Apri il menu principale

Stefano Bonometti

calciatore, dirigente sportivo e allenatore di calcio italiano
Stefano Bonometti
Stefano Bonometti - Brescia Calcio 1985-86.jpg
Bonometti al Brescia nella stagione 1985-1986
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 79 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1996 - giocatore
Carriera
Giovanili
1974-1978 Brescia
Squadre di club1
1978-1989 Brescia 262 (16)
1989-1990 Ancona 30 (3)
1990-1996 Brescia 159 (11)
1996-1997 600px vertical HEX-7BLC20 White.svg Tecnoleno ? (?)
Carriera da allenatore
1997-1999 Brescia Allievi naz.
1999-2000 Brescia Primavera
2001 Fiorenzuola
2002-2003 Inter Berretti
2004-2007 Montichiari
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2009

Stefano Bonometti (Brescia, 30 dicembre 1961) è un ex calciatore, dirigente sportivo e allenatore di calcio italiano.

Caratteristiche tecnicheModifica

Mediano o terzino, veniva utilizzato con compiti di marcatura, spesso sulla mezzapunta avversaria, come nel caso di Michel Platini[1] e Diego Armando Maradona[2].

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nel Brescia, società nella quale è arrivato all'età di tredici anni, ha esordito in serie B nel torneo 1978-1979 con l'allenatore Luigi Simoni a diciassette in Brescia-Sambenedettese (0-0)[2]. Con la maglia bresciana gioca per diciassette stagioni, quasi tutta la sua carriera, con l'unico intermezzo di un'annata nell'Ancona, in Serie B, a causa di incomprensioni con l'allenatore[1]. Già nel 1980 aveva lasciato temporaneamente Brescia, prestato alla Lazio per partecipare al Torneo di Viareggio, perso in finale contro il Dukla Praga[2]. Nel 1996 chiude la carriera professionistica, a cui fa seguire una stagione nel Campionato Nazionale Dilettanti con il Tecnoleno[2].

 
Bonometti al Brescia nel 1987, alle prese con lo juventino Platini.

Detiene il record di presenze con la maglia delle Rondinelle: 422 partite in campionato tra serie A, B e C1[2], oltre a 53 partite (con 4 reti) in Coppa Italia. Nel suo palmarès la conquista con il Brescia quattro promozioni dalla serie B alla serie A e una dalla C1 alla B; ha inoltre conquistato da capitano il Trofeo Anglo-Italiano nel 1994[2].

Allenatore e dirigenteModifica

Dopo la fine della carriera agonistica ha intrapreso la carriera di allenatore, nelle giovanili del Brescia[2]. Nel 2001 sostituisce Stefano Maccoppi sulla panchina del Fiorenzuola, in Serie C2[3]. Nella stagione successiva rimane inattivo per frequentare il corso di Coverciano[2], e in seguito guida la formazione Berretti dell'Inter[2]. Dal 2004 al 2011 è al Montichiari, prima come allenatore (2004-2007) e poi come direttore generale[2][4], dove conquista una promozione in Serie C2 (2008) e uno Scudetto Dilettanti (2010).

Il 2 maggio 2011 ha ottenuto la qualifica di direttore sportivo[5], ruolo che nella stagione 2011-2012 ricopre al Mantova[4]. Il 29 gennaio 2012 viene licenziato dall'incarico, a causa di contrasti con la dirigenza[6].

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Totale
Comp Pres Reti Pres Reti
1978-1979   Brescia B 0 0 0 0
1979-1980 B 8 0 8 0
1980-1981 A 5 0 5 0
1981-1982 B 23 0 23 0
1982-1983 C1 21 0 21 0
1983-1984 C1 32 0 32 0
1984-1985 C1 34 7 34 7
1985-1986 B 38 2 38 2
1986-1987 A 28 3 28 3
1987-1988 B 35 1 35 1
1988-1989 B 36 2 36 2
1989-1990   Ancona B 30 3 30 3
1990-1991   Brescia B 34 3 34 3
1991-1992 B 32 1 32 1
1992-1993 A 29 0 29 0
1993-1994 B 25 6 25 6
1994-1995 A 19 0 19 0
1995-1996 B 20 1 20 1
Totale Brescia 421 27 421 27
1996-1997   Tecnoleno D ? ? ? ?
Totale carriera 451+ 30+ 451+ 30+

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Brescia: 1984-1985 (girone A)
Brescia: 1991-1992
Competizioni internazionaliModifica
Brescia: 1993-1994

NoteModifica

  1. ^ a b M.Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol.2, pag.94
  2. ^ a b c d e f g h i j Bonometti, cuore Brescia Cinquanta volte auguri bresciaoggi.it
  3. ^ Calcio: la domenica delle modenesi[collegamento interrotto] Il Nuovo Giornale di Modena
  4. ^ a b Mantova, Bonometti contro il suo passato: "Montichiari devo batterti" tuttolegapro.com
  5. ^ Diplomati a Coverciano 56 nuovi direttori sportivi settoretecnico.figc.it
  6. ^ Bompieri: «Bonometti è licenziato» La Gazzetta di Mantova, 30 gennaio 2012

BibliografiaModifica

  • Marco Bencivenga, Ciro Corradini; Carlo Fontanelli, Tutto il Brescia (1911-2007 tremila volte in campo), Geo Edizioni, 2007.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica