Apri il menu principale

Stuart Little - Un topolino in gamba

film del 1999 diretto da Rob Minkoff
Stuart Little - Un topolino in gamba
Stuart Little - Un topolino in gamba (film 1999).jpg
Il topolino Stuart in una scena del film
Titolo originaleStuart Little
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2000
Durata84 min
Rapporto1,33:1
Generecommedia, avventura, animazione
RegiaRob Minkoff
SoggettoE. B. White
SceneggiaturaM. Night Shyamalan e Greg Brooker
FotografiaScott Fuller e Guillermo Navarro
MontaggioTom Finan e Julie Rogers
Effetti specialiMichael Lantieri
MusicheAlan Silvestri
ScenografiaBill Brzeski
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Stuart Little - Un topolino in gamba (Stuart Little) è un film statunitense di Rob Minkoff del 1999. Dal film è stata tratta una serie animata che porta lo stesso nome.

TramaModifica

New York. In casa Little, una piccola abitazione bella ed elegante, con il caminetto e delle stanze accoglienti, la famiglia Little, composta dal padre Frederick, la madre Eleanor ed il figlio George, decide di accogliere un nuovo componente, per togliere George dalla noiosa e sola vita di figlio unico. Frederick si prende un giorno libero dal lavoro, per andare con la moglie all'orfanotrofio pubblico della città. Non sanno chi scegliere tra i bambini, ma tra la folla notano anche un simpatico topolino bianco alto sette centimetri e mezzo e vestito da uomo con sembianze di avvocato di nome Stuart. Nonostante tutto questo, si comporta da umano, non è un ratto dannoso anzi soffice e da compagnia, studia con libri piccoli, vive come la sua specie e, per l'intelligenza da topini bianchi, viene sentito dall'uomo se parla. Vedendolo grazioso e felice, nonostante non abbia più genitori da tempo, Frederick ed Eleanor decidono di adottarlo come figlio. Inizialmente George non è felice di avere un topo per fratello e non rivolge mai la parola a Stuart, anche per via del fatto che le sue piccole dimensioni non gli consentono di competere con un fratellino umano (per esempio Stuart non può andare in bicicletta, non può giocare a bowling e molto altro ed inoltre rischiava di morire avvelenato dopo essere finito accidentalmente nella lavatrice insieme al pigiama del "fratello maggiore") ma con il tempo i due riescono a creare un legame e diventano inseparabili, specialmente quando si scopre che il topino può guidare personalmente una nave radiocomandata che altrimenti rischiava di perdere in una gara, mentre invece grazie a Stuart, questa conquista il trofeo della vittoria. Superata questa difficoltà, però, ci sarà un nuovo problema da affrontare; la gelosia del gatto dei Little, Fiocco di Neve, che è costretto a non mangiare Stuart (altrimenti sarebbe stato buttato fuori di casa) e per questo desidera liberarsene. Il gatto (un angora bianco) decide di fare un accordo con il suo amico Monty (un gatto randagio), che lo avrebbe aiutato a far fuori il topo insieme ad un altro gatto randagio di nome Smokey, che assoda una coppia di topi che si spacciano per i veri genitori di Stuart, quando in realtà erano due rapitori, ma ad un certo punto, quando i due confessano di aver fatto questo perché erano stati costretti dai gatti, Stuart fugge a bordo della sua auto giocattolo nel tentativo di tornare dalla sua famiglia adottiva. Al rientro in casa, il gatto Fiocco di Neve, al solo scopo di allontanarlo nuovamente, gli racconta una menzogna, secondo la quale i Little in realtà non vedevano l'ora di liberarsi di un essere ripugnante di una specie differente da loro, perché l'idea di "una favola vera" come un topo adottato da una famiglia umana non avrebbe mai potuto funzionare. Stuart, deluso, se ne va di casa e si trova una sistemazione in un nido di un albero a Central Park, ma Fiocco di Neve, pentito della sua azione che avrebbe solamente causato un dispiacere ai suoi padroni (spec. a George, che era disperato per la sparizione del "fratellino") decide di riportarlo a casa e di difenderlo dai gatti con cui aveva segretamente stretto l'accordo di eliminarlo.

ProduzioneModifica

RipreseModifica

Le riprese del film si sono svolte dal 3 agosto all'11 novembre 1998.[1]

DistribuzioneModifica

Uscito nei cinema statunitensi il 17 dicembre 1999, il film uscì nei cinema italiani il 14 marzo 2000.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema