Riz Ahmed

attore e rapper britannico
Riz Ahmed
Riz Ahmed by Gage Skidmore.jpg
Riz Ahmed
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereHip hop
Periodo di attività musicale2006 – in attività
EtichettaTru Thoughts
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

Rizwan Ahmed, conosciuto anche come Riz MC (Wembley, 1º dicembre 1982), è un attore e rapper britannico di origini pakistane.

Inizia ad ottenere popolarità recitando nella serie tv The Night Of - Cos'è successo quella notte?, per il quale riceve la sua prima candidatura al Golden Globe ed al Premio Emmy.

Nel 2021 ottiene il plauso della critica per la sua interpretazione del batterista sordo Ruben Stone nel film Sound of Metal, con il quale si aggiudica la sua prima candidatura al Premio Oscar come miglior attore divenendo il primo attore musulmano e pakistano ad essere nominato per questo riconoscimento, ai British Academy Film Awards, ai Critics' Choice Awards e la seconda candidatura al Golden Globe ed ai Screen Actors Guild Award.

BiografiaModifica

Figlio di immigrati musulmani pakistani, Ahmed nasce a Wembley nel 1982. Durante la partizione dell'India, i suoi antenati di lingua urdu si trasferirono dall'India del Nord a Karachi, in Pakistan. Sua madre ha vissuto per molti anni a Calcutta. Ha frequentato la Merchant Taylors' School, attraverso un programma di borse di studio. Si è laureato al Christ Church di Oxford con una laurea in filosofia, politica e economia e ha studiato recitazione alla Central School of Speech and Drama.

Cinema e televisioneModifica

Debutta nel 2006 nel film di Michael Winterbottom The Road to Guantanamo; nello stesso anno recita nel film televisivo 11 settembre - Tragedia annunciata. Negli anni seguenti partecipa a varie produzioni televisive, come il film TV in due parti di Channel 4 Britz, e le serie televisive Dead Set e Wired. Nel 2008 partecipa al film indipendente Shifty, per cui riceve una candidatura come miglior attore ai British Independent Film Awards 2008.

 
Riz Ahmed nel 2016

Nel 2009 viene diretto da Sally Potter in Rage, mentre nel 2010 partecipa al film satirico Four Lions e allo storico Centurion. Nel 2011 parte del cast de Il principe del deserto di Jean-Jacques Annaud ed è protagonista de Il fondamentalista riluttante di Mira Nair. Nel 2014 recita in Lo sciacallo - Nightcrawler, al fianco di Jake Gyllenhaal. Per la sua interpretazione Ahmed ha ottenuto diversi candidature a premi, tra cui Independent Spirit Award per il miglior attore non protagonista.

Nel 2016 è protagonista, nel ruolo di Nasir "Naz" Khan, nella miniserie televisiva della HBO The Night Of - Cos'è successo quella notte?, per cui ottiene la sua prima candidatura al Golden Globe e vince il premio Emmy come miglior attore in una miniserie. Nello stesso anno fa parte del cast di Jason Bourne e di Rogue One: A Star Wars Story.

Nel 2018 ha ottenuto il ruolo del villain Carlton Drake, alias Riot, nel film Venom, diretto da Ruben Fleischer.

Ahmed ha recitato nel film drammatico americano Sound of Metal, distribuito da Amazon Studios e pubblicato nel 2020, dopo essere stato presentato in anteprima al Toronto International Film Festival nel 2019. Ahmed interpreta un batterista che perde l'udito. Il film è interpretato da Olivia Cooke nei panni della sua ragazza e Paul Raci nel ruolo del leader di un ritiro per non udenti. Per la sua interpretazione ha ricevuto nomination all'Oscar, al Golden Globe, allo Screen Actors Guild Award, al Bafta Award, al Critics Choice Award e all'Independent Spirit Award. È il primo attore musulmano e pakistano ad essere nominato per l'Oscar come miglior attore.

Nel 2021, Ahmed è stato anche produttore esecutivo del film documentario d'animazione Flee, che ha fatto il suo debutto internazionale al Sundance Film Festival. Il film è stato elogiato universalmente e ha un 100% su Rotten Tomatoes. Il film avrebbe dovuto essere presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes nel 2020, ma il festival è stato annullato a causa della pandemia di COVID-19.

Nel febbraio 2021, Ahmed è stato nominato e ha vinto nella categoria miglior sceneggiatore d'esordio per il film Mogul Mowgli ai British Independent Film Awards 2020. Protagonista nel ruolo principale di un rapper anglo-pakistano, la critica cinematografica del "The Guardian" Wendy Ide ha elogiato la sua "performance esplosiva" sullo schermo.

MusicaModifica

Nel 2006 ha pubblicato un singolo rap dal titolo Post 9/11 Blues. Al brano è stato inizialmente vietato l'airplay radiofonico nel Regno Unito a causa dei testi satirici e sociali considerati "politicamente sensibili". Tra gli altri singoli che ha pubblicato vi sono Sour Times, di cui è stato realizzato un videoclip con Scroobius Pip, Plan B e Jim Sturgess, e Shifty, colonna sonora dello omonimo film eseguito in collaborazione con Sway e Plan B. Si è esibito in numerosi festival musicali, tra cui il Festival di Glastonbury, Meltdown Festival e Royal Festival Hall.

Nel 2011 ha pubblicato il suo album di debutto MICroscope. Successivamente ha firmato un contratto con l'etichetta indipendente di Brighton Tru Thoughts. Ha anche cofondato la manifestazione Hit & Run, nata a Oxford e successivamente trasferitasi a Manchester, divenuta negli anni uno degli eventi più importanti della scena musicale underground di Manchester.[1]

FilmografiaModifica

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

VideoclipModifica

SceneggiatoreModifica

ProduttoreModifica

RegistaModifica

  • Daytimer (2014) - cortometraggio

TeatroModifica

  • Jesus Hopped the 'A' Train di Stephen Adly Guirgis, regia di Jack William Clift. Lighthouse Theatre di Oxford (2002)
  • Prayer Room di Shan Khan, regia di Angus Jackson. Birmingham Repertory Theatre di Birmingham (2005)
  • Gaddafi degli Asian Dub Foundation, regia di David Freemn. London Coliseum di Londra (2006)

DiscografiaModifica

 
Riz Ahmed nel 2011

SolistaModifica

Album studio
Mixtape
Singoli
  • 2006 – The Post 9/11 Blues
  • 2007 – People Like People
  • 2008 – Radar
  • 2009 – Shifty (feat. Sway & Plan B)
  • 2009 – Don't Sleep
  • 2010 – Hundreds and Thousands
  • 2010 – Get on It
  • 2011 – All of You
  • 2016 – Englistan

Con i Swet Shop BoysModifica

  • 2014 – Swet Shop EP
  • 2016 – Cashmere

RiconoscimentiModifica

Premio Oscar

Golden Globe

British Academy Film Awards

Critics' Choice Awards

Empire Awards

Festival internazionale del cinema di Berlino

Gotham Independent Film Awards

Independent Spirit Awards

  • 2015 - Candidatura per il miglior attore non protagonista per Lo sciacallo - Nightcrawler[5]
  • 2021 - Miglior attore protagonista per Sound of Metal[6]

National Board of Review

Premio Emmy

  • 2017 - Miglior attore protagonista in una mini-serie o film per The Night Of - Cos'è successo quella notte?[7]
  • 2017 - Candidatura per il miglior attore guest star in una serie commedia per Girls[8]

Satellite Award

Screen Actors Guild Award

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Tim Grierson, Riz Ahmed: il suono della verità, su rollingstone.it, 4 marzo 2021. URL consultato il 9 agosto 2021.
  2. ^ (EN) Kathryn Shattuck, Riz Ahmed on Being the First Muslim Nominated for the Best Actor Oscar, in The New York Times, 15 marzo 2021. URL consultato il 17 marzo 2021.
  3. ^ (EN) The 2017 Golden Globe Acting Nominees in Photos, su vanityfair.com.
  4. ^ (EN) Kevin Jacobsen, Kevin Jacobsen, Golden Globes nominee profile: Riz Ahmed (‘Sound of Metal’) drums up second career bid, su GoldDerby, 11 febbraio 2021. URL consultato il 17 marzo 2021.
  5. ^ (EN) Congrats to the 2015 Film Independent Spirit Awards Nominees, su filmindependent.org.
  6. ^ (EN) Film Independent Spirit Awards: 'Never Rarely Sometimes Always,' 'Minari,' 'Ma Rainey's Black Bottom,' 'Nomadland' Top Nominations, su hollywoodreporter.com.
  7. ^ (EN) Outstanding Lead Actor in a Limited Series or Movie - 2017, su emmys.com.
  8. ^ (EN) Outstanding Guest Actor in a Comedy Series - 2017, su emmys.com.
  9. ^ (EN) The 23rd Annual Screen Actors Guild Awards, su sagawards.org.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN160318125 · ISNI (EN0000 0001 2037 4921 · LCCN (ENno2010177531 · GND (DE1141606062 · BNF (FRcb165189025 (data) · BNE (ESXX1789357 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2010177531