Hawaiian Airlines

compagnia aerea statunitense
Hawaiian Airlines
Logo
Airbus A330-243 ‘N395HA’ Hawaiian Airlines.jpg
StatoStati Uniti Stati Uniti
Borse valoriNASDAQ: HA
Fondazione30 gennaio 1929 (come Inter-Island Airways)
Fondata daStanley Kennedy Sr.
Sede principaleHonolulu
GruppoHawaiian Holdings Inc.
ControllateOhana by Hawaiian
Persone chiave
  • Peter R. Ingram (presidente e CEO)
  • Lawrence S. Hershfield (chairman)
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato2.837 miliardi di USD (2018)
Dipendenti7.299 (2019)
Slogan«Come Voyage with Us Hawaii Starts Here
Sito webwww.hawaiianairlines.com/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAHA
Codice ICAOHAL
Indicativo di chiamataHAWAIIAN
COAHALA005A
Primo volo6 ottobre 1929
Hub
Frequent flyerHawaiianMiles
Flotta60 (nel 2021)
Destinazioni32 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Hawaiian Airlines (in hawaiano Hui Mokulele ʻo Hawaiʻi) è la compagnia di bandiera e la più grande compagnia aerea dello stato americano delle Hawaii. È la decima compagnia aerea commerciale degli Stati Uniti e ha sede a Honolulu, Hawaii.[1] La compagnia aerea gestisce il suo hub principale presso l'aeroporto Internazionale Daniel K. Inouye sull'isola di Oʻahu e un hub secondario fuori dall'aeroporto di Kahului sull'isola di Maui.[2] La compagnia aerea ha anche una base per gli equipaggi all'aeroporto Internazionale di Los Angeles. Hawaiian opera voli verso Asia, Samoa americane, Australia, Polinesia francese, Hawaii, Nuova Zelanda e Stati Uniti continentali. Al 2021, Hawaiian Airlines è di proprietà di Hawaiian Holdings, Inc. di cui Peter R. Ingram è l'attuale presidente e amministratore delegato.[3]

Hawaiian è la più antica compagnia aerea statunitense che non ha mai avuto un incidente mortale o la perdita di un aeromobile nel corso della sua storia, e spesso è in cima alla lista delle compagnie aeree puntuali negli Stati Uniti, così come il minor numero di cancellazioni, overbooking e problemi nella gestione dei bagagli.[4][5][6]

StoriaModifica

Formazione (1929-1984)Modifica

 
I primi servizi furono operati con un Bellanca CH-300.

Inter-Island Airways (in hawaiano: Hui Mokulele Piliʻāina), il precursore della compagnia aerea che ora è conosciuta come Hawaiian Airlines, fu costituita il 30 gennaio 1929. Inter-Island Airways, una sussidiaria della Inter-Island Steam Navigation Company, iniziò le operazioni il 6 ottobre 1929, con un Bellanca CH-300, fornendo brevi voli panoramici su Oʻahu.[7] I servizi di linea iniziarono un mese dopo, l'11 novembre, utilizzando Sikorsky S-38 con un volo da Honolulu a Hilo, tramite scali intermedi a Moloka'i e Maui.[8]

Il 1º ottobre 1941, il nome fu cambiato in Hawaiian Airlines quando la compagnia eliminò gradualmente i vecchi idrovolanti Sikorsky S-38 e Sikorsky S-43.[9] I primi Douglas DC-3 furono aggiunti alla flotta nell'agosto 1941; alcuni esemplari rimasero operativi fino al ritiro definitivo nel novembre 1968.

I moderni aerei pressurizzati, per primi i Convair CV-340, furono introdotti dal 1952. Ulteriori Convair 440 furono aggiunti nel 1959-60; la maggior parte fu convertita a turbina nel 1965-67. Gli ultimi furono venduti nel 1974.

Hawaiian Airlines iniziò a offrire servizi con i jet nel 1966 con l'acquisizione di alcuni Douglas DC-9-10, che dimezzarono i tempi di viaggio sulla maggior parte delle rotte.

Espansione fuori dalle Hawaii (1984-1994)Modifica

Hawaiian Airlines iniziò ad espandere la propria presenza nel corso degli anni '80, a seguito di un'intensa concorrenza sulle rotte tra le isole creata dall'ingresso nel mercato della Mid Pacific Air. Nel 1985, la compagnia inaugurò la sua prima rotta al di fuori del mercato inter-insulare attraverso servizi charter per il Sud Pacifico e poi per tutto il resto del Pacifico utilizzando Douglas DC-8. Nonostante i primi successi di questa nuova attività, Hawaiian venne costretta a ridurre i suoi servizi charter quando il governo federale vietò a tutti i DC-8 e i Boeing 707 senza kit per ridurre il rumore di operare negli Stati Uniti. Hawaiian, tuttavia, riuscì a ottenere una breve esenzione per i suoi servizi nel Pacifico meridionale.

 
I Lockheed L-1011 permisero ad Hawaiian di inaugurare il primo servizio di linea verso gli Stati Uniti continentali.

Subito dopo, all'inizio del 1985, la società ricevette i primi due Lockheed L-1011 TriStar in leasing. Uno venne utilizzato per lanciare il primo volo di linea, poi divenuto giornaliero, sulla rotta Honolulu-Los Angeles. Questo nuovo servizio mise Hawaiian in diretta concorrenza con i maggiori vettori aerei statunitensi per la prima volta nella sua storia. Per tutto il 1985 e il 1986, Hawaiian Airlines aggiunse ulteriori L-1011 alla sua flotta e li utilizzò per aprire servizi ad altre città gateway della costa occidentale come San Francisco, Seattle, Portland, Las Vegas e Anchorage, che misero Hawaiian in ulteriore concorrenza contro le principali compagnie statunitensi.

Nel frattempo, Hawaiian Airlines entrò anche nei mercati internazionali di Australia e Nuova Zelanda nel 1986 con servizi con un solo scalo all'aeroporto Internazionale di Pago Pago. Hawaiian ampliò anche in modo aggressivo il proprio business charter internazionale e perseguì contratti di trasporto militare. Ciò portò a una grande crescita dei ricavi della società e causò una riduzione della quota dei ricavi del servizio tra le isole a circa un terzo del totale.

Durante gli anni '80, Hawaiian intraprese anche lo sviluppo e la costruzione dell'aeroporto di Kapalua sul lato ovest di Maui. Inaugurato nel 1987, l'aeroporto era stato progettato con una pista di 3.000 piedi, che limitava la sua capacità di gestire aeromobili di grandi dimensioni.[10] Di conseguenza, quando l'aeroporto venne aperto per la prima volta, Hawaiian Airlines era l'unico vettore interinsulare con aeromobili in grado di servirlo. Con i suoi turboelica De Havilland Canada Dash 7, Hawaiian aveva un netto vantaggio competitivo nel mercato di Maui.[11]

Verso gli anni '90, Hawaiian Airlines dovette affrontare difficoltà finanziarie, accumulando milioni di dollari di perdite nei tre anni precedenti. A causa delle operazioni sempre più non redditizie della compagnia aerea, nel settembre 1993 presentò istanza di protezione contro il fallimento secondo il Chapter 11. Durante questo periodo, la compagnia ridusse molti dei suoi costi; gli obiettivi erano: riorganizzare il debito, lottare con le concessioni dei dipendenti, tagliare la capacità in eccesso e razionalizzare la sua flotta eliminando molti degli aerei che aveva aggiunto alla sua flotta solo pochi anni prima.[12]

Nell'ambito della ristrutturazione, nel 1993 vendette l'aeroporto di Kapalua allo Stato delle Hawaii. Hawaiian interruppe subito i servizi per l'aeroporto quando ritirò la sua flotta di Dash 7.[12] Il ritiro dei Dash 7 nel 1994 portò la compagnia aerea a gestire una flotta "all jet". Uscì dal fallimento nel settembre 1994.[13]

Flotta "all jet" (1994-2003)Modifica

 
Hawaiian introdusse i DC-10 per sostituire i L-1011.

Per sostituire i suoi DC-8 e L-1011, Hawaiian Airlines noleggiò sei DC-10 da American Airlines, che continuava a fornire i servizi di manutenzione agli aerei. L'accordo con American includeva anche la partecipazione di Hawaiian al sistema di prenotazione SABRE e al programma frequent flyer AAdvantage di American Airlines.[13] I DC-10 furono successivamente ritirati tra il 2002 e il 2003. La società li sostituì con 14 Boeing 767 in leasing durante un programma di modernizzazione della flotta che aveva permesso di sostituire i vecchi DC-9 con i nuovi Boeing 717. Questi ultimi presentavano una versione aggiornata della tail art "Pualani" della compagnia sull'impennaggio.

Seconda bancarotta e riorganizzazione (2003-2005)Modifica

Nel marzo 2003, Hawaiian Airlines presentò istanza di protezione dal fallimento secondo il Chapter 11 per la seconda volta nella sua storia. La compagnia continuò le normali operazioni e all'epoca era in ritardo per 4,5 milioni di dollari di pagamenti al piano pensionistico dei piloti. All'interno dell'azienda, veniva suggerito di terminare il piano. A maggio 2005, Hawaiian Airlines ricevette l'approvazione del tribunale per il piano di riorganizzazione. La società uscì dalla tutela fallimentare il 2 giugno 2005, con costi operativi ridotti attraverso la rinegoziazione dei contratti con i propri gruppi di lavoro sindacali; leasing di aeromobili ristrutturati; e investimenti da RC Aviation, un'unità di Ranch Capital con sede a San Diego, che aveva acquistato una quota di maggioranza nella società madre Hawaiian Holdings Inc nel 2004.

Post-bancarotta (2005-2012)Modifica

 
Un Boeing 717 in fase di imbarco a Kona.

Il 1º ottobre 2005, Hawaiian Airlines iniziò voli giornalieri non-stop da Honolulu a San Jose, in California. Ciò ha reso la città il quinto gateway della California ad essere servito da Hawaiian; gli altri erano Los Angeles, San Diego, Sacramento e San Francisco.[14]

Il 4 maggio 2006, Hawaiian Airlines ampliò il servizio tra la terraferma degli Stati Uniti e le Hawaii in previsione dell'introduzione di quattro Boeing 767-300 aggiuntivi, concentrati principalmente sull'espansione del servizio non-stop per l'aeroporto di Kahului da San Diego, Seattle e Portland. Furono inseriti anche voli aggiuntivi tra Honolulu e le città di Sacramento, Seattle e Los Angeles. Nel 2006, Hawaiian Airlines venne valutato come il miglior vettore che serve le Hawaii da Travel + Leisure, Zagat e Condé Nast Traveller.[15]

 
Un Boeing 767 con il logo dei Las Vegas Raiders.

Il 24 luglio 2007, Hawaiian Airlines e Air New Zealand firmarono un contratto da 45 milioni di dollari pagati alla compagnia neozelandese per eseguire la manutenzione dei Boeing 767 di Hawaiian. Questo contratto durò cinque anni. Air New Zealand affermò che questa opportunità avrebbe dato loro anche la possibilità di sviluppare la propria esperienza lavorando sui 767.[16] Nell'agosto 2007, i Seattle Seahawks diventarono la seconda squadra sportiva a iniziare a utilizzare Hawaiian Airlines per viaggiare verso le partite. I Las Vegas Raiders, anche loro della NFL, volavano con Hawaiian Airlines dagli anni '90. Le due squadre in precedenza volavano sui Boeing 767 di Hawaiian da e verso tutte le loro partite, ma ora viaggiano sui più moderni Airbus A330. Molti dei Boeing 767 e A330 di Hawaiian erano e sono dotati di decalcomanie con i loghi dei Raiders.

Nel marzo 2008, la compagnia aerea ha lanciato voli diretti per Manila nelle Filippine, la prima grande espansione internazionale da quando era emersa dalla protezione contro il fallimento nel giugno 2005.[17] In risposta alla chiusura di ATA Airlines e Aloha Airlines, la compagnia iniziò i voli verso Oakland il 1º maggio 2008.[18]

Il 16 febbraio 2010, Hawaiian Airlines ha chiesto l'approvazione del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti per iniziare voli diretti dal suo hub di Honolulu a Tokyo-Haneda nel 2010. La compagnia era una delle cinque (le altre erano Delta Air Lines, Continental Airlines, United Airlines e American Airlines) che chiedevano l'approvazione per servire Haneda come parte dell'accordo OpenSkies USA-Giappone.[19] I voli iniziarono il 18 novembre 2010. Inoltre, la compagnia aerea aveva in programma di stabilire un accordo di code-share con All Nippon Airways.

 
Un Airbus A330 a Las Vegas nel 2016.

Il 12 gennaio 2011, Hawaiian Airlines ha iniziato un servizio non-stop per Seul-Incheon, Corea del Sud. Il 31 marzo 2011, la compagnia ha annunciato che avrebbe rinnovato la hall del check-in del terminal tra le isole dell'aeroporto Internazionale di Honolulu (l'hub principale delle Hawaii). Il 17 novembre 2011, sono stati ordinati cinque Airbus A330-200.

Il 4 giugno 2012, Hawaiian si è espansa fino alla costa orientale con voli giornalieri per l'aeroporto Internazionale John F. Kennedy di New York. Il 30 agosto 2012, Hawaiian ha presentato una domanda al Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti per una rotta senza scalo tra Kona e Tokyo-Haneda.[20] Ciò avrebbe riempito il vuoto lasciato da Japan Airlines quando aveva cessato il servizio per Kona quasi due anni prima. Tuttavia, il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti respinse la richiesta della compagnia. Il 3 dicembre 2012, Hawaiian ha svelato i piani per iniziare i voli per Taipei, Taiwan (Repubblica di Cina) a partire dal 9 luglio 2013 come parte dei suoi piani di espansione.[21]

Espansione e sussidiarie (2013-presente)Modifica

L'11 febbraio 2013, la compagnia ha annunciato una nuova impresa nel settore dei turboelica tra le isole, "Ohana by Hawaiian". I servizi sarebbero stati operati da Empire Airlines utilizzando gli ATR 42-500 a turboelica. I servizi sono iniziati l'11 marzo 2014 tra Molokaʻi e Lānaʻi. La compagnia ha ampliato la rete aggiungendo più rotte alla Ohana by Hawaiian tra Kahului, Kailua-Kona e Hilo durante l'estate del 2014. Il 10 aprile 2013, la compagnia ha annunciato la sua prima destinazione in Cina, con il servizio verso Pechino che sarebbe dovuto iniziare il 16 aprile 2014, in attesa dell'approvazione del governo. Allo stesso tempo, la compagnia aerea ha annunciato che avrebbe terminato il servizio per Manila nelle Filippine il 31 luglio 2013. L'11 luglio 2013, Hawaiian ha firmato un accordo di code-share con China Airlines.[22]

Il 12 marzo 2014, Hawaiian ha annunciato che avrebbe iniziato il servizio giornaliero tra Kahului e Los Angeles il 2 maggio, aggiungendo un secondo volo dal 30 giugno all'8 settembre in risposta alla domanda dei passeggeri. Avrebbe anche iniziato il servizio estivo senza sosta tra Los Angeles e sia Līhu'e, Kaua'i che Kona, Hawai'i.

Il 5 gennaio 2015, Hawaiian ha presentato nuovamente la sua domanda precedentemente rifiutata al Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) per la rotta Kona-Haneda. La richiesta era motivata da una decisione del DOT nel dicembre 2014 di riesaminare l'interesse pubblico per la rotta Seattle-Tokyo di Delta Air Lines dopo che Delta aveva ridotto la frequenza dei voli da giornaliera a stagionale. Il 31 marzo, il DOT ha nuovamente negato la richiesta, optando invece per consentire a Delta di continuare a operare la rotta, con American Airlines che sarebbe subentrata se il servizio pianificato di Delta fosse cessato.

Il 1º maggio 2017, la compagnia ha rivelato un nuovo logo e una nuova livrea per i suoi aerei.[23]

Il 6 marzo 2018, la compagnia ha annunciato un ordine per 10 Boeing 787-9 Dreamliner con opzioni per altri dieci; selezionando i motori GE GEnx.[24]

A causa degli effetti economici della pandemia di COVID-19, Hawaiian Airlines ha riportato una perdita netta di oltre 100 milioni di dollari per il secondo trimestre del 2020.[25]

Identità aziendaleModifica

Proprietà e strutturaModifica

La società madre di Hawaiian Airlines, Inc. è Hawaiian Holdings, Inc. (NASDAQ: HA). Precedentemente quotata all'American Stock Exchange, la società è passata al NASDAQ il 2 giugno 2008.[26] Hawaiian Holdings, Inc. è una holding la cui risorsa principale è la proprietà esclusiva di tutte le azioni ordinarie emesse e in circolazione di Hawaiian Airlines, Inc. Il 30 giugno 2008, la società ha annunciato di essere stata aggiunta all'indice Russell 3000.[27]

ʻOhana by HawaiianModifica

 
Un ATR 42-500 di Ohana.

Ohana by Hawaiian è una compagnia aerea sussidiaria regionale di Hawaiian Airlines. I servizi sono operati utilizzando quattro ATR 42 di proprietà di Hawaiian e gestiti sotto contratto da Empire Airlines. I servizi dovevano iniziare nell'estate 2013 con voli per Moloka'i e Lāna'i, tuttavia la compagnia aerea non è stata in grado di iniziare durante quel periodo a causa dei ritardi della Federal Aviation Administration nella certificazione delle operazioni di Ohana. Ohana by Hawaiian è completamente integrata nella rete di Hawaiian Airlines.[28]

ServiziModifica

CabinaModifica

 
L'economy class su un A330-200. Su ogni schienale è presente uno schermo che funge da IFE.

Alla fine del 2014, Hawaiian Airlines ha iniziato a offrire posti a sedere Extra Comfort, come nuova classe sui suoi Airbus A330-200. I posti a sedere Economy Comfort offrivano maggiore spazio per i passeggeri, insieme a offerte di prodotti morbidi come cuscini sulle rotte internazionali.[29]

Nell'ottobre 2015, Hawaiian ha annunciato che avrebbe aggiornato i sedili in business class dai sedili standard "a culla" a sedili reclinabili a 180 gradi sugli A330 in una configurazione 2-2-2. I nuovi sedili sono stati installati a partire dal secondo trimestre del 2016. Oltre all'upgrade in business class, la compagnia aerea ha aggiunto 28 ulteriori sedili Extra Comfort.[30]

La cabina dell'Airbus A321neo utilizza design di ispirazione hawaiana, utilizzando una configurazione 3-3 nella cabina principale e una configurazione 2-2 in business class.

Intrattenimento in voloModifica

Prima del 1º settembre 2013, Hawaiian offriva a noleggio lettori video portatili DigEplayer. Gli Airbus A330 sono dotati di unità incorporate in ogni schienale. I nuovi Airbus A321neo sono dotati di intrattenimento tramite app presenti su uno schermo personale. A partire da luglio 2019, l'intrattenimento a bordo sui voli dalla terraferma verso le Hawaii è disponibile gratuitamente.

CateringModifica

Hawaiian offre un servizio bevande gratuito e a pagamento su tutti i suoi voli. I pasti non sono forniti sui voli interni alle isole a causa della loro breve durata (30-45 minuti). Sui voli continentali verso gli Stati Uniti, Hawaiian è una delle poche grandi compagnie aeree statunitensi a fornire pasti gratuiti nella sua cabina principale; ogni pasto è realizzato senza conservanti e con ingredienti completamente naturali ed è confezionato con materiali riciclabili.[31] Nel 2009, Hawaiian ha introdotto pasti premium nella sua cabina principale, offrendo ai passeggeri la possibilità di avere il pasto gratuito o pagare per passare a un pasto premium. I pasti premium consistevano in una varietà di cucina asiatica di fascia alta, ma in seguito furono interrotti.[31][32]

Nel marzo 2007, Hawaiian ha introdotto un "menu degustazione" o "menu tapas" per i passeggeri di business class sui voli continentali e internazionali degli Stati Uniti. Il menu era composto da venti portate a rotazione, con cinque disponibili su un dato volo. I passeggeri ricevevano informazioni sugli ingressi disponibili per il loro volo quando salivano a bordo o subito dopo il decollo e potevano scegliere fino a tre antipasti.[33]

A partire dal 1º dicembre 2017, gli ospiti nella cabina principale sui voli tra le Hawaii e le città gateway occidentali degli Stati Uniti ricevono un servizio di ristorazione gratuito creato esclusivamente per il nuovo marchio Pau Hāna Café della compagnia aerea. Il Pau Hāna Café, pasti a marchio realizzati esclusivamente per la compagnia aerea, è composto da una colazione al sacco per il brunch e un panino caldo e un contorno per il pranzo. Pau Hāna, un termine hawaiano per "lavoro finito", è un momento per rilassarsi e distendersi dopo una lunga giornata di lavoro.[34] Il servizio pasti è seguito da caffè e un dolce per dessert.

Il 20 dicembre 2017 la compagnia aerea ha annunciato la sua partnership con Mana Up, al fine di aumentare la diversità e il volume dei prodotti di produzione locale per servire i suoi ospiti a bordo.[35]

Programma frequent-flyerModifica

 
Il logo di HawaiianMiles.

Il programma frequent flyer di Hawaiian Airlines è HawaiianMiles, avviato nel 1983. Le miglia accumulate nel programma consentono ai membri di riscattare biglietti, aggiornare la classe di servizio o ottenere noleggi auto gratuiti o scontati, soggiorni in hotel, merce o altri prodotti e servizi tramite i partner. I membri più attivi, in base alla quantità e al prezzo del viaggio prenotato, sono designati Pualani Gold (vola 30 segmenti o vola per 20.000 miglia) e Pualani Platinum (vola 60 segmenti o vola per 40.000 miglia), con privilegi come il chek-in separato, l'accesso alla Premier Club Lounge a Honolulu, Hilo, Kona, Kahului e Līhu'e.[36]

Hawaiian ha anche collaborazioni frequent flyer con diverse altre compagnie aeree, consentendo ai membri di HawaiianMiles di guadagnare miglia volando con le compagnie aeree partner. Alcune partnership limitano il credito solo a determinati voli, come i voli tra le isole o ai voli in code-share prenotati tramite Hawaiian.

DestinazioniModifica

Hawaiian Airlines serve destinazioni in diversi paesi e territori dell'Asia-Pacifico. La compagnia aerea ha aggiunto la sua sesta destinazione internazionale, l'aeroporto Internazionale di Incheon vicino a Seul, in Corea del Sud il 12 gennaio 2011. Opera anche voli internazionali diretti giornalieri e settimanali da Honolulu a Tahiti, Australia, Corea del Sud, Giappone, Stati Uniti continentali e Nuova Zelanda.

Accordi di code shareModifica

Al 2021, Hawaiian Airlines ha accordi di code share ufficiali con le seguenti compagnie aeree[37]:

Inoltre, alcune compagnie aeree inseriscono il loro codice sui voli operati da Hawaiian[37]:

Accordi di interlineaModifica

Al 2021, Hawaiian Airlines ha un accordo di interlinea con South African Airways.[38]

FlottaModifica

Flotta attualeModifica

Ad agosto 2021 la flotta di Hawaiian Airlines è così composta[39]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y Totale
Airbus A321neo 18 16 173 189
Airbus A330-200 24 18 260 278
Boeing 717-200 18 8 120 128
Boeing 787-9 10 TBA Consegne tra il 2022 e il 2026.[40]
Totale 60 10

Tra le isoleModifica

Boeing 717Modifica

 
Un Boeing 717.

Hawaiian ha iniziato ad acquisire i Boeing 717 per operare rotte verso le isole vicine nel febbraio 2001.[41] Il 4 giugno 2008, la compagnia ha annunciato di aver accettato di noleggiare altri quattro 717 per soddisfare la domanda a causa della chiusura delle operazioni passeggeri di Aloha Airlines e della chiusura di ATA Airlines, con consegne tra settembre e la fine del 2008.[42]

ATR 42 (ʻOhana by Hawaiian)Modifica

Hawaiian Holdings ha rivelato il 17 luglio 2012 di aver firmato una lettera di intenti per l'acquisizione di alcuni ATR 42 con l'obiettivo di stabilire una sussidiaria per servire rotte che non erano nel sistema di Hawaiian. Nel dicembre 2012, è stato annunciato che Empire Airlines avrebbe operato gli aerei per conto di Hawaiian.[43] Un quarto ATR 42 è stato acquistato nel giugno 2018.[44]

Airbus A321neoModifica

Hawaiian Airlines ha iniziato a utilizzare un A321neo sulla rotta da Honolulu a Kahului e da Kahului a Honolulu nel gennaio 2020.[45] Questo percorso veniva eseguito quattro volte a settimana; da agosto 2020, la rotta viene effettuata giornalmente.

A medio e lungo raggioModifica

Airbus A330-200Modifica

 
Al 2021, gli Airbus A330-200 costituiscono la spina dorsale della flotta a lungo raggio della compagnia.

Il 27 novembre 2007, Hawaiian Airlines ha firmato un MOU (Memorandum of Understanding) con Airbus per 24 jet a lungo raggio al prezzo di 4,4 miliardi di dollari. L'ordine includeva sei Airbus A330-200 con altri sei come opzione e sei Airbus A350-800 con altri sei come opzione. Vennero discussi i piani per volare fino a Parigi e Londra. Le consegne per gli A330 sono iniziate nel 2010, mentre il primo A350 doveva essere consegnato nel 2017.[46]

Il 27 ottobre 2008, Hawaiian ha annunciato che, prima dell'arrivo dei suoi nuovi A330, avrebbe noleggiato due ulteriori Airbus A330-200,a partire dal 2011, estendendo allo stesso tempo il noleggio di due Boeing 767-300ER.[47] Due settimane dopo, la compagnia ha annunciato il noleggio di un ulteriore A330-200 per la consegna nel secondo trimestre del 2010, e ha negoziato per la consegna di un aeromobile dal precedente contratto di locazione da spostare nello stesso trimestre. Nel dicembre 2010, Hawaiian ha ordinato altri sei A330-200, portando il totale della flotta a 15.[48] Ulteriori accordi sono stati firmati con Air Lease Corporation (un aeromobile), e tre aeromobili ciascuno da Hong Kong Aviation Capital e Jackson Square Aviation, portando il totale a ventidue esemplari.[49][50] Nel luglio 2015, Hawaiian ha annunciato il leasing di un altro A330-200 da Air Lease Corporation.[51] L'acquisto di un altro A330-200 è stato annunciato nel dicembre 2016.[52]

Airbus A321neoModifica

 
Il primo A321neo della compagnia visto a New York per il rifornimento durante il volo di consegna.

Nel gennaio 2013, Hawaiian ha firmato un memorandum d'intesa con Airbus per un ordine di 16 A321neo più un massimo di 9 opzioni. Gli aerei sono configurati in un layout a 2 classi da 189 posti.[53] A seguito del completamento dei contratti di lavoro relativi al funzionamento dell'aeromobile con i sindacati dei piloti e degli assistenti di volo della compagnia aerea, la stessa ha finalizzato l'ordine nel marzo 2013.[54] Nel dicembre 2016, Hawaiian ha annunciato l'intenzione di noleggiare altri due A321neo, portando a 18 il numero di esemplari. Il primo volo è avvenuto il 17 gennaio 2018 da Kahului a Oakland.[52]

Boeing 787-9Modifica

Nel febbraio 2018, si diceva che Hawaiian avrebbe annullato il suo ordine per sei A330-800neo e li avrebbe sostituiti con i Boeing 787-9.[55] Boeing valutava gli aerei a meno di 115 milioni, e forse meno di 100 milioni di dollari ciascuno; il costo di produzione di un 787-9 è compreso tra gli 80 milioni e i 90 milioni. Boeing Capital ha anche annullato in anticipo i contratti di locazione per tre 767-300ER; questi aerei dovevano essere trasferiti alla United Airlines. Inizialmente, Hawaiian ha rifiutato di annullare il suo ordine per gli A330-800, ma non ha annullato neanche il nuovo accordo con Boeing.[56] Tuttavia, il 6 marzo 2018, Hawaiian ha confermato la cancellazione dell'ordine degli A330-800 e la firma di una lettera di intenti con Boeing per l'acquisto di dieci 787-9, cinque di proprietà e cinque in leasing, con opzioni per altri dieci aerei[57]; l'accordo è stato finalizzato al Farnborough Air Show nel luglio 2018.[58]

Flotta storicaModifica

Hawaiian Airlines operava in precedenza con i seguenti aeromobili[39][59][60]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Beechcraft Model 18 1947
Bellanca CH-300 Pacemaker 1929 1933
Boeing 767-300 4 2006 2019 [61][62]
Boeing 767-300ER 14 2001 2019
Convair CV-340 1953 1973
de Havilland Canada Dash 7 1981 1994
Douglas DC-3 1941 1966
Douglas DC-6 1958 1969
Douglas DC-8-62 9 1983 1996
Douglas DC-8-63 2 1984 1993
Lockheed L-188 Electra 1970 1980
Lockheed L-1011 TriStar 1985 1994
McDonnell Douglas DC-10 25 1994 2003 [63]
Douglas DC-9-10 7 1966 1992
Douglas DC-9-30 10 1967 1985
Douglas DC-9-50 21 1975 2002
McDonnell Douglas MD-81 6 1981 1993
NAMC YS-11 1966 1967
Short 330 1978 1980
Sikorsky S-38 1929 1942
Sikorsky S-43 1935 1946
Vickers Viscount 1963 1964

NoteModifica

  1. ^ (EN) Contact Us | Hawaiian Airlines, su www.hawaiianairlines.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  2. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Creating Maui Hub to Ease Connections Statewide, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Executives, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  4. ^ (EN) Hawaiian Airlines continues on-time streak, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  5. ^ (EN) By Star-Advertiser staff, 2013 Jan. 11, Hawaiian Airlines ranks first in punctuality, fewest cancellations, su Honolulu Star-Advertiser, 11 gennaio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  6. ^ (EN) Harro Ranter, Aviation Safety Network > ASN Aviation Safety Database > Operator index > United States of America > Hawaiian Airlines, su aviation-safety.net. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  7. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Welcomes Home First Airplane - 1929 Bellanca CH-300 Pacemaker, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  8. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Celebrates 75th Anniversary With Gift to Community, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  9. ^ (EN) Directory: World Airlines, in Flight International, 3 aprile 2007, p. 90.
  10. ^ (EN) Jokiel, Lucy, Maui's Many Growing Pains, in Hawaii Business, maggio 1987.
  11. ^ (EN) Kephart, Linda, Prepare for Take-Off: Hawaii's Interisland Airlines Are Searching for Bluer, More Profitable Skies, in Hawaii Business, giugno 1985.
  12. ^ a b (EN) Smith, Bruce, Hawaiian Managers seek to Trade Debt for Equity, in Aviation Week & Space Technology, 11 ottobre 1993.
  13. ^ a b (EN) Phillips, Edwards, Hawaiian Rises from Bankruptcy, in Aviation Week & Space Technology, 19 settembre 1994.
  14. ^ (EN) Hawaiian Airlines to Launch Daily Nonstop Service Between San José/Silicon Valley and Honolulu Starting October 1, su web.archive.org, 27 settembre 2009. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2009).
  15. ^ (EN) Hawaiian wins travel magazine honors, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  16. ^ (EN) Air New Zealand announces $45 million heavy maintenance contract for …, su archive.is, 17 luglio 2012. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  17. ^ (EN) Hawaiian Air launches service to Manila in March | The Honolulu Advertiser | Hawaii's Newspaper, su the.honoluluadvertiser.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  18. ^ (EN) Hawaiian to start Honolulu-Oakland flight, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  19. ^ (EN) Hawaiian bidding for Tokyo route | The Honolulu Advertiser | Hawaii's Newspaper, su the.honoluluadvertiser.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  20. ^ (EN) Hawaiian Airlines plans route between Kona and Tokyo's Haneda Airport, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  21. ^ (EN) Ben Mutzabaugh, USA TODAY, Fast-growing Hawaiian Airlines to add Taiwan flights, su USA TODAY. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  22. ^ (EN) Hawaiian Airlines Signs Code Share Agreement with China Airlines - Yahoo! Finance, su web.archive.org, 16 luglio 2013. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2013).
  23. ^ (EN) A New Look Unveiled | Hawaiian Airlines, su www.hawaiianairlines.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  24. ^ (EN) Hawaiian Airlines, Boeing 787-9 "Dreamliner" to Join Hawaiian Airlines Fleet, su www.prnewswire.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  25. ^ (EN) H. N. N. Staff, After dismal earnings report, Hawaiian Airlines expected to move ahead with layoffs, su https://www.hawaiinewsnow.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  26. ^ (EN) Hawaiian Holdings will trade on Nasdaq, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  27. ^ (EN) Russell 3000 adds Hawaiian Holdings, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  28. ^ (EN) ATR 42-500, su Hawaiian Airlines. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  29. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Introduces New Extra Comfort Economy Seating, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  30. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Announces Premium Cabin Redesign of its Airbus A330 Fleet with Lie-Flat Seating, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  31. ^ a b (EN) Hawaiian Airlines goes green for Earth Day, su aviationbenefits.org. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  32. ^ (EN) Hawaii News Archive - Starbulletin.com, su archives.starbulletin.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  33. ^ (EN) Hawaiian Airlines introduces tasting menu - Slashfood, su web.archive.org, 28 settembre 2011. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2011).
  34. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Introduces New Meal Program, Designer Uniforms, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  35. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Partners with Mana Up to Support Isle Entrepreneurs, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  36. ^ (EN) Pualani Elite Benefits | Hawaiian Airlines, su www.hawaiianairlines.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  37. ^ a b (EN) Hawaiian Airlines Partners, su hawaiianair.custhelp.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  38. ^ (EN) ANA, SAA and Hawaiian Airlines strike deal, su The Citizen, 25 aprile 2017. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  39. ^ a b (EN) Hawaiian Airlines Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 31 dicembre 2020.
  40. ^ (EN) Hawaiian Airlines' first Boeing 787-9 due in September 2022, su Executive Traveller. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  41. ^ (EN) Production List Search, su www.planespotters.net. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  42. ^ (EN) Hawaiian adding 4 planes to interisland fleet, su www.bizjournals.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  43. ^ (EN) Hadden Watt to Manage Hawaiian Airlines Turboprop Operation | McNeil Wilson Communications, su web.archive.org, 31 dicembre 2012. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2012).
  44. ^ (EN) Hawaiian Holdings Inc, Hawaiian Holdings Reports 2018 Second Quarter Financial Results, su www.prnewswire.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  45. ^ (EN) Hawaiian Airlines adds A321 Inter-Island service from Jan 2020, su Routesonline. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  46. ^ (EN) Hawaiian Airlines : Investor Relations : Press Releases, su web.archive.org, 1º gennaio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2009).
  47. ^ (EN) Hawaiian Airlines : Investor Relations : Press Releases, su web.archive.org, 1º gennaio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2009).
  48. ^ (EN) Hawaiian Airlines Orders Six More A330-200s, su Airbus. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  49. ^ (EN) 2013 | Leasing | 0 | February, HKAC acquires A330-200 for Hawaiian Airlines | Aviation News - daily news dedicated to the global aviation industry, su aviationnews-online.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  50. ^ (EN) Jackson Square Aviation - Newsroom - Jackson Square Aviation Announces Sale Leaseback of New Airbus A330-200 Aircraft to Hawaiian Airlines, su www.jsa.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  51. ^ (EN) Jon Hemmerdinger, Hawaiian to lease an additional A330-200, su Flight Global. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  52. ^ a b (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Optimizes Fleet Plan, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  53. ^ (EN) Stephen Trimble, Hawaiian signs MOU for 16 A321neos, su Flight Global. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  54. ^ (EN) Hawaiian Airlines firms order for up to 25 A321neos | Aviation Week Network, su aviationweek.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  55. ^ (EN) Boeing displaces Airbus at Hawaiian, wins 787-9 deal; airline cancels A330-800 order, su Leeham News and Analysis, 20 febbraio 2018. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  56. ^ (EN) Jon Hemmerdinger, Hawaiian's A330-800 order remains in place, for now: airline, su Flight Global. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  57. ^ (EN) Jon Hemmerdinger, Hawaiian signs for 10 787-9s and cancels A330-800 order, su Flight Global. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  58. ^ (EN) James Field, Farnborough: Hawaiian Airlines Finalize Deal for 20 787-9s, su Airways Magazine, 19 luglio 2018. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  59. ^ (EN) Profile for: Hawaiian Airlines, su www.aerotransport.org. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  60. ^ (EN) Hawaii News Archive - Starbulletin.com, su archives.starbulletin.com. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  61. ^ (EN) Marissa Villegas, External Communications, The End of an Era: Aloha Boeing 767, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  62. ^ (EN) Ben Mutzabaugh, Hawaiian Airlines says 'so long' to the Boeing 767, su USA TODAY. URL consultato il 5 febbraio 2021.
  63. ^ (EN) Hawaiian Airlines | Newsroom, Hawaiian Airlines Completes Conversion to New Fleet of Aircraft, su Hawaiian Airlines | Newsroom. URL consultato il 5 febbraio 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica