Apri il menu principale
Circumvallazione esterna di Napoli
Strada Provinciale 1 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniCampania Campania
Dati
ClassificazioneStrada extraurbana principale
Strada urbana di scorrimento
Iniziopresso Lago Patria (Giugliano)
FineSS 162 racc presso Cercola
Lunghezza32,50 km
GestoreCittà metropolitana di Napoli

Tratte urbane in concessione, gestite dai comuni attraversati:

La Circumvallazione Esterna di Napoli (SP1)[1] è un asse viario [2] collocato a nord di Napoli, corre lungo la direttrice ovest-est e svolge un ruolo primario per la viabilità urbana ed extraurbana della città metropolitana di Napoli.

Pur venendo indicata sia nella segnaletica che nelle informazioni stradali con il toponimo di Circumvallazione Esterna di Napoli, l'arteria sin dopo l'immediato dopo guerra è conosciuta anche come strada degli americani ed è comunemente chiamata doppio senso, questa denominazione la si deve al fatto che l'arteria stradale è stata per Napoli e il suo circondario, il primo collegamento viario a due corsie per senso di marcia, prima ancora della costruzione della Tangenziale di Napoli.

Indice

StoriaModifica

 
Rampa d'accesso della Circumvallazione Esterna in corrispondenza dello svincolo di Casoria

In principio venne chiamata strada degli americani, in quanto furono infatti gli americani di stanza a Napoli come esercito occupante verso la fine del secondo conflitto mondiale, a costruire il primo tratto dell'arteria tra Qualiano e Lago Patria in corrispondenza di un vecchio sentiero, la strada venne concepita come opera militare, un modo più agevole per raggiungere le basi militari collocate nei pressi di Lago Patria e Licola[3].

Nel 1955 l'amministrazione provinciale di Napoli varò un progetto di più ampio respiro, la costruzione di una strada a scorrimento veloce con due corsie per senso di marcia, un rapido collegamento alla rete autostradale italiana per il capoluogo e il suo hinterland, che, negli anni della ricostruzione post bellica e del boom economico, stava conoscendo una forte crescita sia edilizia che industriale, i lavori ebbero inizio nel 1956 e terminarono nel 1970. Il progetto prevedeva inizialmente un tracciato lungo circa 26 km e con intersezioni a raso, in corso d'opera e durante una prima fase di utilizzo di un tratto aperto al traffico, si registrò una notevole pericolosità negli svincoli, fu così modificato il progetto con le realizzazione di rotatorie e cavalcavia.

Negli anni ottanta con i fondi della legge 219/81 e la costruzione dell'Asse Mediano, la Circumvallazione fu interconnessa ad esso e fu allungata su viadotto fino a Cercola raccordandosi con la Strada statale 268 del Vesuvio e con la Strada statale 162 dir del Centro Direzionale.[4]

PercorsoModifica

Il tracciato parte da via Lago Patria dopo circa 3 km incontra su viadotto lo svincolo strada statale 7 quater Via Domiziana, prosegue in parallelo con l'Asse Mediano per circa 5 km; i due percorsi si separano poco prima della rotonda di Qualiano, l'arteria qui comincia ad avere un forte carattere urbano, penetra attraverso una serie di rotonde negli abitati di Giugliano e Villaricca per circa 6 km, questo segmento (Via San Francesco a Patria e Corso Europa) pur non separandosi dal tracciato e continuando ad avere il doppio senso di marcia della Circumvallazione passa in gestione ai comuni attraversati ai sensi dell'Articolo 4 comma 4 delle legge 495 del 1992.[5] Prosegue quindi in direzione Mugnano e incrocia lo svincolo con l'Asse Perimetrale di Melito-Scampia, superata la rotonda di Melito prosegue in viadotto incontrando prima lo svincolo per l'inversione di marcia e dopo poco l'uscita di Arzano che consente l'innesto con la Strada statale 87 NC, superata la rotonda di Casavatore-Capodichino continua in viadotto incontrando le uscite di Secondigliano, Capodichino, Casavatore, Casoria, Poggioreale e i vari raccordi per la rete autostradale nazionale, termina il suo tracciato nel comune di Cercola in corrispondenza della SS 162 racc, nodo di collegamento con la Strada statale 162 dir del Centro Direzionale e la Strada statale 268 del Vesuvio.

Tabella percorsoModifica

 
Circumvallazione Esterna di Napoli
Tipo Intersezioni
Svincoli
Indicazione ↓km↑ Classificazione
tecnica
Città
Metropolitana
  Via Lago Patria 0,0 D Napoli
    Domitiana
Formia
2,0
    Asse Mediano 2,8
  Giugliano
Via Lago Patria
4,0
  Inversione di marcia 8,0
  Via San Francesco a Patria
Rotonda di Qualiano
SP 18 Santa Maria a Cubito
Centro Commerciale di Giugliano
Mercato ortofrutticolo di Giugliano
10,4
    Rotonda di Giugliano
Corso Campano
12,5
    Villaricca
1° Rotonda di Corso Europa
13,7
    Villaricca
2° Rotonda di Corso Europa
Calvizzano
14,9
    Villaricca
3° Rotonda di Corso Europa
15,7
  Mugnano
Via Pietro Nenni
Parco Commerciale
16,7
    Asse Perimetrale di Melito 17,4
  Rotonda di Melito 18,4
  Inversione di marcia 18,9
  Arzano
  Sannitica nuova
21,00
    Rotonda di Casavatore 22,04
  Capodichino-Secondigliano 23,00 B
  Casavatore 23,04
  Afragola-Casoria (già Casoria) 23,04
 
 
  Raccordo Capodichino
  Tangenziale di Napoli
  Napoli - Porto
25,05
  Inversione di marcia 26,00
 
 
  Milano-Napoli
  Napoli-Bari
  Napoli - Salerno
  Asse Mediano
26,04
  Napoli   Poggioreale
Casoria-Arpino
Casalnuovo
27,00
  Volla-Casalnuovo
Via Filichito
30,00
  ex   del Centro Direzionale 32,00
  ex   Innesto SS.268 del Vesuvio 32,35

NoteModifica

  1. ^ Stradario (PDF), su old.cittametropolitana.na.it. URL consultato il 20 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).old.cittametropolitana.na.it/
  2. ^ Tipo:B - D. Criteri di classificazione delle strade esistenti Armando A. Musolino:Prontuario di Topografia (pagina 319)
  3. ^ Marotta Paola, Doppio senso. La strada fra piano e progetto, Napoli, 2009, p. 111.
  4. ^ Marotta Paola, Doppio Senso, su books.google.it.Alinea editrice
  5. ^ Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada(D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495)

Voci correlateModifica