Batman: Arkham è una serie di videogiochi action-adventure basata sul supereroe della DC Comics Batman; i giochi sono sviluppati da Rocksteady Studios e pubblicati da Warner Bros. Interactive Entertainment.

Al 2017 la serie conta tre capitoli principali (Batman: Arkham Asylum, Batman: Arkham City e Batman: Arkham Knight)[1][2] ed uno spin-off (Batman: Arkham Origins).

I primi due giochi della Rocksteady sono stati scritti dallo scrittore veterano di Batman Paul Dini. Kevin Conroy e Mark Hamill riprendono i loro ruoli rispettivamente di Batman e Joker, dal DC Animated Universe (DCAU). Altri attori della serie che ritornano in cabina di doppiaggio sono Arleen Sorkin come Harley Quinn (in Batman: Arkham Asylum), CCH Pounder è nuovamente Amanda Waller mentre Robert Costanzo è il detective Harvey Bullock (entrambi in Arkham Origins).

Nel primo gioco, Batman: Arkham Asylum, Batman deve impedire che Joker distrugga Gotham City dopo che ha preso il controllo dell'Arkham Asylum. Il cavaliere oscuro sarà costretto a combattere contro numerosi criminali che lui stesso ha incarcerato. Nel sequel Arkham City, ambientato un anno dopo, il professor Hugo Strange sposta Arkham in un quartiere di Gotham City; Batman è in carcere e deve scoprire il segreto che c'è dietro il "Protocollo 10", mentre deve fare i conti con una malattia mortale inflitta dal Joker. Il terzo della trilogia, è la conclusione della serie della Rocksteady. Un anno dopo gli eventi di Arkham City, Batman dovrà vedersela con lo Spaventapasseri e il misterioso Cavaliere di Arkham (e la sua milizia), che hanno preso il controllo di Gotham e pianificano la distruzione di Batman, sia fisicamente che mentalmente, e della città. Batman: Arkham Origins, funge da prequel della trilogia della Rocksteady ed è ambientato cinque anni prima di Arkham Asylum. Un giovane e più vendicativo Batman deve fare i conti con otto assassini mandati ad ucciderlo dal signore del crimine Maschera Nera alla vigilia di Natale. Sulla sua strada, l'Uomo Pipistrello incontrerà per la prima volta Joker, il suo più grande nemico.

Il franchise ha visto anche il rilascio di vari giochi per cellulari e anche di realtà virtuale, come Batman: Arkham VR, sviluppato ancora una volta sviluppato da Rocksteady.

Indice

Trilogia PrincipaleModifica

Batman: Arkham AsylumModifica

 
Logo di Batman: Arkham Asylum

TramaModifica

È il primo gioco della serie, ed è stato ideato dal noto scrittore di Batman Paul Dini.[1] Dopo che Batman trasferisce il suo acerrimo nemico Joker all'Arkham Asylum, il criminale riesce in breve tempo a prendere il controllo del manicomio e minaccia di scatenare il "Titan" (una sostanza chimica sperimentale basata sul "Venom") su tutta Gotham City. Batman è costretto a combattere tutti i detenuti del manicomio che incontra e porre fine ai piani del Joker.

Batman: Arkham CityModifica

 
Logo di Batman: Arkham City
  • Pubblicato nel 2011 (PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows e OnLive), nel 2012 (Wii U e Mac OS X) e pubblicazione prevista per il 2016 (PlayStation 4 e Xbox One).
  • Sviluppato da Rocksteady Studios (edizione normale) e Warner Bros. Games Montréal (Armored Edition).
  • Piattaforme: PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Wii U, Mac OS X, OnLive, PlayStation 4 e Xbox One.

TramaModifica

Un anno dopo gli eventi di Arkham Asylum, il sequel presenta un cast di personaggi più grandi e una storia ancora scritta ancora una volta da Paul Dini, insieme a Paul Crocker e Sefton Hill. Batman è incarcerato ad "Arkham City", un enorme nuovo super-carcere che è situato in un quartiere di Gotham City. Il cavaliere oscuro deve scoprire il segreto che c'è dietro il "Protocollo 10", e fermare il direttore del nuovo penitenziario Hugo Strange. Nel frattempo, il Joker è moribondo a causa delle proprietà instabili della formula "Titan" nel sangue, ma riesce ad infettare Batman che è costretto a cercare una cura per se stesso e la sua nemesi.

Batman: Arkham KnightModifica

 
Logo di Batman: Arkham Knight

TramaModifica

La trilogia della Rocksteady si conclude con Batman: Arkham Knight, ambientato un anno dopo gli eventi di Arkham City.[3] Lo Spaventapasseri è tornato, ed ha stretto un'alleanza con gli altri supercriminali (tra cui Pinguino, Due Facce, Harley Quinn) e con il misterioso Cavaliere di Arkham per eliminare definitivamente Batman.[4][5] Il cavaliere oscuro, assieme ai suoi alleati, dovrà mettere fine a tutto ciò oltre che affrontare i demoni nella sua mente, primo fra tutti il Joker.

PrequelModifica

Batman: Arkham OriginsModifica

  • Pubblicato nel 2013 (PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Wii U e iOS), e nel 2014 (Android).
  • Sviluppato da Warner Bros. Games Montréal, Splash Damage (rispettivamente modalità single player e modalità multiplayer online della versione per consoles fisse) e NetherRealm Studios (versione per dispositivi mobili).[6]
  • Piattaforme: PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Wii U, iOS e Android.

TramaModifica

Due anni dopo Arkham City esce Arkham Origins, primo prequel della saga ambientato cinque anni prima gli eventi di Arkham Asylum. Il gioco è sviluppato da WB Games Montréal e realizzato dagli scrittori di Assassin's Creed e Prince of Persia Corey May e Dooma Wendschuh. Maschera Nera ha messo una taglia da 50 milioni di dollari sulla testa di Batman, offrendola a 8 assassini. Il cavaliere oscuro dovrà quindi affrontare i mercenari del signore della malavita, tra cui Bane mentre Joker fa il suo debutto a Gotham.

Espansioni StoriaModifica

Batman: Arkham City - La vendetta di Harley QuinnModifica

  • Pubblicato nel 2012.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham City.
  • Piattaforme: PlayStation 3, Xbox 360 e Microsoft Windows.

TramaModifica

Arkham City è ormai chiusa, ma Harley Quinn sta preparando la sua vendetta nei confronti dell'uomo ritenuto da lei il diretto responsabile della morte del suo amato Joker: Batman. Il Cavaliere Oscuro dovrà affrontare questa minaccia e liberare i poliziotti che la pazza ha preso in ostaggio.

Batman: Arkham Origins - Freddo, gelido cuoreModifica

  • Pubblicato nel 2014.
  • Sviluppato da Warner Bros. Games Montréal.
  • Espansione di Batman: Arkham Origins.
  • Piattaforme: PlayStation 3, Xbox 360 e Microsoft Windows.

TramaModifica

È passata una settimana esatta dai fatti della notte di Natale, ma i guai per il Cavaliere Oscuro non sono ancora finiti. Infatti un nuovo pericoloso individuo che porta il nome di Mr. Freeze ha rapito il filantropo Ferris Boyle per farsi rivelare un misterioso codice. Batman dovrà salvare Boyle.

Batman: Arkham Knight - Pacchetto storia di Harley QuinnModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows.

TramaModifica

Il pacchetto storia è ambientato poco tempo prima degli eventi di Batman: Arkham Knight e mostra Harley Quinn infiltrarsi nel dipartimento di polizia di Blüdhaven per liberare la sua amica Poison Ivy e portarla alla riunione organizzata dallo Spaventapasseri.

Batman: Arkham Knight - Pacchetto storia di Cappuccio RossoModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows.

TramaModifica

Il pacchetto storia è ambientato dopo gli eventi di Batman: Arkham Knight e vede Jason Todd, il quale, dopo aver perdonato Bruce/Batman, ha abbandonato l'identità del Cavaliere di Arkham per tornare a combattere il crimine nei panni del vigilante Cappuccio Rosso. Con la sua nuova identità decide subito di dare la caccia a Maschera Nera.

Batman: Arkham Knight - Batgirl: Una questione di famigliaModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Warner Bros. Games Montréal.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4 e Xbox One.

TramaModifica

Questa espansione sviluppata da Warner Bros. Games Montréal è ambientata diversi anni prima degli eventi di Batman: Arkham Asylum e vede Barbara Gordon, nei panni di Batgirl, affiancata da Robin (Tim Drake) gettarsi al salvataggio di suo padre Jim Gordon e della sua squadra i quali sono stati rapiti dal Joker e Harley Quinn e tenuti in ostaggio al Luna Park di Gotham City.

Batman: Arkham Knight - Gotham City StoriesModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4 e Xbox One.

TramaModifica

In questa raccolta di pacchetti storia ambientati dopo gli eventi di Batman: Arkham Knight il videogiocatore indosserà i panni di Nightwing, Robin e Catwoman. Gli episodi sono:

Batman: Arkham Knight - Commissariato sotto chiaveModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4 e Xbox One.
TramaModifica

Il Pinguino sta tentando di fuggire dal dipartimento di polizia di Gotham City. Nightwing dovrà fermarlo.

Batman: Arkham Knight - La vendetta di CatwomanModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espansione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4 e Xbox One.
TramaModifica

Catwoman è intenzionata a vendicarsi dell'Enigmista per averla tenuta in ostaggio..

Batman: Arkham Knight - Testa o croceModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Rocksteady Studios.
  • Espannsione di Batman: Arkham Knight.
  • Piattaforme: PlayStation 4 e Xbox One.
TramaModifica

Due Facce è evaso e sta organizzando un nuovo piano criminale in vista della presunta morte di Batman. Robin, interrotta la luna di miele con Barbara, dovrà fermarlo.

Spin-off dei videogiochi principaliModifica

Batman: Arkham City LockdownModifica

  • Pubblicato nel 2011.
  • Sviluppato da NetherRealm Studios.
  • spin-off di Batman: Arkham City.
  • Piattaforme: iOS e Android.

TramaModifica

Il videogioco è un prequel alternativo di Batman: Arkham City e vede Batman salvare Gotham City dai supercriminali che si sono riversati sulle strade.

Batman: Arkham Origins BlackgateModifica

  • Pubblicato nel 2013 (edizione normale) e nel 2014 (Deluxe Edition).
  • Sviluppato da Armature Studio.
  • Spin-off di Batman: Arkham Origins.
  • Piattaforme: PlayStation Vita, Nintendo 3DS, PlayStation 3, Wii U, Microsoft Windows e Xbox 360.

TramaModifica

Il videogioco è ambientato tre mesi dopo gli eventi di Batman: Arkham Origins e vede Batman riportare l'ordine nel Penitenziario di Blackgate dopo che il Joker, il Pinguino e Maschera Nera ne hanno preso il controllo.

Batman: Arkham UnderworldModifica

  • Pubblicato nel 2015.
  • Sviluppato da Turbine.
  • Spin-off di Batman: Arkham Asylum.
  • Piattaforme: Android, iOS e Windows Phone.

TramaModifica

In questo videogioco, ambientato prima degli eventi di Batman: Arkham Asylum, il videogiocatore potrà utilizzare diversi supercriminali tra cui l'Enigmista, Harley Quinn e Killer Croc per costruire il proprio rifugio e reclutare scagnozzi al fine di conquistare Gotham City.

Batman: Arkham VRModifica

  • Pubblicato nel 2016
  • Sviluppato da Rocksteady Studios
  • Spin-off di Batman: Arkham Knight
  • Piattaforme: PlayStation VR

TramaModifica

In questo videogioco il videogiocatore vivrà la sua prima esperienza in realtà virtuale di Batman.[7] La trama è ambientata dopo gli eventi di Batman: Arkham City e si svolge all'interno di un incubo di Bruce/Batman in cui quest'ultimo indaga sul non reale omicidio di Dick/Nightwing.

ProduzioneModifica

SviluppoModifica

 
Lo scrittore Paul Dini, già noto per essere lo sceneggiatore di Batman, si occupa dei primi due capitoli della serie

Il primo gioco della serie, Batman: Arkham Asylum è stato ideato dal noto scrittore di Batman Paul Dini, già sceneggiatore della storica serie animata Batman.[1]

Arkham Asylum è ambientato nel manicomio omonimo, un luogo fittizio che ospita pazzi superciminali, situato su Arkham Island al largo della costa di Gotham City.[8][9]

Annunciato attraverso la rivista Game informer nell'agosto 2008[10], dopo due mesi hanno iniziato a circolare online alcuni screenshot, seguiti poi dal primo teaser trailer ufficiale, ad inizio dicembre[11].

DoppiaggioModifica

Per l'edizione statunitense sono stati confermati Kevin Conroy[12][13][14] e Mark Hamill[12][15] come doppiatori, rispettivamente, di Batman e Joker mentre per la versione italiana sono stati chiamati al microfono praticamente tutti i doppiatori "ufficiali" della serie animata, quindi dietro la maschera di Batman c'è Marco Balzarotti mentre il suo avversario Joker è Riccardo Peroni insieme a Marcella Silvestri che ha ripreso i panni di Harley Quinn.

Il 7 agosto 2009 è stata pubblicata in contemporanea mondiale sullo store online PlayStation Network la demo ufficiale.

Personaggi e interpretiModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Batman: Arkham.

I personaggi, con i relativi doppiatori, fanno la loro comparsa dove indicato:

Batman: Arkham Asylum
(2009)
Batman: Arkham City
(2011)
Batman: Arkham City Lockdown
(2011)
Batman: Arkham Origins
(2013)
Batman: Arkham Origins Blackgate
(2013)
Batman: Arkham Knight
(2015)
Batman: Arkham Underworld
(2016)
Batman: Arkham VR
(2016)
Bruce Wayne
Batman
Kevin Conroy Roger Craig Smith Kevin Conroy
Joker Mark Hamill Troy Baker Mark Hamill Mark Hamill
James Gordon Tom Kane David Kaye Michael Gough Jonathan Banks
Bane Fred Tatasciore J.B. Blanc (presente senza parlare) J.B. Blanc
Barbara Gordon
Oracle/Batgirl
Kimberly Brooks TBA Ashley Greene
Dr. Harleen Quinzel
Harley Quinn
Arleen Sorkin Tara Strong Tara Strong
Edward Nashton/Nigma
Enigmista/Enigma
Wally Wingert Wally Wingert Wally Wingert
Waylon Jones
Killer Croc
Steven Blum Khary Payton TBA Khary Payton Steven Blum
Pamela Isley
Poison Ivy
Tasia Valenza Amy Carle Tasia Valenza
Victor Zsasz Danny Jacobs
Quincy Sharp Tom Kane Tom Kane
Aaron Cash Duane R. Shepard, Sr. TBA
Martha Wayne Tasia Valenza TBA (presente senza parlare) Andrea Deck
Jack Ryder James Horan TBA TBA
Jonathan Crane
Spaventapasseri
Dino Andrade John Noble Dino Andrade
Thomas Wayne Kevin Conroy (presente senza parlare) TBA (presente senza parlare) Kevin Conroy
Amadeus Arkham Tom Kane
Frank Boles Danny Jacobs
Penelope Young Cree Summer
Alfred Pennyworth Martin Jarvis Martin Jarvis TBA Hugh Fraser
Oswald Cobblepot
Pinguino
Nolan North Nolan North Ian Redford
Floyd Lawton
Deadshot
Chris Cox TBA
Jervis Tetch
Cappellaio Matto
Peter MacNicol Peter MacNicol TBA
Roman Sionis
Maschera Nera
Nolan North Brian Bloom TBA
Selina Kyle
Catwoman
Grey DeLisle Grey DeLisle TBA
Hugo Strange Corey Burton
Ra's al Ghul Dee Bradley Baker TBA
Talia al Ghul Stana Katic
Victor Fries
Mr. Freeze
Maurice LaMarche Maurice LaMarche TBA Maurice LaMarche
Nora Fries (presente senza parlare) (presente senza parlare) TBA
Harvey Dent
Due Facce
Troy Baker Troy Baker TBA
Basil Karlo
Clayface
Rick D. Wasserman
Tim Drake
Robin
Troy Baker Matthew Mercer Tom Austen
Solomon Grundy Fred Tatasciore TBA
Thomas Elliot
Hush
Kevin Conroy TBA
Julian Day
Uomo Calendario
Maurice LaMarche (presente senza parlare)
Azrael Khary Payton Khary Payton
Vicki Vale Grey DeLisle TBA TBA Jules de Jongh
Dick Grayson
Nightwing/Robin
(presente senza parlare) Josh Keaton Scott Porter (presente senza parlare)
Slade Wilson
Deathstroke
Larry Grimm Mark Rolston TBA
Copperhead Rosa Salazar
Anarky Matthew Mercer
Garfield Lynns
Firefly
Crispin Freeman TBA
Lester Buchinsky
Electrocutioner
Steven Blum
Shiva Kelly Hu
Amanda Waller CCH Pounder
Warden Martin Joseph Khary Payton
Harvey Bullock Robert Costanzo
Jason Todd
Cavaliere di Arkham/Cappuccio Rosso
Troy Baker Troy Baker
Kirk Langstrom
Man-Bat
Loren Lester
Carmine Falcone Jon Polito
Joe Chill Glenn Wrage

AccoglienzaModifica

CriticaModifica

La serie ha ricevuto ampi consensi di critica. Arkham Asylum ha conquistato il Guinness World Record per il gioco dei supereroi più acclamato dalla critica sulla base del punteggio di 91.67 di Metacritic,[16] record superato dal sequel Arkham City nel 2011 (con il punteggio di 96.12%).[17]

Arkham City è stato il gioco della serie che ha ricevuto maggiori elogi, ha vinto numerosi premi, ed è considerato il più grande videogioco basato su un fumetto di tutti i tempi.[18][19][20][21][22][23][24]

Altri mediaModifica

FumettiModifica

Batman: Arkham Asylum - The Road to ArkhamModifica

Dal videogioco Arkham Asylum è stato realizzato un adattamento a fumetti di sedici pagine, intitolato Batman: Arkham Asylum - The Road to Arkham, incluso nelle edizioni limitate di Batman: Arkham Asylum. Si tratta di un prequel del gioco ed è scritto da Alan Burnett e disegnato da Carlos D'Anda.[25]

Batman: Arkham CityModifica

A partire da maggio 2011, la DC Comics ha pubblicato una miniserie di cinque numeri miniserie dal titolo Batman: Arkham City. La miniserie ha lo scopo di colmare il periodo che passa tra i videogiochi Arkham Asylum e Arkham City. La serie è scritta da Paul Dini, autore dei primi due giochi della serie Batman: Arkham, ed è disegnata da Carlos D'anda. La miniserie parte un anno dopo Arkham Asylum, dove l'ex direttore del manicomio criminale Quincy Sharp, ora sindaco di Gotham City, ha deciso di chiudere Arkham Asylum. Decide di creare "Arkham City", come nuova "casa" per tutti i teppisti, gangster e menti criminali folli di Gotham City, situata nel cuore di Gotham City. I detenuti sono sotto l'occhio vigile del dottor Hugo Strange, e possono vagare liberi e fare quello che vogliono, purché essi non cerchino di fuggire.[26]

In aggiunta, è stato rilasciato un fumetto digitale di otto pagine digitali, che ha lo scopo di espandere la storia inclusa nella miniserie. Anche in questo caso lo scrittore è Paul Dini, in compagnia di Derek Fridolfs. Quest'intermezzo si concentra sui nemici di Batman che competono per conquistare il potere all'interno di Arkham City. Questi intermezzi sono stati poi inclusi inseriti nell'edizione da collezione di Batman: Arkham City.[26]

Batman: Arkham Unhinged è un serie a fumetti digitale che è stata pubblicata nell'ottobre 2011 insieme al videogioco Arkham City. Lo scrittore della serie è Derek Fridolfs, che è disegnata da artisti vari. Le storie sono slegate dalla trama del gioco, oppure sono flashback di eventi che precedono il gioco. Arkham Unhinged vede principalmente Batman come protagonista, ma alcune storie vedono gli antagonisti come personaggi principali. Le storie sono state rilasciate in formato cartaceo.[27]

Inoltre, Batman: Arkham City - End Game, che è stato rilasciato nel maggio 2012 prima come fumetto digitale e poi cartaceo, è ambientato dopo gli eventi di Arkham City e prima della sua espansione La vendetta di Harley Quinn. La storia è scritta da Derek Fridolfs con disegni di Jason Shawn Alexander.[28]

Batman: Arkham OriginsModifica

In corrispondenza con l'uscita del gioco Batman: Arkham Origins, è stato rilasciato il primo fumetto digitale basato sul videogioco prequel di Arkham Asylum. È il primo titolo che si caratterizza per la tecnologia DC2 Multiverse, che vanta artwork dinamici e la capacità di integrare una colonna sonora, e permettendo al lettore di determinare il destino di ogni storia e personaggio, con molteplici opzioni in ogni capitolo del fumetto.[29] Caratterizzato da otto capitoli, il fumetto Arkham Origins è un prequel della storia del videogioco, ed è stato creato da studio digitale Madefire.[30]

Batman: Arkham KnightModifica

Nel febbraio 2015 è stato rilasciato il fumetto digitale Batman: Arkham Knight, prequel del videogioco omonimo.[31] Scritto da Peter J. Tomasi, disegnato da Viktor Bogdanovic e Art Thibert, con la cover di Dan Panosian, il fumetto inizia dopo gli eventi di Arkham City. Nel marzo 2015 sono stati rilasciati una serie di numeri da collezione insieme al fumetto.[32]

Batman: Arkham Knight - Batgirl Begins è un fumetto one shot promozionale che è stato distribuito gratuitamente al San Diego Comic-Con International. Scritto da Tim Seeley e disegnato da Matthew Clark e Wade Von Grawbadger, il fumetto racconta la storia della prima avventura di Barbara Gordon come Batgirl.[33]

Batman: Arkham Knight - Genesis è una serie di sei numeri scritta da Peter Tomasi e disegnata da Alisson Borges, che esplora l'origine del Cavaliere di Arkham.[34]

FilmModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Batman: Assault on Arkham.

Nel 2014 è uscito un film d'animazione ispirato alla saga intitolato Batman: Assault on Arkham diretto da Jay Oliva ed Ethan Spaulding. Il film è ambientato diversi anni dopo gli eventi di Batman: Arkham Origins e due anni prima di Batman: Arkham Asylum.[35] Come doppiatori, Kevin Conroy torna a dare la voce a Batman mentre Troy Baker sostituisce Mark Hamill come Joker. È stato rilasciato il 12 agosto 2014.[36] Racconta dell'invasione della Squadra Suicida all'Arkham Asylum per catturare l'Enigmista sotto ordine di Amanda Waller finendo però per affrontare sia Batman che Joker.

RomanziModifica

Batman: Arkham Knight - The Riddler's GambitModifica

È un romanzo di 320 pagine scritto da Alexander C. Irvine e fa da prequel a Batman: Arkham Knight.[37]

Batman: Arkham Knight - The Official NovelizationModifica

È il romanzo ufficiale dell'ultimo capitolo della trilogia della Rocksteady, scritto da Marv Wolfman. È stato rilasciato nel luglio 2015.[38]

MerchandisingModifica

A partire dal gennaio 2011, DC Direct ha pubblicato due serie di statue basati sui personaggi di Arkham Asylum.[39][40] Nel dicembre 2011 invece, DC Direct e DC Collectibles, hanno rilasciato quattro serie di statue basati sui personaggi di Arkham City.[41][42][43][44] Il 5 giugno 2012, TriForce ha annunciato di aver acquisito la licenza per creare repliche di varie armi, gadget e oggetti iconici di Arkham Asylum e Arkham City.[45] Per il prequel Arkham Origins, DC Collectibles ha annunciato il rilascio sul mercato di statue nell'ottobre 2013,[46] così come la Mattel.[47] Un gioco da tavolo, dal titolo Batman: Arkham City Escape, è stato messo in vendita da Cryptozoic nel maggio 2013.[48]

Riferimenti in altre opereModifica

Nel gioco Injustice: Gods Among Us è presente la Arkham City Skin Pack, che contiene i costumi scaricabili per Batman, Catwoman e il Joker, così come appaiono nel gioco Arkham City.[49] Un altro costume di Arkham City è disponibile anche per Harley Quinn; tuttavia, a differenza delle altre costumi di Arkham City, deve essere sbloccato attraverso l'applicazione per iOS.[50] Inoltre, l'arena Arkham Asylum vanta la presenza di Hugo Strange, lo Spaventapasseri, Killer Croc, Due Facce, l'Enigmista e il Pinguino, nelle vesti dei primi due capitoli della saga Batman: Arkham. La versione iOS del gioco presenta i costumi di Arkham Origins per Batman, Deathstroke, Joker e Bane, così come i costumi di Arkham Knight per Batman, Catwoman, Harley Quinn e il personaggio Cavaliere di Arkham.

NoteModifica

  1. ^ a b c Eric Brudvig, Batman: Arkham Asylum Announced, IGN, 13 agosto 2008. URL consultato il 29 giugno 2013.
  2. ^ Jim Reilly, Arkham Asylum Sequel Announced, IGN, 12 dicembre 2009. URL consultato il 29 giugno 2013.
  3. ^ Batman: Arkham Knight is next gen game from Rocksteady – trailer now live, in Metro, Associated Newspapers, 4 marzo 2014. URL consultato il 4 marzo 2014 (archiviato il 31 gennaio 2013).
  4. ^ Colin Moriarty, The New Batman Game is Batman: Arkham Knight, IGN, 4 marzo 2014. URL consultato il 4 marzo 2014 (archiviato il 4 marzo 2014).
  5. ^ Ben Parfitt, UPDATE: Retailer outs Batman Arkham Knight, su Market for Home Computing and Video Games, Intent Media, 4 marzo 2014. URL consultato il 4 marzo 2014 (archiviato il 4 marzo 2014).
  6. ^ Wesley Yin-Poole, Batman: Arkham Origins multiplayer skips Wii U, su Eurogamer, Eurogamer Network, 31 luglio 2013. URL consultato il 31 luglio 2013 (archiviato il 31 luglio 2013).
  7. ^ Chris Pereira, Batman Arkham VR Announced for PS4, Game Spot, 13 giugno 2016. URL consultato il 14 giugno 2016 (archiviato il 15 giugno 2016).
  8. ^ Seth Schiesel, On a Grim Island, a Caped Crusader for a Teenager’s Inner Adult, su The New York Times, The New York Times Company, 4 settembre 2009. URL consultato il 2 aprile 2013 (archiviato il 2 aprile 2013).
  9. ^ Kevin Kelly, Interview: Paul Crocker of Rocksteady on Batman: Arkham Asylum, su Joystiq, AOL, 29 maggio 2009. URL consultato il 5 aprile 2013 (archiviato il 5 aprile 2013).
  10. ^ http://gameinformer.com/News/Story//N08.0812.1226.23309.htm
  11. ^ http://next.videogame.it/batman-arkham-asylum/67235/
  12. ^ a b John Scott Lewinski, Kevin Conroy Brings Batman Street Cred to Arkham Asylum, su Wired, Condé Nast Publications, 27 agosto 2009. URL consultato il 1º aprile 2013 (archiviato il 1º aprile 2013).
  13. ^ Andy Kelly, Read PSM3's Batman: Arkham Asylum review here, su PSM3, Computer and Video Games, 21 agosto 2009. URL consultato il 23 marzo 2013 (archiviato il 23 marzo 2013).
  14. ^ Chris Kohler, Review: Creepy Batman: Arkham Asylum Redefines Comic-Book Game, su Wired, Condé Nast Publications, 1º settembre 2009. URL consultato il 2 aprile 2013 (archiviato il 2 aprile 2013).
  15. ^ Greg Miller, The Villains of Batman: Arkham Asylum, su IGN, J2 Global, 10 luglio 2009. URL consultato il 26 marzo 2013 (archiviato il 31 marzo 2013).
  16. ^ Batman: Arkham Asylum Awarded a Guinness World Record, CBR. URL consultato il 24 maggio 2015.
  17. ^ Most Critically Acclaimed Superhero Videogame, Guinness World Records. URL consultato il 24 maggio 2015.
  18. ^ G4TV’s Top 100 Games, su g4tv.com.
  19. ^ Top 100 Games of a Generation - IGN, su IGN.
  20. ^ The 100 Greatest Video Games Of All Time - Empire - www.empireonline.com, su empireonline.com.
  21. ^ Best Video Games of All Time, su Metacritic.
  22. ^ Reviews and News Articles - GameRankings, su gamerankings.com.
  23. ^ Top 100 greatest video games ever made, su gamingbolt.com.
  24. ^ GameFAQs Top 100 - DDJ Games, su ddjgames.com.
  25. ^ Batman: Arkham Asylum - The Road to Arkham #1 - The Road to Arkham (Issue), Comic Vine. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  26. ^ a b DCE Editorial, Batman: Arkham City comic book miniseries announced!, dccomics.com, 9 febbraio 2011. URL consultato il 30 maggio 2013.
  27. ^ Tim Beedle, Digital First Spotlight: Batman: Arkham Unhinged, dccomics.com, 14 agosto 2012. URL consultato il 30 maggio 2013.
  28. ^ BATMAN: ARKHAM CITY — END GAME #1, DC Comics. URL consultato il 30 maggio 2013.
  29. ^ Official Press - DC Entertainment, DC Entertainment Brings Digital Comics To The Net Level With New DC2 and DC2 Multiverse Innovations, dccomics.com, 4 giugno 2013. URL consultato il 4 giugno 2013.
  30. ^ Press Release, Batman Arrives on the App Store in Epic New Interactive Graphic Novel 'Batman: Arkham Origins - A DC2 MultiVerse Graphic Novel', DC Comics, 19 dicembre 2013. URL consultato il 19 dicembre 2013.
  31. ^ Joshua Rivera, DC announces 'Arkham Knight' prequel comic -- exclusive, su Entertainment Weekly, 12 dicembre 2014. URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato il 13 dicembre 2014).
  32. ^ DC Comics Full March 2015 Solicitations, Newsarama, 15 dicembre 2014. URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato il 19 dicembre 2014).
  33. ^ Batman: Arkham Knight: Batgirl Begins (2015) - #1, Comic Book DB. URL consultato il 31 luglio 2015.
  34. ^ Joshua Yehl, Batman's Arkham Knight Will Have Origin Revealed in DC Comic, IGN, 14 aprile 2015. URL consultato il 7 luglio 2015.
  35. ^ Get a Sneak Peek at Batman: Assault on Arkham in a New Featurette, su ComingSoon.net.
  36. ^ Jeff Sneider, Comic-Con: Warner Bros. Bringing Peter Jackson's ‘Hobbit’ Finale, ‘Mad Max’, The Wrap, 8 luglio 2014. URL consultato il 18 giugno 2014 (archiviato il 18 luglio 2014).
  37. ^ Matthew Jarvis, Margin Makers: Guide to Batman merchandise, in Market for Home Computing and Video Games, 18 giugno 2015. URL consultato il 7 luglio 2015.
  38. ^ Jesse Schedeen, Marv Wolfman to Write Batman: Arkham Knight Novelization, IGN, 2 febbraio 2015. URL consultato il 30 luglio 2015.
  39. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham Asylum Series 1 Figures, Toy News International, 17 maggio 2010. URL consultato il 26 luglio 2013.
  40. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham Asylum Series 2 Figures, Toy News International, 14 giugno 2010. URL consultato il 26 luglio 2013.
  41. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham City: Series 1 Action Figures, Toy News International, 19 settembre 2011. URL consultato il 26 luglio 2013.
  42. ^ Jay Cochran, Batman Arkham City Series 2 Figures From DC Direct, Toy News International, 13 dicembre 2011. URL consultato il 26 luglio 2013.
  43. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham City Series 3 Figures, Toy News International, 14 maggio 2012. URL consultato il 26 luglio 2013.
  44. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham City: Series 4 Figures, Toy News International, 12 novembre 2012. URL consultato il 26 luglio 2013.
  45. ^ Jay Cochran, Batman: Arkham City and Arkham Asylum Prop Replicas, Toy News International, 5 giugno 2012. URL consultato il 26 luglio 2013.
  46. ^ Caleb Goeliner, DC Collectibles Debuts More 'Batman: Arkham Origins' Action Figures [SDCC 2013], ComicsAlliance, 18 luglio 2013. URL consultato il 26 luglio 2013.
  47. ^ Caleb Goeliner, Mattel Reveals 'Batman: Arkham Origins' Batman and Deathstroke Action Figures, ComicsAlliance, 19 giugno 2013. URL consultato il 26 luglio 2013.
  48. ^ Batman: Arkham City Escape, Cryptozoic Entertainment, 15 maggio 2013. URL consultato il 19 maggio 2015.
  49. ^ Spencer Perry, All Pre-Order Bonuses for Injustice: Gods Among Us Revealed, SuperHeroHype, 27 febbraio 2013. URL consultato il 16 aprile 2013.
  50. ^ Glida Galang, Injustice: Gods Among Us iOS Unlockables for Console, Tips & Tricks to Play, au.ibtimes.com, 10 maggio 2013. URL consultato il 9 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2013).

Collegamenti esterniModifica