Giancarlo Basili

scenografo italiano

Giancarlo Basili (Montefiore dell'Aso, 1952) è uno scenografo italiano.

Giancarlo Basili

BiografiaModifica

Giancarlo Basili[1] nasce a Montefiore dell'Aso (Ascoli Piceno) nel 1952. Frequenta l'Istituto Statale d'Arte U. Preziotti di Fermo, poi il corso di scenografia dell‘Accademia delle Belle Arti di Bologna. Dal 1972 incomincia a lavorare come aiuto scenografo presso il Teatro comunale di Bologna, partecipando alla realizzazione di numerose opere liriche e teatrali, finché nel 1979 crea le scene per il balletto di Rudolf Nureyev “Miss Jolie” per il Teatro Nancy in Francia. Dal 1982 al 1988 collabora con il regista e scenografo Pier Luigi Pizzi. Nel 1985 gli viene affidata la direzione tecnico-scenografica del Teatro Festival di Parma. Nel 1986 lavora per il Centro Teatrale Bresciano. Nel 1998 diventa direttore degli allestimenti scenici del Teatro comunale di Bologna. Progetta le scenografie per numerosi videoclip musicali con Lucio Dalla, Vasco Rossi, Luca Carboni, Jovanotti, Ron, Francesco Baccini. Nel 2010 progetta l'allestimento per il padiglione italiano[2] per l'Expo 2010 di Shanghai. Affidato a lui anche l'allestimento del padiglione Zero di Expo 2015[3][4], a Milano dal 1º maggio al 31 ottobre.

CarrieraModifica

Giancarlo Basili ha collaborato in molti film con il collega scenografo Leonardo Scarpa. Nel 1997 si aggiudica il primo Ciak D’Oro[5] per la miglior scenografia del film Nirvana di Gabriele Salvatores, poi nel 2001 Luce dei miei occhi di Giuseppe Piccioni, nel 2002 Paz! di Renato De Maria e ancora nel 2008 Sanguepazzo di Marco Tullio Giordana. Nel 2006 riceve la nomination al Premio David di Donatello per il film Il caimano di Nanni Moretti. Nel 2007 la nomination al Nastro d'argento, sempre per Il caimano. Nel 2010 invece è premiato al Nastro d'argento alla migliore scenografia per il film L'uomo che verrà. Nel 2014 riceve il premio Dante Ferretti come miglior scenografo per il film L'intrepido, e sempre nel 2014 è ancora candidato al Premio David di Donatello per il film Anni felici di Daniele Luchetti. A livello internazionale, ha allestito le scenografie del film Copia conforme (2010), per la regia di Abbas Kiarostami. In alcuni dei film dove ha curato la scenografia, compare anche in piccolissime parti di pochi secondi come in Sud, Paz! e Il caimano.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

  • L'Amica Geniale, regia di Saverio Costanzo - serie TV, 16 episodi (2018-2020)

Premi e riconoscimentiModifica

David di Donatello
Nastro d'argento
  • 1998 - Candidatura alla migliore scenografia per Nirvana
  • 2002 - Candidatura alla migliore scenografia per Paz!
  • 2005 - Candidatura alla migliore scenografia per L'amore ritrovato
  • 2007 - Candidatura alla migliore scenografia per Il caimano
  • 2009 - Candidatura alla migliore scenografia per Sanguepazzo
  • 2010 - Migliore scenografia per L'uomo che verrà
  • 2012 - Candidatura alla migliore scenografia per Romanzo di una strage
  • 2014 - Candidatura alla migliore scenografia per Anni felici e L'intrepido
Ciak d'oro

NoteModifica

  1. ^ Intervista a Giancarlo Basili: i luoghi e gli oggetti che fanno la storia del cinema.
  2. ^ Padiglione italiano Expo 2010 Archiviato il 17 maggio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ Padiglione italiano Expo 2015, su milano.mentelocale.it. URL consultato il 25 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2014).
  4. ^ L'Expo vede i marchigiani in primo piano con Olga Moskivina e Giancarlo Basili, su corriereadriatico.it. URL consultato il 7 maggio 2015.
  5. ^ Ciak d'oro, su lapuntadellalingua.it. URL consultato il 7 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2014).
  6. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12/04/20.
  7. ^ Ciak d'oro 2002, su news.cinecitta.com. URL consultato il 12/06/02.
  8. ^ Tutti i "Ciak d'Oro" 2009. Trionfo per "Gomorra", "Il Divo" e "Pranzo di Ferragosto", su cinemaitaliano.info. URL consultato l'11/06/09.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68304512 · ISNI (EN0000 0000 3665 5202 · LCCN (ENn2003055088 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003055088