Apri il menu principale

Unione Sportiva Agropoli 1921

U.S. Agropoli 1921
Calcio Football pictogram.svg
Azzurri, Delfini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza Maglia
Colori sociali Azzurro con Bande Bianche.svg Azzurro
Simboli Delfino
Dati societari
Città Agropoli
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1921
Presidente Italia Francesco Bisogno
Allenatore Italia Gianluca Procopio
Stadio Raffaele Guariglia
(2 000 posti)
Sito web www.usagropolicalcio.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Agropoli, per esteso Unione Sportiva Agropoli 1921 è una società calcistica italiana con sede nella città di Agropoli, in provincia di Salerno.

La squadra milita nella Serie D del campionato italiano, e gioca le sue partite casalinghe nello Stadio Raffaele Guariglia.

StoriaModifica

Il calcio in città nasce nel 1921 con la U.S. Pro Agropoli.[1] Il club prese inizialmente parte ai campionati non ufficiali ULIC.

Intorno agli anni trenta, guidata dal capitano Pasquale Di Luccio e dal tecnico ungherese Clamona la squadra vinse il campionato campano uliciano battendo in finale la Maddalonese. In seguito, con il cambio di presidenza, giunse La Palomenta e la squadra cambiò anche i suoi colori, da bianco-nero a rosso con bordi azzurri ed in seguito il colore sociale divenne interamente azzurro. A seguito anche degli eventi bellici in corso, una volta andato via il presidente La Palomenta, il club si sciolse. Sotto la presidenza dello studente universitario Emanuele di Sergio affiancato da Mario Guariglia, il calcio agropolese vide sorgere una nuova compagine, ossia il GUF (Giovani Unitari Fascisti) che ebbe come principali calciatori le figure di Peppino Meretta e Peppino Crispi.

Il GUF partecipoò inizialmente a partite amichevoli e tornei rionali, e nel 1939 prese parte ad un torneo provinciale con in palio il trofeo Italo Balbo. A questo torneo partecipò anche la Cavese, la quale venne battuta dagli agropolesi per 4 a 1, e la quaterna venne messa a segno da Ignazio Pecora. In seguito, a causa della leva militare tutti i giocatori partirono, ed il calcio agropolese conobbe un nuovo periodo di stasi, che venne però colmato a partire dal secondo dopoguerra: l'Agropoli ritornò sui campi di gioco.

Nell'immediato dopoguerra disputò delle amichevoli e prese poi parte al campionato misto di Serie C, dove a causa di un episodio di violenza scaturito da una controversa decisione arbitrale durante un match contro i cugini della Battipagliese, la squadra venne radiata dal torneo dopo sole due giornate, e venne pesantemente multata. Finì per queste decisioni la gestione Guariglia.

Successivamente, dopo vani tentativi di ricostruire una squadra venne data al prof. Algerino De Simone la responsabilità di ricostruire una società sotto le insegne dell'Unione Sportiva Agropoli. Negli anni cinquanta mentre il numero di soci del club aumentò, la squadra militò per diversi anni tra Prima Divisione, Prima Categoria ma soprattutto Promozione, fino alla storica promozione nel Campionato Interregionale ottenuta nel 1990.

L'Agropoli mantenne la categoria per ben 6 anni, per poi retrocedere in Eccellenza nel 1997. Dal 1999 al 2001 militò nuovamente in Promozione (categoria nel frattempo declassata di un livello), per poi risalire in Eccellenza e restarvi sino al 2011, anno in cui venne promosso nuovamente in Serie D

Nei successivi campionati, L'Agropoli conquisterà una salvezza attraverso i playout nella stagione 2012-13, mentre nelle due successive conquisterà il terzo posto perdendo entrambe le volte la finale playoff del girone I. Per la stagione 2015-16 è stato scelto come tecnico Pasquale Santosuosso e la squadra è stata rivoluzionata rispetto agli anni precedenti con l'obiettivo di raggiungere una salvezza tranquilla. Da notare in negativo la sconfitta per 5-0 contro la rivale Gelbison nel "Derby del Cilento" del 24 aprile 2016 al Morra di Vallo della Lucania e in positivo il pareggio insperato sul campo della Cavese e la vittoria in trasferta a Reggio Calabria. Nonostante tutto, una squadra piena di giovani e con poche speranze salvezza, riesce a salvarsi all'ultima giornata pareggiando in casa contro l'Aversa Normanna, evitando la "roulette" dei playout grazie alla classifica avulsa.

Per la stagione 2016-17, la società ha confermato il tecnico Santosuosso e ha annunciato di lottare anche quest'anno per una salvezza tranquilla, grazie all'arrivo di giocatori importanti come l'ex Udinese e Atalanta, Christian Tiboni e tanti altri pronti a dare un forte contributo alla causa cilentana. Dopo 4 anni di Girone I, l'Agropoli disputerà il Girone H insieme a squadre campane, pugliesi, lucane e laziali: la formazione azzurra fatica a lottare per la salvezza e anche il cambio in panchina (da Santosuosso a Sorianiello) non frutterà agli agropolesi che retrocedono in Eccellenza dopo 5 anni e con un distacco dal Madrepietra Daunia di ben 11 punti che non sono sufficienti per disputare i play-out. Nelle stagioni 2017-2018 e 2018-2019 arriva 2º nel campionato Campano di Eccellenza e nel giugno 2019 perde la finale dei playout nazionali con il Brindisi. Nel luglio 2019 viene ripescata in Serie D a completamento organici[2].

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Unione Sportiva Agropoli 1921
  • 1921 - Fondazione dell'Unione Sportiva Agropoli 1921.

  • 1960-1961
  • 1961-1962
  • 1962-1963
  • 1963-1964
  • 1964-1965 - 3ª nel girone C di Prima Categoria Campania.
  • 1965-1966 - 8ª nel girone C di Prima Categoria Campania.
  • 1966-1967 - 10ª nel girone C di Prima Categoria Campania. Ammessa al campionato di Promozione.
  • 1967-1968 - 11ª nel girone B di Promozione Campania.
  • 1968-1969 - 11ª nel girone B di Promozione Campania.
  • 1969-1970 - 13ª nel girone B di Promozione Campania.

  • 1970-1971 - 14ª nel girone B di Promozione Campania-Molise.   Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1971-1972
  • 1972-1973
  • 1973-1974
  • 1974-1975 - 9ª nel girone B di Promozione Campania-Molise.
  • 1975-1976 - 11ª nel girone B di Promozione Campania-Molise.
  • 1976-1977 - 12ª nel girone B di Promozione Campania-Molise.
  • 1977-1978 - 5ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1978-1979 - 12ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1979-1980 - 7ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.

  • 1980-1981 - 5ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1981-1982 - 11ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1982-1983 - 7ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1983-1984 - 12ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1984-1985 - 14ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.   Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1985-1986
  • 1986-1987 - 9ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1987-1988 - 8ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1988-1989 - 9ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.
  • 1989-1990 - 1ª nel girone C di Promozione Campania-Molise.   Promossa nel Campionato Interregionale.

  • 1990-1991 - 5ª nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1991-1992 - 3ª nel girone I del Campionato Interregionale. Ammessa al Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1992-1993 - 3ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1993-1994 - 16ª nel girone H del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1994-1995 - 10ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
Ottavi di finale della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1995-1996 - 9ª nel girone H del Campionato Nazionale Dilettanti.
Primo turno della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1996-1997 - 17ª nel girone G del Campionato Nazionale Dilettanti.   Retrocessa in Eccellenza.
Primo turno della fase C.N.D. di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1997-1998 - 5ª nel girone B di Eccellenza Campania.
  • 1998-1999 - 15ª nel girone B di Eccellenza Campania.   Retrocessa in Promozione.
  • 1999-2000 - 12ª nel girone D di Promozione Campania.

  • 2000-2001 - 14ª nel girone D di Promozione Campania.
  • 2001-2002 - 5ª nel girone D di Promozione Campania.
  • 2002-2003 - 1ª nel girone D di Promozione Campania.   Promossa in Eccellenza.
  • 2003-2004 - 10ª nel girone B di Eccellenza Campania.
  • 2004-2005 - 4ª nel girone B di Eccellenza Campania.
  • 2005-2006 - 5ª nel girone B di Eccellenza Campania. Perde i play-off in semifinale contro il Gragnano.
  • 2006-2007 - 13ª nel girone B di Eccellenza Campania. Salva dopo i play-out vinti contro l'Eclanese.
Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2007-2008 - 5ª nel girone B di Eccellenza Campania. Perde i play-off in semifinale contro la Battipagliese.
Ottavi di finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2008-2009 - 9ª nel girone B di Eccellenza Campania.
  • 2009-2010 - 5ª nel girone B di Eccellenza Campania.
Semifinali della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.

  • 2010-2011 - 15ª nel girone B di Eccellenza Campania. Retrocessa, poi ripescata a completamento organici.
  • 2011-2012 - 1ª nel girone B di Eccellenza Campania.   Promossa in Serie D.
Finale della fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 2012-2013 - 13ª nel girone I di Serie D. Salva dopo i play-out vinti contro il Sambiase.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2013-2014 - 3ª nel girone I di Serie D. Perde i play-off di girone in finale contro l'Akragas.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2014-2015 - 3ª nel girone I di Serie D. Perde i play-off di girone in finale per classifica sfavorevole contro il Rende.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2016-2017 -16ª nel girone H di Serie D.   Retrocessa in Eccellenza.
  • 2017-2018 - 2ª nel girone B di Eccellenza Campania.
  • 2018-2019 - 2ª nel girone B di Eccellenza Campania.
Semifinalista di Coppa Italia Dilettanti Campania.   Ripescata in Serie D per completamento organico.

Colori e simboliModifica

Il colore ufficiale dell'Agropoli è l'azzurro, mentre il simbolo della squadra è il delfino, simbolo che compare anche sul logo ufficiale del club.

StruttureModifica

StadioModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Raffaele Guariglia.

L'Agropoli gioca le sue gare interne nello Stadio Raffaele Guariglia.[3] Inaugurato il 1 novembre 1995[3], ha una capienza di 5.000 posti[4] ed è situato in Contrada Marotta ad Agropoli[3], inoltre è dotato di una pista atletica e di una tribuna coperta.[3] L'impianto è raggiungibile attraverso la statale 18 alla uscita Agropoli Sud.[3]

Centro di allenamentoModifica

SocietàModifica

L'U.S. Agropoli 1921 è un'associazione, ed ha sede in Via S. Pio X, c.da Marrota ad Agropoli.[5]

Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • 1921-? ...
  •  ?-oggi Perrella[6]

Settore giovanileModifica

Il settore giovanile è formato dalla formazione Juniores nazionale[7].

L'Agropoli nella cultura di massaModifica

Allenatori e presidentiModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'U.S. Agropoli 1921
Allenatori
  • 1921-1963 ...
  • 1963-1964   Vincenzo Margiotta[1]
  • 1964-1965 ...
  • 1965-1966   Vincenzo Margiotta
  • 1966-1973 ...
  • 1973-1974   Vincenzo Margiotta[1]
      Vittorio Dalto[1]
  • 1974-1980 ...
  • 1980-1981   Giovanni Chiariello
  • 1980-1983 ...
  • 1983-1985   Pasquale Santosuosso
  • 1985-1989 ...
  • 1989-1991   Pasquale Sabia[1]
  • 1991-1994 ...
  • 1994-1995   Pasquale Sabia[1]
  • 1995-1996   Palumbo[1]
      Scarfato
      Vergazzola
      Palumbo
  • 1996-1997 ...
  • 1997-1998   Mario Pietropinto
  • 1998-2002 ...
  • 2002-2003   Giovanni Formicola[1]
  • 2003-2004 ...
  • 2004-2005   Massimo Agovino
      Pasquale Santosuosso
  • 2005-2006   Pasquale Santosuosso
  • 2006-2007   Gerardo Viscido
      Giovanni Formicola
  • 2007-2008   Gaetano Voza
      Gennaro Volpe
      Angelo Quaglia
  • 2008-2009   Pasquale Santosuosso
      Antonino Gargiulo
      Carmelo Condemi
  • 2009-2010   Carmine Turco
  • 2010-2011   Gennaro Russo
      Gennaro Volpe
      Carmelo Condemi
  • 2011-2012   Francesco Tudisco
  • 2012-2013 ...
  • 2013-2014   Egidio Pirozzi[8]
  • 2014-2015   Egidio Pirozzi
      Pino Rigoli[9]
  • 2015-2016   Pasquale Santosuosso[10]
  • 2016-2017   Pasquale Santosuosso
      Luigi Sorianiello
  • 2017-2018   Ciro De Cesare
      Massimiliano Olivieri
  • 2018-2019   Gianluca Esposito
  • 2019-2020   Giuseppe Ferazzoli
      Gianluca Procopio
Presidenti
  • 1921-1963 ...
  • 1963-1964   Emanuele Di Sergio[1]
  • 1963-1973 ...
  • 1973-1974   B. Meola[1]
  • 1974-1980 ...
  • 1980-1981   Emilio Palumbo
  • 1981-1989 ...
  • 1989-1990   V. Barlotti[1]
  • 1990-2002 ...
  • 2002-2003   A. Di Luccio[1]
  • 2003-2011 ...
  • 2011-2019   Domenico Cerruti[11]
  • 2019-oggi   Francesco Bisogno

CalciatoriModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'U.S. Agropoli 1921

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

2011-2012 (girone B)
1989-1990 (girone C), 2002-2003 (girone D)

Altri piazzamentiModifica

Terzo posto: 2013-2014 (girone I), 2014-2015 (girone I)
Terzo posto: 1991-1992 (girone I)
Terzo posto: 1992-1993 (girone I)
Secondo posto: 2018-2019 (girone B)
Terzo posto: 2017-2018 (girone B)
Finalista: 2011-2012
Semifinalista: 2009-2010, 2018-2019

Statistiche e recordModifica

Partecipazione ai campionatiModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie D 3 2014-2015 2016-2017 3
Campionato Interregionale 2 1990-1991 1991-1992 9
Campionato Nazionale Dilettanti 5 1992-1993 1996-1997
Serie D 2 2012-2013 2013-2014

Statistiche di squadraModifica

Statistiche individualiModifica

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Gruppi ultras attivi: NO NAME,[12] supporters.[12]

Gemellaggi e rivalitàModifica

La tifoseria dell'Agropoli è gemellata con quella del Sant'Antonio Abate[13]. Sono invece in cattivi rapporti con i tifosi della Gelbison[14], Battipagliese[15], Cavese[16], Ebolitana[17].

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l L'Albo d'oro dell'U.S.Agropoli, su infoagropoli.it, 7 giugno 2012. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2012).
  2. ^ Serie D: ripescaggio Agropoli, la soddisfazione dalla società, su infocilento.it.
  3. ^ a b c d e Stadio Comunale Raffaele Guariglia, su gioventu.provincia.salerno.it. URL consultato l'11 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  4. ^ US AGROPOLI 1921, su uk.soccerway.com. URL consultato il 22 maggio 2015.
  5. ^ UNIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AGROPOLI 1921 - S.R.L., su registroimprese.it.
  6. ^ a b Sponsor, su usagropolicalcio.it. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2015).
  7. ^ Juniores nazionale, su usagropolicalcio.it. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2015).
  8. ^ Agropoli, il nuovo tecnico è Egidio Pirozzi, su agrigentosport.com, 17 settembre 2013.
  9. ^ Serie D, Agropoli: presentato ufficialmente mister Rigoli, su infocilento.it, 22 ottobre 2014.
  10. ^ lacittadisalerno.gelocal.it, https://web.archive.org/web/20150930103533/http://lacittadisalerno.gelocal.it/sport/2015/07/13/news/santosuosso-torna-alla-guida-dell-agropoli-nuovi-ingressi-nel-club-1.11773922 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2015).
  11. ^ Calcio, Agropoli: è già "Cerruti-mania" Grande entusiasmo per il nuovo presidente dell'U.S.Agropoli, su infoagropoli.it, 18 aprile 2011. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  12. ^ a b Calcio: manifesto dei tifosi dell'U.S.Agropoli contro Condemi
  13. ^ Template:Cita ed gemellata con il Bisceglie web
  14. ^ Serie D, il derby Agropoli-Gelbison si gioca a porte chiuse, su www.giornaledelcilento.it. URL consultato il 29 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2015).
  15. ^ Scontri tra tifosi di Agropoli e Battipagliese. Ferito carabiniere, su resport.it. URL consultato il 12 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  16. ^ AGROPOLI-CAVESE 4-2: per i metelliani ancora un derby fatale, su lacavese.it. URL consultato il 12 agosto 2014.
  17. ^ Ultras agropolesi aggrediti ad Eboli, su infoagropoli.it. URL consultato il 20 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2012).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica