Starboy
ArtistaThe Weeknd
Tipo albumStudio
Pubblicazione25 novembre 2016
Durata68:40
Dischi1
Tracce18
GenereElettropop
Contemporary R&B
Pop soul
EtichettaXO, Republic
ProduttoreDaft Punk, Ben Billions, Doc McKinney, Abel "The Weeknd" Tesfaye, Cirkut, Mano, Max Martin, Ali Payami, Benny Blanco, Cashmere Cat, Jake One & Swish, Labrinth, Bobby Raps, Ali Shaheed Muhammad, Metro Boomin, Frank Dukes, Diplo
Registrazione2015–2016
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(vendite: 35 000+)
Brasile Brasile[2]
(vendite: 50 000+)
Italia Italia[3]
(vendite: 25 000+)
Dischi di platinoAustria Austria[4]
(vendite: 15 000+)
Canada Canada (3)[5]
(vendite: 240 000+)
Danimarca Danimarca (2)[6]
(vendite: 60 000+)
Francia Francia[7]
(vendite: 100 000+)
Norvegia Norvegia[8]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[9]
(vendite: 300 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[10]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia (2)[11]
(vendite: 80 000+)
The Weeknd - cronologia
Album successivo
Singoli
  1. Starboy
    Pubblicato: 22 settembre 2016
  2. False Alarm
    Pubblicato: 30 settembre 2016
  3. Party Monster
    Pubblicato: 18 novembre 2016
  4. I Feel It Coming
    Pubblicato: 18 novembre 2016
  5. Reminder
    Pubblicato: 9 maggio 2017
  6. Rockin'
    Pubblicato: 26 maggio 2017
  7. Die for You
    Pubblicato: 19 settembre 2017
  8. Secrets
    Pubblicato: 10 novembre 2017

Starboy è il terzo album in studio del cantante canadese The Weeknd pubblicato il 25 novembre 2016 da Republic.

L'album ha debuttato alla prima posizione nella Billboard 200, vendendo 348.000 nella prima settimana,[12] e presenta collaborazioni con Lana Del Rey, Kendrick Lamar, Future e i Daft Punk.

AntefattiModifica

Dopo il successo commerciale di Beauty Behind the Madness, il cantante annunciò l'uscita di un nuovo album attraverso il suo profilo Instagram, definendolo un nuovo capitolo della sua musica.

Il 24 agosto 2016 Wendy Goldstein, vicepresidente della Republic Records, annunciò durante un'intervista con la rivista statunitense Billboard, che The Weeknd avrebbe collaborato al suo prossimo singolo insieme al duo francese Daft Punk.[13] Il 21 settembre vennero annunciate la copertina e la data di pubblicazione dell'album.

PromozioneModifica

Il primo singolo estratto dall'album è stato l'omonimo Starboy, uscito il 22 settembre e accompagnato dal relativo videoclip sei giorni più tardi. Il 30 dello stesso mese è stata la volta di False Alarm,[14] seguito da un video musicale il 13 ottobre.[15]

Il 18 novembre The Weeknd ha pubblicato in contemporanea i singoli Party Monster e I Feel It Coming, quest'ultimo realizzato nuovamente con i Daft Punk.[16]

ManiaModifica

Mania (reso graficamente anche come M A N I A), è un cortometraggio creato per l'album diffuso dal 24 novembre 2016.[17] Esso contiene le canzoni All I Know, Sidewalks, Secrets, Die for You, Party Monster e I Feel It Coming. Il video parla dell'amore tra The Weeknd e una ragazza in discoteca, ma il loro amore porta alla gelosia di un uomo che tenta di uccidere il cantante, ma la ragazza arriva in tempo per assassinare il losco personaggio. Il video si conclude con loro due che si trovano in una stanza illuminata mentre cantano.

AccoglienzaModifica

Nella sua recensione per The Guardian, Alexis Petridis ha affermato che nel disco sono presenti brani «che meritano di essere ascoltati in Starboy. Sembra di cogliere un artista in uno stato di cambiamento piuttosto scomodo».[18]

TracceModifica

  1. Starboy (featuring Daft Punk) – 3:50 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Martin McKinney, Henry Russell Walter, Jason Quenneville)
  2. Party Monster – 4:09 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Benjamin Diehl, Martin McKinney, Ahmad Balshe, Lana Del Rey)
  3. False Alarm – 3:40 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Martin McKinney, Ahmad Balshe, Benjamin Diehl, Henry Russell Walter, Emmanuel Nickerson)
  4. Reminder – 3:39 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Emmanuel Nickerson, Martin McKinney, Dylan Wiggins, Henry Russell Walter, Jason Quenneville)
  5. Rockin' – 3:53 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Max Martin, Peter Svensson, Savan Kotecha, Ali Payami, Ahmad Balshe)
  6. Secrets – 4:26 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Martin McKinney, Henry Russell Walter, Dylan Wiggins, Roland Orzabal, Coz Canler, Jimmy Marinos, Wally Palamarchuk, Mike Skill, Peter Solley)
  7. True Colors – 3:26 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, William Thomas Walsh, Magnus August Høiberg, Benjamin Levin, Brittany Hazzard, Samuel Wishkoski, Jacob Dutton)
  8. Stargirl Interlude (featuring Lana Del Rey) – 1:52 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Martin McKinney, Lana Del Rey, Timothy McKenzie)
  9. Sidewalks (featuring Kendrick Lamar) – 3:51 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Martin McKinney, Daniel Wilson, Robert John Richardson, Kendrick Lamar Duckworth, Ali Shaheed Jones-Muhammad)
  10. Six Feet Under – 3:58 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Nayvadius Wilburn, Martin McKinney, Benjamin Diehl, Leland Wayne, Henry Russell Walter, Ahmad Balshe, Jason Quenneville)
  11. Love to Lay – 3:43 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Max Martin, Peter Svensson, Savan Kotecha, Ali Payami, Ahmad Balshe)
  12. A Lonely Night – 3:40 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Max Martin, Peter Svensson, Savan Kotecha, Ali Payami, Ahmad Balshe, Jason Quenneville)
  13. Attention – 3:18 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, William Thomas Walsh, Benjamin Levin, Magnus August Høiberg, Adam Feeney, Mustafa Ahmed)
  14. Ordinary Life – 3:42 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Max Martin, Peter Svensson, Savan Kotecha, Ali Payami, Ahmad Balshe, Martin McKinney, Henry Russell Walter)
  15. Nothing Without You – 3:19 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Jason Quenneville, Benjamin Diehl, Thomas Pentz, Ahmad Balshe, Henry Russell Walter)
  16. All I Know (featuring Future) – 5:21 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Benjamin Diehl, Magnus August Høiberg, Nayvadius Wilburn, Ahmad Balshe)
  17. Die for You – 4:20 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Martin McKinney, Prince 85, Dylan Wiggins, Magnus August Høiberg, William Thomas Walsh)
  18. I Feel It Coming (featuring Daft Punk) – 4:29 (Abel "The Weeknd" Tesfaye, Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Martin McKinney, Henry Russell Walter, Eric Chedeville)
Traccia bonus nell'edizione di Target
  1. Starboy (Kygo Remix) (featuring Daft Punk) – 4:05 (The Weeknd, Thomas Bangalter, Guy-Manuel de Homem-Christo, Martin McKinney, Henry Russell Walter, Jason Quenneville)

FormazioneModifica

Musicisti
  • Abel "The Weeknd" Tesfayevoce
  • Daft Punk – voci aggiuntive (tracce 1 e 18)
  • Lana Del Reycori (traccia 2), voce (traccia 8)
  • Simon Christenson – chitarra aggiuntiva (tracce 3 e 17)
  • Dylan Wiggins – tastiera aggiuntiva (tracce 4 e 6), basso aggiuntivo (tracce 4 e 18), batteria aggiuntiva (traccia 6), synth bass (traccia 17)
  • Kazue Lika Tatushima – voce aggiuntiva (traccia 5)
  • Adrian Eccleston – chitarra acustica (traccia 6)
  • Kendrick Lamar – voce (traccia 9)
  • Daniel Wilson – voce aggiuntiva (traccia 9)
  • Future – voce aggiuntiva (traccia 10), voce (traccia 16)
  • Jeremy Lertola – battimani (traccia 11)
  • Peter Svensson – chitarra (traccia 11)
  • Max Martin – chitarra (traccia 11)
  • Ryland Blackinton – chitarra (traccia 12)
  • Paul Jackson, Jr. – chitarra (traccia 18)
  • Nathan East – basso (traccia 18)
  • JR Robinson – batteria (traccia 18)
Produzione
  • Doc McKinney – produzione esecutiva, coproduzione (tracce 1 e 18), ingegneria del suono (tracce 1-4, 6, 8, 10, 14, 16-18), produzione (tracce 2, 3, 4, 6, 8-10, 14, 17)
  • Abel "The Weeknd" Tesfaye – produzione esecutiva, coproduzione (tracce 1, 5 e 18), produzione (tracce 2, 3, 6, 7, 10, 11, 13, 15-17)
  • Tom Coyne – mastering
  • Aya Merrill – mastering
  • Daft Punk – produzione (tracce 1 e 18)
  • Cirkut – coproduzione (tracce 1, 3 e 18), ingegneria del suono (tracce 1, 4, 6, 14, 17 e 18), produzione (tracce 4, 6, 10, 14, 15 e 17)
  • Florian Lagatta – ingegneria del suono (tracce 1 e 18)
  • Josh Smith – ingegneria del suono (tracce 1-4, 6, 8, 10, 15-18)
  • Serban Ghenea – missaggio (tracce 1, 3, 5-7, 11-14, 17-18)
  • John Hanes – ingegneria al missaggio (tracce 1, 3, 5-7, 11-14, 17-18)
  • Ben Billions – produzione (tracce 2, 10, 15 e 16), ingegneria del suono (tracce 2, 3 e 10)
  • Manny Marroquin – missaggio (tracce 2, 4, 8, 9, 10, 15 e 16)
  • Chris Galland – ingegneria al missaggio (tracce 2, 4, 8, 9, 10, 15 e 16)
  • Jeff Jackson – assistenza al missaggio (tracce 2, 4, 8, 9, 10, 15 e 16)
  • Robin Florent – assistenza al missaggio (tracce 2, 4, 8, 9, 10, 15 e 16)
  • Mano – coproduzione (traccia 3), produzione (traccia 4)
  • Max Martin – produzione (tracce 5, 11 e 12)
  • Ali Payami – produzione (tracce 5, 11 e 12)
  • Sam Holland – ingegneria del suono (tracce 5 e 11)
  • Cory Bice – assistenza tecnica (tracce 5, 11 e 14)
  • Jeremy Bertola – assistenza tecnica (tracce 5, 11 e 14)
  • Benny Blanco – produzione (tracce 7, 13)
  • Cashmere Cat – produzione (tracce 7, 13 e 16), coproduzione (traccia 17)
  • Jake One & Swish – produzione (traccia 7)
  • David Schwerkolt – ingegneria del suono (tracce 7, 13)
  • Labrinth – produzione (traccia 8)
  • Bobby Raps – produzione (traccia 9)
  • Ali Shaheed Muhammad – produzione (traccia 9)
  • Metro Boomin – produzione (traccia 10)
  • Frank Dukes – produzione (traccia 13)
  • Diplo – produzione (traccia 15)
  • Benjamin Diehl – ingegneria del suono (traccia 15)
  • Raphael Mesquita – ingegneria del suono (traccia 15)
  • Prince 85 – coproduzione (traccia 17)

ClassificheModifica

Classifica (2016) Posizione
massima
Australia[19] 1
Austria[19] 23
Belgio (Fiandre)[19] 8
Belgio (Vallonia)[19] 24
Canada[20] 1
Danimarca[19] 1
Finlandia[19] 1
Francia[19] 21
Germania[19] 10
Irlanda[21] 3
Italia[19] 38
Norvegia[19] 1
Nuova Zelanda[19] 5
Paesi Bassi[19] 3
Portogallo[19] 13
Regno Unito[22] 5
Scozia[23] 3
Spagna[19] 39
Stati Uniti[24] 1
Stati Uniti (R&B)[25] 1
Svezia[19] 1
Svizzera[19] 5
Ungheria[26] 21

NoteModifica

  1. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2017 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 18 aprile 2017.
  2. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  3. ^ Starboy (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 20 novembre 2017.
  4. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 26 luglio 2017.
  6. ^ (DA) The Weeknd "Starboy", International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 20 giugno 2017.
  7. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 2 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  8. ^ (NO) SØK: The Weeknd, IFPI Norge. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  9. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato l'8 aprile 2018. Digitare "Starboy" in "Search BPI Awars" e premere Invio.
  10. ^ (EN) Weeknd, Starboy – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 20 giugno 2017.
  11. ^ (SV) IFPI Sweden, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'8 aprile 2018. Scrivere The Weeknd nella barra di ricerca in alto a destra. Fare clic su "Sok" e selezionare Starboy per vedere la certificazione.
  12. ^ (EN) Keith Caulfield, The Weeknd's 'Starboy' Bows at No. 1 on Billboard 200 With Third-Biggest Debut of 2016, Billboard, 4 dicembre 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  13. ^ (EN) Lars Brandle, The Weeknd and Daft Punk Actually Collaborated on Two Songs for 'Starboy', Billboard, 11 aprile 2016. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  14. ^ (EN) Mary J. DiMeglio, The Weeknd Unveils Second New 'Starboy' Single, the Frantic 'False Alarm': Listen, Billboard, 30 settembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  15. ^ (EN) Brittany Spanos, Watch the Weeknd's Violent, Intense 'False Alarm' Video, Rolling Stone, 13 ottobre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  16. ^ (EN) Peter Helman, The Weeknd – "Party Monster" & "I Feel It Coming" (Feat. Daft Punk), Stereogum, 17 novembre 2016. URL consultato il 17 dicembre 2016.
  17. ^ È arrivato "M A N I A”, il cortometraggio di The Weeknd, Rolling Stone Italia, 24 novembre 2016. URL consultato il 24 dicembre 2016.
  18. ^ (EN) Alex Petridis, The Weeknd: Starboy review – an artist in an awkward state of flux, The Guardian, 25 novembre 2016. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) The Weeknd - Starboy, Ultratop. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  20. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Billboard Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  21. ^ (EN) Chart Album: Week 48, 2016, GFK CHart-Track. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  22. ^ (EN) Archive Chart: 2016-12-02, Official Charts Company. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  23. ^ (EN) Archive Chart: 2016-09-30, Official Charts Compnay. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  24. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  25. ^ (EN) The Weeknd - Chart history (R&B Albums), Billboard. URL consultato il 21 gennaio 2017.
  26. ^ (HU) Top 40 album DVD és válogatáslemez-lista – 2016. 38. hét, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 21 gennaio 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica