Apri il menu principale

Maurizio Pellegrino

allenatore di calcio e calciatore italiano
Maurizio Pellegrino
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1999 - giocatore
Carriera
Giovanili
Siracusa
Squadre di club1
1982-1983 Siracusa 0 (0)
1983-1985 Catanzaro 2 (1)
1985-1986 Carbonia 0 (0)
1986-1989 Catanzaro 17 (0)
1989-1991 Francavilla 60 (4)
1991-1993 Vis Pesaro 58 (4)
1994-1997 Catania 83 (5)[1]
1997-1999 Viterbese 34 (1)
Carriera da allenatore
1999-2001 Viterbese Vice
2001-2003 Catania
2003-2004 Paternò
2004-2005 Lanciano
2005-2006 Padova
2007-2008 Martina
2009 Lecco
2009-2010 Cassino
2011 Südtirol
2011-2012 Lecco
2014 Catania
2014-2015 Catania
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 gennaio 2015

Maurizio Pellegrino (Siracusa, 1º marzo 1966) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Ha militato in Serie B con il Catanzaro e con il Catania, e, successivamente, allenando quest'ultima squadra in Serie A.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Inizia nel 1982 con il Siracusa. Nel 1983 passa al Catanzaro dove farà ritorno nel 1986 dopo essere stato ceduto per un anno al Carbonia in Serie C2. Nel 1989 veste la maglia del Francavilla e nel 1991 quella della Vis Pesaro. Nel 1994 approda al Catania mentre nel 1997 giunge alla Viterbese dove nel 1999 termina la carriera da calciatore per cominciare quella da allenatore.

In carriera ha totalizzato complessivamente 7 presenze ed una rete in Serie B, tutte con la maglia del Catanzaro.

AllenatoreModifica

ViterbeseModifica

Inizia ad allenare come vice nella Viterbese. Nella stagione 2001-2002 subentra, assieme a Francesco Graziani, sulla panchina del Catania (Serie C1, girone B) nelle ultime 2 partite (1 vittoria e 1 sconfitta), piazzandosi al 3º posto ed ottenendo la promozione in Serie B dopo i play-off e lo spareggio finale vinto contro il Taranto. Nel Catania l'anno precedente è stato responsabile anche del settore giovanile e coordinatore dell'Area Tecnica

Catania e PaternòModifica

L'anno successivo (2002-2003) prosegue l'esperienza a Catania, insieme a Graziani, in Serie B, ma arriva l'esonero dopo 12 giornate (3 vittorie, 3 pareggi e 6 sconfitte), in una stagione tribolata che vede i siciliani cambiare altri 3 allenatori (Reja, Toshack e Guerini), con un 17º posto finale che significa retrocessione, rimediata dal successivo ripescaggio.

Nel 2003-2004 allena il Paternò (Serie C1), che si classifica al 16º posto (8 vittorie, 8 pareggi e 18 sconfitte), ma retrocede dopo i play-out.

Lanciano e PadovaModifica

Nella stagione 2004-2005 passa al Lanciano sempre in Serie C1, piazzandosi in 7ª posizione (12 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte) Gli viene assegnato il premio A.I.A.C della Sicilia.

Nel 2005-2006 si trasferisce a Padova (Serie C1), alla 23ª giornata il Padova è dentro di 8 punti nella zona Play-Off e, grazie al collaudato 4-1-4-1 di Mister Pellegrino, sta esprimendo un calcio spettacolare; nei mesi successivi a causa di infortuni e di giocatori sottotono il Padova perde terreno ottenendo il 9º posto (11 vittorie, 14 pareggi e 9 sconfitte). Viene poi premiato miglior allenatore dell'anno in Serie C1.

L'anno successivo 2006-2007 inizia ancora a Padova (Serie C1), ma viene esonerato dopo 16 giornate (5 vittorie, 4 pareggi e 7 sconfitte). Al suo posto arriva Andrea Mandorlini. I veneti, al termine del campionato, si piazzano al 7º posto.

MartinaModifica

Nel 2007-2008 inizia sulla panchina del Martina (C1-B), ma ci sono le sue dimissioni, stavolta dopo sole 8 giornate (4 pareggi e 4 sconfitte). I pugliesi arriveranno poi al 18º posto, retrocedendo in Serie C2.

Lecco, Cassino e SudtirolModifica

Nel 2008-2009 subentra sulla panchina del Lecco (Lega Pro Prima Divisione, girone A), arrivando in 15ª posizione ed ottenendo un'ottima salvezza dopo i play-out con la Sambenedettese. Ancora un premio come miglior allenatore in C1 agli oscar del calcio siciliano. Il 30 giugno 2009 diventa il nuovo allenatore del Cassino in Seconda Divisione[2], ma il 1º febbraio 2010 viene sollevato dall'incarico[3] mentre il 1º marzo viene richiamato al posto di Stefano Sanderra[4]. Il 21 marzo 2011 diventa il nuovo allenatore del Südtirol-Alto Adige in Prima Divisione e retrocede dopo una grande rimonta in classifica nei play out contro il Ravenna ed un incredibile finale con Pellegrino espulso.[5] Nella stagione successiva il suo posto viene preso da Giovanni Stroppa.[6]

Ritorno al Lecco e al CataniaModifica

Il 4 ottobre torna a sedere sulla panchina del Lecco in Seconda Divisione, squadra che aveva già guidato nel 2009.[7] Il 17 gennaio 2012 con il Lecco ultimo in classifica (13 punti in 21 giornate), rassegna le dimissioni.

Il 6 aprile 2014 viene chiamato dal presidente Pulvirenti sulla panchina del Catania, ultimo in classifica in Serie A, per sostituire l'esonerato Rolando Maran.[8] Debutta il 13 aprile nella sfida contro il Milan persa dai siciliani 1-0.[9] Ottiene la sua prima vittoria il 19 aprile nella partita contro la Sampdoria vinta in casa 2-1.[10] Il 4 maggio vince per la seconda volta consecutiva in casa contro la Roma, seconda in classifica, per 4-1.[11] L'11 maggio pur vincendo 2-1 a Bologna il Catania retrocede.

Il 18 maggio 2014, dopo la vittoria per 2-1 del Catania contro l'Atalanta, Pellegrino viene confermato dalla società anche per la stagione successiva in Serie B, dato che il suo bilancio è ottimo (12 punti in 6 partite).[12] Il 14 settembre 2014, è esonerato dopo la terza giornata, in seguito alla sconfitta subita a Perugia per 1-0, la seconda in 3 partite di campionato. Gli subentra Giuseppe Sannino[13], che poi si dimette il successivo 19 dicembre cedendo nuovamente la panchina a Pellegrino[14]. Il 3 gennaio 2015 viene sollevato dall'incarico e sostituito da Dario Marcolin[15].

DirigenteModifica

Nel 2010 si trasferisce in Romania al Bihor Oradea con la carica di Direttore Tecnico e docente in corsi di aggiornamento.

Nel settembre del 2013, diventa coordinatore degli allenatori del settore giovanile del Catania.[16] Il 14 settembre 2014[13] e il 3 gennaio 2015[15], in seguito agli esoneri dall'incarico di allenatore della prima squadra, torna a ricoprire il ruolo di responsabile del settore giovanile degli etnei fino al 30 giugno 2015, data della scadenza del contratto.

StatisticheModifica

Statistiche da allenatoreModifica

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie
2001-2002   Catania Serie C1 Sub., 3º, prom. 6 3 1 2 50,00
2002-2003 Serie B Sub., sost. 12 3 3 6 25,00
2003-2004   Paternò Serie C1 16º, retr. 36 8 9 19 22,22
2004-2005   Lanciano Serie C1 34 12 10 12 35,29
2005-2006   Padova Serie C1 34 11 14 9 32,35
2006-2007 Serie C1 sost. 16 5 4 7 31,25
2007-2008   Martina Serie C1 sost. 8 0 4 4 &&0,00
2008-2009   Lecco LP1D 15º 36 8 15 13 22,22
2009-2010   Cassino LP2D sost., sub., 7º 31 12 9 10 38,71
2010-2011   Südtirol LP1D sub., 16º, retr. 9 2 1 6 22,22
2011-2012   Lecco LP1D sub., sost. 16 2 5 9 12,50
2013-2014   Catania Serie A Sub., 18º, retr. 6 4 0 2 66,67
2014-2015 Serie B Sost., sub. 3 0 1 2 &&0,00
Totale 247 70 76 101 28,34

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

Competizioni nazionaliModifica

Catanzaro: 1986-1987
Vis Pesaro: 1991-1992
Viterbese: 1998-1999
Catania: 1994-1995

NoteModifica

  1. ^ 28 (4) nella stagione 1994-1995 - Fonte: Almanacco illustrato del Calcio 1996
  2. ^ Maurizio Pellegrino è il nuovo tecnico[collegamento interrotto] sscassino.net
  3. ^ UFFICIALE: Cassino, esonerato Pellegrino tuttomercatoweb.com
  4. ^ UFFICIALE: Cassino, esonerato Sanderra. Torna Pellegrino tuttomercatoweb.com
  5. ^ UFFICIALE: Suedtirol, Pellegrino è il nuovo tecnico tuttomercatoweb.com
  6. ^ Ora c'è anche la firma: Giovanni Stroppa è la nuova guida dell'FC Sudtirol Archiviato l'11 dicembre 2011 in Internet Archive. altoadigesport.it
  7. ^ Via la coppia Delpiano-Magni ecco Pellegrino Archiviato l'11 dicembre 2011 in Internet Archive. aclecco.it
  8. ^ Rolando Maran sollevato dall'incarico. Maurizio Pellegrino è il nuovo allenatore della prima squadra Archiviato il 10 aprile 2014 in Internet Archive. ilcalciocatania.it
  9. ^ Stagione 2013-14 - 33ª Giornata Archiviato il 14 aprile 2014 in Internet Archive. legaseriea.it
  10. ^ Stagione 2013-14 - 34ª Giornata legaseriea.it
  11. ^ Stagione 2013-14 - 36ª Giornata legaseriea.it
  12. ^ Catania, Pellegrino confermato: Crediamo in lui repubblica.it
  13. ^ a b Serie B, il Catania esonera Pellegrino: arriva Sannino, sport.sky.it, 14 settembre 2014. URL consultato il 7 gennaio 2015.
  14. ^ Giuseppe Sannino rassegna le dimissioni, Maurizio Pellegrino alla guida della prima squadra, su Calcio Catania, 19 dicembre 2014. URL consultato il 19 dicembre 2014.
  15. ^ a b Dario Marcolin alla guida del Catania, Maurizio Pellegrino torna a dirigere il Settore Giovanile, calciocatania.it. URL consultato il 3 gennaio 2015.
  16. ^ Catania e Cagliari, Maran e Lopez esonerati: in Sicilia arriva Pellegrino gazzetta.it

BibliografiaModifica

  • Almanacco illustrato del Calcio, 1988 e 1996.

Collegamenti esterniModifica