Speed 2 - Senza limiti

film del 1997, diretto da Jan de Bont

Speed 2 - Senza limiti (Speed 2: Cruise Control) è un film statunitense del 1997 diretto da Jan de Bont.

Speed 2 - Senza limiti
Una scena della nave durante lo schianto
Titolo originaleSpeed 2: Cruise Control
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1997
Durata121 min
Genereazione, thriller
RegiaJan de Bont
SoggettoJan de Bont e Randall McCormick
SceneggiaturaRandall McCormick e Jeff Nathanson
ProduttoreJan de Bont, Steve Perry e Michael Peyser
Produttore esecutivoMark Gordon
Casa di produzioneBlue Tulip Productions
Distribuzione in italiano20th Century Fox
FotografiaJack N. Green
MontaggioAlan Cody
Effetti specialiAl Di Sarro, Stefen Fangmeier e Bert Terreri
MusicheMark Mancina
ScenografiaJoseph Nemec e Bill Kenney
CostumiLouise Frogley
TruccoDennis Liddiard
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il film è il seguito di Speed.

Trama modifica

Los Angeles: Annie Porter frequenta lezioni di scuola guida per poter riottenere la patente revocata; durante una di queste spiega di aver lasciato l'agente LAPD Jack Traven (troppo dedito al lavoro ed incline a comportamenti spericolati) in favore di Alex Shaw, collega di Jack, che a detta di lei è una persona completamente diversa. Tuttavia, imbattendosi accidentalmente in una articolata operazione di polizia, incontra proprio Alex il quale ha appena ultimato un azzardato inseguimento stradale catturando un malvivente. Annie è molto contrariata del fatto che lui abbia mentito sul suo vero lavoro, e per alleviare la tensione creatasi quest'ultimo le offre due biglietti per una distensiva crociera nei Caraibi. Inizialmente riluttante, Annie accetta.

I due si imbarcano sulla nave da crociera “Seabourn Legend” da Los Angeles e prendono il largo; tra i passeggeri c'è John Geiger, un ex-dipendente della compagnia marittima, incaricato dello sviluppo dei sistemi informatici di bordo. Egli in realtà ha elaborato un piano per vendicarsi del licenziamento subìto a causa di una malattia professionale terminale, consistente nell'avvelenamento da rame del sangue. Una volta al largo, muovendosi inosservato a bordo della nave, interrompe le comunicazioni con la terraferma, e tramite un pc portatile posizionato nella sua cabina, prende il controllo del computer di bordo e il governo dell'imbarcazione.

La “Seabourn Legend” comincia a deviare dalla rotta prevista: il comandante, preoccupato del fatto che il pilota automatico non si disinserisca, si imbatte in Geiger sul ponte, finendo per essere gettato in mare aperto da quest'ultimo. All'improvviso la nave intera sussulta pericolosamente: Geiger infatti danneggia un motore per poi farlo esplodere, per bloccare temporaneamente la marcia. Chiama la sala comando, informando il primo ufficiale (Sig. Juliano) che il comandante è morto e intimandogli di dare l'allarme evacuazione, pena l'esplosione delle cariche piazzate sui vari ponti. Il primo ufficiale obbedisce; Geiger ferma la nave e iniziano le operazioni di evacuazione con le scialuppe di salvataggio. I passeggeri credono a un vero e proprio affondamento e cominciano ad imbarcarsi frettolosamente sulle lance: tuttavia, sentendo l'odore di zolfo che esce dalle condutture d'aria, Alex si insospettisce della cosa e decide di andare a parlare con l'equipaggio in sala comando. Nel frattempo, la nave riprende a navigare con rotta verso gli scogli dell'isola caraibica di San Martin. L'agente comprende la gravità della situazione e decide di aiutare l'equipaggio a fermare l'imbarcazione e bloccare Geiger, nonostante la contrarietà espressa da Annie. Rendendosi conto di non poter riprendere manualmente il controllo, decide di fare rallentare la “Seabourn Legend” imbarcando acqua; nel frattempo, tenta di raggiungere Geiger per i corridoi della nave, ma senza successo. Quest'ultimo, una volta presi i gioielli di bordo all'interno della cassaforte e controllando il pilota automatico con un computer portatile, comincia a fare i preparativi per andarsene. Alex, Annie, Juliano e il resto dell'equipaggio capiscono che il vero obiettivo del terrorista non è fare schiantare la nave sull'isola ma verso la petroliera “Eindhoven Lion”, ancorata al largo. Alex decide di collocare un grosso cavo da ormeggio fra le eliche, immergendosi in acqua nel tentativo di bloccare la marcia, senza risultato. Nel fare questo vengono scoperti e intercettati da Geiger, il quale prende in ostaggio Annie, fuggendo con lei tramite un wind-jet dopo avere aperto il portellone di poppa. Alex non riesce a fermarli, e con l'aiuto di Juliano riesce ad accedere ai bassifondi della nave, nel tentativo di raggiungere e azionare a mano i propulsori laterali di manovra per deviare la rotta.

La nave procede spedita, mentre dalla “Eindhoven Lion” capiscono dell'imminente collisione e accendono i motori per spostarsi. Alex riesce faticosamente a far girare l'elica di manovra laterale e la “Seabourn Legend” comincia a virare a dritta, ma troppo tardi. La collisione avviene però lateralmente, la nave “striscia” con il fianco sinistro in quello destro della Eindhoven, evitando uno scontro frontale.

Una volta superato l'ostacolo, l'equipaggio ha davanti l'isola di San Martin: Alex compie un ultimo tentativo di fermare la corsa gettando l'ancora in movimento ma la nave, ormai ingovernabile, finisce contro il porticciolo, procedendo sulla terraferma e distruggendo tutto ciò che incontra; la “Seabourn Legend” si ferma dopo alcune decine di metri, con l'elica di poppa ancora attiva, ma ormai fuori dall'acqua.

Nel frattempo, al largo dell'isola, Annie riesce a liberarsi da Geiger, sganciandosi dal wind-jet, ma viene di nuovo raggiunta di lì a poco; Alex, sceso dalla nave, sale su una barca e si lancia all'inseguimento dei due. Geiger lascia il wind-jet e fa salire Annie su un acquaplano, iniziando il decollo. Alex si mette sulla loro scia, riuscendo a salirvi sopra col velivolo già ad alcuni metri di altezza e libera Annie. I due cadono in acqua, ma vengono salvati dalla barca di appoggio. Geiger invece, impatta con l'acquaplano su un albero di una superpetroliera ancorata al largo, rimanendovi incastrato e finendo per esplodere con tutta la nave.

La scena finale mostra la piccola barca di appoggio fare ritorno verso il porticciolo (ormai semidistrutto) dell'isola, con i due protagonisti sfiniti ma salvi, ed una imponente vista della poppa della "Seabourn Legend" adagiata su un fianco dentro alla città.

Produzione modifica

Il film è costato 160.000.000 di dollari.[1] Jason Patric fu ingaggiato per la cifra di 8.000.000 di dollari, che l'attore in seguito investì per finanziare il film Amici & vicini.

Il film è girato a bordo della Seabourn Legend, nave che appartiene alla compagnia Seabourn Cruise Line[2].

Riprese modifica

Il film è stato girato fra:

Accoglienza modifica

Incassi modifica

Negli Stati Uniti il film ha esordito con 16158942 $[8], incassando solo 48000000 $ di dollari e rivelandosi un flop commerciale.
L'incasso mondiale è stato di 164508066 $[9].

Critica modifica

Il film è stato considerato un disastro dalla critica e ha ricevuto recensioni per lo più negative[10]. Il sito Rotten Tomatoes riporta che solo il 4% delle 75 recensioni professionali ha dato un giudizio positivo[11]. Solo la sequenza finale è riuscita ad ottenere qualche lode da parte di diversi critici.

Nell'edizione dei Razzie Awards del 1998 il film si aggiudica il premio per il Peggior remake o sequel ed ottiene altre sette candidatura per: Peggior film, peggior attrice protagonista a Sandra Bullok, Peggior attore non protagonista a Willem Dafoe, Peggior coppia a Sandra Bullock e Jason Patric, Peggior regista a Jan de Bont, Peggior sceneggiatura a Jeff Nathanson e Peggior canzone originale[12].

Sequel modifica

Sandra Bullock si è detta disponibile per un eventuale Speed 3, così come Keanu Reeves (che aveva recitato nel primo capitolo, ma assente in questo, poiché partecipò a L'avvocato del diavolo), a patto che si riesca a trovare una trama convincente. A fine 2020, rumor lasciano intendere che la casa produttrice Disney (che ha acquisito i 20th Century Studios) abbia intenzione di mettere in cantiere un terzo episodio con il cast originale[13].

Note modifica

  1. ^ (EN) Speed 2: Cruise Control, su Box Office Mojo. URL consultato l'11 novembre 2022.
  2. ^ (EN) Wallace Immen, Seabourn speeds into film, in The Globe and Mail, The Globe and Mail Inc., 14 giugno 1997, p. F4.
  3. ^ (EN) Underwater Conditions, su Stuart's Cove. URL consultato l'11 novembre 2022 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2012).
  4. ^ (EN) 'Twister' could funnel up $100 million in 11 days, in The Hollywood Reporter, Penske Media Corporation, 15 maggio 1996.
  5. ^ (EN) Andy Seiler, Full 'Speed 2' ahead Jan De Bont weathers hurricanes and high seas, in USA Today, Gannett Corporation, 12 giugno 1997, p. 1D.
  6. ^ (EN) Felicia Levine, Miami rapper's video moves from bimbos to himbos, su South Florida Business Journal, 19 agosto 1996. URL consultato l'11 novembre 2022.
  7. ^ Felicia Levine, Star power doesn't faze Miami locals, in Variety, Reed Business Information, 19 maggio 1997. URL consultato l'11 novembre 2022.
  8. ^ (EN) Susan King, ‘Speed 2’ Edges ‘Con Air’ for No. 1, in Los Angeles Times, 17 giugno 1997. URL consultato l'11 novembre 2022.
  9. ^ (EN) Speed 2: Cruise Control, su Box Office Mojo. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  10. ^ (EN) David Edelstein, Speed 2 the Worst Sequel of All? Yes, Really, su New York, 9 marzo 2010. URL consultato l'11 novembre 2022.
  11. ^ (EN) Speed 2: Cruise Control, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 22 ottobre 2023.
  12. ^ (EN) John J. B. Wilson, 1997 Archive, su razzies.com, 23 agosto 2000. URL consultato l'11 novembre 2022 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2011).
  13. ^ (EN) Tiffany Wang, Speed 3 Could Happen Depending On The Story Says Original Director, in Screen Rant, 6 novembre 2020. URL consultato l'11 novembre 2022.

Collegamenti esterni modifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema