Serie B 2002-2003

71ª edizione del secondo livello del campionato italiano di calcio a girone unico
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Serie B 2002-2003 (disambigua).

La Serie B 2002-2003 è stata la 71ª edizione del secondo livello del campionato italiano di calcio a girone unico, disputata tra il 14 settembre 2002 e il 7 giugno 2003 e conclusa con la vittoria del Siena, al suo primo titolo.

Serie B 2002-2003
Serie B TIM 2002-2003
Competizione Serie B
Sport Calcio
Edizione 71ª
Organizzatore Lega Calcio
Date dal 14 settembre 2002
al 7 giugno 2003
Luogo Bandiera dell'Italia Italia
Partecipanti 20
Formula girone unico
Risultati
Vincitore Siena
(1º titolo)
Altre promozioni Sampdoria
Lecce
Ancona
Retrocessioni (le squadre scritte in corsivo sono poi state riammesse)
Catania
Genoa
Cosenza
Salernitana
Statistiche
Miglior marcatore Bandiera dell'Italia Igor Protti (23)
Incontri disputati 380
Gol segnati 961 (2,53 per incontro)
Cronologia della competizione

Capocannoniere del torneo è stato Igor Protti (Livorno) con 23 reti.

Stagione

modifica

Novità

modifica

In ragione del fallimento occorso alla Fiorentina — retrocessa dalla Serie A ma ulteriormente declassata in C2 per il dissesto finanziario —[1] e dichiarato ufficialmente il 1º agosto 2002[1], la Ternana fu ripescata tra i cadetti dopo la caduta in terza serie conosciuta sul campo pochi mesi addietro.[1][2]

Il mancato raggiungimento di un accordo tra la Lega e le televisioni circa i diritti di trasmissione comportò il rinvio delle prime due giornate[3], col torneo partito quindi il 14 settembre.[4]

Avvenimenti

modifica
 
Rodrigo Taddei, neoacquisto del Siena e tra i protagonisti della prima, storica promozione senese in Serie A.

Un «testa a testa» tra Sampdoria e Lecce contraddistinse le battute embrionali[5][6], a fronte di animi opposti per l'altro versante della Lanterna[7]: mentre le pur quotate Verona e Napoli abitarono a propria volta i bassifondi[8][9], destarono interesse il rendimento dei summenzionati umbri e soprattutto di una Triestina impossessatasi del comando in dicembre.[10][11]

Con l'asse Cagliari-Palermo a reggere l'orgoglio di un meridione la cui gran parte delle rappresentanti fu altrimenti confinata alla zona-salvezza[12], lievi risultarono gli acuti provenienti dal Veneto.[13] La prima posizione, occupata al giro di boa dai giuliani che incamerarono in tal modo il riconoscimento d'inverno[14][15], divenne in seguito terreno di caccia per anconetani e blucerchiati[16]: un calo in fatto di risultati precipitò contestualmente i salentini a ridosso del vertice[17], traguardo già ambito dal brillante Siena e dai rosanero.[18][19]

Del rallentamento conosciuto dagli alabardati nella fase conclusiva beneficiò la squadra doriana[20], matematicamente riaffacciatasi in A dopo un quadriennio il 17 maggio 2003[21]: un ulteriore verdetto emesso con largo anticipo riguardò il getto della spugna da parte della Salernitana[22], coi senesi — loro malgrado protagonisti di una vicenda che avrebbe finito per intaccare la classifica —[23] capaci di cogliere una storica promozione a 180' dal termine.[24] Il trionfo bianconero si consumò sul terreno di un derelitto Genoa, sprofondato in C1 al culmine di un'annata sofferta: il Grifone accompagnò nella discesa i succitati granata e il Cosenza, il cui avvenire fu posto in dubbio dalla grave situazione economica.[25]

Un torneo senza eccessivi assilli garantì la permanenza ad Ascoli e Livorno[26], quest'ultima distintasi per la presenza in organico del cannoniere Igor Protti[27]: il 7 giugno 2003 festeggiarono l'approdo in massima serie anche Lecce — prevalso a danno di un Palermo che nutriva speranze residue per l'aggancio al treno —[28] e Ancona, coi marchigiani che ottennero proprio in terra labronica il punto decisivo.[29] A definire la classifica occorse quindi la retrocessione del Catania[30], circostanza da ritenersi tuttavia sub iudice in ragione degli accadimenti che sconvolsero l'esito del campo.[31]

  Lo stesso argomento in dettaglio: Caso Catania.

Un reclamo sporto dagli etnei circa lo schieramento di Luigi Martinelli — del quale veniva ritenuta irregolare la posizione per un provvedimento di squalifica a suo carico —[32] da parte del Siena nella gara del 12 aprile era stato infatti respinto dalla Commissione Disciplinare, omologando la situazione di parità maturata sul rettangolo erboso a scapito della vittoria a tavolino richiesta dai siciliani[32]: sul verdetto si era poi pronunciata la Commissione d'Appello Federale, assegnando il 2-0 in favore dei rosazzurri.[32] Il ricorso toscano era stato quindi accolto dalla Corte Federale, riportando in auge la sentenza di primo grado[32]: rivolgendosi al TAR locale i catanesi conobbero la restituzione del successo[32], col definitivo giudizio spettante però al CONI.[32]

La domanda sottoposta dalla FIGC al Consiglio di giustizia siciliano — e volta a riconoscere come ufficiale la sentenza della Corte Federale —[33] incorse nella bocciatura, col punteggio della gara in questione tramutato nella sconfitta senese[34]: i punti oggetto del dibattito avrebbero infatti comportato la salvezza per il Catania, decretando di conseguenza uno spareggio tra Venezia e Napoli (quintultime a pari merito) al fine di sancire l'ultima condanna.[34] L'ipotesi, già osteggiata da lagunari e partenopei in quanto formalmente estranea al regolamento[35], decadette il 30 giugno essendo occorso il termine ufficiale dell'annata agonistica[36]: l'ente regionale procedette pertanto alla riammissione della squadra in B, ora estesa a 21 partecipanti per effetto di tale ripescaggio.[36]

I conseguenti appelli presentati da altre società ai TAR competenti sfociarono in una lunga bagarre, risoltasi solamente nell'agosto 2003 con la decisione da parte della FIGC di congelare le retrocessioni[37]: il torneo successivo si svolse così con 24 squadre, registrando peraltro l'ammissione della Fiorentina in luogo del Cosenza dichiarato fallito.[38]

Squadre partecipanti

modifica
Club Rosa Città Stadio Stagione precedente
Ancona dettagli Ancona Stadio Del Conero 8º posto in Serie B
Ascoli dettagli Ascoli Piceno Stadio Cino e Lillo Del Duca 1º posto in Serie C1/B, promosso
Bari dettagli Bari Stadio San Nicola 6º posto in Serie B
Cagliari dettagli Cagliari Stadio Sant'Elia 12º posto in Serie B
Catania dettagli Catania Stadio Angelo Massimino 3º posto in Serie C1/B, promosso dopo i play-off
Cosenza dettagli Cosenza Stadio San Vito 12º posto in Serie B
Genoa dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 12º posto in Serie B
Lecce dettagli Lecce Stadio Via del Mare 16º posto in Serie A, retrocesso
Livorno dettagli Livorno Stadio Armando Picchi 1º posto in Serie C1/A, promosso
Messina dettagli Messina Stadio Giovanni Celeste 12º posto in Serie B
Napoli dettagli Napoli Stadio San Paolo 5º posto in Serie B
Palermo dettagli Palermo Stadio Renzo Barbera 10º posto in Serie B
Salernitana dettagli Salerno Stadio Arechi 6º posto in Serie B
Sampdoria dettagli Genova Stadio Luigi Ferraris 10º posto in Serie B
Siena dettagli Siena Stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena 12º posto in Serie B
Ternana dettagli Terni Stadio Libero Liberati 17º posto in Serie B, ripescata
Triestina dettagli Trieste Stadio Nereo Rocco 5º posto in Serie C1/A, promosso dopo i play-off
Venezia dettagli Venezia Stadio Pierluigi Penzo 18º posto in Serie A, retrocesso
Verona dettagli Verona Stadio Marcantonio Bentegodi 15º posto in Serie A, retrocesso
Vicenza dettagli Vicenza Stadio Romeo Menti 9º posto in Serie B

Allenatori e primatisti

modifica
Squadra Allenatore Calciatore più presente Cannoniere
Ancona   Luigi Simoni   Mattia Graffiedi,
  Alessio Scarpi (37)
  Maurizio Ganz (11)
Ascoli   Giuseppe Pillon   Sebastián Cejas (35)   Salvatore Bruno (10)
Bari[39]   Attilio Perotti (1ª)
  Marco Tardelli (2ª)
  Attilio Perotti (3ª-17ª)
  Marco Tardelli (18ª-38ª)
  Gaetano De Rosa,
  Duccio Innocenti (34)
  Gionatha Spinesi (16)
Cagliari   Gian Piero Ventura   Mauro Esposito,
  Armando Pantanelli (37)
  Mauro Esposito (11)
Catania[40][41][42][43]   Francesco Graziani e   Maurizio Pellegrino (1ª)
  John Toshack (2ª)
  Francesco Graziani e   Maurizio Pellegrino (3ª-10ª)
  Francesco Graziani (11ª)
  John Toshack (12ª-20ª)
  Edoardo Reja (21ª-29ª)
  Vincenzo Guerini (30ª-38ª)
    Luís Oliveira (36)     Luís Oliveira (13)
Cosenza[44][45][46]   Antonio Sala (1ª)
  Emiliano Mondonico (2ª)
  Antonio Sala (3ª-13ª)
  Emiliano Mondonico (14ª-22ª)
  Sandro Salvioni (23ª-29ª)
  Antonio Sala (30ª-38ª)
  Mark Edusei,
  Stefano Guidoni (35)
  Stefano Guidoni (8)
Genoa[47][48]   Rino Lavezzini e   Vincenzo Torrente (1ª-2ª)
  Claudio Onofri (3ª-4ª)
  Vincenzo Torrente (5ª-8ª)
  Rino Lavezzini e   Vincenzo Torrente (9ª-38ª)
  Pierluigi Brivio (35)   Adrian Mihalcea (8)
Lecce   Delio Rossi   Generoso Rossi (37)   Ernesto Chevantón (15)
Livorno   Roberto Donadoni   Igor Protti (37)   Igor Protti (23)
Messina[49]   Francesco Oddo (1ª-32ª)
  Bruno Bolchi (33ª-38ª)
  Daniele Portanova (34)   Riccardo Zampagna (17)
Napoli[50][51]   Franco Colomba (1ª)
  Franco Scoglio (2ª)
  Franco Colomba (3ª-16ª)
  Sergio Buso (17ª)
  Franco Scoglio (18ª-25ª)
  Franco Colomba (26ª-38ª)
  Antonio Bocchetti (35)   Davide Dionigi (19)
Palermo[52][53]   Daniele Arrigoni (1ª-2ª)
  Ezio Glerean (3ª)
  Daniele Arrigoni (4ª-22ª)
  Nedo Sonetti (23ª-38ª)
  Stefano Morrone (35)   Filippo Maniero (13)
Salernitana[54]     Zdeněk Zeman (1ª)
  Franco Varrella (2ª)
    Zdeněk Zeman (3ª-17ª)
  Franco Varrella (18ª-38ª)
  Antonio Maschio (31)   Eddy Baggio (6)
Sampdoria   Walter Novellino   Fabio Bazzani,
  Alessandro Grandoni (37)
  Fabio Bazzani (16)
Siena   Giuseppe Papadopulo   Marco Fortin,
  Michele Mignani (37)
  Simone Tiribocchi (16)
Ternana   Mario Beretta   Massimo Borgobello,
  Davide Nicola (37)
  Massimo Borgobello (18)
Triestina   Ezio Rossi   Dino Fava Passaro (38)   Dino Fava Passaro (22)
Venezia   Gianfranco Bellotto   Paolo Poggi (36)   Enrico Fantini,
  Paolo Poggi (8)
Verona   Alberto Malesani   Gianluca Pegolo (37)   Marco Cassetti (7)
Vicenza   Andrea Mandorlini   Michele Marcolini (36)   Stefan Schwoch (19)

Classifica finale

modifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Siena 67 38 17 16 5 46 26 +20
  2. Sampdoria 67 38 17 16 5 53 31 +22
  3. Lecce 63 38 15 18 5 46 33 +13
  4. Ancona 61 38 16 13 9 53 40 +13
5. Triestina 58 38 16 10 12 54 46 +8
6. Palermo 58 38 15 13 10 45 42 +3
7. Ternana 55 38 14 13 11 45 37 +8
8. Vicenza 54 38 13 15 10 55 50 +5
9. Cagliari 54 38 14 12 12 47 46 +1
10. Livorno 49 38 12 13 13 48 43 +5
11. Bari 49 38 10 19 9 38 37 +1
12. Ascoli 48 38 13 9 16 46 52 -6
13. Venezia 48 38 12 12 14 41 47 -6
14. Verona 46 38 10 16 12 42 42 0
15. Messina 46 38 10 16 12 51 54 -3
16. Napoli 45 38 10 15 13 42 49 -7
  17. Catania 43 38 12 7 19 45 60 -15
  18. Genoa 39 38 9 12 17 47 51 -4
  19. Cosenza 36 38 10 6 22 29 52 -23
  20. Salernitana 23 38 4 11 23 28 63 -35

Legenda:

      Promosso in Serie A 2003-2004.
      Retrocesso in Serie C1 2003-2004.

Regolamento:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito viene considerata la classifica avulsa.

Note:

Catania poi riammesso in Serie B 2003-2004 su ordinanza del TAR di Catania.
Genoa riammesso in Serie B 2003-2004 su delibera della FIGC per i postumi del Caso Catania.
Salernitana riammessa in Serie B 2003-2004 su delibera della FIGC per i postumi del Caso Catania.

Squadra campione

modifica
  Lo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Siena 2002-2003.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
  Marco Fortin (37)
  Luigi Martinelli (28)
  Davide Mandelli (33)
  Michele Mignani (37)
  Ruggero Radice (34)
  Andrea Ardito (32)
  Massimo Brambilla (34)
  Luca Cavallo (32)
  Pinga (34)
  Stefano Ghirardello (23)
  Simone Tiribocchi (34)
Allenatore:   Giuseppe Papadopulo
Altri giocatori: Vincenzo Riccio (30), Raffaele Rubino (28), Rodrigo Taddei (26), Christian Scalzo (25), Daniele Martinelli (12), Alessandro Agostini (11), Ghislain Akassou (10), Francesco Carbone (8), Stefano Argilli (6), Simone Bonomi (5), Mohammed Aliyu Datti (4), Luca Belingheri (3), Giuseppe Taglialatela (1).

Risultati

modifica

Tabellone

modifica
Anc Asc Bar Cag Cat Cos Gen Lec Liv Mes Nap Pal Sal Sam Sie Ter Tri Ven Ver Vic
Ancona –––– 1-1 1-2 2-1 2-0 1-0 1-0 1-3 1-0 2-1 3-2 4-2 3-1 1-1 1-1 1-1 3-0 2-1 1-1 3-1
Ascoli 1-0 –––– 3-2 1-1 2-1 3-0 1-1 1-0 2-1 1-0 4-0 1-2 3-0 0-0 2-1 2-0 2-2 1-2 0-0 1-4
Bari 0-0 2-0 –––– 0-0 2-1 1-0 2-1 1-1 0-3 1-0 0-1 0-1 1-1 1-1 0-0 2-1 0-0 0-1 1-1 1-1
Cagliari 2-1 1-0 1-0 –––– 1-2 3-0 1-0 1-1 1-1 0-2 2-2 2-2 2-0 1-0 2-3 1-1 2-0 1-0 2-1 3-0
Catania 0-0 1-1 1-0 2-1 –––– 0-2 3-2 2-1 3-2 1-1 0-2 2-0 2-1 0-0 2-0 3-1 1-2 0-2 2-1 2-1
Cosenza 0-0 1-0 0-2 1-1 3-1 –––– 2-1 1-2 0-2 3-3 1-0 1-2 0-0 1-3 0-0 0-3 1-0 1-2 0-1 2-1
Genoa 4-2 1-2 0-0 1-3 2-0 3-0 –––– 0-0 3-1 1-1 3-1 1-1 3-0 0-2 1-3 1-0 2-2 0-0 2-2 0-2
Lecce 2-1 2-1 1-0 1-1 1-0 0-0 2-1 –––– 1-0 1-1 1-1 3-0 2-1 1-0 1-1 0-0 1-1 3-1 1-1 1-1
Livorno 1-1 2-0 2-2 1-0 2-1 4-2 2-0 1-2 –––– 4-1 1-1 2-2 0-0 1-1 1-1 1-2 2-0 2-1 1-1 2-2
Messina 1-1 3-2 2-2 2-2 3-3 1-0 2-1 0-2 2-1 –––– 1-1 2-1 2-0 3-3 0-0 2-2 2-2 1-1 2-1 3-1
Napoli 1-1 2-0 1-1 2-0 1-0 1-2 2-2 1-1 0-1 1-0 –––– 0-0 2-1 1-1 1-2 1-0 2-1 1-1 0-0 2-1
Palermo 0-1 2-2 2-2 1-1 3-3 1-0 0-0 2-0 1-0 2-1 2-1 –––– 1-1 0-0 1-0 2-1 1-0 0-2 2-0 1-0
Salernitana 0-2 1-2 1-2 1-2 0-0 1-2 2-2 2-1 2-1 0-0 2-0 3-1 –––– 0-1 1-1 0-3 2-2 1-1 1-3 0-1
Sampdoria 2-1 3-0 1-1 3-1 1-0 2-1 2-1 4-2 2-0 1-1 2-0 1-0 1-0 –––– 0-0 1-2 1-1 4-0 3-2 0-0
Siena 0-0 4-0 1-1 1-0 4-3 1-0 2-1 0-0 2-0 1-0 2-0 2-1 3-0 1-0 –––– 0-1 1-0 0-0 0-0 0-0
Ternana 1-0 2-1 2-1 0-1 3-1 1-0 1-3 0-0 1-1 1-0 1-1 0-0 4-0 1-1 1-1 –––– 1-2 1-1 1-0 1-1
Triestina 3-2 3-1 1-2 3-0 4-0 1-0 1-0 0-1 1-0 2-1 2-1 2-1 2-0 2-2 2-1 4-3 –––– 1-2 3-1 1-1
Venezia 2-4 1-1 1-1 3-0 2-1 0-2 0-1 2-2 1-1 0-2 2-1 0-2 1-0 3-1 1-3 0-0 1-0 –––– 1-1 1-2
Verona 0-1 1-0 1-1 1-1 2-0 1-0 2-2 1-1 0-1 4-1 2-2 0-0 2-0 0-0 1-2 0-1 1-0 1-0 –––– 4-2
Vicenza 1-1 2-1 1-1 4-2 2-1 3-0 1-0 1-1 0-0 2-1 3-3 1-3 2-2 1-2 1-1 1-0 1-1 2-1 4-1 ––––

Calendario

modifica
Andata (1ª)[55] 1ª giornata Ritorno (20ª)
5 nov. 1-1 Ancona-Verona 1-0 25 gen.
0-0 Bari-Triestina 2-1
1-0 Cagliari-Venezia 0-3
0-2 Catania-Napoli 0-1 27 gen.
1-2 Cosenza-Palermo 0-1 25 gen.
1-2 Salernitana-Ascoli 0-3 24 gen.
7 nov. 2-0 Sampdoria-Livorno 1-1 25 gen.
5 nov. 0-0 Siena-Lecce 1-1
1-0 Ternana-Messina 2-2
1-0 Vicenza-Genoa 2-0
Andata (2ª)[56] 2ª giornata Ritorno (21ª)
6 gen. 1-4 Ascoli-Vicenza 1-2 2 feb.
1-0 Genoa-Ternana 3-1
1-0 Lecce-Catania 1-2
1-0 Livorno-Cagliari 1-1
2-0 Messina-Salernitana 0-0
1-1 Napoli-Ancona 2-3
0-0 Palermo-Sampdoria 0-1
2-1 Triestina-Siena 0-1 3 feb.
1-1 Venezia-Bari 1-0 31 gen.
1-0 Verona-Cosenza 1-0 2 feb.


Andata (3ª) 3ª giornata Ritorno (22ª)
14 set. 4-2 Ancona-Palermo 1-0 9 feb.
2-0 Bari-Ascoli 2-3
2-2 Cagliari-Napoli 0-2
3-2 Catania-Genoa 0-2 7 feb.
2-1 Cosenza-Vicenza 0-3 9 feb.
0-3 Salernitana-Ternana 0-4
4-2 Sampdoria-Lecce 0-1 10 feb.
1-0 Siena-Messina 0-0 9 feb.
1-2 Triestina-Venezia 0-1
0-1 Verona-Livorno 1-1
Andata (4ª) 4ª giornata Ritorno (23ª)
21 set. 0-0 Ascoli-Sampdoria 0-3 23 feb.
0-0 Genoa-Bari 1-2
2-1 Lecce-Salernitana 1-2
2-0 Livorno-Triestina 0-1 24 feb.
3-3 Messina-Catania 1-1 23 feb.
1-2 Napoli-Cosenza 0-1
1-0 Palermo-Siena 1-2
0-1 Ternana-Cagliari 1-1
1-1 Venezia-Verona 0-1 21 feb.
1-1 Vicenza-Ancona 1-3 23 feb.


Andata (5ª) 5ª giornata Ritorno (24ª)
28 set. 1-1 Ancona-Ternana 0-1 28 feb.
0-1 Bari-Napoli 1-1 3 mar.
1-0 Cagliari-Genoa 3-1 2 mar.
0-2 Messina-Lecce 1-1
2-1 Salernitana-Livorno 0-0
2-1 Sampdoria-Cosenza 3-1
0-0 Siena-Vicenza 1-1
2-1 Triestina-Palermo 0-1
1-1 Venezia-Ascoli 2-1
2-0 Verona-Catania 1-2
Andata (6ª) 6ª giornata Ritorno (25ª)
5 ott. 1-0 Ascoli-Messina 2-3 9 mar.
0-0 Catania-Ancona 0-2
0-2 Cosenza-Bari 0-1
3-0 Genoa-Salernitana 2-2
3-1 Lecce-Venezia 2-2
1-1 Napoli-Sampdoria 0-2 10 mar.
1-0 Palermo-Livorno 2-2 9 mar.
1-0 Siena-Cagliari 3-2 7 mar.
1-0 Ternana-Verona 1-0 9 mar.
1-1 Vicenza-Triestina 1-1


Andata (7ª) 7ª giornata Ritorno (26ª)
13 ott. 1-1 Ancona-Siena 0-0 17 mar.
1-1 Bari-Lecce 0-1 16 mar.
1-0 Cagliari-Ascoli 1-1
1-2 Livorno-Ternana 1-1
3-1 Messina-Vicenza 1-2 14 mar.
3-1 Salernitana-Palermo 1-1 16 mar.
1-0 Sampdoria-Catania 0-0
1-0 Triestina-Cosenza 0-1
0-1 Venezia-Genoa 0-0
2-2 Verona-Napoli 0-0
Andata (8ª) 8ª giornata Ritorno (27ª)
19 ott. 1-1 Ancona-Sampdoria 1-2 23 mar.
2-1 Cagliari-Verona 1-1 24 mar.
2-1 Catania-Salernitana 0-0 23 mar.
1-0 Cosenza-Ascoli 0-3
1-1 Genoa-Messina 1-2 21 mar.
1-1 Lecce-Triestina 1-0 23 mar.
0-1 Napoli-Livorno 1-1
1-1 Siena-Bari 0-0
1-1 Ternana-Venezia 0-0
1-3 Vicenza-Palermo 0-1


Andata (9ª) 9ª giornata Ritorno (28ª)
26 ott. 2-0 Ascoli-Ternana 1-2 30 mar.
1-1 Bari-Sampdoria 1-1
0-0 Cosenza-Siena 0-1
0-0 Genoa-Lecce 1-2
2-1 Livorno-Venezia 1-1
2-1 Messina-Verona 1-4
1-1 Palermo-Cagliari 2-2
28 ott. 0-2 Salernitana-Ancona 1-3
26 ott. 4-0 Triestina-Catania 2-1
28 ott. 3-3 Vicenza-Napoli 1-2 31 mar.
Andata (10ª) 10ª giornata Ritorno (29ª)
2 nov. 2-1 Ancona-Messina 1-1 5 apr.
0-1 Bari-Palermo 2-2 4 apr.
1° nov. 1-1 Cagliari-Lecce 1-1 5 apr.
2 nov. 1-1 Catania-Ascoli 1-2
1° nov. 2-0 Livorno-Genoa 1-3
2 nov. 1-2 Napoli-Siena 0-2
1-1 Sampdoria-Triestina 2-2 7 apr.
1-0 Ternana-Cosenza 3-0 5 apr.
1-0 Venezia-Salernitana 1-1
4-2 Verona-Vicenza 1-4


Andata (11ª) 11ª giornata Ritorno (30ª)
10 nov. 0-0 Ascoli-Verona 0-1 12 apr.
1-1 Cosenza-Cagliari 0-3
3-1 Genoa-Napoli 2-2
0-0 Lecce-Ternana 0-0 14 apr.
2-1 Messina-Livorno 1-4 12 apr.
0-2 Palermo-Venezia 2-0
0-1 Salernitana-Sampdoria 0-1
11 nov. 4-3 Siena-Catania[57] 0-2
10 nov. 3-2 Triestina-Ancona 0-3
9 nov. 1-1 Vicenza-Bari 1-1 11 apr.
Andata (12ª) 12ª giornata Ritorno (31ª)
17 nov. 1-0 Ancona-Cosenza 0-0 19 apr.
1-1 Bari-Salernitana 2-1
0-2 [58]Cagliari-Messina 2-2
18 nov. 2-0 Catania-Palermo 3-3
17 nov. 2-0 Livorno-Ascoli 1-2
1-1 Napoli-Lecce 1-1
15 nov. 2-1 Sampdoria-Genoa 2-0
17 nov. 1-1 Ternana-Siena 1-0
1-2 Venezia-Vicenza 1-2
1-0 Verona-Triestina 1-3


Andata (13ª) 13ª giornata Ritorno (32ª)
22 nov. 1-0 Ascoli-Ancona 1-1 27 apr.
24 nov. 1-2 Cosenza-Venezia 2-0 26 apr.
25 nov. 2-2 Genoa-Verona 2-2
24 nov. 1-0 Lecce-Livorno 2-1
2-2 Messina-Bari 0-1
2-1 Palermo-Ternana 0-0
2-0 Salernitana-Napoli 1-2
1-0 Siena-Sampdoria 0-0 28 apr.
3-0 Triestina-Cagliari 0-2 25 apr.
2-1 Vicenza-Catania 1-2 26 apr.
Andata (14ª) 14ª giornata Ritorno (33ª)
1º dic. 1-1 Ascoli-Genoa 2-1 3 mag.
0-0 Bari-Ancona 2-1
2-0 Cagliari-Salernitana 2-1
0-2 Catania-Cosenza 1-3
2 dic. 1-1 Livorno-Siena 0-2 5 mag.
29 nov. 0-0 Napoli-Palermo 1-2 2 mag.
1º dic. 0-0 Sampdoria-Vicenza 2-1 3 mag.
1-2 Ternana-Triestina 3-4
0-2 Venezia-Messina 1-1
1-1 Verona-Lecce 1-1


Andata (15ª) 15ª giornata Ritorno (34ª)
8 dic. 2-1 Ancona-Cagliari 1-2 10 mag.
1-0 Catania-Bari 1-2 9 mag.
6 dic. 3-3 Cosenza-Messina 0-1 10 mag.
8 dic. 2-1 Lecce-Ascoli 0-1
0-0 Palermo-Genoa 1-1
1-3 Salernitana-Verona 0-2
1-2 Sampdoria-Ternana 1-1 12 mag.
0-0 Siena-Venezia 3-1 10 mag.
9 dic. 2-1 Triestina-Napoli 1-2
8 dic. 0-0 Vicenza-Livorno 2-2
Andata (16ª) 16ª giornata Ritorno (35ª)
15 dic. 4-0 Ascoli-Napoli 0-2 17 mag.
13 dic. 1-0 Cagliari-Sampdoria 1-3
15 dic. 4-2 Genoa-Ancona 0-1
1-1 Lecce-Vicenza 1-1
4-2 Livorno-Cosenza 2-0
2-1 Messina-Palermo 1-2
2-2 Salernitana-Triestina 0-2
2-1 Ternana-Bari 1-2
2-1 Venezia-Catania[59] 2-0
16 dic. 1-2 Verona-Siena 0-0


Andata (17ª) 17ª giornata Ritorno (36ª)
21 dic. 1-3 Ancona-Lecce 1-2 24 mag.
22 dic. 0-3 Bari-Livorno 2-2
21 dic. 3-1 Catania-Ternana 1-3
22 dic. 0-0 Cosenza-Salernitana 2-1
21 dic. 1-1 Napoli-Venezia 1-2
22 dic. 2-2 Palermo-Ascoli 2-1
3-2 Sampdoria-Verona 0-0
2-1 Siena-Genoa 3-1
2-1 Triestina-Messina 2-2
4-2 Vicenza-Cagliari 0-3
Andata (18ª) 18ª giornata Ritorno (37ª)
12 gen. 2-1 Ascoli-Siena 0-4 31 mag.
1-0 Cagliari-Bari 0-0
2-2 Genoa-Triestina 0-1
13 gen. 0-0 Lecce-Cosenza 2-1
12 gen. 2-1 Livorno-Catania 2-3
3-3 Messina-Sampdoria 1-1
10 gen. 0-1 Salernitana-Vicenza 2-2
12 gen. 1-1 Ternana-Napoli 0-1
2-4 Venezia-Ancona 1-2
0-0 Verona-Palermo 0-2


Andata (19ª) 19ª giornata Ritorno (38ª)
20 gen. 1-0 Ancona-Livorno 1-1 7 giu.
18 gen. 1-1 Bari-Verona 1-1
2-1 Catania-Cagliari 2-1
2-1 Cosenza-Genoa 0-3
1-0 Napoli-Messina 1-1
2-0 Palermo-Lecce 0-3
17 gen. 4-0 Sampdoria-Venezia 1-3
18 gen. 3-0 Siena-Salernitana 1-1
3-1 Triestina-Ascoli 2-2
1-0 Vicenza-Ternana 1-1

Statistiche

modifica

Squadre

modifica

Capoliste solitarie

modifica
————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
TriestinaSampdoriaSampdoria
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª

Primati stagionali

modifica
  • Maggior numero di vittorie: Sampdoria e Siena (17)
  • Minor numero di sconfitte: Lecce, Sampdoria e Siena (5)
  • Migliore attacco: Vicenza (55 gol fatti)
  • Miglior difesa: Siena (25 gol subiti)
  • Miglior differenza reti: Sampdoria (+22)
  • Maggior numero di pareggi: Bari (19)
  • Minor numero di pareggi: Cosenza (6)
  • Maggior numero di sconfitte: Salernitana (23)
  • Minor numero di vittorie: Salernitana (4)
  • Peggiore attacco: Salernitana (28 gol fatti)
  • Peggior difesa: Salernitana (63 gol subiti)
  • Peggior differenza reti: Salernitana (-35)

Individuali

modifica

Classifica marcatori

modifica
Gol Giocatore Squadra
23   Igor Protti Livorno
21   Dino Fava Passaro Triestina
19   Davide Dionigi Napoli
19   Stefan Schwoch Vicenza
19   Massimo Borgobello Ternana
17   Riccardo Zampagna Messina
16   Simone Tiribocchi Siena
16   Ernesto Chevantón Lecce
16   Fabio Bazzani Sampdoria
15   Gionatha Spinesi Bari
13   Filippo Maniero Palermo
  1. ^ a b c Ruggiero Palombo, Nicola Binda e Alessio Da Ronch, Cecchi Gori, è proprio finita, in La Gazzetta dello Sport, 2 agosto 2002.
  2. ^ Nicola Binda, Fatti 2 ripescaggi in C1 e 4 in C2, ma non i gironi, in La Gazzetta dello Sport, 3 agosto 2002.
  3. ^ Andrea Sorrentino, Calcio choc, campionato rinviato, in la Repubblica, 21 agosto 2002, p. 2.
  4. ^ Jacopo Manfredi, Al via la B di sabato col big match Samp-Lecce, su repubblica.it, 14 settembre 2002.
  5. ^ Franco Tomati, Basta un tempo da grande Samp, in La Gazzetta dello Sport, 15 settembre 2002.
  6. ^ Giuliano Foschini, Rossi, la banda del gol a un passo dalla vetta, in la Repubblica, 6 ottobre 2002, p. 18.
  7. ^ Franco Tomati, San Niculescu benedice il Genoa, in La Gazzetta dello Sport, 6 ottobre 2002.
  8. ^ Marco Azzi, Napoli, una notte da incubo, in la Repubblica, 29 ottobre 2002, p. 7.
  9. ^ Enrico Valente, Verona, prima notte da grande, in La Gazzetta dello Sport, 3 novembre 2002.
  10. ^ La Triestina batte il Napoli ed è capolista solitaria, in La Stampa, 10 dicembre 2002, p. 33.
  11. ^ Stefano Boldrini, La Ternana irrompe in zona A, in La Gazzetta dello Sport, 16 dicembre 2002.
  12. ^ Angelo Di Rosa, Oliveira: prima i gol, poi le botte, in La Gazzetta dello Sport, 22 dicembre 2002.
  13. ^ Francesco Bramardo, Vicenza, altro regalo dopo la coppa, in La Gazzetta dello Sport, 23 dicembre 2002.
  14. ^ Guglielmo Longhi, Alla Triestina va tutto bene, in La Gazzetta dello Sport, 23 dicembre 2002.
  15. ^ Vola la Triestina del bomber Fava, in La Stampa, 20 gennaio 2003, p. 39.
  16. ^ Maurizio Nicita, Troppo Ganz per questo Napoli, in La Gazzetta dello Sport, 3 febbraio 2003.
  17. ^ Giuliano Foschini, Il Lecce di Vucinic non rimpiange Cheva, in la Repubblica, 11 febbraio 2003, p. 18.
  18. ^ Massimo Norrito, Derby, il festival del gol, in la Repubblica, 20 aprile 2003, p. 6.
  19. ^ Siena, la promozione è solo rinviata, in la Repubblica, 18 maggio 2003, p. 45.
  20. ^ Gaetano Imparato, Triestina, la rincorsa continua, in La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2003.
  21. ^ Franco Tomati, Flachi spinge la Samp in A, in La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2003.
  22. ^ Jacopo Manfredi, Battaglia in testa e in coda per gli ultimi verdetti, su repubblica.it, 23 maggio 2003.
  23. ^ Serie B: al Catania due punti in meno, in la Repubblica, 23 maggio 2003, p. 58.
  24. ^ Jacopo Manfredi, Siena promosso in A dopo cento anni, su repubblica.it, 24 maggio 2003.
  25. ^ Giuliano Foschini, Vucinic, una doppietta per la A, in la Repubblica, 1º giugno 2003, p. 19.
  26. ^ Enrico Valente, Questo Siena non si accontenta mai, in La Gazzetta dello Sport, 1º giugno 2003.
  27. ^ Gaetano Imparato, Catania, salvezza appesa al filo, in La Gazzetta dello Sport, 1º giugno 2003.
  28. ^ Jacopo Manfredi, Serie B, finale ai veleni: promosse anche Ancona e Lecce, su repubblica.it, 7 giugno 2003.
  29. ^ Alessio Da Ronch, A come Ancona, 11 anni dopo, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 2003.
  30. ^ Gaetano Imparato, Catania, l'ora della C1, in La Gazzetta dello Sport, 8 giugno 2003.
  31. ^ Catania retrocesso sub judice, in La Stampa, 8 giugno 2003, p. 30.
  32. ^ a b c d e f Il caso della squalifica di Martinelli, in la Repubblica, 14 giugno 2003, p. 54.
  33. ^ Stop al ricorso della Figc, in la Repubblica, 18 giugno 2003, p. 48.
  34. ^ a b Giuseppe Calabrese e Alessandro Di Maria, Serie B, in la Repubblica, 22 giugno 2003, p. 9.
  35. ^ Fulvio Bianchi, Caso Catania, ecco il commissario in campo, in la Repubblica, 28 giugno 2003, p. 56.
  36. ^ a b Fulvio Bianchi e Corrado Zunino, Figc, via libera al Catania, in la Repubblica, 3 luglio 2003, p. 50.
  37. ^ Corrado Zunino, Sì al decreto, Serie B a 24, in la Repubblica, 20 agosto 2003, p. 8.
  38. ^ Corrado Zunino, Cancellato il Cosenza, in la Repubblica, 28 agosto 2003, p. 50.
  39. ^ Tardelli si rimette in gioco, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 30 dicembre 2002.
  40. ^ Napoli lascia la crisi al Catania, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 6 novembre 2002.
  41. ^ Sette gol per Toshack, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 12 novembre 2002.
  42. ^ Toshack pianta in asso Gaucci, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 29 gennaio 2003.
  43. ^ Catania, ora tocca a Guerini, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 7 aprile 2003.
  44. ^ Cosenza: via Sala, torna Mondonico, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 27 novembre 2002.
  45. ^ Il Cosenza decide: arriva Salvioni, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 12 febbraio 2003.
  46. ^ Oggi Salvioni sarà licenziato. Il Cosenza richiama Sala, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 7 aprile 2003.
  47. ^ Il Genoa va a Torrente e aspetta Pruzzo o Ulivieri, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 26 settembre 2002.
  48. ^ Torrente vice-tecnico, oggi c'è la firma, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 25 ottobre 2002.
  49. ^ Messina: Oddo va via, in arrivo c'è Bolchi, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 1º maggio 2003.
  50. ^ Neanche Scoglio sveglia il Napoli, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 22 dicembre 2002.
  51. ^ Il Napoli cambia ancora: via Scoglio, torna Colomba, su ricerca.repubblica.it, repubblica.it, 12 marzo 2003.
  52. ^ Zamparini azzardo Arrigoni, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 17 settembre 2002.
  53. ^ ”Il Palermo tornerà in alto”, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 11 febbraio 2003.
  54. ^ Varrella è il dopo Zeman: “Ci risolleveremo”, su archiviostorico.gazzetta.it, gazzetta.it, 28 dicembre 2002.
  55. ^ Originariamente previsto per il 30 agosto.
  56. ^ Originariamente previsto per il 7 settembre.
  57. ^ Partita disputata il 12 aprile e terminata sul punteggio di 1-1; risultato di 0-2 a tavolino per irregolarità nella formazione del Siena.
  58. ^ Gara giocata il 17 novembre e sospesa all'80' sul punteggio di 0-1 in seguito all'invasione di campo dei tifosi cagliaritani e aggressione di un giocatore del Messina.
  59. ^ Partita disputata il 17 maggio e terminata sul punteggio di 2-0; risultato di 0-2 a tavolino per irregolarità nella formazione del Catania.

Bibliografia

modifica
  • Almanacco illustrato del calcio, Modena, Edizioni Panini, volume 2004.
  • Carlo Fontanelli, Annogol 2005, Empoli, Geo Edizioni S.r.l., 2005.
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio