per aver agito come informatore durante l'indagine (LG Display, AU Optronics, Chimei InnoLux, Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display sono stati implicati a seguito dell'intelligence dell'azienda).[31][32]

Nonostante la sua costante espansione, Samsung, insieme al suo presidente Lee Kun-hee, ha sviluppato una reputazione di insicurezza riguardo alla sua stabilità finanziaria e al potenziale insorgere di future crisi. Dopo essere tornato da un periodo di pensionamento temporaneo nel marzo 2010, Kun-hee ha dichiarato che "il futuro di Samsung Electronics non è garantito perché la maggior parte dei nostri prodotti di punta sarà obsoleto tra 10 anni".[33]

La società ha fissato un obiettivo ambizioso di raggiungere 400 miliardi di entrate annue entro dieci anni. La società ha 24 centri di ricerca e sviluppo in tutto il mondo, e dai primi anni 2000 e nella Vision 2020, Samsung ha sottolineato la ricerca e lo sviluppo tecnico. Tuttavia, il gran numero di reclami online indica che la società è debole nell'ascoltare il feedback dei clienti in merito al design della sua tecnologia e software.[6]

Nell'aprile 2011, Samsung Electronics ha venduto le sue operazioni commerciali di HDD a Seagate Technology per circa 1,4 miliardi di dollari. Il pagamento era composto da 45.2 milioni di azioni Seagate (9,6% delle azioni), per un valore di 687,5 milioni di dollari e una somma in contanti per il resto.[34]

Nel maggio 2013, Samsung ha annunciato di essere finalmente riuscita a testare con successo la tecnologia di quinta generazione (5G) potenziata.[35]

Nell'aprile 2013, il nuovo ingresso di Samsung Electronics nella gamma di smartphone della serie Galaxy S, il Galaxy S4 viene reso disponibile per la vendita al dettaglio. Rilasciato come aggiornamento del Galaxy S III più venduto, l'S4 è stato venduto in alcuni mercati internazionali con il processore Exynos dell'azienda.[36]

Nel luglio 2013, Samsung Electronics ha previsto profitti più deboli del previsto per il suo trimestre da aprile a giugno. Mentre gli analisti si aspettavano circa 10.1 trilioni di vittorie, Samsung Electronics ha stimato un profitto operativo di 9.5 trilioni di won sudcoreani (7,5 miliardi di euro).[37] Nello stesso mese, Samsung ha acquisito il produttore di dispositivi di streaming multimediale Boxee per $30 milioni.[38]

L'11 settembre 2013, il capo del settore mobile di Samsung, Shin Jong-kyun, ha dichiarato al Korea Times che Samsung Electronics svilupperà ulteriormente la sua presenza in Cina per rafforzare la sua posizione sul mercato rispetto ad Apple. Il dirigente Samsung ha anche confermato che un telefono smartphone a 64 bit verrà rilasciato per abbinarsi al processore A7 basato su ARM del modello iPhone 5s di Apple che è stato rilasciato a settembre 2013.[39]

A causa delle vendite di smartphone, in particolare delle vendite di telefoni a basso prezzo in mercati come India e Cina, Samsung ha realizzato guadagni record nel terzo trimestre del 2013. L'utile operativo per questo periodo è salito a circa 10,1 trilioni di won ($9,4 miliardi), una cifra che è stata potenziata dalle vendite di chip di memoria a clienti come Apple, Inc.[20] Il 14 ottobre 2013, Samsung Electronics si è scusata pubblicamente per l'utilizzo di componenti ricondizionati da computer desktop più economici per riparare prodotti di fascia alta, dopo che le pratiche commerciali non etiche della società erano state esposte il giorno precedente dalla rivista di affari correnti di MBC TV, 2580.[40]

Nel febbraio 2014, Barnes & Noble ha annunciato che un nuovo tablet a colori Nook sarebbe stato rilasciato nel 2014.[41] Nel giugno 2014, Barnes & Noble ha annunciato che avrebbe collaborato con Samsung, uno dei leader nei tablet basati su Android, per sviluppare tablet a colori con il marchio intitolato Samsung Galaxy Tab 4 Nook; i dispositivi conterranno l'hardware Samsung, incluso un display da 7 pollici, e il software Nook personalizzato di Barnes & Noble. Il primo Galaxy Tab 4 Nook inizierà a essere venduto negli Stati Uniti nell'agosto 2014,[42] con Nook incentrato su software e contenuti e Samsung incentrato sull'hardware.[43][44] Le specifiche del prodotto pubblicate da Samsung indicano che, a differenza delle ereader avanzate di qualità premium lanciate nel 2012 (NOOK HD e HD+, che "avevano schermi e CPU paragonabili ai migliori tablet di livello medio e premium"), le più economiche le funzionalità del Samsung Galaxy Tab 4 Nook saranno progettate per un livello di mercato inferiore (Android 4.4.2 KitKat su un 1.2 CPU Snapdragon quad-core GHz con 1,5 GB di RAM, Wifi e Bluetooth, oltre a una fotocamera frontale da 1,2 MP e una fotocamera posteriore da 3 MP, risoluzione dello schermo di 1280 x 800 e un prezzo al dettaglio di $ 199; circa $ 80 in più rispetto ai tablet comparabili che non portano un marchio Samsung)."[45]

Samsung ha sponsorizzato i Premi Oscar 2014 (tenutisi il 4 marzo 2014) e, a causa dell'utilizzo del prodotto smartphone Samsung Galaxy Note da parte dell'ospite Ellen DeGeneres in una fotografia selfie di gruppo che è diventata un fenomeno virale online, la società ha donato $3 milioni a due organizzazioni di beneficenza selezionate da DeGeneres. La dichiarazione ufficiale Samsung ha spiegato: "volevamo fare una donazione alle organizzazioni benefiche di Ellen: St Jude's e Humane Society. Samsung donerà 1,5 milioni di dollari a ciascun ente di beneficenza."[46][47]

Il 17 aprile 2014, Samsung aveva annunciato che avrebbe interrotto il suo negozio di ebook a partire dal 1º luglio 2014 e aveva collaborato con Amazon per introdurre l'app Kindle per Samsung, che consentirà agli utenti di dispositivi Galaxy che utilizzano Android 4.0 e fino a comprare e leggere contenuti dal catalogo di Amazon di periodici ed e-book e un servizio di libri gratuito, Samsung Book Deals, che consentirà agli utenti dell'app co-brand di scegliere un e-book gratuito al mese da una selezione fornita da Amazon.[48]

Nel riferire sull'annuncio di Barnes & Noble del 5 giugno 2014 che il rivenditore di libri avrebbe collaborato con Samsung per sviluppare tablet Nook, l'Associated Press ha osservato:[43]

«Barnes & Noble afferma che continuerà a produrre e vendere i suoi e-reader Nook Glowlight da 99 dollari e a fornire assistenza ai clienti.»

«La società afferma inoltre che sta trasferendo i suoi dipendenti Nook dai suoi uffici di Palo Alto, in California, per risparmiare denaro. I dipendenti dovrebbero trasferirsi in uno spazio più piccolo nella vicina Santa Clara, in California, entro luglio.»

Nel primo trimestre del 2015, l'utile di Samsung è sceso del 39% a 4,35 miliardi USD a causa della maggiore concorrenza per smartphone dell'iPhone 6 e 6 Plus di Apple, nonché di una serie di concorrenti Android.[49]

Nell'agosto 2014, Samsung ha annunciato di aver raggiunto un accordo per l'acquisizione di SmartThings.[50] L'acquisizione è stata vista come una mossa da Samsung per passare a Internet delle cose.[51]

Nel maggio 2015, Samsung ha annunciato una partnership con IKEA, in accordo con il Wireless Power Consortium, per lo sviluppo congiunto di telefoni mobili che consentirebbero la ricarica induttiva Qi al Mobile World Congress.[52] A giugno Samsung ha avviato un'attività LFD dedicata, Samsung Display Solutions,[53] per la gamma SMART di prodotti LED dell'azienda. La gamma SMART di display a LED dell'azienda comprende Signage, Hospitality Display, TV, LED, Cloud Display e Accessori. La società offre le seguenti soluzioni software per clienti all-in-one: MagicInfo, MagicIWB, LYNK SINC, LYNK HMS e LYNK REACH. Le rivolge società ai seguenti settori: Retail, Corporate, ospitalità e trasporti.

Il 16 giugno 2016, Samsung Electronics ha annunciato di aver accettato di acquisire la società di cloud computing Joyent. Gli permetterà di far crescere i suoi servizi basati su cloud per i suoi smartphone e dispositivi connessi a Internet.[54]

Il 14 novembre 2016, Samsung Electronics ha annunciato un accordo per l'acquisto del produttore americano di apparecchiature automobilistiche Harman International Industries per $8 miliardi.[55] Il 10 marzo 2017 l'acquisizione è stata completata.[56]

Le intercettazioni pubblicate da Wikileaks hanno rivelato nel 2017 l'esistenza di un modello di televisore Samsung, con videocamera e microfono integrati, che era gestito da un software della National Security Agency, in grado di pilotare il televisore da remoto[57][58] e dare il pieno controllo del mezzo a soggetti terzi. Tramite gli smart TV, capaci di riconoscimento vocale[senza fonte] e facciale, è risultato possibile attivare da remoto la registrazione di conversazioni private.[59][60]

Il 6 aprile 2017, Samsung Electronics ha riferito che i dati finanziari erano aumentati per la società nel trimestre. L'anno precedente, chip di memoria e display flessibili rappresentavano circa il 68% dell'utile operativo di Samsung nell'ultimo trimestre del 2016, un cambiamento rispetto agli anni precedenti, quando il business degli smartphone ha contribuito maggiormente.[61]

Il 2 maggio 2017, Samsung ha ottenuto l'autorizzazione dal Ministero della Terra, delle infrastrutture e dei trasporti della Corea per iniziare a testare una tecnologia automobilistica a guida autonoma.[62][63] Secondo Korea Herald, la società utilizzerà per i test un'auto Hyundai personalizzata.[64]

Nel maggio 2019, per la prima volta in Europa, i contenuti dimostrativi di 8K sono stati ricevuti via satellite senza la necessità di un ricevitore esterno o decodificatore separato utilizzando una TV Samsung. Alla conferenza SES Industry Days del 2019 a Betzdorf, il Lussemburgo ha trasmesso contenuti di qualità 8K (con una risoluzione di 7680x4320 pixel a 50 frame/s) è stato codificato utilizzando un codificatore HEVC Spin Digital (a una velocità dati di 70 Mbit/s), collegato a un singolo 33 Transponder MHz sui satelliti Astra 28.2° E di SES e il downlink ricevuto e visualizzato su un modello TV di produzione Samsung 82in Q950RB.[65]

AttivitàModifica

Samsung è un importante produttore di componenti elettronici come batterie agli ioni di litio, semiconduttori, chip, sensori di immagine, moduli fotocamera e dispositivi di memoria flash per clienti come Apple, Sony, HTC e Nokia.[66][67] È il più grande produttore al mondo di telefoni cellulari e smartphone, avviatosi con l'originale Samsung Solstice[68] e successivamente, la popolarità della sua linea di dispositivi Samsung Galaxy.[69] La società è anche un importante fornitore di tablet, in particolare la sua collezione Samsung Galaxy Tab con tecnologia Android, e considerata per lo sviluppo del mercato dei phablet attraverso la famiglia di dispositivi Samsung Galaxy Note.[70] Ha anche sviluppato smartphone 5G come il Galaxy S10 e Galaxy Note 10 e telefoni pieghevoli tramite Galaxy Fold. Samsung è il più grande produttore di televisori mondiali dal 2006,[71] e il più grande produttore mondiale di telefoni cellulari dal 2011.[72] È anche il più grande produttore al mondo di chip di memoria.[73] A luglio 2017, Samsung Electronics ha superato Intel come il più grande produttore di chip a semiconduttore al mondo.[74] Samsung Electronics è la seconda azienda tecnologica al mondo per fatturato. Conta 206 filiali in 68 paesi, 41 impianti produttivi presenti, oltre che in Corea, in Brasile, Cina, Filippine, India, Indonesia, Malaysia, Messico, Polonia, Russia, Slovacchia, Stati Uniti, Thailandia, Ungheria e Vietnam, 28.000 brevetti registrati, ed impiega complessivamente 190.500 lavoratori[75].

Nonostante la crisi economica globale che si abbatte sui mercati dal 2008, Samsung è una delle poche aziende che ha visto crescere i propri bilanci. Nel 2010 il suo fatturato è stato di 101,37 miliardi di euro, con un incremento del 13% rispetto all'anno precedente, riuscendo a piazzare sul mercato 280 milioni di pezzi[76]. Gran parte del fatturato è stato generato dal settore della telefonia mobile, in cui domina nel mercato degli smartphone[77]. Buoni risultati li ha ottenuti anche nel settore informatico di consumo, dove Samsung primeggia tra i produttori mondiali delle memorie DRAM[78]. Samsung registra invece una forte flessione nel mercato dei televisori a schermo piatto con un decremento del 26% dei profitti[79]. L'azienda è presente anche con altri brand, tra cui Anycall, ed assieme alla giapponese Sony ha una joint-venture per la produzione di pannelli LCD, la S-LCD.

Nel 2012, Kwon Oh-hyun venne nominato amministratore delegato della società, ma ha annunciato a ottobre 2017 che si sarebbe dimesso a marzo 2018, citando una "crisi senza precedenti".[80][81][82] Da marzo 2018, la società mantiene un layout a 3 amministratori delegati con Ki Nam Kim, Hyun Suk Kim e Dong Jin Koh.[83] Ha anche un amministratore delegato separato per il sud-est asiatico dal 2015, HC Hong.[84]

L'area di mercatoModifica

 
Un negozio Samsung a Taguig, nelle Filippine.

La società si concentra su quattro aree: media digitali, semiconduttori, rete di telecomunicazione e apparecchi digitali LCD.[85]

L'area di business dei media digitali comprende dispositivi informatici come computer portatili e stampanti laser; display digitali come televisori e monitor per computer; e dispositivi di intrattenimento di consumo come lettori DVD, lettori MP3 e videocamere digitali; e elettrodomestici come frigoriferi, condizionatori d'aria, depuratori d'aria, lavatrici, forni a microonde e aspirapolveri.[86]

L'area di business dei semiconduttori comprende chip a semiconduttore come SDRAM, SRAM, memoria flash NAND; Smart card; processori di applicazioni mobili; Ricevitori TV mobili; Ricetrasmettitori RF; Sensori di immagine CMOS, IC Smart Card, IC MP3, lettore DVD / Blu-ray Disc / HD DVD Player SOC e pacchetto multi-chip (MCP).

L'area di telecomunicazioni-rete-business comprende DSLAM e fax multi-servizio; dispositivi cellulari come telefoni cellulari, telefoni PDA e dispositivi ibridi chiamati terminali intelligenti mobili (MIT); e ricevitori satellitari.

L'area di business LCD si concentra sulla produzione di pannelli TFT-LCD e diodi organici a emissione di luce (OLED) per laptop, monitor desktop e televisori.

Samsung Print è stata fondata nel 2009 come entità separata per concentrarsi sulle vendite B2B e ha rilasciato una vasta gamma di dispositivi e stampanti multifunzione e altro ancora.[87] A partire dal 2018 Samsung ha venduto la propria attività di stampa ad HP.

ProdottiModifica

Sinossi generaleModifica

AltroModifica

 
La fotocamera reflex digitale Samsung GX-10

In passato, Samsung produceva stampanti sia per i consumatori che per le aziende, tra cui stampanti monocromatiche, stampanti laser a colori, stampanti multifunzione e modelli di stampanti digitali digitali ad alta velocità per uso aziendale. Sono usciti dal settore delle stampanti e hanno venduto la divisione stampanti ad HP nell'autunno 2017.[88]

Nel 2010, la società ha introdotto alcuni prodotti più efficienti dal punto di vista energetico, tra cui il laptop R580, il netbook N210, la stampante monocromatica laser più piccola al mondo ML-1660 e la stampante multifunzione laser a colori CLX-3185.

Samsung ha introdotto diversi modelli di fotocamere e videocamere digitali, tra cui la fotocamera WB550, la fotocamera con doppio display LCD ST550 e l'HMX-H106 (videocamera Full HD montata su SSD da 64 GB). Nel 2009, l'azienda ha conquistato il terzo posto nel segmento delle fotocamere compatte. Da allora, la società si è concentrata di più sugli articoli più costosi. Nel 2010, la società ha lanciato la NX10, la fotocamera con obiettivo intercambiabile di prossima generazione.

Nel settore dei supporti di memorizzazione, nel 2009 Samsung ha raggiunto una quota di mercato mondiale del dieci percento, guidata dall'introduzione di una nuova unità disco fisso in grado di memorizzare 250 GB per disco da 2,5 pollici.[89] Nel 2010, la società ha iniziato a commercializzare l'HDD da 320 Gb per disco, il più grande del settore. Inoltre, si stava concentrando maggiormente sulla vendita di unità disco rigido esterne. A seguito di perdite finanziarie, la divisione del disco rigido è stata venduta a Seagate nel 2011.

Nel settore dei supporti di memorizzazione, nel 2009 Samsung ha raggiunto una quota di mercato mondiale del dieci percento, guidata dall'introduzione di una nuova unità disco fisso in grado di memorizzare 250 GB per disco da 2,5 pollici.[89] Nel 2010, la società ha iniziato a commercializzare l'HDD da 320 Gb per disco, il più grande del settore. Inoltre, si stava concentrando maggiormente sulla vendita di unità disco rigido esterne. A seguito di perdite finanziarie, la divisione del disco rigido è stata venduta a Seagate nel 2011.

Nel 2014, la società ha annunciato che stava uscendo dal mercato dei laptop in Europa.[90]

Nel 2015 Samsung ha annunciato una proposta per una costellazione di 4600 satelliti in orbita attorno alla Terra a 1400 km di altitudine che potrebbe portare 200 gigabyte al mese di dati Internet a "ciascuno delle 5 miliardi di persone nel mondo".[91][92] La proposta non ha ancora raggiunto il pieno sviluppo. Se costruita, una tale costellazione competerebbe con lecostellazioni satellitari precedentemente annunciate attualmente in fase di sviluppo da OneWeb e SpaceX.[91]

Dal 2017, Samsung produce prodotti audio nell'ambito della sua sovvenzione, Harman. Includono altoparlanti e auricolari contenuti o venduti con i suoi dispositivi.[93]

Tra i principali prodotti dell'azienda coreana vi sono:

Pannelli LCD e LEDModifica

 
Il Samsung Galaxy Note 10, che incorpora uno schermo dinamico AMOLED Infinity-O

Nel 2004 Samsung era il maggiore produttore mondiale di OLED, con una quota di mercato del 40% in tutto il mondo[94] e dal 2018 detiene una quota del 98% del mercato globale AMOLED.[95] La società ha totalizzato $100,2 milioni su un totale di $475 milioni di entrate nel mercato globale degli OLED nel 2006.[96] A partire dal 2006, detiene oltre 600 brevetti americani e oltre 2.800 brevetti internazionali, rendendola il più grande proprietario di brevetti tecnologici AMOLED.[96]

Gli attuali smartphone AMOLED di Samsung utilizzano il marchio Super AMOLED, con il lancio del Samsung Wave S8500 e del Samsung Galaxy S nel giugno 2010. Nel gennaio 2011, ha annunciato i suoi display Super AMOLED Plus[97] - che offrono numerosi progressi rispetto ai precedenti display Super AMOLED - con matrice a strisce reali (50% in più di pixel secondari), fattore di forma più sottile, immagine più luminosa e riduzione del 18% di consumo di energia.

Nell'ottobre 2007, Samsung ha introdotto un pannello televisivo LCD da 40 mm di spessore di dieci millimetri, seguito nell'ottobre 2008 dal primo pannello al mondo da 7,9 mm.[98] Samsung ha sviluppato pannelli per monitor LCD da 24 pollici (3.5 mm) e laptop da 12,1 pollici (1,64 mm).[99] Nel 2009, Samsung è riuscita a sviluppare un pannello per televisori a LED da quaranta pollici, con uno spessore di 3,9 millimetri (0,15 pollici). Soprannominato "Needle Slim", il pannello è spesso (o sottile) come due monete messe insieme. Si tratta di circa un dodicesimo del pannello LCD convenzionale il cui spessore è di circa 50 millimetri (1,97 pollici).

Pur riducendo sostanzialmente lo spessore, l'azienda ha mantenuto le prestazioni dei modelli precedenti, inclusa la risoluzione Full HD 1080p, 120 Hz e rapporto di contrasto 5000:1.[100] Il 6 settembre 2013, Samsung ha lanciato la sua TV OLED curva da 55 pollici (modello KE55S9C) nel Regno Unito con John Lewis.[101]

Nell'ottobre 2013, Samsung ha diffuso un comunicato stampa per la sua tecnologia di visualizzazione curva con il modello di smartphone Galaxy Round. Il comunicato stampa ha descritto il prodotto come "il primo display flessibile Super AMOLED full HD commercializzato al mondo". Il produttore spiega che gli utenti possono controllare informazioni come il tempo e la durata della batteria quando la schermata principale è spenta e possono ricevere informazioni dallo schermo inclinando il dispositivo.[102]

CellulariModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Samsung Galaxy.

Sebbene Samsung abbia realizzato telefoni cellulari con design chiudevole,[103][104][105] la linea di telefoni cellulari di punta di Samsung è la serie di smartphone Samsung Galaxy S, che molti considerano un concorrente diretto dell'iPhone di Apple.[106] Il primo modello della serie venne lanciato inizialmente a Singapore, in Malaysia e in Corea del Sud nel giugno 2010,[107][108][109] seguito dagli Stati Uniti a luglio. Ha venduto oltre un milione di unità nei primi 45 giorni in vendita negli Stati Uniti.[110]

Mentre molti altri produttori di cellulari si sono concentrati su uno o due sistemi operativi, Samsung per un certo periodo ne ha utilizzati diversi: Symbian, Windows Phone, LiMo basato su Linux e TouchWiz e Bada proprietari di Samsung.[111]

Nel 2013 Samsung aveva abbandonato tutti i sistemi operativi tranne Android e Windows Phone. Quell'anno Samsung ha commercializzato almeno 43 telefoni o tablet Android e due telefoni Windows.[112]

Alla fine del terzo trimestre del 2010, l'azienda aveva superato i 70 milioni di unità di telefoni venduti, conferendole una quota di mercato globale del 22%, superando la Nokia del 12%.[113][114] Nel complesso, la società ha venduto 280 milioni di telefoni cellulari nel 2010, corrispondenti a una quota di mercato del 20,2 per cento.[115] La società ha superato Apple nelle vendite mondiali di smartphone durante il terzo trimestre 2011, con una quota di mercato totale del 23,8 percento, rispetto alla quota del 14,6 percento di Apple.[116] Samsung è diventata la più grande azienda produttrice di telefoni cellulari nel 2012, con le vendite di 95 milioni di smartphone nel primo trimestre.[117]

Durante il terzo trimestre del 2013, le vendite di smartphone Samsung sono migliorate nei mercati emergenti come l'India e il Medio Oriente, dove i telefoni più economici erano popolari. A partire da ottobre 2013, l'azienda offre 40 modelli di smartphone sul suo sito Web negli Stati Uniti.[20]

Nel 2019, Samsung ha annunciato di aver terminato la produzione di telefoni cellulari in Cina, a causa della mancanza di domanda cinese. A partire dal 2019 Samsung impiega oltre 200.000 dipendenti nell'area di Hanoi, in Vietnam, per produrre smartphone, mentre esternalizza alcune attività produttive in Cina[118] e produce gran parte dei suoi telefoni in India.[119][120][121][122]

SemiconduttoriModifica

 
Un modulo Samsung DDR SDRAM

Samsung Electronics è il più grande produttore di chip di memoria al mondo dal 1993,[123] e la più grande azienda di semiconduttori dal 2017.[124] La divisione Samsung Semiconductor produce vari dispositivi a semiconduttore, inclusi nodi a semiconduttore, transistor MOSFET, chip a circuito integrato e memoria a semiconduttore.

Dall'inizio degli anni '90, Samsung Electronics ha introdotto commercialmente una serie di nuove tecnologie di memoria.[125] Hanno introdotto commercialmente SDRAM (memoria dinamica dinamica ad accesso casuale) nel 1992,[126][127] e successivamente DDR SDRAM (SDRAM a doppia velocità di trasmissione) e GDDR (grafica DDR) SGRAM (RAM grafica sincrona) nel 1998.[128][129] Nel 2009, Samsung ha iniziato a produrre in serie memorie flash NAND flash di 30 nm,[130] e nel 2010 è riuscito a produrre in serie DRAM di 30 nm e NAND flash di 20 nm, entrambi per la prima volta al mondo.[131] Hanno anche introdotto la memoria flash NAND TLC (cella a tre livelli) commercialmente nel 2010,[125] V-NAND flash nel 2013,[132][133][134][135] LPDDR4 SDRAM nel 2013,[125] HBM2 nel 2016,[136][137] GDDR6 a gennaio 2018,[138][139][140] e LPDDR 5 a giugno 2018.[141]

Un'altra area in cui l'azienda ha avuto importanti affari da anni è il segmento della fonderia. Ha iniziato a investire nel settore della fonderia dal 2006 e l'ha posizionato come uno dei pilastri strategici per la crescita dei semiconduttori.[142] Da allora, Samsung è stata leader nella fabbricazione di dispositivi a semiconduttore. Samsung ha iniziato la produzione in serie di un processo di produzione di semiconduttori di classe 20 nm nel 2010,[131] seguito da un processo FinFET di classe 10 nm nel 2013,[143] e nodi FinFET 7 nm nel 2018. Hanno anche iniziato la produzione dei primi nodi da 5 nm alla fine del 2018,[144] con l'intenzione di introdurre nodi GAAFET da 3 nm entro il 2021.[145]

Secondo la società di ricerche di mercato Gartner, nel secondo trimestre del 2010, Samsung Electronics ha conquistato la prima posizione nel segmento DRAM a causa delle vendite energiche dell'articolo sul mercato mondiale. Gli analisti di Gartner hanno dichiarato nel loro rapporto: "Samsung ha consolidato la sua posizione di leader conquistando una quota di mercato del 35%. Tutti gli altri fornitori hanno avuto un cambiamento minimo nelle loro azioni ". La compagnia ha preso la prima posizione in classifica, seguita da Hynix, Elpida e Micron, ha dichiarato Gartner.[146]

Nel 2010, il ricercatore di mercato IC Insights aveva previsto che Samsung sarebbe diventata il più grande fornitore di chip a semiconduttore al mondo entro il 2014, superando Intel.Per il periodo di dieci anni dal 1999 al 2009, il tasso di crescita annuale composto di Samsung nei ricavi dei semiconduttori è stato del 13,5 percento, rispetto al 3,4 percento per Intel.[147][148] Per il 2015, IC Insights e Gartner hanno annunciato che Samsung è stato il quarto produttore di chip al mondo.[149] Samsung alla fine ha superato Intel per diventare la più grande azienda di semiconduttori del mondo nel 2017.[124]

TelevisoriModifica

 
Samsung UN105S9 TV 4K da 105 pollici ad altissima definizione

Nel 2009, Samsung ha venduto circa 31 milioni di televisori a schermo piatto, consentendogli di mantenere la quota di mercato più grande del mondo per il quarto anno consecutivo.[150]

Samsung ha lanciato la sua prima televisione LED 3D Full HD nel marzo 2010.[151] Samsung ha presentato il prodotto all'International Consumer Electronics Show 2010 (CES 2010) tenutosi a Las Vegas.[152]

Samsung ha venduto oltre un milione di televisori 3D in sei mesi dal suo lancio. Questa cifra si avvicina a ciò che molti ricercatori di mercato prevedono per le vendite televisive 3D mondiali dell'anno (1.23 milioni di unità).[153] Ha inoltre debuttato con il 3D Home Theater (HT-C6950W) che consente all'utente di godere contemporaneamente di immagini 3D e suono surround. Con il lancio di 3D Home Theater, Samsung è diventata la prima azienda del settore ad avere l'intera gamma di offerte 3D, tra cui televisione 3D, lettore Blu-ray 3D, contenuto 3D e occhiali 3D.[154]

 
Una TV LED Samsung da 40 "

Nel 2007, Samsung ha introdotto "Internet TV", consentendo allo spettatore di ricevere informazioni da Internet mentre allo stesso tempo guarda la programmazione televisiva convenzionale. Samsung ha successivamente sviluppato "Smart LED TV" (ora ribattezzato "Samsung Smart TV"),[155] che supporta inoltre le app di Smart TV scaricate. Nel 2008, la società ha lanciato il servizio Power Infolink, seguito nel 2009 da una nuovissima Internet @ TV. Nel 2010, ha iniziato a commercializzare la televisione 3D mentre svelava Internet @ TV 2010 aggiornato, che offre il download gratuito (oa pagamento) di applicazioni dal suo Samsung Apps Store, oltre a servizi esistenti come notizie, meteo, borsa, Video e film di YouTube.[156]

Samsung Apps offre servizi premium a pagamento in alcuni paesi, tra cui Corea e Stati Uniti. I servizi saranno personalizzati per ogni regione. Samsung prevede di offrire applicazioni orientate alla famiglia come programmi di assistenza sanitaria, cornici digitali e giochi. La gamma di smart TV di Samsung include le app ITV Player e Angry Birds con controllo del movimento.[157]

A partire dal 2015, i televisori intelligenti Samsung eseguono un sistema operativo personalizzato dal sistema operativo Tizen basato su Linux open source.[158][159] Data l'elevata quota di mercato di Samsung nel mercato della televisione intelligente, circa il 20% dei televisori intelligenti venduti in tutto il mondo nel 2018 utilizza Tizen.[159]

Cinema digitaleModifica

Il 13 luglio 2017, uno schermo a LED per il cinema digitale sviluppato da Samsung Electronics è stato mostrato pubblicamente su uno schermo alla Lotte Cinema World Tower di Seul.[160]

Samsung StoreModifica

Samsung possiede negozi dedicati per mostrare i propri prodotti.

Corea del SudModifica

Samsung ha vari negozi di servizi in tutta la Corea del Sud, che hanno vetrine di vari prodotti Samsung disponibili per l'acquisto con centri di riparazione per quegli articoli.[161] Vi sono anche negozi dedicati all'installazione di grandi elettrodomestici come TV, lavastoviglie e frigoriferi,[161] e negozi solo per la vendita e la riparazione dei prodotti di memoria, come gli SSD.[161]

CanadaModifica

 
Samsung Experience Store al Toronto Eaton Centre

TorontoModifica

Situato a Toronto nel Toronto Eaton Centre, il Samsung Experience Store ha due piani.

Al primo piano ci sono telefoni, tablet, smartwatch, altri dispositivi elettronici e accessori in mostra. C'è anche una sezione di realtà virtuale in cui puoi giocare a giochi VR e sedersi su una sedia per guardare video in VR, come andare sulle montagne russe.

Al secondo piano, c'è una sezione casalinga in cui sono mostrati frigoriferi, stufe, elettrodomestici Samsung. La sezione TV mostra i loro televisori sul grande schermo. C'è anche una sezione per la garanzia e le riparazioni.[162]

AltriModifica

  • CF Richmond Centre
  • CF Sherway Gardens
  • Metropoli a Metrotown
  • West Edmonton Mall
  • Centro commerciale Yorkdale

Fonte:[163]

Stati Uniti d'AmericaModifica

Samsung Experience StoresModifica

  • New York – Roosevelt Field
  • Houston – The Galleria
  • Los Angeles – Americana at Brand

Samsung Experience ShopsModifica

Oltre a queste sedi, Samsung gestisce un Samsung Experience Shop situato all'interno dei negozi Best Buy.[164]

Direzione e consiglio di amministrazioneModifica

Nel dicembre 2010, Samsung ha cambiato il proprio sistema di gestione da un unico sistema sotto la guida di Choi Gee-sung ad un gruppo di gestione per due persone con Choi Gee-sung, AD e vicepresidente, e Lee Jae-yong, direttore operativo e presidente. A giugno 2012, Samsung ha nominato Kwon Oh-hyun amministratore delegato della società.[165][166] Samsung ha inoltre riorganizzato le sue basi di marketing estere in linea con i cambiamenti del mercato, tra cui una consociata regionale britannica/dell'Europa continentale e una consociata regionale cinese/Taiwan.

Nel 2012, Samsung ha nominato il direttore dei prodotti mobili, JK Shin, come presidente/AD di Samsung Electronics per i prodotti di consumo mobili.

Nel 2010 la società ha aggiunto una nuova divisione aziendale per l'imaging digitale ed è composta da otto divisioni, tra cui display esistente, soluzioni IT, elettronica di consumo, wireless, rete, semiconduttori e LCD.

Ha unito l'elettronica di consumo e i condizionatori d'aria nel 2010 sotto la divisione commerciale dell'elettronica di consumo. Il business dei set-top box è stato unito alla divisione Visual Display Business.

La riorganizzazione della società nel dicembre 2010 è stata la seguente: Tra le otto divisioni, la divisione di rete e la divisione di imaging digitale hanno avuto nuovi incarichi, mentre le restanti divisioni vennero mantenute conformemente ai loro risultati.

  • Amministratore delegato, vicepresidente: Choi Gee-sung
  • Direttore finanziario: presidente Yoon Ju-hwa
  • Amministratore delegato, presidente: Lee Jae-yong
  • Amministratore delegato, presidente: JK Shin

I seguenti sono i nomi dei membri del consiglio di amministrazione:[167]

Consiglio di amministrazione
Nomi Posizione/i
Choi Gee-sung Vicepresidente, Presidente e Amministratore delegato
Yoon Ju-hwa Capo dell'ufficio finanziario
Tim Baxter Presidente del Samsung North American Branch
Jonathan Stewers Capo del design mobile (North American Branch)
Robert Bardaeu Sviluppatore dei prodotti/Reclutamento degli sviluppatori (North American Branch)
Yoon Dong-min Direttore indipendente (Attorney at Law, Kim & Chang)
Lee Chae-woong Direttore indipendente (Professore d'economia dell'Università di Sungkyunkwan)
Lee In-ho Direttore indipendente (Consulente, Shinhan Bank)
Park Oh-soo Direttore indipendente (Professore di economia aziendale, Università Nazionale di Seul)

Quota di mercato per i principali prodottiModifica

Prodotto Quota di mercato mondiale
Samsung
Principale concorrente Quota di mercato Anno Fonte
OLED a matrice attiva 98% LG Display, AUO 0,5~1,5% Q2 2010 [168]
DRAM 49,6% SK Hynix 24,8% Q2 2013 [169]
NAND flash 42,6% Toshiba 27,7% Q2 2011
Cellulari 34% Apple Inc. 13,4% Q3 2013 [170]
Pannelli LCD di grandi dimensioni

(entrate)

20,2% LG Display 26,7% Q4 2013 [171]
Batterie agli ioni di litio 18% Sanyo 20% Q2 2010 [172]
Unità a stato solido (SSD) 46,8% SanDisk 12,7% Q4 2015 [173]
Monitor LCD 18% LG Electronics 12,7% 2010 [174]
Televisori
(LCD, PDP, CRT, LED)
24% LG Electronics 14,7% Q2 2010 [175]
Fotocamere digitali 11,8% Sony 17,4% 2010 [176]

Principali clientiModifica

Clienti principali di Samsung (Q1 2010)[177]
Posizione/azienda Descrizione delle parti Percentuale delle vendite totali
1 Sony DRAM, NAND flash, pannelli LCD, etc. 3,7
2 Apple Inc. AP (processore mobile), AMOLED DISPLAY, DRAM, NAND flash, etc. 2,6
3 Dell DRAM, pannelli flat, batterie agli ioni di litio, etc. 2,5
4 Hewlett-Packard DRAM, pannelli flat, batterie agli ioni di litio, etc. 2,2
5 Verizon Communications Telefoni, etc. 1,3
6 AT&T Inc. Telefoni, etc. 1,3

Applicazioni SamsungModifica

  • S Voice
  • Samsung Health
  • S Calendar
  • Story Album
  • Samsung Gear
  • Samsung Link
  • Samsung Kick
  • Samsung Level
  • Samsung Slash
  • Samsung Smart Home
  • Samsung Gear Fit Manager
  • Samsung Smart Switch
  • Modes Photo
  • My Knox
  • Galaxy View Remote
  • Samsung Tectiles
  • Chef Collection
  • Galaxy S5 Experience
  • Galaxy Note Experience
  • Galaxy S6 | S6 edge Experience
  • Galaxy S6 edge+ Experience
  • Galaxy Note 5 Experience
  • Gear S2 Experience
  • S Translator
  • Video Editor
  • Nombreux filtres
  • SideSync
  • Good Lock
  • Game Tuner
  • Optical Reader
  • Samsung ChatON
  • Charm by Samsung
  • Samsung Power Sleep
  • Samsung Internet
  • Family Square
  • iWork Converter
  • Organize+
  • Bixby

Club sportiviModifica

  • Samsung Electronics Athletic Club
  • Samsung Electronics Equestrian Club
  • Samsung Galaxy (sport elettronico)

SloganModifica

  • Samsung For Today and Tomorrow (1993–2002)
  • Everyone's Invited (1999–2005)
  • Samsung, Imagine (2005–2007)
  • Samsung, Next Is What? (2007–2010)
  • Samsung, Turn on Tomorrow (2010–2011)
  • Samsung, The Next Is Now
  • Samsung, The Next Big Thing is Here (2013–2017)
  • Do bigger things
  • Samsung, Do What You Can't (2017–presente)

Telefoni cellulari, tablet e smartwatchModifica

Innovazioni dei telefoni cellulariModifica

  • SPH-V7800: primo cellulare con fotocamera da 5 megapixel (zoom ottico 3x)
  • SPH-V8200: primo cellulare con fotocamera da 8 megapixel (solo per il mercato coreano)
  • SGH-A800: uno dei primi telefoni samsung (in bianco e nero ma con il servizio internet OPENWAVE).
  • SGH-C100: primo cellulare ad non utilizzare la fotocamera e il doppio display.
  • SGH-D100: primo cellulare ad usare la sigla GPRS, dopo questo appare il logo SAMSUNG. I loghi GPRS sono stati apparsi in vari telefoni, uno ad avere varie case di negozi.
  • SGH-E317: primo cellulare ad usare la sigla Cingular.
  • SGH-T100 & SGH-C110: primo cellulare con le lettere in vari sigle finali, usato nei telefoni.
  • SGH-P730: primo cellulare con doppio display.
  • SGH-X400: primo cellulare con il pulsante JoyPad e i giochi pre-installati (Java).
  • SGH-I300: primo cellulare con memoria da 3 GB
  • SGH-I300x: primo cellulare con memoria da 4 GB
  • SCH-B570: primo cellulare con memoria da 8 GB (2006)
  • SCH-B600: primo cellulare con fotocamera da 10 megapixel (2006)
  • Samsung VLUU i70: prima fotocamera digitale con tecnologia HSDPA integrata (2007)
  • Samsung SGH U600: primo cellulare ultrapiatto (10 mm) con tastiera scorrevole, primo cellulare con tastiera esterna a sfioramento, primo cellulare con altoparlante stereo ICE power Technology by Bang & Olufsen, primo cellulare Samsung con Visual Radio
  • Samsung D880 Duos: primo cellulare dotato di tecnologia dual sim
  • Samsung SGH-B720: primo cellulare con fotocamera da 48 megapixel.
  • Samsung Galaxy S5: primo cellulare con fotocamera Live HDR View

SmartphoneModifica

 
Samsung Galaxy smartphone

TabletModifica

SmartwatchModifica

Samsung in ItaliaModifica

Samsung è presente in Italia dal 1991 con la filiale commerciale Samsung Electronics Italia S.p.A. che ha sede a Milano.

La società conta circa 500 dipendenti, e il mercato italiano rappresenta uno dei maggiori dell'azienda sudcoreana in Europa, dove possiede una quota di mercato del 28%[178].

Stabilimenti produttiviModifica

VietnamModifica

Samsung electronics possiede in Vietnam cinque strutture[179][180][181]. Tre sono situate nel nord del paese:

SEV (Samsung Electronics Vietnam)
Situata a Bac Ninh. Produce componenti e assembla dispositivi. Numero dipendenti: 40.000. Investimento totale fatto da Samsung in questo stabilimento: 2.5 miliardi di dollari.
SEVT (Samsung Electronics Vietnam Thái Nguyên)
Situato a Thai Nguyen. Impianto di produzione e assemblaggio dei componenti. Numero dipendenti: 65.000. Investimento totale fatto da Samsung in questo stabilimento: 5 miliardi di dollari.
SVMC (Samsung Vietnam R&D Mobile Center)
Situato ad Hanoi, capitale del paese. È un centro di ricerca e svilippo. Circa 2000 ingegneri lavorano in questa struttura. Questo centro, dove lavorano principalmente vietnamiti, è molto importante per il Vietnam. Consente infatti ai Vietnamiti di non essere soltanto un pezzo della catena di produzione ma di sviluppare loro stessi parte dei componenti e dei dispositivi elettronici che vengono poi messi in commercio dalla Samsung (un esempio di smartphone progettato in questo stabilimento è il Samsung Galaxy A7[182]). Il centro rappresenta quindi un importante opportunità per i vietnamiti di acquisire il know how necessario per provare ad iniziare a sviluppare una loro industria hi-tech[183][184].

Le restanti due sono situate ad Ho Chi Minh, nel sud del paese:

SEHC (Samsung Electronics Ho Chi Minh)
Stabilimento produttivo costruito nel parco Hi-Tech Saigon[185] di Ho chi min. Numero dipendenti: 7000. Investimento totale fatto da Samsung in questa struttura: 2 miliardi di dollari. In questo stabilimento è stato costruito, pochi anni dopo la costruzione dell'SMVC di Hanoi, un secondo centro di ricerca e sviluppo denominato SHRD (acronimo di: Samsung Ho Chi Minh Research & Development). A differenza dell'SMVC, specializzato nella ricerca finalizzata alla produzione di smartphones e in generale di smart devices, il centro SHRD è specializzato nella ricerca finalizzata alla produzione di lavatrici, aspirapolveri, frigoriferi e TV[186].
SAVINA
Struttura responsabile delle attività di vendita e di marketing dei prodotti Samsung in Vietnam.

CinaModifica

Samsung sta chiudendo molti dei suoi stabilimenti in Cina per spostare la produzione in paesi in cui il costo della manodopera è più basso. Negli ultimi anni ha ad esempio incrementato la produzione in Vietnam.[187]

LoghiModifica


NoteModifica

  1. ^ Gil Kim, Korea Market Strategy – How to untangle Samsung group's ownership?, Credit Suisse, 18 giugno 2014, p. 36. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2016).
  2. ^ Samsung Global Strategy Group 2013 (PDF), su sgsg.samsung.com. URL consultato il 5 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2014).
  3. ^ Fast Facts: Samsung Electronics-All data as of 2016, Samsung Electronics, 28 marzo 2017. URL consultato il 24 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  4. ^ Cho Mu-Hyun, Samsung's logic chip biz turns to AI chips and 5G for change of fortune, ZDNet. URL consultato il 25 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2018).
  5. ^ Samsung Electronics market cap, Google Search. URL consultato il 25 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2019).
  6. ^ a b History – Corporate Profile – About Samsung – Samsung, su thegadgetbase.com. URL consultato il 10 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2018).
  7. ^ 삼성전자의 태동, 외국기술과의 합작, su etnews.com, 28 aprile 2008. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2018).
  8. ^ The Korean system of innovation and the semiconductor industry:a governance perspective (PDF), su oecd.org. URL consultato il 4 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2018).
  9. ^ (KO) 연혁 | 회사소개 | Samsung 대한민국, su Samsung sec. URL consultato il 22 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2018).
  10. ^ a b Tony Michell, Samsung Electronics: And the Struggle For Leadership of the Electronics Industry, John Wiley & Sons, 2010, p. 153, ISBN 978-0-470-82266-1.
  11. ^ Koreans Seen Buying More U.S. Concerns, in The New York Times, 21 luglio 1995. URL consultato il 6 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2012).
  12. ^ Peter Burrows, Moto Droid off to a Good Start. But Is It Good Enough?, in Bloomberg BusinessWeek, 16 novembre 2009. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2013).
  13. ^ Chung, K.; Hardy, T.; So, S., ″Strategic Realization″ Copia archiviata, su researchgate.net. URL consultato il 27 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2017)., Design Management Journal, Winter 2000, pp.65–9
  14. ^ Nussbaum, B., "The Hungriest Tiger", Business Week, 2 June 1997, p.99
  15. ^ Delaney, M.; Hardy, T.; McFarland, J.; Yoon, G., ″Global Localization″, Innovation, Summer 2002, pp.46–9
  16. ^ Samsung Extends Sponsorship of Olympic Games until 2016, Sportbusiness, 24 aprile 2007. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2011).
  17. ^ Samsung: The next big bet, 1º ottobre 2011. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2013).
  18. ^ Samsung – Company History – 1992–1996, su Samsung. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2013).
  19. ^ Apple supplier Samsung's rise is Steve Jobs' worst nightmare come true, su gadgets.ndtv.com, 10 febbraio 2013. URL consultato il 9 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2013).
  20. ^ a b c Jungah Lee e Lulu Yilun Chen, Samsung's Record Pressures Rivals as HTC Posts Loss, Bloomberg L.P., 4 ottobre 2013. URL consultato il 5 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2013).
  21. ^ The Growing Giant: How Samsung Electronics Got Its Appetite, Knowledge SMU, 3 ottobre 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2011).
  22. ^ From Obscure Company to Electronics Giant, in The Korea Herald, 2 novembre 2009.
  23. ^ Samsung Surpasses Sony for the First Time, Taking over the No. 20 Spot (PDF), Interbrand, 21 luglio 2005. URL consultato il 16 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2011).
  24. ^ Motorola's Pain Is Samsung's Gain, in Bloomberg BusinessWeek, 26 dicembre 2007. URL consultato il 16 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2010).
  25. ^ The New 'Big Blue', in The Korea Times, 29 gennaio 2010. URL consultato il 14 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2010).
  26. ^ Samsung Agrees To Plead Guilty and To Pay $300 Million Criminal Fine for Role in Price Fixing Conspiracy, U.S. Department of Justice. URL consultato il 24 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2009).
  27. ^ Benjamin Pimentel, Samsung Fixed Chip Prices. Korean Manufacturer To Pay $300 Million Fine for Its Role in Scam, in San Francisco Chronicle, 14 ottobre 2005. URL consultato il 24 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2011).
  28. ^ Price-Fixing Costs Samsung $300M, InternetNews.com, 13 ottobre 2005. URL consultato il 24 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2007).
  29. ^ Laurie J. Flynn, 3 To Plead Guilty in Samsung Price-Fixing Case, in The New York Times, 23 marzo 2006. URL consultato il 24 maggio 2009 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2011).
  30. ^ EU Fines Samsung Elec, Others for Chip Price-Fixing, Finanznachrichten.de, 19 maggio 2010. URL consultato l'11 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  31. ^ "Joaquín Almunia Vice President of the European Commission Responsible for Competition Policy Press Conference on LCD Cartel, Visa and French Chemists' Association Decisions Press Conference Brussels", 8 December 2010 Archiviato l'11 Novembre 2011 Data nell'URL non combaciante: 11 novembre 2011 in Internet Archive..
  32. ^ "LCD Makers Under Fire" Archiviato l'11 May 2011 Data nell'URL non combaciante: 11 maggio 2011 in Internet Archive.. IEEE Spectrum.
  33. ^ Lee Kun-hee Returns to Samsung, in Taipei Times, 25 marzo 2010. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2010).
  34. ^ Supantha Mukherjee, Seagate buys Samsung hard disk unit, 19 aprile 2011. URL consultato il 1º luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2017).
  35. ^ 초고화질 영화 1초내 전송…삼성전자 '5G 기술' 첫 개발, in 국제신문. URL consultato il 22 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2018).
  36. ^ David Pierce, Samsung Galaxy S4 review, su The Verge, Vox Media, Inc, 24 aprile 2013. URL consultato il 6 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2013).
  37. ^ Samsung issues weaker than expected profit forecast, BBC, 5 luglio 2013. URL consultato il 7 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2013).
  38. ^ Samsung buys set top box maker Boxee. URL consultato il 3 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2013).
  39. ^ Kim Yoo-chul, Samsung to expand China business, in The Korea Times, 11 settembre 2013. URL consultato il 13 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2013).
  40. ^ Lee Tae-hoon, Samsung admits to using used PC parts, in The Korea Observer, 14 ottobre 2013. URL consultato il 16 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2013).
  41. ^ ChrisWelch, Not dead yet: Barnes & Noble will release new Nook tablet this year, su The Verge, 26 febbraio 2014. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 febbraio 2017).
  42. ^ Reisinger, Don, Samsung, Barnes & Noble team up on tablet design (The arrival of the Galaxy Tab 4 Nook effectively ends Barnes & Noble's ill-fated foray into hardware design. But what's in it for Samsung?), CNET. URL consultato il 6 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  43. ^ a b Barnes & Noble enlists Samsung for Nook tablet, in USA Today, 5 giugno 2014. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  44. ^ Samsung and Barnes & Noble Announce Partnership to Create Co-Branded Tablets: Samsung Galaxy Tab 4 NOOK Combines Leading Samsung Tablet Technology with the Award-Winning NOOK® Reading Experience, in BUSINESS WIRE, NEW YORK & RIDGEFIELD PARK, N.J., 5 giugno 2014. URL consultato il 6 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2014).
  45. ^ Hoffelder, Nate, Samsung Scores New eBook Coup – Will Develop Co-Branded Samsung Galaxy Tab 4 Nook Tablet, in The Digital Reader, 5 giugno 2014. URL consultato il 6 giugno 2014 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2014).
  46. ^ Jordan Crook, And The Oscar Goes To… Samsung, Jennifer Lawrence, And Selfies, su TechCrunch, AOL Inc, 4 marzo 2014. URL consultato il 5 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2014).
  47. ^ Anthony Ha, Samsung To Donate $3M To Charities Chosen By Ellen, Says It Was Included "Organically" In Her Oscar Selfie, su TechCrunch, AOL Inc, 4 marzo 2014. URL consultato il 5 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  48. ^ Ingrid Lunden, Samsung and Amazon Team Up For Custom Galaxy Kindle E-Book App, in TechCrunch, 17 aprile 2014. URL consultato il 25 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2017).
  49. ^ Samsung's Q1 Profit Drops 39% Due To Heavier Smartphone Competition, 28 aprile 2015.
  50. ^ Don Clark, Samsung reaches Deal to Buy Startup SmartThings, su The Wall Street Journal, 14 agosto 2014. URL consultato il 18 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2014).
  51. ^ Samsung snaps up SmartThings, embracing Internet of Things, CNET, 14 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2014).
  52. ^ IKEA and Samsung launch embedded wireless charging range, 5 marzo 2015. URL consultato il 21 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2016).
  53. ^ Samsung Display Solutions, su displaysolutions.samsung.com. URL consultato il 15 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2016).
  54. ^ Samsung will acquire cloud-computing company Joyent, su techcrunch.com. URL consultato il 17 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2016).
  55. ^ Jon Russell, Samsung is buying Harman for $8B to further its connected car push, su TechCrunch. URL consultato il 14 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2016).
  56. ^ Samsung Electronics Completes Acquisition of HARMAN, su news.samsung.com. URL consultato l'11 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2017).
  57. ^   Stefano Fratepietro, Cyber InSecurity, su youtube, Bologna, TEDx Talks, 31 ottobre 2017 (archiviato il 27 luglio 2019)., dal minuto 8:25.
  58. ^ (EN) Here's How The CIA Allegedly Hacked Samsung Smart TVs -- And How To Protect Yourself, in Forbes.com, 7 marzo 2017. URL consultato il 18 agosto 2019 (archiviato il 7 marzo 2017). Ospitato su Wikileaks.
  59. ^   Corrado Giustozzi, Cibersecurity: il lato oscuro dell'Internet delle cose, su Youtube, TEDx Talks, 11 novembre 2016 (archiviato il 31 maggio 2017)., dal minuto 2:43.
  60. ^ (EN) Herb Weisbaum, Smart TVs an 'Inevitable' Path for Hackers to Attack Home PCs: Experts, su nbcnews.com, 19 gennaio 2016. URL consultato il 18 agosto 2019 (archiviato il 19 gennaio 2016).
  61. ^ Song Junga-a, Samsung heads for best profits in three years on surging chip sales, in Financial Times, 6 aprile 2017. URL consultato il 9 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2017).
  62. ^ Samsung self-driving car trial in South Korea approved, 2 maggio 2017. URL consultato il 3 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2017).
  63. ^ Sherisse Pham, Samsung just got approval to start testing a self-driving car, CNN, 2 maggio 2017. URL consultato il 3 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2017).
  64. ^ Cho Chung-un, Samsung denies re-entry to auto market despite autonomous car push, in The Korea Herald, 1º maggio 2017. URL consultato il 3 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2017).
  65. ^ SES showcases 8K content over satellite Broadband TV News. 14 May 2019. Retrieved 4 June 2019
  66. ^ HTC ditches Samsung components for other suppliers, à la Apple, su TechRadar, 10 ottobre 2012. URL consultato il 7 maggio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2013).
  67. ^ Apple spent nearly $5.7 billion on Samsung parts in 2010, faces 'strong' response to its patent suit, su Engadget, 19 aprile 2011. URL consultato il 7 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2013).
  68. ^ Samsung Solstice A887 Review, su phonearena.com. URL consultato il 1º aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2018).
  69. ^ Samsung overtakes Apple as world's most profitable mobile phone maker, in The Guardian. URL consultato l'8 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2016).
  70. ^ Samsung gains tablet market share as Apple lead narrows, BBC News, 1º febbraio 2013. URL consultato il 26 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2018).
  71. ^ Samsung To Add LCD Cell Lines in Tangjeong, su EETimes. URL consultato il 13 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  72. ^ Chloe Albanesius, Samsung Beats Apple as 2011's No.1 Smartphone Maker, in PC Magazine, 27 gennaio 2012. URL consultato il 2 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 13 settembre 2013).
  73. ^ 50 Things You Didn't Know About SamsungIt's also been the world's largest supplier of memory chips over the past 20 years..., in Complex. URL consultato il 19 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2017).
  74. ^ Jonathan Vanian, Samsung Dethrones Intel As World's Biggest Chip Maker, in Fortune. URL consultato il 29 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2017).
  75. ^ (EN) Abuot Samsung - Rapporto 2011
  76. ^ "Q4 2010 di Samsung: la società cresce a due cifre" - Bestnotizie.com, 28 gennaio 2011[collegamento interrotto]
  77. ^ "Samsung sale sul trono degli smartphone" - Ictbusiness.it, 28 ottobre 2011
  78. ^ "Samsung primeggia tra i produttori DRAM nel secondo trimestre" - Businessmagazine.it, 24 agosto 2010
  79. ^ "Samsung, va male la vendita delle Tv, -26% nei profitti" - Nanopress.it, 8 luglio 2011[collegamento interrotto]
  80. ^ Oh-Hyun Kwon: Executive Profile & Biography, Bloomberg L.P.. URL consultato il 3 novembre 2017.
  81. ^ Ownership Structure, Samsung Electronics. URL consultato il 22 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2015).
  82. ^ Samsung CEO Kwon Oh-hyun to resign citing 'unprecedented crisis', in The Verge. URL consultato il 13 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2017).
  83. ^ CEO | Executives | Company, Samsung India. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2019).
  84. ^ Executive Team | Executives | Company, Samsung India. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2019).
  85. ^ Our Businesses – About Samsung, Samsung. URL consultato il 14 marzo 2010 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2010).
  86. ^ Bloomberg Are you a robot?, Bloomberg L.P..
  87. ^ Louella Fernandes, Samsung Launches New Channel MPS Tools, Quocirca, 8 giugno 2009. URL consultato il 28 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  88. ^ HP completes purchase of Samsung printer business, CNBC, 1º novembre 2017. URL consultato il 3 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2019).
  89. ^ a b Samsung Lets You Store 500 Movies on a Laptop Hard Drive, VentureBeat, 7 aprile 2010. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2018).
  90. ^ "Samsung exits laptop market including Chromebooks" Archiviato il 29 April 2015 Data nell'URL non combaciante: 29 aprile 2015 in Internet Archive., PC Advisor, 23 September 2014
  91. ^ a b Dave Gershgorn, Samsung Wants To Blanket The Earth in Satellite Internet, in Popular Science, 17 agosto 2015. URL consultato il 21 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2015).
  92. ^ Template:Cite arxiv
  93. ^ Samsung Electronics Completes Acquisition of HARMAN, su news.samsung.com. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2017).
  94. ^ Samsung SDI – The World's Largest OLED Display Maker, Oled-info.com. URL consultato il 17 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2009).
  95. ^ Samsung, LG in Legal Fight over Brain Drain, su The Korea Times, 17 luglio 2010. URL consultato il 30 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2010).
  96. ^ a b Frost & Sullivan Recognizes Samsung SDI for Market Leadership in the OLED Display Market, 17 luglio 2008. URL consultato il 17 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2009).
  97. ^ Samsung Super AMOLED Plus display announced, su oled-info.com. URL consultato il 6 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2011).
  98. ^ Experts Advise: LED TV Is Not Necessarily Choose the Thinner the Better-LED TV, Samsung Electronics, ArticleKingPro. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2010).
  99. ^ Samsung Electronics LCD, IT TIMES, 13 ottobre 2009. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2011).
  100. ^ New Samsung 3.9mm LED TV Panel Is World's Thinnest, I4U, 28 ottobre 2009. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2011).
  101. ^ Alex Lane, John Lewis TV Gallery video: 4K and OLED from Samsung, Sony, LG and Panasonic, Recombu, 6 settembre 2013. URL consultato il 26 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  102. ^ Jordan Crook, That Curved Display Smartphone From Samsung Is Real: Meet The Galaxy Round, su TechCrunch, AOL Inc, 8 ottobre 2013. URL consultato il 10 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2013).
  103. ^ Denim (Cricket) – Owner Information & Support – Samsung US, su Samsung Electronics America. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  104. ^ Contour 2 (MetroPCS) – Owner Information & Support – Samsung US, su Samsung Electronics America. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  105. ^ M370 (Sprint) – Owner Information & Support – Samsung US, su Samsung Electronics America. URL consultato il 1º giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2019).
  106. ^ Top iPhone Alternatives, CNET Asia, 12 agosto 2010. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2010).
  107. ^ Vikas SN, Samsung Galaxy S To Arrive in Singapore First, su MobileKnots, 28 maggio 2010. URL consultato il 28 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2011).
  108. ^ First Impressions: Samsung Galaxy S, su Soyacincau, 28 giugno 2011. URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 3 gennaio 2012).
  109. ^ (KO) BIZPlace, 24 giugno 2010, https://web.archive.org/web/20110722133043/http://www.bizplace.co.kr/biz_html/content/naver_content_view.php?seq_no=32653&page=1&b_code=%20(Korean). URL consultato il 28 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  110. ^ Samsung: 1 Million Galaxy S Smartphones in 45 Days in the US, in Fortune, 29 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2014).
  111. ^ Elizabeth Woyke, Samsung Playing All Sides to Win, in Forbes, 25 marzo 2010. URL consultato l'11 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2010).
  112. ^ Phone Finder results, su gsmarena.com. URL consultato il 22 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2016).
  113. ^ Applelinks iOS News Reader – Monday, 1 November 2010 Archiviato il 2 novembre 2010 in Internet Archive.. Applelinks.com (1 November 2010). Retrieved 26 July 2013.
  114. ^
  115. ^ Nokia, LG Lose While ZTE, Apple Gain Q4 2010 Market Share, mobileburn.com, 28 gennaio 2011. URL consultato il 19 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  116. ^ Staff (28 October 2011). "Samsung Overtakes Apple in Smartphone Sales" Archiviato il 19 agosto 2018 in Internet Archive.. BBC News.
  117. ^ Apple's new iPhone to have larger screen: Sources, in The Times of India. URL consultato il 16 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2012).
  118. ^ https://pocketnow.com/more-samsung-and-lg-phones-will-be-made-in-china-in-2020/amp
  119. ^ Samsung Electronics ends mobile phone production in China, 2 ottobre 2019. URL consultato il 2 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2019).
  120. ^ https://www.techspot.com/amp/news/82217-samsung-closes-last-chinese-manufacturing-plant-sales-plummet.html
  121. ^ https://www.engadget.com/amp/2019/10/02/samsung-stops-making-phones-in-china/
  122. ^ https://amp.cnn.com/cnn/2019/10/04/tech/samsung-china-smartphone-production/index.html
  123. ^ Samsung Electronics Tops the Memory Market for the 9th Straight Year, Samsung, 19 aprile 2002. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2019).
  124. ^ a b David Manners, Top Ten (+5) Semiconductor Companies 2018, in Electronics Weekly, 14 novembre 2018. URL consultato il 15 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2019).
  125. ^ a b c History, su Samsung Electronics, Samsung. URL consultato il 19 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2019).
  126. ^ KM48SL2000-7 Datasheet, Samsung, agosto 1992. URL consultato il 19 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2019).
  127. ^ Electronic Design, in Electronic Design, vol. 41, 15–21, Hayden Publishing Company, 1993.
    «The first commercial synchronous DRAM, the Samsung 16-Mbit KM48SL2000, employs a single-bank architecture that lets system designers easily transition from asynchronous to synchronous systems.».
  128. ^ Samsung Electronics Develops First 128Mb SDRAM with DDR/SDR Manufacturing Option, in Samsung Electronics, Samsung, 10 febbraio 1999. URL consultato il 23 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2019).
  129. ^ Samsung Electronics Comes Out with Super-Fast 16M DDR SGRAMs, in Samsung Electronics, Samsung, 17 settembre 1998. URL consultato il 23 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2019).
  130. ^ Samsung Remains Top DRAM Maker Amid Dramatic Market Growth, Dow Jones, 9 gennaio 2010. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2010).
  131. ^ a b Samsung Develops Most Advanced Green DDR3 DRAM, Semiconductor Packaging News, 3 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2015).
  132. ^ Samsung Introduces World's First 3D V-NAND Based SSD for Enterprise Applications | Samsung Semiconductor Global Website, su samsung.com. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2019).
  133. ^ Peter Clarke, Samsung Confirms 24 Layers in 3D NAND, su EETimes. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  134. ^ Samsung Electronics Starts Mass Production of Industry First 3-bit 3D V-NAND Flash Memory, su news.samsung.com. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2019).
  135. ^ Samsung V-NAND technology (PDF), su Samsung Electronics, settembre 2014. URL consultato il 27 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2016).
  136. ^ Samsung Begins Mass Producing World's Fastest DRAM – Based on Newest High Bandwidth Memory (HBM) Interface, su news.samsung.com. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2019).
  137. ^ Samsung announces mass production of next-generation HBM2 memory – ExtremeTech, su extremetech.com, 19 gennaio 2016. URL consultato il 17 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2019).
  138. ^ Samsung Electronics Starts Producing Industry's First 16-Gigabit GDDR6 for Advanced Graphics Systems, Samsung, 18 gennaio 2018. URL consultato il 15 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2019).
  139. ^ Zak Killian, Samsung fires up its foundries for mass production of GDDR6 memory, Tech Report, 18 gennaio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2018).
  140. ^ Samsung Begins Producing The Fastest GDDR6 Memory in the World, in Wccftech, 18 gennaio 2018. URL consultato il 16 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2019).
  141. ^ Ryan Smith, Samsung Announces First LPDDR5 DRAM Chip, Targets 6.4Gbps Data Rates & 30% Reduced Power. URL consultato il 17 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2018).
  142. ^ "We Wouldn't Launch a New Business Unless We Knew We Could Win"---Jeong-ki (Jay) Min, Samsung日 NE Asia, agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2013).
  143. ^ Samsung Mass Producing 128Gb 3-bit MLC NAND Flash, in Tom's Hardware, 11 aprile 2013. URL consultato il 21 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2019).
  144. ^ Anton Shilov, Samsung Completes Development of 5nm EUV Process Technology, su anandtech.com. URL consultato il 31 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2019).
  145. ^ https://www.tomshardware.com/news/samsung-3nm-gaafet-production-2021,38426.html.
  146. ^ Samsung Extends Lead in DRAM Rankings, in EE Times, 9 agosto 2010. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2010).
  147. ^ Samsung To Overtake Intel as No. 1 Chip Company in 2014, Electronics Weekly/EE Times, 26 agosto 2010. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2010).
  148. ^ Top 20 Semi Manufacturers from IC Insights, Electronics Weekly/EE Times, 30 luglio 2010. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2010).
  149. ^ By David Steele, Android Headlines. "Samsung Now Fourth Largest Chipset Manufacturer Globally Archiviato il 10 May 2016 Data nell'URL non combaciante: 10 maggio 2016 in Internet Archive.." 9 May 2016. 12 May 2016.
  150. ^ KOREA: LG, Samsung Aim Upmarket To Reinforce Their TV Market Lead, in What Hi-Fi? Sound and Vision, 24 agosto 2010. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2010).
  151. ^ Samsung Named LCD TV Market Leader, Techwatch, 20 ottobre 2009. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2011).
  152. ^ CES 2010: Samsung Reveals 0.3-Inch Thin Flagship LED HDTV; As Thick as a Pencil with Touchscreen Remote, ZDNet, 7 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2011).
  153. ^ Samsung 3D TV Sells More Than 1 Million Units, MK Business News, 31 agosto 2010. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2012).
  154. ^ Samsung Introduce the World's First 3D Home Theater in Korea with the HT-C6950W, AkihabaraNews, 12 maggio 2010. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2010).
  155. ^ "The Wonder of Samsung Smart TVs" Archiviato il 9 agosto 2011 in Internet Archive..
  156. ^ Samsung Unveils First Ever Application Store, Samsung, 7 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2012).
  157. ^ (KO) 삼성전자, IFA2012서 신규 스마트 TV앱 대거 공개 | SAMSUNG NEWSROOM, in SAMSUNG NEWSROOM, 3 settembre 2012. URL consultato il 22 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2018).
  158. ^ Lauren Goode, Samsung Will Put Tizen in Its Televisions. What the Heck Does That Mean?, Vox.com, 2 gennaio 2015. URL consultato il 16 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2019).
  159. ^ a b Samsung's Tizen OS dominates global smart TV market, FierceVideo, 25 marzo 2019. URL consultato il 16 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2019).
  160. ^ Samsung Debuts World's First Cinema LED Display – Samsung Newsroom, su news.samsung.com, 12 luglio 2017. URL consultato il 15 luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2017).
  161. ^ a b c (KO) Woo DoGyeom, 홈페이지 < 삼성전자서비스, su samsungsvc.co.kr. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2019).
  162. ^ Samsung Experience Store, su Samsung ca. URL consultato il 29 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2018).
  163. ^ Samsung Experience Store, su Samsung ca. URL consultato il 6 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2018).
  164. ^ Samsung Experience Stores | Samsung US, su Samsung Electronics America. URL consultato il 5 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2019).
  165. ^ Samsung names Kwon Oh-hyun as new CEO, in The Times of India, 7 giugno 2012.
  166. ^ Samsung Executives Dyeing Hair Black, 16 gennaio 2011. URL consultato il 21 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2016).
  167. ^ About Samsung>Management>Board of directors, su samsung.com. URL consultato il 16 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2011).
  168. ^ SMD Enjoys Soaring Demand for AMOLED Panel, Maeil Business Newspaper, 1º luglio 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2012).
  169. ^ Samsung's Share of Global DRAM Market Exceeds 40%, Taiwan Economic News, 8 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2014).
  170. ^ (Samsung's share grows while Apple's declines in Q3 smartphone market), Infoworld, 29 ottobre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 4 dicembre 2013).
  171. ^ Large-Size TFT Shipments and Revenues Fell as Supply Chain Sought Inventory Reductions in 3Q10, in DigiTimes, 12 novembre 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2013).
  172. ^ Samsung Takes The Second place in Rechargeable Battery Market, Following Sanyo, in the First Quarter of 2010, Solar&Energy, 20 maggio 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  173. ^ Solid-state drive (SSD) supplier quarterly market share 2014–2018 | Statistic, su Statista. URL consultato il 5 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2019).
  174. ^ Seagate Still Number One in Global HDD Shipments, TechSpot, 23 marzo 2010. URL consultato il 26 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2010).
  175. ^ Samsung Devours TV Market Share, SmartHouse, 18 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2012).
  176. ^ Samsung Sees Hybrid Camera Mkt Growing 10-Fold by 2015, Reuters, 14 settembre 2010. URL consultato il 1º luglio 2017 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2010).
  177. ^ Sony, Apple, Dell Are Samsung's Big Buyers, in The Korea Times, 16 giugno 2010. URL consultato il 26 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2011).
  178. ^ "Samsung Electronics Italia compie 20 anni" - Key4biz.it, 21 aprile 2011 Archiviato il 2 maggio 2011 in Internet Archive.
  179. ^ Nella seconda slide di questa presentazione (cliccare sul primo risultato della ricerca di Goolge) è riportata una cartina del Vietnam con le cinque strutture dislocate nel paese (sono presenti altre tre strutture ma fanno parte di Samsumg, non di Samsung Electronics), su google.com.
  180. ^ In questo video vengono mostrate immagini dei cinque stabilimenti produttivi di Samsumg Electronics presenti in Vietnam., su m.youtube.com.
  181. ^ Samsungvietnam.com. In questa pagina vengono descritte le attività svolte nelle cinque strutture. (La pagina è in vietnamita, usare google traduttore), su samsungvn.com.
  182. ^ Nella slide undici di questo documento (cliccare sul primo risultato della ricerca di Google) viene presentato dal centro SVMC il suo ultimo successo nella progettazione di dispositivi elettronici: il Samsung Galaxy A7., su google.com.
  183. ^ Questo centro di ricerca e sviluppo è presentato dal minuto 2:38 di questo video sottotitolato in inglese in cui prendono la parola anche il Ministro delle pianificazioni e degli investimenti vietnamita e il Ministro della scienza e della tecnologia vietnamita., su m.youtube.com.
  184. ^ news.samsung.com, https://news.samsung.com/global/a-day-trip-to-samsung-vietnam-rd-mobile-center.
  185. ^ Sito ufficiale del parco Hi-Tech Saigon., su saigonsiliconcity.com.vn.
  186. ^ m.hanoitimes.vn, http://m.hanoitimes.vn/science-tech/2017/11/81e0bbe0/samsung-launched-second-r-d-center-in-vietnam/).
  187. ^ hdblog.it, https://www.hdblog.it/2019/10/02/samsung-stop-produzione-smartphone-cina/.
  188. ^ Samsung 1993. Corporatebrandmatrix.com (19 May 2007). Retrieved on 2013-03-19.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN161005681 · ISNI (EN0000 0004 1798 6945 · LCCN (ENn85022222 · GND (DE4356504-9 · NLA (EN35773549 · WorldCat Identities (ENviaf-161005681