Apri il menu principale

Gran Premio del Belgio 1987

439º Gran Premio valido per il Campionato mondiale di Formula 1
Belgio Gran Premio del Belgio 1987
439º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 3 di 16 del Campionato 1987
Data 17 maggio 1987
Nome ufficiale Grand Prix de Belgique
Luogo Circuito di Spa-Francorchamps, Francorchamps, Belgio
Percorso 6,940 km / 4,312 US mi
Circuito permanente
Distanza 43 giri, 298,420 km/ 185,429 US mi
Clima Nuvoloso
Note Gara sospesa per incidente al 2º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Nigel Mansell Francia Alain Prost
Williams - Honda in 1'52"026[1] McLaren - TAG Porsche in 1'57"153[2]
(nel giro 26[2])
Podio
1. Francia Alain Prost
McLaren - TAG Porsche
2. Svezia Stefan Johansson
McLaren - TAG Porsche
3. Italia Andrea De Cesaris
Brabham - BMW

Il Gran Premio del Belgio 1987 è stato il 439º Gran Premio di Formula 1 della storia, corso il 17 maggio 1987 sul tracciato di Spa-Francorchamps. Fu la terza gara del Campionato mondiale di Formula 1 1987.

Prima della garaModifica

Gli iscritti al Gran Premio tornarono ad essere 26, in quanto la Osella schierò la sola vettura di Alex Caffi.

Riassunto della garaModifica

Le qualifiche videro le due Williams monopolizzare la prima fila, con Nigel Mansell in pole davanti al compagno Piquet e ad Ayrton Senna, terzo ed a sua volta davanti alle due Ferrari (con Berger ed Alboreto rispettivamente quarto e quinto).

Come nel Gp precedente, in gara ci furono due partenze: alla prima Mansell mantenne la pole mettendosi davanti a Senna, Piquet ed Alboreto; nelle retrovie René Arnoux ed Andrea De Cesaris si toccarono leggermente, mentre Thierry Boutsen urtò la Ferrari di Gerhard Berger mandandola in testacoda. Un incidente più serio coinvolse Philippe Streiff, che andò a sbattere violentemente contro il muretto all'Eau Rouge. Poco dopo la vettura incidentata del francese fu colpita dal sopraggiungente compagno di squadra Palmer. Entrambi rimasero illesi ma le loro Tyrrell furono ridotte a rottami. La gara fu sospesa e fu necessaria una ri-partenza.

Al secondo start Senna si mise davanti a Mansell, ma durante lo stesso giro il britannico azzardò, sbagliandolo, un tentativo di sorpasso nei confronti del brasiliano: i due si urtarono e Senna dovette ritirarsi.in realtà, sembra, da quanto disse Mansell, che Ayrton ebbe un'accelerazione più lenta come se avesse mancato una marcia; così Nigel attaccò all esterno un sorpasso molto difficile in quel punto, ma ayrton cercò di resistere, così, finirono entrambi fuori (a fine mondiale questo episodio per la classifica di Nigel fu importante). Mansell riprese la gara in ultima posizione, ma il danno creato dalla collisione lo costrinse ad abbandonare la gara nel corso del 17º giro. Mansell in seguito si recò al box della Lotus, dove volarono parole dure ed addirittura pugni.

Dopo il ritiro di Berger al terzo passaggio, la Ferrari perse anche Michele Alboreto che, mentre si trovava al secondo posto, soffrì di una rottura all'albero motore che lo costrinse all'abbandono; due giri dopo anche Piquet, primo in quel momento, si ritirò a causa della rottura di un tubo del turbo, e lasciò a Prost, seguito da Teo Fabi e dal compagno Stefan Johansson la guida della gara. I pit-stop modificarono poco la situazione, e il francese accumulò facilmente 25 secondi di vantaggio, dopo aver temuto il peggio a causa di un consumo eccessivo di carburante, in realtà inesistente e dovuto solo ad un indicatore difettoso.

Questa fu la ventisettesima vittoria di Prost, che eguagliò il record di Jackie Stewart. Per la McLaren si trattò di doppietta, grazie al secondo posto di Stefan Johansson, ottenuto grazie al ritiro (rottura motore) di Teo Fabi. Andrea De Cesaris portò la sua Brabham sul podio dopo, dopo una lotta con Eddie Cheever, Satoru Nakajima e René Arnoux, che gli arrivarono dietro in ordine rispettivo.

QualificheModifica

Pos No Pilota Costruttore Tempo[1] Distacco[2]
1 5   Nigel Mansell Williams - Honda 1'52"026
2 6   Nelson Piquet Williams - Honda 1'53"416 +1"390
3 11   Ayrton Senna Lotus - Honda 1'53"426 +1"400
4 28   Gerhard Berger Ferrari 1'53"451 +1"425
5 27   Michele Alboreto Ferrari 1'53"511 +1"485
6 1   Alain Prost McLaren - TAG Porsche 1'54"186 +2"160
7 20   Thierry Boutsen Benetton - Ford 1'54"300 +2"274
8 7   Riccardo Patrese Brabham - BMW 1'55"064 +3"038
9 19   Teo Fabi Benetton - Ford 1'55"339 +3"313
10 2   Stefan Johansson McLaren - TAG Porsche 1'55"781 +3"755
11 18   Eddie Cheever Arrows - BMW 1'55"899 +3"873
12 17   Derek Warwick Arrows - Megatron 1'56"359 +4"333
13 8   Andrea De Cesaris Brabham - Megatron 1'57"101 +5"075
14 24   Alessandro Nannini Minardi - Motori Moderni 1'58"132 +6"106
15 12   Satoru Nakajima Lotus - Honda 1'58"649 +6"623
16 25   René Arnoux Ligier - Megatron 1'59"117 +7"091
17 26   Piercarlo Ghinzani Ligier - Megatron 1'59"291 +7"265
18 9   Martin Brundle Zakspeed 2'00"433 +8"407
19 23   Adrián Campos Minardi - Motori Moderni 2'00"763 +8"737
20 10   Christian Danner Zakspeed 2'01"072 +9"046
21 16   Ivan Capelli March - Ford 2'02"036 +10"010
22 30   Philippe Alliot Lola Larrousse - Ford 2'02"347 +10"321
23 4   Philippe Streiff Tyrrell - Ford 2'03"098 +11"072
24 3   Jonathan Palmer Tyrrell - Ford 2'04"677 +12"651
25 14   Pascal Fabre AGS - Ford 2'07"361 +15"335
26 21   Alex Caffi Osella - Alfa Romeo 2'12"086 +20"060

Ordine d'arrivoModifica

Pos Pilota Team Giri Tempo/Ritiro Partenza Punti
1 1   Alain Prost McLaren - TAG Porsche 43 1h27'03"217 6 9
2 2   Stefan Johansson McLaren - TAG Porsche 43 + 24"764 10 6
3 8   Andrea De Cesaris Brabham - BMW 42 + 1 giro 13 4
4 18   Eddie Cheever Arrows - Megatron 42 + 1 giro 11 3
5 11   Satoru Nakajima Lotus - Honda 42 + 1 giro 15 2
6 25   René Arnoux Ligier - Megatron 41 + 2 giri 16 1
7 26   Piercarlo Ghinzani Ligier - Megatron 40 + 3 giri 17
8 (1) 30   Philippe Alliot Larrousse - Ford 40 + 3 giri 22
9 (2) 4   Philippe Streiff Tyrrell - Ford 39 + 4 giri 23
10 (3) 14   Pascal Fabre AGS - Ford 38 + 5 giri 25
Rit 19   Teo Fabi Benetton - Ford 34 Motore 9
Rit 9   Martin Brundle Zakspeed 19 Problemi allo surriscaldamento 18
Rit 20   Thierry Boutsen Benetton - Ford 18 Albero del motore 7
Rit 5   Nigel Mansell Williams - Honda 17 Collisione con A.Senna 1
Rit 16   Ivan Capelli March - Ford 14 Motore 21
Rit 6   Nelson Piquet Williams - Honda 11 Problemi allo scarico 2
Rit 21   Alex Caffi Osella - Alfa Romeo 11 Perdita di benzina 26
Rit 27   Michele Alboreto Ferrari 9 Trasmissione 5
Rit 10   Christian Danner Zakspeed 9 Freni 20
Rit 17   Derek Warwick Arrows - Megatron 8 Problemi al radiatore 12
Rit 7   Riccardo Patrese Brabham - BMW 5 Frizione 8
Rit 28   Gerhard Berger Ferrari 2 Motore 4
Rit 24   Alessandro Nannini Minardi - Motori Moderni 1 Problemi al turbo 14
Rit 12   Ayrton Senna Lotus - Honda 0 Collisione con N.Mansell 3
Rit 23   Adrián Campos Minardi - Motori Moderni 0 Cambio 19
Rit 3   Jonathan Palmer Tyrrell - Ford 0 Incidente alla prima partenza 24

Tra parentesi le posizioni valide per il Jim Clark Trophy, per le monoposto con motori N/A

ClassificheModifica

CostruttoriModifica

Pos Team Punti
1   McLaren - TAG Porsche 31
2   Williams - Honda 16
3   Lotus - Honda 9
4   Ferrari 7
5   Brabham - BMW 4
6   Arrows - Megatron 3
7   Benetton - Ford 2
8   Zakspeed 2
9   Ligier - Megatron 1

Trofeo Jim ClarkModifica

Pos Pilota Punti
1   Philippe Streiff 21
2   Philippe Alliot 15
3   Pascal Fabre 12
4   Jonathan Palmer 9

Trofeo Colin ChapmanModifica

Pos Team Punti
1   Tyrrell-Ford 30
2   Larrousse-Ford 15
3   AGS-Ford 12

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Belgium 1987 - Starting grid, statsf1.com. URL consultato il 4-05-2010.
  2. ^ a b c (EN) 1987 Grand Prix of Belgium, Teamdan.org. URL consultato il 4-05-2010.

Salvo ove diversamente indicato, le classifiche sono tratte dal Sito ufficiale della Formula 1

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1987
                               
   

Edizione precedente:
1986
Gran Premio del Belgio
Edizione successiva:
1988
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1