Apri il menu principale
United States Naval Aviation
Commander, Naval Air Forces.png
Descrizione generale
Attiva28 gennaio 1911 - oggi
NazioneStati Uniti Stati Uniti
Servizioaviazione di marina
Sito internethttp://www.navy.mil/index.asp
Parte di
Comandanti
ViceammiraglioDeWolfe Miller III (dal 26 ottobre 2017)[1]
Simboli
insegna
Naval Aviator Badge.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La United States Naval Aviation è la componente aerea della U. S. Navy. Conta in servizio oltre 4.000 aeromobili e 100 000 uomini, compreso il personale della riserva.

Indice

StoriaModifica

Il pioniere dell'aviazione Glenn Curtiss fu chiamato dalla Marina per dimostrare che gli aerei potevano decollare e atterrare da bordo di navi in mare.

 
Eugene Ely si lanciò dalla USS Birmingham nel novembre 1910.

Così uno dei suoi piloti, Eugene Ely, è decollato dalla USS Birmingham ancorata al largo della costa della Virginia nel novembre 1910. Il 27 gennaio 1911, Curtiss volò con il primo idrovolante dall'acqua a San baia di Diego e il giorno successivo il tenente della US Navy Theodore G. Ellyson, allievo della scuola di Curtiss, decollò da un incrociatore per diventare il primo aviatore navale. La prima Naval air station nacque a Pensacola, in Florida, nel mese di gennaio 1914, al comando di Henry C. Mustin, che nel 1915 testò con successo la prima catapulta di lancio di un aereo da una nave.

L'aviazione del Corpo dei marines si separò dalla Naval Aviation nel 1915, quando il comandante del Corpo dei Marines autorizzò la creazione di una compagnia dell'aviazione composta da 10 ufficiali e 40 soldati semplici.[2], costituendo di fatto il United States Marine Corps Aviation. Nel 1919 l'ammiraglio William Benson tentò di sciogliere del tutto il programma navale aeronautico ma il Segretario Aggiunto alla Marina Franklin Roosevelt riuscì a mantenerlo.

Nel 1931 entrò in servizio l'USS Akron un dirigibile rigido prodotto dall'azienda statunitense Goodyear-Zeppelin Corporation che utilizzato dalla United States Navy nei primi anni trenta. Insieme all'aeronave gemella ZRS-5 USS Macon era dotato di un hangar interno per una piccola pattuglia di cinque caccia biplani, meritandosi la definizione di Portaerei volante.

Velivoli dell'aviazione navale tra le due guerre
  Stati Uniti imbarcati su portaerei Grumman FF
Grumman F2F
lanciati da catapulta Vought OS2U Kingfisher
idrovolanti Curtiss SOC Seagull
 
F4F Wildcat imbarcati sulla USS Saratoga, ottobre 1941

Ma cominciarono a entrare in servizio diverse portaerei (USS Yorktown, USS Enterprise, USS Lexington, USS Ranger, USS Saratoga e USS Hornet) che svilupparono enormemnte l'utilizzo dell'aviazione di marina.

All'ingresso degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale l'U.S. Navy contava su otto portaerei e l'aviazione navale americana ebbe così un ruolo primario, prendendo parte a tutte le principali battaglie navali del Pacifico.

Velivoli dell'aviazione navale durante la 2a guerra mondiale
  Stati Uniti imbarcati su portaerei Brewster F2 Buffalo
Grumman F3F
Grumman F4F Wildcat
Grumman F6F Hellcat
F4U Corsair
lanciati da catapulta Vought OS2U Kingfisher
 
Elicotteri MH-60S alla NAS North Island, California, 2011

Subito dopo la guerra l'U.S. Navy utilizzò per la prima volta aerei a reazione su portaerei. Gli anni del dopoguerra ha visto anche lo sviluppo dell'elicottero, con una varietà di ruoli utili e capacità di missione, a bordo di portaerei e altre unità navali.

Durante e dopo la guerra fredda, il dominio virtuale dei mari in molte delle vie d'acqua del mondo, permise lo schieramento di portaerei e la proiezione della propria potenza aerea quasi dovunque nel globo. Operando da acque internazionali, le portaerei americane (in particolari quelle a propulsione nucleare) hanno potuto sopperire alla indisponibilità di aeroporti alleati o di permessi di sorvolo nella vicinanza delle zone di operazioni richieste, entrambe politicamente difficili da acquisire.

OrganizzazioneModifica

  • Commander Naval Air Forces (COMNAVAIRFOR) - è il comandante di tutte le forze aeree dell'U.S. Navy. Il comando ha sede a Coronado, in California.[3]
  • Commander Naval Air Forces Atlantic - gestisce le forze aeree della flotta dell'Atlantico, e dà supporto operativo aereo alla flotta
  • Commander Naval Air Forces Pacific - gestisce le forze aeree alla flotta del PAcifico, e dà supporto operativo aereo alla flotta
  • Naval Air Systems Command (NAVAIR) - fornisce supporto materiale per sistemi aerei e di armi aeree. NAVAIR è stata fondata nel 1966 sostituendo il Bureau of Naval Weapons, e ha sede a Patuxent River, nel Maryland.
  • Naval Strike e Air Warfare Center (NSAWC) - si trova nella città di Fallon in Nevada ed è il centro di eccellenza per formazione aeronautica e tattiche di sviluppo navale. il NSAWC fornisce a equipaggi, squadroni e gruppi in tutta la Marina degli Stati Uniti formazione di volo, corsi didattici accademici, e supporto operativo e di intelligence.
  • U. S. Navy aircraft wings (comprendono anche i gruppi)
  • U.S. Navy aircraft squadrons

Naval Air StationModifica

 
Un F 14 Tomcat decolla da una portaerei

Le basi aeree della U.S. Navy sono denominate Naval Air Station, e sono 16, di cui tre all'estero. Queste alcune:

All'esteroModifica

 
Due piloti donne dell'U.S. Navy nel 1987

PersonaleModifica

U. S. naval aviatorModifica

Un U. S. naval aviator è un ufficiale o sottufficiale incaricato, che è qualificato come pilota nella U.S. Navy, U.S. Marine Corps o United States Coast Guard. La maggior parte degli aviatori della U.S. Naval Aviation sono ufficiali che possono beneficiare di comando in mare; tuttavia, un piccolo numero di ufficiali specialisti di linea e Marescialli capo specialisti di aviazione, sono anche addestrati come aviatori navali.

AddestramentoModifica

L'addestramento è affidato al Naval Air Training Command. Quello dei piloti della marina militare statunitense avviene principalmente nelle basi aeree NAS Corpus Christi (Texas) e NAS Whiting Field (Florida).

La United States Navy Fighter Weapons School, comunemente chiamata Top Gun, è invece la scuola di combattimento per piloti della Marina, con sede a Fallon in Nevada.

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[4]
Note Immagine
Aerei da combattimento
McDonnell Douglas F/A-18 Super Hornet   Stati Uniti aereo da caccia
caccia multiruolo
conversione operativa
F/A-18E
F/A-18F
379[4][5]
132[4][5]
Un F/A-18F è andato perso sul Mare delle Filippine a novembre 2018, portando a 511 gli esemplari in servizio a quella data.[5]
Lockheed Martin F-35 Lightning II   Stati Uniti cacciabombardiere F-35C 21[4] 273 esemplari ordinati.[6]
Boeing E/A-18G Growler   Stati Uniti aereo per guerra elettronica E/A-18G 161[7][4] 161 E/A-18G in servizio al maggio 2019.[7]
Aerei per impieghi speciali
Northrop Grumman E-2 Hawkeye   Stati Uniti Awacs imbarcato E-2C
E-2D
83[4] 49 della nuova versione E-2D Advanced Hawkeye risultano ordinati all'aprile 2019.[8]
Boeing E-6 Mercury   Stati Uniti Aeromobile per comando e controllo E-6B 16[4]
Boeing P-8 Poseidon   Stati Uniti aereo da pattugliamento marittimo P-8A 81[4]
Lockheed P-3 Orion   Stati Uniti aereo da pattugliamento marittimo P-3C 48[4]
Lockheed EP-3 Arles II   Stati Uniti ELINT
SIGINT
EP-3E 12[4]
Gulfstream NC-37B   Stati Uniti aeromobile per telemetria NC-37B 1[9][10] 1 G550 modificato con le stesse carenature sulla cellula come l'omologo G550 CAEW israeliano, ordinato nel 2016 e consegnato a settembre 2018, destinato alla telemetria ed ai test di volo di missili e missili navali.[10][11][4][9]
Learjet 35   Stati Uniti aereo da ricognizione Learjet 35 2[4]
Fairchild C-26 Metroliner   Stati Uniti aereo da ricognizione C-26D 3[4]
Aerei da addestramento
Northrop F-5 Tiger II   Stati Uniti aereo da caccia F-5F
F-5N
29[4]
General Dynamics F-16 Fighting Falcon   Stati Uniti aereo da caccia F-16A
F-16B
14[4]
McDonnell Douglas-BAe T-45 Goshawk   Stati Uniti
  Regno Unito
aereo da addestramento imbarcato T-45A
T-45C
193[12][4][13][14] Un esemplare è andato perso (dopo i due persi a gennaio ed ottobre 2017) a maggio 2019, portando a 193 gli esemplari in servizio.[12]
Beechcraft T-6 Texan II   Stati Uniti aereo da addestramento T-6A
T-6B
T-6C
294[4]
Northrop T-38 Talon   Stati Uniti aereo da addestramento T-38A 10[4]
Beechcraft T-34 Mentor   Stati Uniti aereo da addestramento T-34C-1 75[4]
Beechcraft T-44 Pegasus   Stati Uniti aereo da addestramento T-44A 57[4]
Gulfstream C-38 Courier   Stati Uniti aereo da addestramento C-38 2[4]
de Havilland DHC-3 Otter   Canada aereo da addestramento NU-1B 1[4]
Aeromobili a pilotaggio remoto - UAV
Northrop Grumman MQ-4 Triton   Stati Uniti UAV MQ-4C 2[15] 2 MQ-4C consegnati al giugno 2018.[15][16]
Boeing MQ-25 Stingray   Stati Uniti UAV imbarcato per rifornimento in volo MQ-25A 0 4 ordinati, con una previsione di acquisto di 72 esemplari.[17][18][19]
Aerei da trasporto e rifornimento in volo
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto
Rifornimento in volo
KC-130T 24[20][4]
Boeing C-40 Clipper   Stati Uniti aereo da trasporto C-40A 15[20][4]
Grumman C-2 Greyhound   Stati Uniti aereo da trasporto imbarcato C-2A 27[4][21] 27 esemplari in servizio al dicembre 2018.[4][21]
Gulfstream C-37A   Stati Uniti aereo da trasporto C-37A 1[22] 1 C-37A in servizio al maggio 2019.[22]
Gulfstream C-37B   Stati Uniti aereo da trasporto C-37B 3[22] 3 C-37B in servizio al maggio 2019.[22]
Learjet 35   Stati Uniti aereo da ricognizione Learjet 35 2[4]
Beechcraft C-12 Huron   Stati Uniti aereo da trasporto UC-12M 13[4]
Fairchild C-26 Metroliner   Stati Uniti aereo da ricognizione C-26D 4[4]
Pilatus PC-12   Stati Uniti aereo da trasporto PC-12NG 1[4]
Elicotteri
Sikorsky SH-60 Seahawk   Stati Uniti elicottero da trasporto medio
elicottero ASW
SAR
elicottero per operazioni speciali
S-70
SH-60
HH-60
HH-60
HH-60
MH-60
526[4]
Sikorsky MH-53 Sea Dragon   Stati Uniti elicottero imbarcato per contromisure mine MH-53E 27[4]
Bell Boeing V-22 Osprey   Stati Uniti convertiplano da trasporto e collegamento CMV-22 1[4] 48 CMV-22B ordinati a giugno 2018 e destinati al ruolo COD (Carrier On-Board Delivery, i collegamenti con le portaeromobili) in sostituzione dei C-2 Greyhound.[23][24]
Bell TH-57 Sea Ranger   Stati Uniti elicottero da addestramento TH-57C 113[4]
Airbus Helicopters UH-72 Lakota   Unione europea elicottero da addestramento UH-72A 5[4]
Bell 206   Stati Uniti elicottero utility OH-58 3[4]
Bell 407   Stati Uniti elicottero utility Bell 407 4[4]

Aeromobili ritiratiModifica

NoteModifica

  1. ^ "DEWOLFE APPOINTED COMMANDER NAVAL AIR FORCES", suafcea.org, 26 ottobre 2017, URL consultato il 6 ottobre 2018.
  2. ^ Sherrod (1952), p.4-5.
  3. ^ http://www.public.navy.mil//airfor/Pages/homepage.aspx
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 33. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  5. ^ a b c "U.S. NAVY F/A-18 HORNET CRASHES INTO PHILIPPINE SEA", su defence-blog.com, 12 novembre 2018, URL consultato il 12 novembre 2018.
  6. ^ "Il Pentagono pianifica la produzione su larga scala (FRP, Full Rate Production) dell'F-35 Lightning II" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 21
  7. ^ a b "USN ISSUES RFI FOR GROWLER BLOCK 2 UPGRADE", su janes.com, 28 maggio 2019, URL consultato il 28 maggio 2019.
  8. ^ "US NAVY CONTRACTS NORTHROP GRUMMAN TO BUILT MORE E-2Ds", su janes.com, 10 aprile 2019, URL consultato il 11 aprile 2019.
  9. ^ a b "Un nuovo Gulfstream elettronico per l'US Navy" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 41
  10. ^ a b "BEHOLD THE FIRST OFFICIAL PHOTO OF THE NAVY'S NEW NC-37B MISSILE TRAKING JET", su thedrive.com, 7 settembre 2018, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  11. ^ "US NAVY PURCHASE CAEW-BASED GULFSTREAM 550 FOR RANGE SUPPORT", su flightglobal.com, 21 marzo 2016, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  12. ^ a b "US NAVY T-45C CRASHES AT NAS KINGSVILLE, TEXAS", su , 11 maggio 2019, URL consultato il 13 maggio 2019.
  13. ^ "US NAVY TO RESUME T-45C TRAINING FLIGHTS", su aviationanalysis.net, 17 aprile 2017, URL consultato il 18 aprile 2017.
  14. ^ "US NAVY GOSHAWK JET CRASHES, CREW KILLED" Archiviato il 13 ottobre 2017 in Internet Archive., su janes.com, 3 ottobre 2017, URL consultato il 12 ottobre 2017.
  15. ^ a b "US NAVY OFFICIALLY INDUCTS TRITON UAV INTO SERVICE", su janes.com, 4 giugno 2018, URL consultato il 26 giugno 2018.
  16. ^ "L'MQ-4C Triton in servizio nell'US Navy" - "Aeronautica & Difesa" N. 381 - 07/2018 pag. 78
  17. ^ "US NAVY SELECTS BUILDER FOR NEW MQ-25 STINGRAY AERIAL REFUELING DRONE", su defensenews.com, 30 agosto 2018, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  18. ^ "LA BOEING SI AGGIUDICA IL CONTRATTO PER IL MQ-25A STINGRAY DELLA US NAVY", su aviation-report, 31 agosto 2018, URL consultato il 10 ottobre 2018.
  19. ^ "Aggiudicata a Boeing la costruzione del drone tanker (non stealth) MQ-25A Stingray dell'US Navy" - "Aeronautica & Difesa" N. 384 - 10/2018 pag. 67
  20. ^ a b "U.S. NAVY LOOKING TO UPGRADE ITS C-130 HERCULES AIRCRAFT FLEET", su defence-blog.com, 30 settembre 2018, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  21. ^ a b "US NAVY GREYHOUND AIRLIFTER CRASHES IN PHILIPPINE SEA", su janes.com, 22 novembre 2017, URL consultato il 22 novembre 2017.
  22. ^ a b c d e "L’US NAVY RETIRE DU SERVICE SES DERNIERS GULFSTREAM C-20", su avionslegendaires.net, 22 maggio 2019, URL consultato il 28 maggio 2019.
  23. ^ "Il Pentagono ordina 58 V-22 Osprey per 4 miliardi di dollari" - "Aeronautica & Difesa" N. 382 - 08/2018 pag. 75
  24. ^ "PARIS AIR SHOW 2019: BOEING WARNS ‘LAST CHANCE’ TO BUY V-22", su janes.com, 14 giugno 2019, URL consultato il 17 giugno 2019.
  25. ^ a b c d "U.S. NAVY’S LAST OPERATIONAL F/A-18C HORNET TO BE RETIRED ON FEB. 1, 2019", su theaviationist.com, 29 gennaio 2019, URL consultato il 2 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

  • (EN) Robert Sherrod, History of Marine Corps Aviation in World War II, Washington, D.C., Combat Forces Press, 1952, ISBN 0-89201-048-7.
  • John A. De Chant, Devilbirds – The Story of United States Marine Aviation in World War II, New York, Harper & Brothers, 1947.
  • Gerald Astor, Semper Fi in the Sky – The Marine Air Battles of World War II, New York City, Random House, 2005, ISBN 0-89141-877-6.
  • Giuliano Da Frè, I grandi condottieri del mare, Newton Compton, 2016
  • Tom Clancy, Fortezze dei mari: tutti i segreti delle grandi portaerei, Mondadori, 2001

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica