Apri il menu principale

Dieter Hoeneß

dirigente sportivo e ex calciatore tedesco
Dieter Hoeneß
Dieter Hoeneß vor Hertha BSC Geschaeftsstelle 001.jpg
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Altezza 188 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1987
Carriera
Giovanili
1967-1973 Ulma
Squadre di club1
1973-1975Aalen103 (46)
1975-1979Stoccarda105 (44)
1979-1987Bayern Monaco224 (103)
Nazionale
1979-1986 Germania Ovest Germania Ovest 6 (4)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Messico 1986
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 29 luglio 2008

Dieter Hoeneß (Ulma, 7 gennaio 1953) è un dirigente sportivo ed ex calciatore tedesco, di ruolo centrocampista.

È stato vicecampione del mondo nel 1986 con la nazionale di calcio della Germania Ovest.

BiografiaModifica

Nato nel 1953 a Ulma nel Baden-Württemberg, è fratello di Uli Hoeneß.

CarrieraModifica

ClubModifica

Da ragazzino inizia a giocare a calcio come centrocampista nelle selezioni giovanili dell'Ulma, la squadra del suo paese di nascita, insieme a suo fratello Uli, che con il Bayern Monaco ha vinto tutto in Europa e che è diventato campione del mondo nel 1974 in Germania Ovest. Nel 1970 viene acquistato prima dal Aalen, poi nel 1975 dallo Stoccarda, che successivamente, nella stagione 1978-1979 rimase per molto tempo in corsa per la conquista della Bundesliga, divenendo l'ariete di una formazione che aveva nelle proprie fila gente del calibro di Hansi Müller, Georg Volkert e Walter Kelsch. Infine viene acquistato dal Bayern Monaco nell'ultimo anno di suo fratello Uli.

NazionaleModifica

Con la nazionale esordisce nel 1979 e conclude nel 1986 con un bottino di 6 presenze e 3 goal, dopo aver conquistato la medaglia d'argento al Mondiale Fifa 1986. Convocato come quarto attaccante della squadra, fu inserito dal CT Beckenbauer a gara in corso contro il Messico nei quarti di finale, dove segnerà il primo tiro ai calci di rigore, grazie i quali la squadra tedesca si qualificò alla semifinale. Entrò nuovamente come sostituto nella finale contro l'Argentina, nel tentativo di recuperare il passivo di due reti; nonostante la Germania Ovest fosse quindi riuscita a pareggiare, il Mondiale fu vinto dall'Argentina di Maradona che si aggiudicò la finale con il punteggio di 3-2.

DirigenzaModifica

È stato direttore generale del Wolfsburg dalla fine del 2009 a marzo 2011.

PalmarèsModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN301943720 · ISNI (EN0000 0004 0892 1592 · GND (DE1034899287 · WorldCat Identities (EN301943720