Apri il menu principale

China Airlines

compagnia aerea cinese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la compagnia aerea della Repubblica Popolare Cinese, vedi Air China.
China Airlines
Logo
China Airlines, Boeing 747-400, SIN.jpg
StatoTaiwan Taiwan
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa di Taiwan: 2610
Fondazione16 dicembre 1959 a Taipei
Sede principaleTaoyuan
GruppoChina Airlines Group
Filiali
  • Mandarin Airlines Co. (93,99%)[1]
  • Tigerair Taiwan Co. (90,00%)[1]
Persone chiaveHsieh Su-Chien (Presidente & CEO)[1]
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
FatturatoNTD 139,8 miliardi ( 4 miliardi)[2] (2017)
Utile nettoNTD 2,21 miliardi ( 63,6 milioni)[2] (2017)
Dipendenti12.245[1] (2019)
Slogan«Journey with a caring smile»
Sito web
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATACI
Codice ICAOCAL
Indicativo di chiamataDYNASTY
HubTaipei-Taoyuan
Frequent flyerDynasty Flyer
AlleanzaSkyTeam
Flotta88 (nel 2019)
Destinazioni161 (nel 2019)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

La China Airlines Co., Ltd. (中華航空公司T, Zhōnghuá Hángkōng gōngsīP) è la compagnia di bandiera della Repubblica di Cina (Taiwan).

StoriaModifica

Con una flotta di due PBY Catalina, la China Airlines fu fondata il 16 dicembre 1959, con le sue azioni detenute interamente dal governo di Taiwan.[3]

È stata fondata da un ufficiale dell'Air Force in pensione e inizialmente concentrata sui voli charter.

Durante gli anni '60, China Airlines fu in grado di stabilire le sue prime rotte programmate. Nell'ottobre 1962, un volo da Taipei a Hualien, divenne il primo servizio domestico della compagnia. Successivamente con l'introduzione del Caravelle e del Boeing 727-100, la compagnia aerea ha iniziato i primi voli internazionali.[3]

Nel 1966, è stato inaugurato la prima rotta internazionale da Taipei a Saigon (attuale Ho Chi Minh City), che segna l'inizio ufficiale dell'aviazione internazionale.[3]

Nel 1970, con l'introduzione di due Boeing 707, vennero inaugurati i primi voli transoceanici per esplorare il mercato statunitense.[3]

Nel 1976 China Airlines ha introdotto i suoi primi due Boeing 747-100. Poco dopo, nel 1977, furono introdotti due nuovi Boeing 747SP.

Nel 1980, la società ha investito su Dynasty Holidays, di cui ad oggi detiene il 100% delle azioni.[3][4]

Nel 1988, 27 azionisti hanno donato le loro azioni per istituire la China Aviation Development Foundation, trasferendo i diritti di supervisione e gestione alla società.[3]

Nel 1993, China Airlines viene ufficialmente quotata alla Borsa di Taiwan, diventando la prima compagnia aerea internazionale nel mercato azionario di Taiwan.[3]

China Airlines, nel 1999, inaugura le prime rotte di volo cargo per Sydney, Delhi e Colombo.[3]

Negli anni '90 e nei primi anni 2000, China Airlines ha emesso ordini per vari aerei di linea tra cui l'Airbus A330, Airbus A340, Boeing 737-800 e il Boeing 747-400 (sia la versione per passeggeri che quella cargo).

Nel 2000, la compagnia ha ricevuto la certificazione internazionale ISO 9001 per la qualità ed ha iniziato l'emissione di biglietti via internet. Inoltre la compagnia ha aperto nuove filiali in Canada, Australia, Nuova Zelanda e Guam.[3]

Nel 2001, vengono introdotti i nuovi jet passeggeri Airbus A340-300.[3]

Nel 2003 la compagnia inaugura il suo primo volo charter per gli uomini d'affari di Taiwan durante lo Spring Festival.[3]

Nel 2004 vengono introdotti tre Airbus A330-300, due Boeing 747-400 e due Boeing 747-400F.[3]

Nel 2006, China Airlines ha ottenuto il certificato IATA.[3]

China Airlines ha firmato un accordo per iniziare il processo di adesione all'allenza aerea SkyTeam il 14 settembre 2010 ed è diventato membro a pieno titolo il 28 settembre 2011.[3][5]

 
China Airlines Boeing 747 SkyTeam color

A marzo 2014, China Airlines ha annunciato il lancio del suo piano "NexGen (Next Generation)" per integrare la prima consegna del Boeing 777-300ER. Il piano include innovazioni dei prodotti, nuove divise e nuovi aerei.[3]

A settembre 2016, China Airlines ha ricevuto il suo primo Airbus A350-900 XWB. Mentre a giugno 2017, l'ultimo Airbus A340-300 è stato inviato a Victorville per il suo pensionamento.[3]

Nel 2017, China Airlines ha trasportato 19 milioni di passeggeri, con una crescita annua del 4,94%.[2]

Ad aprile 2018, la China Aviation Development Foundation è la maggior azionista della società con il 34,13% delle azioni totali.[2]

AmministrazioneModifica

 
CAL Park, la sede di China Airlines

China Airlines ha il suo quartier generale a CAL Park (cinese: 華航 園區; pinyin: Huáháng Yuánqū), sulla base di Taiwan Taoyuan International Airport nel distretto di Dayuan, nella contea di Taoyuan. Il parco CAL, situato all'ingresso dell'aeroporto, forma una linea retta con il Terminal 1, il Terminal 2 e il futuro Terminal 3[6]. In precedenza, China Airlines, aveva il suo quartier generale e le sue strutture sul lato est dell'aeroporto di Taipei Songshan, nel China Airlines Building sulla Nanjing E. Road[7]. Le funzioni sono state consolidate a seguito del completamento di CAL Park e la filiale della compagnia aerea di Taipei rimane nel China Airlines Building nel centro di Taipei[8].

DestinazioniModifica

China Airlines, ad aprile 2019, serve 161 destinazioni in 29 paesi: 17 in Europa, 91 in Asia, 47 nelle Americhe e 6 in Oceania.[1]

L'hub della compagnia è situato all'Aeroporto di Taipei-Taoyuan.

AmericaModifica

AsiaModifica

EuropaModifica

OceaniaModifica

FlottaModifica

 
Un Boeing 737-800 di China Airlines.
 
Un Airbus A350-900 di China Airlines.
 
Un Boeing 777-300ER di China Airlines

Ad aprile 2019 la flotta della China Airlines ha un'età media di 8,9 anni e comprende i seguenti velivoli:[1][9]

Flotta China Airlines
Aereo In Servizio Ordini Passeggeri Note
F J Y+ Y Totale
Airbus A330-300 23 36

30

277

277

313

307

AVOD in-flight entertainment e Wi-Fi.

B-18311 in livrea SkyTeam.

Airbus A350-900 XWB 14 32 31 243 306 AVOD in-flight entertainment e Wi-Fi.

Entrata in servizio: settembre 2016.[10]

B-18918 in livrea carbon fibre/Airbus.

Rimpiazzano gli Airbus A340-300.

Boeing 737-800 19 8 150 158 B-18657 in livrea "Buddy Bears".
Boeing 747-400 4 12 49 314 375 AVOD in-flight entertainment e Wi-Fi.

B-18211 in livrea SkyTeam.

Boeing 777-300ER 10 40 62 256 358 AVOD in-flight entertainment e Wi-Fi.

Entrata in servizio: settembre 2014[11]

B-18007 in livrea Boeing.

Rimpiazzano i Boeing 747-400.

Flotta Cargo China Airlines
Boeing 747-400F 18 Cargo
Totale 88 0

Il 22 ottobre 2018 è stato consegnato il 14° Airbus A350-900 XWB, per la quale la compagnia ha un'opzione per ulteriori 6 velivoli. La decisione di trasferire le opzioni a ordini fissi si baserà sulle prestazioni dell'aeromobile sulle rotte non-stop europee.[12][13]

Per quanto riguarda la flotta a corpo stretto, la China Airlines aveva preso in considerazione l'idea di un ordine che potesse riguardare dei nuovi Boeing 737 MAX o degli Airbus A320neo. Tuttavia, a causa dei drastici cambiamenti del mercato, tra cui il calo dei visitatori della Cina continentale e l'eccesso di offerta nei mercati giapponesi tale idea è stata scartata. Pertanto, per il breve termine, la compagnia ha deciso di affittare dei nuovi Boeing 737-800.

Flotta storicaModifica

 
Un Airbus A340-300 di China Airlines.
 
Un Boeing 727 di China Airlines.
 
Un McDonnell Douglas MD-11 di China Airlines.

Nel corso degli anni China Airlines ha operato con i seguenti modelli di aeromobili:[14][15]

Flotta storica di China Airlines
Aereo Introduzione Ritiro Note
Airbus A300B4-200 1982 2005
Airbus A300-600R 1989 2007 Ceduti alla Air Atlanta Icelandic.
Airbus A320-200 1994 1997 In leasing da AFS.
Airbus A330-300 2004
Airbus A340-300 2001 2018 B-18851 ceduto alla Mandarin Airlines.
Boeing 707 1969 1985
Boeing 727 1967 1982
Boeing 737-200 1976 1997 Ceduti alla Transmile Air Services.
Boeing 737-400 1996 1999 In leasing da GECAS e BouAS.
Boeing 737-800 1998
Boeing 747-100 1976 1984 B-1868 ceduto alla Pan Am.
Boeing 747-200 1980 2004 Tre aerei sono stati convertiti in cargo dopo il ritiro.

Ceduti alla Kalitta Air.

Boeing 747-200F 1985 1991 B-198 è precipitato poco dopo il decollo da Taipei.
Boeing 747-200SF 1992 2002 Cinque aerei erano in leasing ad Atlas Air.
Boeing 747-400 1990
Boeing 747-400F 2000
Boeing 747SP 1977 1999 Due ceduti alla Mandarin Airlines e due ceduti alla Air Gulf Falcon.
Boeing 767-200 1983 1989 Ceduti alla Air New Zealand.
McDonnell Douglas MD-11 1992 2001 Ceduti alla FedEx.
PBY Catalina 1959 1966 Primo aereo di China Airlines, proveniente da ROC Air Force.

Accordi commercialiModifica

Ad aprile 2019 China Airlines ha siglato accordi di code sharing con le seguenti compagnie aeree:[16]


AlleanzeModifica

Il 28 settembre 2011 China Airlines è entrata a far parte di Skyteam.[5]

Principali incidentiModifica

19 febbraio 1985, il volo China Airlines 006, operato con un Boeing 747 tra Taipei e Los Angeles si capovolse sopra all'oceano Pacifico a causa della stanchezza dei piloti e di un'avaria ad uno dei motori. Fortunatamente riuscirono a riprendere il controllo ed effettuare un atterraggio d'emergenza a San Francisco, senza vittime tra i 251 passeggeri e i 23 membri dell'equipaggio.

26 aprile 1994, il volo China Airlines 140, operato con un Airbus A300, in volo da Taipei a Nagoya si schiantò contro una montagna durante l'avvicinamento. Delle 271 persone a bordo, solo 7 sopravvissero. Lo schianto contro la montagna fu causato da un errore umano, dopo che il copilota spinse per errore al massimo le manette.

16 febbraio 1998, il volo China Airlines 676, tra Bali e Taipei, si schiantò durante l'atterraggio a causa delle pessime condizioni meteo e di ripetuti errori dei piloti. Morirono 202 persone incluse 6 persone a terra. A bordo dell'Airbus A300 non vi furono sopravvissuti.

25 maggio 2002, il volo China Airlines 611 tra Taipei e Hong Kong si disintegrò sullo stretto di Taiwan a causa di un cedimento strutturale causato a sua volta da fatica del metallo. Il Boeing 747 che operava il volo aveva avuto un tailstrike nel 1980 che non fu riparato adeguatamente secondo le indicazioni dalla Boeing. Morirono tutte le 225 le persone a bordo.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f (IT) china-airlines.com "Informazioni su China Airlines" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  2. ^ a b c d (EN) china-airlines.com, "China Airlines Annual Report 2017" . Estratto il 22 aprile 2019.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) china-airlines.com, "Storia della China Airlines" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  4. ^ (EN) bloomberg.com, "Dynasty Holiday Company" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  5. ^ a b (IT) skyteam.com, "China Airlines entra in SkyTeam" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  6. ^ China Airlines Inaugurates CAL Park at Taoyuan Airport, su china-airlines.com, 14 ottobre 2013. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).
  7. ^ China Airlines, su china-airlines.com, 6 marzo 2009. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2009).
  8. ^ (EN) 01 Branch Office. URL consultato il 4 aprile 2018.
  9. ^ (EN) China Airlines Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 4 aprile 2018.
  10. ^ (EN) china-airlines.com, "China Airlines first A350-900" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  11. ^ (EN) boeing.com, "China Airlines first B777-300ER" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  12. ^ (EN) china-airlines.com, "Consegnato l'ultimo A350 alla China Airlines" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  13. ^ (CH) news.ltn.com, "China Airlines opziona A350-900" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  14. ^ China Airlines Fleet | Airfleets aviation, su www.airfleets.net. URL consultato il 4 aprile 2018.
  15. ^ (EN) planespotters.net, "Flotta storica China Airlines" . URL consultato il 22 aprile 2019.
  16. ^ (EN) 20 Skyteam Partners. URL consultato il 4 aprile 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica