Bugs Bunny: Lost in Time

videogioco del 1999
Bugs Bunny: Lost in Time
videogioco
Screenshot Bugs Bunny Lost in Time.png
Schermata iniziale
PiattaformaPlayStation, Microsoft Windows
Data di pubblicazionePlayStation:
Flags of Canada and the United States.svg 31 maggio 1999
Zona PAL 29 giugno 1999

Windows:
Flags of Canada and the United States.svg 30 settembre 1999
Zona PAL 1999

GenerePiattaforme, azione
TemaLooney Tunes
OrigineCanada
SviluppoBehaviour Interactive
PubblicazioneInfogrames
DirezioneRob Sebastian
ProduzioneDenis Lacasse, Christophe Gomez, Brett Skogen
DesignClaude Pelletier, Mario Lord
ProgrammazioneMartin Ross, Stéphane Leblanc
Direzione artisticaClaude Pelletier, Nicholas Pothier
MusicheGilles Léveillé
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputDualShock, tastiera
SupportoCD-ROM
Requisiti di sistemaWindows 95/98/NT, CPU PC 166 MHz, RAM 16 MB
Fascia di etàELSPA: 3+ · ESRBE · USK: 6
Seguito daBugs Bunny e Taz in viaggio nel tempo

Bugs Bunny: Lost in Time (in italiano chiamato Bugs Bunny: Perso nel tempo nella schermata iniziale), è un videogioco a piattaforme sviluppato da Behaviour Interactive e pubblicato da Infogrames, disponibile per PlayStation e per PC.

Il giocatore, vestendo i panni di Bugs Bunny, incontra i più famosi personaggi e scenari del mondo Looney Tunes. La trama è basata su Bugs Bunny che, smarritosi nel tempo, chiede aiuto a Merlino Munroe per tornare al presente.

Il suo successo ottenuto portò alla realizzazione di un sequel, Bugs Bunny e Taz in viaggio nel tempo, uscito per le stesse piattaforme l'anno successivo.

TramaModifica

Bugs Bunny è il solito coniglio furbo e curiosone in cerca di divertimento che, volendo andare in vacanza a Pismo Beach, scava una galleria sotterranea. Egli sbaglia però scorciatoia e giunge invece nel cosiddetto "Epocatore", luogo non molto lontano da Albuquerque, dove vede uno straordinario macchinario e, avendola scambiata per un distributore di succo di carota, la mette in moto. Scopre quindi che è in realtà una macchina del tempo e finisce in una piccola dimensione temporale dalla quale, a causa di un errore di rotta, viene condotto a "Da nessuna parte". In questo posto, al di fuori del tempo, Bugs incontra Merlino Munroe, il quale gli spiega che si è perso nel tempo e che per tornare "Da qualche parte" deve viaggiare da un'epoca all'altra raccogliendo sveglie, che gli permetteranno di aprire progressivamente il varco verso il presente e di tornare a Pismo Beach.

Modalità di giocoModifica

Lo scopo di Bugs Bunny: Lost in Time è guidare appunto Bugs Bunny nelle cinque epoche storiche, alla ricerca di sveglie e di carote d'oro. Ognuno dei livelli visitati dal protagonista è pieno di ostacoli, pericoli, nemici, giochi di abilità ed enigmi da risolvere. Lui può interagire con alcuni oggetti dello scenario in svariati modi: può calciarli, spingerli, raccoglierli, posizionarli o lanciarli; in più, altri come le torce o i martelli hanno un periodo di tempo limitato nel quale possono essere utilizzati, dopodiché scompaiono e riappaiono nel loro punto di origine. Inoltre, sulle superfici o le piattaforme fragili può usare le sue orecchie come pale d'elicottero e le punta dei suoi piedi, rispettivamente per atterrare e camminare nel modo dolce possibile. In più, il personaggio può tuffarsi dentro una tana e muoversi liberamente sottoterra per oltrepassare un ostacolo, ed eseguire capriole per attaccare gli avversari o passare in stretti buchi.

La sua energia vitale è indicata mediante tre carote: quando viene ferito, ne perde mezza oppure una intera. Bugs muore se tutte quante spariscono, e ricomincerà dall'inizio del livello o dall'ultimo checkpoint (rappresentato dal cappello di Merlino) toccato. Essa può essere ripristinata raccogliendone altre. Infine, ogni carota in eccesso viene conservata e, quando se ne hanno novantanove, si otterrà una carota d'oro che compare una sola volta nella zona centrale di ogni epoca.

AbilitàModifica

Per completare alcuni livelli saranno necessarie alcune funzioni speciali e magiche, acquisibli solo nei tre principali del Medioevo, nei quali comparirà Merlino Munroe che le insegnerà un po' alla volta. Esse sono:

  • Super salto - Si attiva con la frase "holly holly ula hop" e si può usare sulle targhe con l'icona di una molla; permette di saltare molto in alto e raggiungere luoghi elevati;
  • Melodia - Si può usare le targhe con l'icona della nota musicale, e si può eseguire sia suonando un pianoforte (facendola esplodere) che fischiettando; permette di accedere ad aree inaccessibili.
  • Ventilatore - Si attiva con la parola "magicabula" e si può usare sull'icona dell'omonimo oggetto; attivandolo evocherà un gigantesco ventilatore vicino Bugs, che può sfruttarlo per rimanere sospeso per un tempo limitato.
  • Apertura - Si attiva pronunciando la frase "apriti sesamo" sopra l'icona della chiave; permette di aprire le porte chiuse e accedere ad aree segrete.

Per finire del tutto un livello, bisogna quindi non solo raccogliere tutti gli oggetti presenti (sveglie, carote d'oro, casse ACME), ma anche avere un'abilità che ancora non si conosce: questo comporterà la ripetizione di volta in volta dei tali che non era possibile completare in precedenza.

PersonaggiModifica

  • Bugs Bunny - Il protagonista del gioco. È un coniglio che supera in astuzia i suoi nemici nel tentativo di ritornare al presente.
  • Mago Merlino - Uno stregone che fornisce a Bugs informazioni utili su come ritornare al presente. Il suo nome originale, Merlin Munroe, è un gioco di parole su Marilyn Monroe.
  • Taddeo - Un uomo delle caverne che caccia conigli. È l'antagonista dell'Età della pietra.
  • Daffy Duck - Il rivale di Bugs che è preda di Taddeo nell'Età della pietra e che appare con il suo costume da Robin Duck nel Medioevo.
  • Strega Hazel - Una strega che vuole Bugs per il suo stufato di coniglio. Vive nella "foresta remota" e appare ne Il Medioevo.
  • Yosemite Sam - Appare come capitano di una nave di pirati e viene battuto da Bugs sull'isola del tesoro ne Il Tempo dei Pirati.
  • Rocky e Mugsy - Due gangster che rapinano banche negli anni trenta.
  • Marvin il Marziano - Un marziano che mette alla prova la sua ultima arma su Bugs Bunny. Appare ne La Dimensione X.

DoppiaggioModifica

Personaggio Doppiatore inglese Doppiatore italiano
Bugs Bunny Billy West Massimo Giuliani
Merlino Munroe Jess Harnell Valerio Ruggeri
Taddeo (Elmer Fudd) Billy West Marco Bresciani
Yosemite Sam Mel Blanc (registrazioni d'archivio) Vittorio Amandola
Rocky e Mugsy Joe Alaskey Rino Bolognesi (Rocky)
Giorgio Locuratolo (Mugsy)
Strega Hazel June Foray Graziella Polesinanti
Marvin il Marziano Joe Alaskey Neri Marcorè
Daffy Duck Marco Mete

AccoglienzaModifica

Sito media statistica Punteggio
GameRankings 68.33% (PS)[1]
53.75% (PC)[2]
Accoglienza
Recensione Giudizio
AllGame 3,5/5 (PS)[3]
1,5/5 (PC)[4]
EGM 4,5/10[5]
Game Informer 5,25/10 (PS)[6]
GameSpot 7,8/10 (PS)[7]
6,1/10 (PC)[8]
IGN 7,8/10 (PS)[9]
Official PlayStation Magazine 3,5/5 (PS)[10]
PC Gamer (US) 24% (PC)[11]

Bugs Bunny: Lost in Time ha ricevuto un'accoglienza assai contrastante, in quanto il sito web GameRankings lo ha votato con un 68.33% per la versione PlayStation,[1] e un 53.75% per quella PC.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Bugs Bunny: Lost in Time for PlayStation, su GameRankings, CBS Interactive, Inc.. URL consultato il 17 novembre 2014.
  2. ^ a b (EN) Bugs Bunny: Lost in Time for PC, su GameRankings, CBS Interactive, Inc.. URL consultato il 17 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Cal Nguyen, Bugs Bunny: Lost in Time (PS) - Review, su AllGame, All Media Network. URL consultato il 17 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2014).
  4. ^ (EN) Brad Cook, Bugs Bunny: Lost in Time (PC) - Review, su AllGame, All Media Network. URL consultato il 17 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2014).
  5. ^ (EN) Bugs Bunny: Lost in Time, in Electronic Gaming Monthly, Ziff Davis, 1999.
  6. ^ (EN) Andrew Reiner, Bugs Bunny: Lost in Time (PS), in Game Informer, n. 76, GameStop, agosto 1999, p. 65. URL consultato il 17 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2000).
  7. ^ (EN) Ben Stahl, Bugs Bunny: Lost in Time Review (PS), su GameSpot, CBS Interactive, Inc., 8 luglio 1999. URL consultato il 16 novembre 2014.
  8. ^ (EN) Ben Stahl, Bugs Bunny: Lost in Time Review (PC), su GameSpot, CBS Interactive, Inc., 18 novembre 1999. URL consultato il 17 novembre 2014.
  9. ^ (EN) Craig Harris, Bugs Bunny: Lost in Time (PS), su IGN, Ziff Davis, 1º luglio 1999. URL consultato il 17 novembre 2014.
  10. ^ (EN) Bugs Bunny: Lost in Time, in Official U.S. PlayStation Magazine, Ziff Davis, 1999.
  11. ^ (EN) Dave Woods, PC Review: Bugs Bunny: Lost In Time, in PC Zone, Future US, 1999. URL consultato il 17 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2007).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh00002093