Apri il menu principale

Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio

società calcistica italiana
ASD Sancataldese Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Verdiamaranto
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Verde e Amaranto (Strisce).png Verde, amaranto
Dati societari
Città San Cataldo
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1949
Scioglimento1957
Rifondazione1957
Rifondazione2008
Presidente Italia Ivano La Cagnina
Allenatore Italia Pietro Infantino
Stadio Valentino Mazzola
(1 500 posti)
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio, meglio nota come Sancataldese è una società sportiva italiana, attiva nel calcio, con sede a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. Milita in Eccellenza Sicilia.

Fondata come Società Polisportiva Sancataldese nel 1949, venne rifondata nel 1957 come Unione Sportiva Sancataldese, che nella stagione 1995-96 approdò per la prima volta al Campionato Nazionale Dilettanti. Divenuta Associazione Sportiva Sancataldese nel 2005, dopo la fusione con l'Associazione Sportiva Sommatino Calcio del 2008, ha assunto l'attuale denominazione societaria, e dopo il declino dei primi anni 2000 che l'ha vista precipitare nei tornei dilettantistici più bassi, è successivamente risalita ai livelli più alti.

È la terza squadra calcistica per importanza storica della provincia di Caltanissetta dopo il Gela e la Nissa, ed il livello massimo di categoria raggiunto è stata la Serie D, in cui vanta 10 presenze.

StoriaModifica

Le origini del calcio nella cittadina siciliana di San Cataldo, nel libero consorzio comunale di Caltanissetta, risalgono al 1945, quando alcuni giovani del luogo diedero vita ad una squadra denominata Robur, che praticava attività calcistica a livello amatoriale.[1]

Il 19 agosto 1949[2], un gruppo di appassionati di calcio, formato dall'avvocato Calogero Cammarata - detto Lilli - dal fratello di questi il professor Nunzio Cammarata, dal professor Nicolò Asaro - che negli anni sessanta diverrà senatore della Repubblica - dal professor Antonino Casubolo, dall'ingegner Salvatore Sardo, e dal signor Antonino Provenzano, diede vita alla Società Polisportiva Sancataldese.[2] Della neocostituita società l'avvocato Cammarata e il professor Asaro, assunsero rispettivamente i ruoli di presidente e segretario, e la squadra, composta in prevalenza da giovani sancataldesi e nisseni, debuttò nel girone A di Seconda Divisione, in cui vinse 16 delle 18 partite disputate, e si piazzò in testa alla classifica ottenendo così l'accesso alla Prima Divisione.[1]

Le attività della Polisportiva durarono fino al 1957, quando venne messa in liquidazione per problemi economici[3], che si aggiungevano alla crisi della squadra che precipitò nelle categorie inferiori. A decretarne la scomparsa fu un episodio curioso: durante una partita fu smarrito un intero blocchetto di biglietti e la mancanza dei denaro per poter pagare i diritti SIAE costrinse la dirigenza a far fallire la società.[2] Nel mese di gennaio di quello stesso anno, su iniziativa dell'ingegner Sardo - tra i soci fondatori della Polisportiva di cui fu anche vicepresidente - venne costituita l'Unione Sportiva Sancataldese, che ne raccolse così il testimone.[4]

L'US Sancataldese iniziò la propria attività agonistica a livello federale nella stagione 1960-61, in Prima Divisione, in cui si piazzò al secondo posto nel girone C, alle spalle del Delia capolista.[5] Nella stagione seguente, il 1961-62, la compagine verdeamaranto si piazzò in testa alla classifica del girone D di Seconda Categoria (ex Prima Divisione), ma pur avendo diritto alla promozione in Prima Categoria, dovette rinunciare alla partecipazione al torneo per motivi finanziari, ed il suo posto venne occupato dal Terranova Gela, che venne ripescato.[6] La permanenza in Seconda Categoria durò fino alla stagione 1969-70, in cui la Sancataldese si piazzò quarta nel girone D, ma venne ripescata in Prima Categoria per la stagione 1970-71.[7]

Nella stagione 1973-74, la Sancataldese, al cui timone della società vi era Ignazio Mauro, alla guida tecnica della squadra Vittorio Vullo, e nella quale il giocatore più rappresentativo era il centravanti Giuseppe Porrovecchio, vinse il girone D di Prima Categoria, dopo una lunga lotta per il primato con il Favara, e determinante fu la vittoria in casa ottenuta all'ultima giornata contro il Gattopardo per 4-2.[8] La compagine di San Cataldo dopo oltre venti anni tornava a disputare la massima competizione regionale, e la sua permanenza nel campionato di Promozione durò tra le stagioni 1974-75 e 1975-76, e tra le stagioni 1977-78 e 1978-79.

Negli anni ottanta ebbe inizio il declino della Sancataldese, che per l'intero decennio militò quasi stabilmente in Prima Categoria. Nel 1989, la società amaranto venne rilevata da una cordata di imprenditori locali guidata da Michele Marcenò, che ne divenne il presidente: l'epoca Marcenò - che durò fino al 2000 - fu la più importante della storia del club di San Cataldo sotto il profilo dei risultati.[9] Al termine della stagione 1991-92, la Sancataldese partecipò al "Torneo Acqua Vera", formato da 16 squadre dilettantistiche, organizzato dall'omonima azienda veneta produttrice di acqua minerale in bottiglia, e svoltosi a Roma. La formazione siciliana, nuovamente allenata da Vullo, arrivò fino alla finale, dove fu sconfitta per 4-1 da quella emiliana del Castel San Pietro Terme. Alla finale, disputata allo Stadio dei Marmi, erano presenti circa 200 tifosi venuti da San Cataldo.[10] A partire dalla stagione 1989-90, la Sancataldese iniziò un importante cammino che la condusse dalla Seconda Categoria fino allo storico approdo al Campionato Nazionale Dilettanti: nella stagione 1994-95, arrivò seconda nel girone A di Eccellenza e vinse gli spareggi contro Licata, Giarre e la formazione sarda dell'Iglesias.[9] La sua permanenza nel massimo torneo dilettantistico nazionale - divenuto Serie D - durò ininterrottamente per sette stagioni consecutive, dal 1995-96 al 2001-2002.

Dopo la prima retrocessione in Eccellenza, il club verdeamaranto disputò dei campionati con modesti piazzamenti di classifica. Nel 2005, assunse la denominazione di Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese[11], e militò in Eccellenza fino alla stagione 2006-2007, in cui retrocedette in Promozione. Fece seguito un'altra retrocessione in Prima Categoria la stagione successiva: al termine della stagione 2007-2008, la formazione verdeamaranto allenata da Torregrossa si piazzò al tredicesimo posto nel girone D di Promozione, e fu costretta allo spareggio, che si disputò in campo neutro a Bagheria contro il Marsala, conclusosi per 1-1, risultato che premiò i lilibetani in virtù del miglior piazzamento in classifica nella stagione regolare.[12]

Nell'estate del 2008, al termine della deludente stagione che vide la retrocessione dei verdeamaranto in Prima Categoria, i due presidenti dell'ASD Sancataldese e dell'AS Sommatino Calcio, Geraci e Spallino, si accordarono per un progetto di fusione tra i due sodalizi della provincia nissena, che portò alla nascita dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio.[13] Il titolo sportivo venne trasferito da Sommatino a San Cataldo, e i verdeamaranto presero il posto degli amaranto nel girone A del campionato di Promozione, che si erano piazzati all'ottavo posto la stagione precedente.[13] Nella stagione 2008-2009, la Sancataldese, allenata nuovamente da Lirio Torregrossa, vinse il proprio girone ed approdò direttamente in Eccellenza, in cui militò per sette stagioni consecutive.

Nella stagione 2018-19, in Serie D, la guida tecnica della squadra è stata affidata all'ex fantasista e capitano del Catania in Serie A, Giuseppe Mascara, il quale poi si è dimesso dopo 15 giornate.[14][15] Dopo le dimissioni rassegnate da Mascara, sulla panchina verdeamaranto si succedono due allenatori, l'argentino Juan Manuel Milanesio e Antonio Alacqua[16], ma la situazione in classifica è precaria e la squadra, che a fine stagione si piazza al tredicesimo posto, è costretta a disputare lo spareggio-salvezza per la permanenza in Serie D: il 12 maggio 2019, la Sancataldese gioca nel suo stadio contro i calabresi del Roccella, contro cui perde per 2-3 dopo i tempi supplementari, e la sconfitta causa la retrocessione in Eccellenza.[17]

CronistoriaModifica

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio
  • 1949 - Fondazione della Società Polisportiva Sancataldese.
  • 1949-1950 - 1ª nel girone A di Seconda Divisione Sicilia.
  • 1950-1951 - 14ª nel girone A di Prima Divisione Sicilia.
  • 1951-1952 - 10ª nel girone A di Prima Divisione Sicilia.
  • 1952-1953 - 3ª nel girone A di Prima Divisione Sicilia.
  • 1953-1954 - 2ª nel girone A di Prima Divisione Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1954-1955 - 15ª in Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Divisione.
  • 1955-1956 - 11ª nel girone B di Prima Divisione Sicilia. Retrocessa in Seconda Divisione.
  • 1956-1957 - Inattiva.
  • 1957 - Rifondazione della società con la denominazione Unione Sportiva Sancataldese.
  • 1957-1958 - Inattiva.
  • 1958-1959 - Inattiva.
  • 1959-1960 - Inattiva.

  • 1960-1961 - 2ª nel girone C di Prima Divisione Sicilia
  • 1961-1962 - 1ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1962-1963 - 5ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1963-1964 - 10ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1964-1965 - 9ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1965-1966 - 11ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1966-1967 - 7ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1967-1968 - 8ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1968-1969 - 8ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.
  • 1969-1970 - 4ª nel girone D di Seconda Categoria Sicilia.

  • 1970-1971 - 2ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1971-1972 - 6ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1972-1973 - 7ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1973-1974 - 1ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1974-1975 - 11ª nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1975-1976 - 14ª nel girone A di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1976-1977 - 1ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1977-1978 - 11ª nel girone A di Promozione Sicilia.
  • 1978-1979 - 14ª nel girone A di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria.
  • 1979-1980 - 7ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.

  • 1980-1981 - 12ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1981-1982 - 13ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1982-1983 - 15ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Retrocessa in Seconda Categoria.
  • 1983-1984 - 1ª nel girone G di Seconda Categoria Sicilia. Promossa in Promozione dopo aver vinto lo spareggio.
  • 1984-1985 - 3ª nel girone E di Prima Categoria Sicilia.
  • 1985-1986 - 6ª nel girone E di Prima Categoria Sicilia.
  • 1986-1987 - 13ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1987-1988 - 12ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia.
  • 1988-1989 - 14ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Retrocessa in Seconda Categoria dopo aver perso lo spareggio.
  • 1989-1990 - 1ª nel girone H di Seconda Categoria Sicilia. Promossa in Prima Categoria.

  • 1990-1991 - 1ª nel girone D di Prima Categoria Sicilia. Promossa in Promozione.
  • 1991-1992 - 1ª nel girone B di Promozione Sicilia. Promossa in Eccellenza.
  • 1992-1993 - 2ª nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1993-1994 - 6ª nel girone B di Eccellenza Sicilia.
  • 1994-1995 - 2ª nel girone B di Eccellenza Sicilia dopo aver vinto lo spareggio. Promossa al Campionato Nazionale Dilettanti dopo aver vinto i play-off nazionali.
  • 1995-1996 - 11ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1996-1997 - 11ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997-1998 - 12ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1998-1999 - 15ª nel girone I del Campionato Nazionale Dilettanti. Retrocessa in Eccellenza dopo aver perso lo spareggio ma successivamente rimmessa al torneo di Eccellenza a seguito di ripescaggio.
  • 1999-2000 - 12ª nel girone I di Serie D.

  • 2000-2001 - 15ª nel girone I di Serie D.
  • 2001-2002 - 15ª nel girone I di Serie D. Retrocessa in Eccellenza dopo aver perso lo spareggio.
  • 2002-2003 - 5ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2003-2004 - 9ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2004-2005 - 16ª nel girone A di Eccellenza Sicilia. Retrocessa in Promozione ma successivamente rimmessa al torneo di Eccellenza a seguito di ripescaggio.
  • 2005 - Cambio denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese.
  • 2005-2006 - 7ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2006-2007 - 14ª nel girone A di Eccellenza Sicilia. Retrocessa in Promozione.
  • 2007-2008 - 13ª nel girone D di Promozione Sicilia. Retrocessa in Prima Categoria dopo aver perso i play-out.
  • 2008 - Rifondazione sotto la denominazione Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio attraverso la fusione tra l'Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese e l'Associazione Sportiva Sommatino Calcio, di cui rileva il titolo sportivo e lo sostituisce nel campionato di Promozione.
  • 2008-2009 - 1ª nel girone A di Promozione Sicilia. Promossa in Eccellenza.
  • 2009-2010 - 9ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.

  • 2010-2011 - 9ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2011-2012 - 9ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2012-2013 - 12ª nel girone A di Eccellenza Sicilia. Vince lo spareggio-salvezza contro il Valderice.
  • 2013-2014 - 10ª nel girone A di Eccellenza Sicilia.
  • 2014-2015 - 3ª nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde la finale dei play-off.
  • 2015-2016 - 3ª nel girone A di Eccellenza Sicilia. Perde finale dei play-off nazionali. Ammessa in Serie D per ripescaggio.
  • 2016-2017 - 13ª nel girone I di Serie D.
  • 2017-2018 - 12ª nel girone I di Serie D.
  • 2018-2019 - 13ª nel girone I di Serie D. Retrocessa in Eccellenza dopo aver perso il play-out.
  • 2019-2020 - nel girone A di Eccellenza Sicilia.

Colori e simboliModifica

ColoriModifica

Dal 1957, il colori sociali della Sancataldese sono il verde e l'amaranto.[2] In precedenza furono usati diversi colori per le maglie, tra cui il biancoscudato.[2]

Simboli ufficialiModifica

StemmaModifica

Lo stemma della Sancataldese suddiviso in tre parti: il primo quarto riporta lo stemma del Comune di San Cataldo, di campo verde e croce d'oro; nel secondo quarto di colore amaranto la data del 1945 scritta di bianco, circondata da due spighe di grano; nel terzo, della metà dello stemma, sono raffigurate le strisce verticali verdeamaranto con un pallone di cuoio d'oro. Le due parti, superiore e inferiore dello stemma, sono separate da una striscia bianca che riporta la dicitura "SANCATALDESE CALCIO" in amaranto.

StruttureModifica

StadioModifica

La Sancataldese disputa le proprie partite casalinghe e i propri allenamenti allo Stadio "Valentino Mazzola" di San Cataldo, situato in pieno centro. Sorto alla fine degli anni quaranta[2], le tribune furono costruite negli anni successivi. Nel 2010, l'impianto è stato oggetto di lavori di ristrutturazione, con l'installazione del manto in erba sintetica del terreno di gioco, fino a ad allora di sabbia. La capienza massima di spettatori nelle tribune è di 1.500 unità.

SocietàModifica

Anni Denominazione
1949-1957 Società Polisportiva Sancataldese
1957-2005 Unione Sportiva Sancataldese
2005-2008 Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese
dal 2008 Associazione Sportiva Dilettantistica Sancataldese Calcio

Organigramma societarioModifica

Staff dell'area amministrativa[18]
  •   Ivano La Cagnina - Presidente
  •   Dario Spinello - Vicepresidente e amministratore delegato
  •   Riccardo Zoda - Vicepresidente
  •   Giuseppe Ferro - Vicepresidente
  •   Salvatore Pirrello - Direttore generale
  •   Cataldo Galletti - Direttore sportivo
  •   Giuseppe D'Angelo - Consigliere d'amministrazione
  •   Giovanni Mirisola - Consigliere d'amministrazione
  •   Calogero Vicari - Consigliere d'amministrazione
  •   Angelo D'Antoni - Consigliere d'amministrazione
  •   Giuseppe Diliberto - Consigliere d'amministrazione
  •   Walter Burcheri - Socio sostenitore

Modifica

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali

Allenatori e presidentiModifica

Allenatori[19]
  • 1949-1959 ...
  • 1959-1960   Andrea Angilella
  • 1960-1969 ...
  • 1969-1970   Bernardo Savoia
  • 1970-1972   Michele Andaloro
  • 1972-1973   Giuseppe Spanò
  • 1973-1975   Vittorio Vullo
  • 1975-1976   Giovanni Luna
  • 1976-1978   Guerrino Braggio
  • 1978-1979   Vittorio Vullo
  Ernesto Cipollone
  • 1979-1980   Ernesto Cipollone
  • 1980-1981   Pietro La Manna
  • 1981-1982   Ernesto Cipollone
  Marcello Magliocco
  • 1982-1983   Guerrino Braggio
  • 1983-1984   Vincenzo Urbano
  • 1984-1985   Giuseppe Cannarozzo
  Vincenzo Amico
  • 1985-1986   Filippo Terzo
  Vittorio Vullo
  • 1986-1987   Vittorio Vullo
  • 1987-1988   Mario Vitale
  Giuseppe Ansaldi
  • 1988-1989   Mario Vitale
  Giuseppe Ansaldi
  • 1989-1992   Vittorio Vullo
  • 1992-1993   Giuseppe Cannarozzo
  Vittorio Vullo
  • 1993-1995   Stefano Valenti
  • 1995-1996   Guido De Maria
  Vittorio Vullo
  Guido De Maria
  • 1996-1997   Giovanni Italia
  Giovanni Campanella
  • 1997-1998   Raimondo Filippazzo
  • 1998-1999   Giovanni Italia
  Angelo Cartone
  Maurizio Miranda
  • 1999-2000   Stefano Francioni
  Salvatore Aiello
  • 2000-2001   Diego Ficarra
  Salvatore Vassallo
  Piero Lombardi
  • 2001-2002   Liborio Torregrossa
  Angelo Cartone
  • 2002-2003   Giovanni Italia
  • 2003-2004   Giuseppe Tirrito
  Otello Ribellino
  • 2004-2005   Domenico Bellomo
  Raimondo Giambra
  Domenico Bellomo
  • 2005-2007   Angelo Cartone
  Otello Ribellino
  • 2007-2008   Raimondo Giambra
  Liborio Torregrossa
  • 2008-2009   Liborio Torregrossa
  • 2009-2010   Angelo Greco
  Liborio Torregrossa
  Juan Manuel Milanesio
  Antonio Alacqua
  • 2019-2020   Pietro Infantino
Presidenti[19]
  • 1949-1950   Calogero Cammarata
  • 1950-1951   Michele Sanfilippo
  • 1951-1952   Salvatore Vasapolli
  • 1952-1955 ...
  • 1955-1956   Antonino Casubolo
  • 1956-1957   Michele Andaloro
  Andrea Angilella
  • 1957-1958   Salvatore Sardo
  • 1958-1969 ...
  • 1969-1970   Franco Caramanna (commissario straordinario)
  • 1970-1971   Attilio Pilato
  • 1971-1973 ...
  • 1973-1976   Ignazio Mauro
  • 1976-1977   Vincenzo Milazzo
  • 1977-1980   Michele Naro
  • 1980-1982   Vincenzo Giamporcaro (commissario straordinario)
  Giuseppe Giambra (commissario straordinario)
  • 1982-1983   Osvaldo Valenza (commissario straordinario)
  • 1983-1986   Salvatore Intilla
  Calogero Puzzanghera (commissario straordinario)
  • 1986-1987   Vincenzo Diliberto
  • 1987-1988   Filippo Sardo (commissario straordinario)
  • 1988-1989   Vincenzo Amico
  • 1989-2000   Michele Marcenò
  Antonio Infantino
  • 2000-2002   Salvatore Riggi
  • 2002-2004   Michele Geraci
  • 2004-2005   Ivano La Cagnina
  • 2004-2005   Denis Amico
  Salvatore Anzalone
  • 2005-2007   Salvatore Anzalone
  Giuseppe Livrizzi
  • 2007-2009   Michele Geraci
  • 2009-2019   Giuseppe Diliberto
  • 2019-   Ivano La Cagnina

CalciatoriModifica

CapitaniModifica

PalmarèsModifica

Competizioni regionaliModifica

1949-1950 (girone A)
1973-1974 (girone D), 1976-1977 (girone D), 1990-1991 (girone D)
1983-1984 (girone G), 1989-1990 (girone H)
1991-1992 (girone B), 2008-2009 (girone B)

Altri piazzamentiModifica

Secondo posto: 1953-1954 (girone A)
Terzo posto: 1952-1953 (girone A), 1960-1961 (girone C)
Secondo posto: 1970-1971 (girone D)
Terzo posto: 1984-1985 (girone E)
Secondo posto: 1992-1993 (girone B), 1994-1995 (girone B),
Terzo posto: 2014-2015 (girone A), 2015-2016 (girone A)

Statistiche e recordModifica

Partecipazioni ai campionatiModifica

Campionati nazionaliModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie D 3 2016-2017 2018-2019 3
Campionato Nazionale Dilettanti 4 1995-1996 1997-1998 7
Serie D 3 1999-2000 2001-2002

Campionati regionaliModifica

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Prima Divisione 2 1950-1951 1951-1952 23
Promozione 5 1954-1955 1978-1979
Eccellenza 16 1992-1993 2019-2020
II Seconda Divisione 1 1949-1950 32
Prima Divisione 4 1952-1953 1960-1961
Seconda Categoria 10 1961-1962 1969-1970
Prima Categoria 14 1970-1971 1988-1989
Promozione 3 1991-1992 2008-2009
III Seconda Categoria 2 1983-1984 1989-1990 2

Statistiche individualiModifica

TifoseriaModifica

StoriaModifica

Il tifo organizzato della Sancataldese è nato nel 1991.[20] Dal 2003, il gruppo ultrà organizzato più importante è quello denominato Commando Neuropatico, che segue le trasferte della squadra verdeamaranto.[21]

Gemellaggi e rivalità[22]Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby calcistici in Sicilia.

GemellaggiModifica

AmicizieModifica

RivalitàModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Barone.
  2. ^ a b c d e f Sancataldese, 50 anni, in La Sicilia, 19 agosto 1999, pp. 8-9.
  3. ^ Va in liquidazione la Polisportiva Sancataldese, in La Sicilia, 24 maggio 1957, p. 11.
  4. ^ Il comitato di reggenza dell'U.S. Sancataldese, in La Sicilia, 4 gennaio 1957, p. 10.
  5. ^ Brevi Prima Divisione, in La Sicilia, 20 maggio 1961, p. 17.
  6. ^ Il Terranova è stato riammesso in Prima Categoria, in La Sicilia, 23 settembre 1962, p. 18.
  7. ^ Deliberazioni della Lega Sicula, in La Sicilia, 3 agosto 1970, p. 8.
  8. ^ Pachino e Sancataldese ce l'hanno fatta, in La Sicilia, 14 maggio 1974, p. 9.
  9. ^ a b A. Coniglio, «Che emozione quel salto in D e i successi contro le big» dibattito sulla solidarietà e l’accoglienza Politica penitenziaria e carceri: quale futuro?, in La Sicilia - Edizione di Caltanissetta, 30 marzo 2009, p. 42.
  10. ^ E duecento tifosi:«Sancataldese grazie lo stesso», in La Sicilia - Edizione di Caltanissetta, 9 giugno 1992, p. 34.
  11. ^ Respinto reclamo del Caltanissetta, in La Sicilia, 5 novembre 2005, p. 39.
  12. ^ A. Coniglio, Per la Sancataldese un’altra retrocessione, in La Sicilia - Edizione di Caltanissetta, 4 maggio 2008, p. 48.
  13. ^ a b La Sancataldese fa sognare i tifosi, in La Sicilia, 21 luglio 2008, pp. 32,44.
  14. ^ Redazione, UFFICIALE - Sancataldese: il nuovo tecnico è Peppe Mascara, in GoalSicilia.it, 18 giugno 2018. URL consultato l'11-08-2019.
  15. ^ Redazione, Sancataldese, Mascara si dimette: "Sono il primo responsabile", in Catania46.net, 14 dicembre 2018. URL consultato l'11-08-2019.
  16. ^ G. Apicella, SancataldeseAntonio Alacqua è il nuovo allenatore della Sancataldese, in Pragma Magazine, 20 febbraio 2019. URL consultato l'11-08-2019.
  17. ^ Redazione, Sancataldese-Roccella termina 2-3: verdeamaranto in Eccellenza-Il tabellino, in GoalSicilia.it, 12 maggio 2019. URL consultato l'11-08-2019.
  18. ^ Redazione, Ufficiale: Sancataldese, il nuovo Presidente è La Cagnina!, in Tuttocampo.it, 22 giugno 2019. URL consultato l'08-08-2019.
  19. ^ a b Le informazioni relative agli allenatori e ai presidenti della Sancataldese Calcio sono state ricavate dagli articoli pubblicati sul quotidiano La Sicilia dal 1949
  20. ^ Per la Sancataldese è nato il club di tifosi organizzati, in La Sicilia, 8 settembre 1991, p. 49.
  21. ^ STORIA DEL TIFO A SAN CATALDO, su digilander.libero.it. URL consultato l'11-08-2019.
  22. ^ Amicizie e Rivalita', su digilander.libero.it. URL consultato l'11-08-2019.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio