Apri il menu principale
Trofeo Laigueglia
SportCycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada
TipoGara individuale
CategoriaUomini Elite + Under-23
Classe 1.HC
FederazioneUnione Ciclistica Internazionale
PaeseItalia Italia
LuogoLaigueglia, Liguria
OrganizzatoreGS Emilia
CadenzaAnnuale
Aperturafebbraio
PartecipantiVariabile
FormulaCorsa in linea
Storia
Fondazione1964
Numero edizioni56 (al 2019)
DetentoreItalia Simone Velasco
Record vittorieItalia Filippo Pozzato (3)
Ultima edizioneTrofeo Laigueglia 2019

Il Trofeo Laigueglia è una corsa in linea maschile di ciclismo su strada, che si disputa attorno a Laigueglia in Liguria, ogni anno nel mese di febbraio. Fa parte del circuito UCI Europe Tour, classe 1.HC

PercorsoModifica

La sede di partenza e di arrivo della competizione è posta nella località di Laigueglia. Il percorso, molto accidentato anche se non presenta salite di lunghezza o pendenza rilevanti, vede spesso il suo punto chiave nella scalata del passo del Ginestro.

Nel 2011 la corsa ligure cambia percorso, e il finale di gara viene mutato favorendo i corridori adatti alle classiche e con una maggiore resistenza in salita: infatti a causa di una frana nella zona di Villanova d'Albenga si deve rinunciare al passaggio sul passo di San Damiano, in sostituzione si ha una doppia ascesa al Paravenna, quindi si prosegue verso Alassio creando un finale di gara più indeciso.[1]

VincitoriModifica

Tra i plurivincitori della corsa ci sono Filippo Pozzato con tre successi, seguito da Michele Dancelli, Eddy Merckx, Franco Bitossi, Pierino Gavazzi, Francesco Ginanni e Moreno Moser con due.

Albo d'oroModifica

Aggiornato all'edizione 2019.[2]

Anno Vincitore Secondo Terzo
1964   Guido Neri   Antonio Bailetti   Vincenzo Meco
1965   Marino Vigna   Luciano Galbo   Vito Taccone
1966   Antonio Bailetti   Flaviano Vicentini   Graziano Battistini
1967   Franco Bitossi   Luciano Armani   Jan Janssen
1968   Michele Dancelli   Luciano Armani   Leo Duyndam
1969   Claudio Michelotto   Eddy Merckx   Franco Bitossi
1970   Michele Dancelli   Cyrille Guimard   Emilio Casalini
1971   Italo Zilioli   Mauro Simonetti   Wladimiro Panizza
1972   Wilmo Francioni   Eddy Merckx   Roger De Vlaeminck
1973   Eddy Merckx   Roger De Vlaeminck   Leif Mortensen
1974   Eddy Merckx   Enrico Paolini   Felice Gimondi
1975   Gianbattista Baronchelli   Christian Debuysschere   Roger De Vlaeminck
1976   Franco Bitossi   Gianbattista Baronchelli   Joseph Borguet
1977   Freddy Maertens   Giuseppe Saronni   Bernt Johansson
1978   Knut Knudsen   Dino Porrini   Francesco Moser
1979   Pierino Gavazzi   Giuseppe Saronni   Francesco Moser
1980   Roger De Vlaeminck   Giuseppe Martinelli   Francesco Moser
1981   Giuseppe Saronni   Pierino Gavazzi   Roger De Vlaeminck
1982   Theo De Rooy   Mario Noris   Wladimiro Panizza
1983   Claudio Torelli   Gregor Braun   Willy Vigouroux
1984   Giuseppe Petito   Johan van der Velde   Claudio Torelli
1985   Ron Kiefel   Vittorio Algeri   Gilbert Glaus
1986   Mauro Longo   Giuseppe Calcaterra   Roberto Pagnin
1987   Gilbert Glaus   Valerio Piva   Wladimiro Panizza
1988   Paolo Cimini   Stefano Allocchio   Alessio Di Basco
1989   Pierino Gavazzi   Marco Vitali   Silvio Martinello
1990   Rolf Sørensen   Giovanni Fidanza   Bruno Leali
1991   Pascal Richard   Giuseppe Petito   Gérard Rué
1992   Sammie Moreels   Andrea Ferrigato   Frédéric Moncassin
1993   Lance Armstrong   Stefano Della Santa   Leonardo Sierra
1994   Rolf Sørensen   Andrea Chiurato   Evgenij Berzin
1995   Johan Museeuw   Stefano Zanini   Fabio Baldato
1996   Frank Vandenbroucke   Rodolfo Massi   Michele Coppolillo
1997[3]   Michele Bartoli   Francesco Frattini   Francesco Casagrande
1998[4]   Pascal Chanteur   Eddy Mazzoleni   Paolo Bettini
1999   Paolo Savoldelli   Andrea Ferrigato   Davide Rebellin
2000[5]   Daniele Nardello   Giuseppe Petito   Andrej Kivilëv
2001[6]   Mirko Celestino   Daniele Nardello   Davide Rebellin
2002[7]   Danilo Di Luca   Eddy Mazzoleni   Serge Baguet
2003[8]   Filippo Pozzato   Fabio Sacchi   Fabio Baldato
2004[9]   Filippo Pozzato   Lorenzo Bernucci   Romāns Vainšteins
2005[10]   Kim Kirchen   Franco Pellizotti   Paolo Tiralongo
2006[11]   Alessandro Ballan   Steven Cummings   Rinaldo Nocentini
2007[12]   Michail Ignat'ev   Mirco Lorenzetto   Filippo Pozzato
2008[13]   Luca Paolini   Daniele Pietropolli   Maximiliano Richeze
2009[14]   Francesco Ginanni   Filippo Pozzato   Enrico Rossi
2010[15]   Francesco Ginanni   Francesco Gavazzi   Daniele Pietropolli
2011[16]   Daniele Pietropolli   Simone Ponzi   Ángel Vicioso
2012[17]   Moreno Moser   Miguel Ángel Rubiano   Matteo Montaguti
2013   Filippo Pozzato   Francesco Reda   Mauro Santambrogio
2014   José Serpa   Patrik Sinkewitz   Andrea Pasqualon
2015   Davide Cimolai   Francesco Gavazzi   Aleksej Catevič
2016   Andrea Fedi   Sonny Colbrelli   Grega Bole
2017[18]   Fabio Felline   Romain Hardy   Mauro Finetto
2018   Moreno Moser   Paolo Totò   Matteo Busato
2019   Simone Velasco   Nicola Bagioli   Matteo Sobrero

Vittorie per nazioneModifica

Aggiornato all'edizione 2019.

Pos Paese Vittorie
1   Italia 37
2   Belgio 7
3   Svizzera 2
  Stati Uniti 2
  Danimarca 2
6   Norvegia 1
  Paesi Bassi 1
  Francia 1
  Lussemburgo 1
  Russia 1
  Colombia 1

NoteModifica

  1. ^ Redazione Spaziociclismo, Trofeo Laigueglia, cambio di percorso, in spaziociclismo.it, 4 gennaio 2011. URL consultato il 4-1-2011.
  2. ^ cqranking.com, http://www.cqranking.com/men/asp/gen/race_history.asp?raceid=27107.
  3. ^ Pier Bergonzi, Bartoli faro di Laigueglia, in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 1997, p. 18. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  4. ^ Nino Minoliti, Chanteur al festival di Laigueglia, in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 1998, p. 23. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  5. ^ Luca Gialanella, Il faro di Laigueglia è Nardello, in La Gazzetta dello Sport, 16 febbraio 2000, p. 27. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  6. ^ Luca Gialanella, Il mare di Celestino torna azzurro, in La Gazzetta dello Sport, 21 febbraio 2001, p. 31. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  7. ^ Pier Bergonzi, Di Luca, un Trofeo d'autore, in La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2002, p. 27. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  8. ^ Luca Gialanella, Pozzato, il salto di qualità, in La Gazzetta dello Sport, 19 febbraio 2003, p. 27. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  9. ^ Luca Gialanella, Pozzato bis nel Laigueglia: «Marco ci mancherà», in La Gazzetta dello Sport, 18 febbraio 2004, p. 23. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  10. ^ Luca Gialanella, Kirchen granduca di Laigueglia, in La Gazzetta dello Sport, 16 febbraio 2005, p. 24. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  11. ^ Marco Pastonesi, Ballan, uomo del pavé conquista il Laigueglia, in La Gazzetta dello Sport, 15 febbraio 2006, p. 31. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  12. ^ Luca Gialanella, Laigueglia, esplode Ignatiev, La Gazzetta dello Sport, 20 febbraio 2007. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  13. ^ Ciro Scognamiglio, Laigueglia, colpo Paolini, La Gazzetta dello Sport, 23 febbraio 2008. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  14. ^ Marco Pastonesi, Ginanni freccia imprendibile il Laigueglia è tutto suo, La Gazzetta dello Sport, 21 febbraio 2009. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  15. ^ Luca Alessandrini, Trofeo Laigueglia, Ginanni bis, in spaziociclismo.it, 20 febbraio 2010. URL consultato il 4-1-2011.
  16. ^ Laigueglia: vola Pietropolli Ponzi secondo, Basso decimo, in gazzetta.it, 19 febbraio 2011. URL consultato il 19-1-2011.
  17. ^ Trofeo Laigueglia, esulta il giovane Moser!, 18 febbraio 2012.
  18. ^ Fabio Felline vince in solitaria il 54° Trofeo Laigueglia, su trofeolaigueglia.wordpress.com, 12 febbraio 2017. URL consultato il 13 febbraio 2017.

Collegamenti esterniModifica