Apri il menu principale

Azienda Napoletana Mobilità

azienda di trasporto pubblico di Napoli
(Reindirizzamento da ANM (Napoli))
Azienda Napoletana Mobilità S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1947 a Napoli
Sede principaleNapoli
Persone chiave
SettoreTrasporto
ProdottiTrasporto pubblico
Fatturato90 milioni di
Dipendenti3000
Sito web
Tram dell'ANM nel 1996 col sistema "asta e rotella" (emiciclo di Poggioreale)
La linea 143

L'Azienda Napoletana Mobilità (ANM) è la società pubblica di proprietà del Comune di Napoli che gestisce il trasporto pubblico nel capoluogo campano.

Indice

StoriaModifica

Nel 1875 la SATN (Société Anonyme de Tramways Napolitains) inizia ad esercitare una rete di strade ferrate.

Tra il 1918 e il 1927 il Comune assume la gestione delle tranvie urbane e suburbane.

Negli anni '30 la gestione viene affidata ad EAV (Ente Autonomo Volturno).

Nel 1947 nasce ATAN (Azienda Tranvie Autofilovie Napoli) che gestisce la prima filovia nel quartiere Posillipo.

Nel 1995 ATAN cambia nome in ANM e il 30 marzo 2001 diventa una società per azioni.

Dal 1º novembre 2013, con la fusione e incorporazione di Metronapoli e Napolipark, ANM gestisce l'intero pacchetto del trasporto pubblico del Comune di Napoli.

Nel 2013 la linea 6 della metropolitana è stata sospesa a causa del basso numero di passeggeri e della mancanza di personale.

Nel 2016 l'intera rete tranviaria è stata sospesa per permettere i lavori in Via Marina.

Dal 2017 si è accentuata la crisi economica, infatti l'azienda vanta 160 milioni di euro di debiti[1] e si dimostra incapace di fornire un servizio decente ai cittadini, come dimostrano le continue sospensioni di alcune linee[2] e i continui scioperi dei lavoratori[3].

Rientra tra le aziende del consorzio UnicoCampania.

Linee e servizi gestitiModifica

MetropolitanaModifica

FiloviaModifica

  • 201 Piazza Carlo III-Piazza Municipio
  • 202 Piazza Giambattista Vico-Via Medina
  • 254 Via Nicolini (Napoli)-Piazza Poli (Portici Bellavista)

TranviaModifica

  • Linea 1 (Via Stadera-Stazione Marittima)[4]
  • Linea 2 (Emiciclo di Poggioreale-San Giovanni a Teduccio)[5]
  • Linea 4 (San Giovanni a Teduccio-Stazione Marittima)[6]

AutobusModifica

ANM gestisce 106 linee autobus:

  • 61 linee urbane
  • 14 linee suburbane
  • 8 linee urbane notturne
  • 5 linee suburbane notturne
  • 3 linee temporanee
  • 5 linee festive

Sistemi ettometriciModifica

FunicolariModifica

AscensoriModifica

ParcheggiModifica

  • Parcheggio Brin (Gianturco) (800 posti)
  • Parcheggio Mancini (Piazza Garibaldi) (60 posti)
  • M1 Chiaiano - Marianella (250 posti)
  • M1 Colli Aminei (280 posti, custodito)
  • M1 Frullone - San Rocco (615 posti)
  • M1 Piscinola - Scampia (200 posti)
  • M1 Materdei (220 posti)
  • M1 Montedonzelli (60 posti)
  • Parcheggio Centro Direzionale (2244 posti)

Parco mezziModifica

AutobusModifica

FilobusModifica

TramModifica

Mezzi d'epocaModifica

ANM ha restaurato il filobus Alfa Romeo 1000 Aerfer n. 8021, riportandolo alle condizioni degli anni sessanta.

A partire dal 2008, il tram tipo Peter Witt n. 1029, costruito dall'Officina Ferroviaria Meridionale nel 1930 e dotato di motori CGE CT139K nel 1979, è stato sottoposto a restauro filologico. Alla conclusione dei lavori, è stato presentato il 10 gennaio 2012.

NoteModifica

  1. ^ Trasporti nel caos a Napoli, si dimette l'amministratore di Anm, in Repubblica.it, 8 marzo 2018. URL consultato il 18 giugno 2018.
  2. ^ Napoli, addio bus per la provincia: l'Anm dismette ben 75 linee. URL consultato il 18 giugno 2018.
  3. ^ Napoli, Anm tra scioperi e proteste: sarà un mese di disagi e disservizi. URL consultato il 18 giugno 2018.
  4. ^ Linea sospesa dal 2016 e sostituita dalla linea autobus 601 Via Nazionale delle Puglie (Deposito ANM) - Piazza Garibaldi
  5. ^ Linea sospesa dal 2016
  6. ^ Linea sospesa dal 2016 e sostituita dalla linea autobus 154 prolungata dal Parcheggio Brin fino a San Giovanni a Teduccio attestando direttamente nel deposito tranviario
  7. ^ TPLITALIA.IT, su tplitalia.it. URL consultato il 18 giugno 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica