Apri il menu principale

Atletica leggera ai Giochi della XXVII Olimpiade - Decathlon

Bandiera olimpica Athletics pictogram.svg
Decathlon
Sydney 2000
Informazioni generali
Luogo Stadio Olimpico di Sydney
Periodo 27-28 settembre 2000
Partecipanti 38
Podio
Medaglia d'oro Erki Nool Estonia Estonia
Medaglia d'argento Roman Šebrle Rep. Ceca Rep. Ceca
Medaglia di bronzo Chris Huffins Stati Uniti Stati Uniti
Edizione precedente e successiva
Atlanta 1996 Atene 2004
Atletica leggera ai
Giochi olimpici di
Sydney 2000
Athletics pictogram.svg
Corse piane
100 m piani   uomini   donne
200 m piani uomini donne
400 m piani uomini donne
800 m piani uomini donne
1500 m piani uomini donne
5000 m piani uomini donne
10000 m piani uomini donne
Corse ad ostacoli
110 / 100 m hs uomini donne
400 m hs uomini donne
3000 m siepi uomini
Prove su strada
Maratona uomini donne
Marcia 20 km uomini donne
Marcia 50 km uomini
Salti
Salto in alto uomini donne
Salto con l'asta uomini donne
Salto in lungo uomini donne
Salto triplo uomini donne
Lanci
Getto del peso uomini donne
Lancio del disco uomini donne
Lancio del martello uomini donne
Lancio del giavellotto uomini donne
Prove multiple
Decathlon uomini
Eptathlon donne
Staffette
Staffetta 4×100 m uomini donne
Staffetta 4×400 m uomini donne

Il decathlon ha fatto parte del programma di atletica leggera maschile ai Giochi della XXVII Olimpiade. La competizione si è svolta nei giorni 27-28 settembre 2000 allo Stadio Olimpico di Sydney.

L'eccellenza mondialeModifica

Campione olimpico 1996 8.824   Dan O'Brien Rit. 1998
Campione europeo 1998 8.667   Erki Nool Presente
Campione mondiale 1999 8.744   Tomáš Dvořák Presente
Primatista mondiale 8.994[E 1]   Tomáš Dvořák Presente
  1. ^ Record stabilito nel 1999.

La garaModifica

Dopo la prima giornata guida la classifica lo statunitense Chris Huffins (secondo ai Trials) con 4.554 punti; lo tallona il britannico Dean Macey con solo 8 punti in meno. Poi seguono Eric Nool, Tom Pappas (primo ai Trials) e Roman Šebrle (4.460).
Nella seconda giornata Huffins incrementa il suo vantaggio nei 110h, corsi sotto la pioggia, e nel disco. Dopo otto prove Huffins ha 7.220 punti e guarda tutti dall'alto. Il secondo è Nool, ma è distanziato a 7.067 punti. Nool ha rischiato grosso nel disco poiché, dopo due tentativi andati a vuoto, un giudice gli aveva annullato anche il terzo lancio per fallo di piede. L'estone era stato riammesso sub judice.
Alla nona prova, Nool supera Huffins forte della sua superiorità nel giavellotto: 65,82 contro 56,62 metri. I 1500 metri sono il punto debole di Huffins, infatti, nonostante stabilisca il suo personale, si vede superare nella classifica finale anche dal céco Roman Sebrle, che conquista l'argento sull'americano per soli 11 punti. Nool controlla la gara e vince di 35 punti su Šebrle.
Il primatista mondiale Tomas Dvorák ha dovuto fare i conti con dolori addominali e un malanno al ginocchio, ma ha tenuto duro ed è finito buon sesto.

Dopo la gara del disco, la giuria di appello aveva esaminato alla "moviola" il terzo lancio di Nool ed aveva dichiarato che l'estone non aveva pestato l'esterno della pedana, benché apparentemente le immagini dimostrassero il contrario.
Eric Nool è il primo estone a vincere un oro olimpico nell'atletica leggera.

Classifica finaleModifica

Stadio Olimpico, 27-28 settembre.

Pos Paese Atleta Punti
    Estonia Erki Nool 8.641 p
CORSE
100 m: 10"68
400 m: 46"71
110 ost. 14"48
1500 m: 4'29"48
SALTI
Alto: 2,00
Asta: 5,00
Lungo: 7,76
LANCI
Peso: 15,11
Disco: 43,66
Giavellotto: 65,82
    Rep. Ceca Roman Šebrle 8.606 p
    Stati Uniti Chris Huffins 8.595 p
4   Regno Unito Dean Macey 8.567 p
5   Stati Uniti Tom Pappas 8.425 p
6   Rep. Ceca Tomáš Dvořák 8.385 p
7   Germania Frank Busemann 8.351 p
8   Ungheria Attila Zsivoczky-Pandel 8.277 p