Apri il menu principale

Grand Prix (film)

film del 1966 diretto da John Frankenheimer
Grand Prix
Titolo originaleGrand Prix
Lingua originaleinglese, francese, italiano, giapponese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1966
Durata179 min
Rapporto2.20 :1
Generedrammatico, sportivo
RegiaJohn Frankenheimer
SoggettoRobert Alan Aurthur
SceneggiaturaRobert Alan Aurthur, John Frankenheimer (non accreditato) e William Hanley (dialogo addizionale)
Casa di produzioneDouglas & Lewis Productions, Joel Productions, John Frankenheimer Productions Inc., Cherokee Productions
FotografiaLionel Lindon
MontaggioHenry Berman, Stu Linder (come Stewart Linder) e Frank Santillo
MusicheMaurice Jarre
ScenografiaRichard Sylbert
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Grand Prix (Grand Prix) è un film del 1966 diretto da John Frankenheimer. Venne girato con l'uso di cineprese on-board sulle vetture e con tecniche, di assoluto rilievo per l'epoca[1], come lo Split-screen.

Indice

TramaModifica

Pete Aron, pilota statunitense di Formula 1, dopo essere stato licenziato a causa di un incidente a Monte Carlo con un suo compagno di squadra, cambia scuderia e firma un contratto con la Yamura, squadra giapponese che ha appena ultimato una nuova vettura con importanti innovazioni tecniche. Il suo principale rivale per il titolo è Jean-Pierre Sarti, pilota con già molte stagioni alle spalle e in crisi fisica e psicologica, nonché innamorato di Louise. Sarti corre per la scuderia di Agostini Manetta e sul circuito di Monza purtroppo incappa in una terribile uscita di pista causata da un detrito rimbalzato sulla sua vettura. Le conseguenze sono tragiche e muore dopo qualche ora in ospedale. Pete Aron riesce così a vincere il titolo mondiale con la nuova Yamura, aiutato anche dal fatto che un altro suo rivale, Scott Stoddard, non riesce per guai fisici a essere competitivo per tutta la durata delle gare. Neanche Nino Barlini, giovane e veloce pilota emergente, riesce a contrastarlo per la vittoria finale.

ProduzioneModifica

Il film ebbe la collaborazione delle principali scuderie di Formula 1 in particolare della BRM, della Ferrari e della McLaren. Quest'ultima nel film, viene utilizzata per "interpretare" la scuderia "Yamura" con la quale Pete Aron conclude la stagione.

Allo scopo la scuderia neozelandese adottò una colorazione bianco-verde su richiesta della produzione e Bruce McLaren a sua volta adottò una colorazione del casco bianco-rosso e blu diversa da quella solita.

Anche alcuni Piloti veri recitano nel film come Phil Hill, Graham Hill, Richie Ginther, Joakim Bonnier, Jack Brabham, oltre l'ex-campione Juan Manuel Fangio (complessivamente furono 32, dei quali cinque morirono in incidenti stradali a due anni dall'uscita del film ed altri cinque nei successivi dieci anni).

James Garner interpretò le sue scene di guida senza utilizzare un controfigura. Il realtà era troppo alto per una vettura di Formula Uno, dettaglio che costrinse la produzione a rimuovere il sedile della sua auto e sedersi sul telaio, con degli asciugamani come protezione.

Molte riprese a Montecarlo e in Belgio furono fatte con vetture di Formula 3 opportunamente "camuffate" e guidate per lo più da Phil Hill.

Fu il primo film a colori di Frankenheimer; il regista rifiutò di filmare le auto a velocità ridotta per poi accelerare il filmato, ritenendo che lo spettatore medio avrebbe notato la differenza.

Steve McQueen fu la prima scelta per il ruolo principale; sebbene quando incontrò il produttore Edward Lewis non mostrò interesse per la parte, successivamente se ne pentì, per poi andare persino in collera quando la parte fu affidata a Garner, che era suo amico e vicino di casa (i due non si parlarono per i successivi quattro anni).

Il ruolo di Louise venne offerto originariamente a Monica Vitti, ma l'attrice rifiutò. Venne quindi affidato all'attrice svedese Harriet Andersson, che girò alcune scene; Garner voleva sostituirla cosi la parte andò definitivamente a Eva Maria Saint (la produzione non diede mai una spiegazione ufficiale per la sostituzione).

Jean-Paul Belmondo rifiutò la parte di Nino Barlini. Anche Paul Newman (grande appassionato di corse sportive) venne considerato per una parte nel film.

Nino Farina svolse il ruolo di consulente tecnico e, parzialmente, quello di controfigura di Yves Montand, per i filmati al volante. Morì in un incidente d'auto, mentre si recava allo scopo al Gran premio di Francia.[2]

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Dizionario dei Film 1996, a cura di Paolo Mereghetti, Baldini & Castoldi, Milano, 1996.
  2. ^ (EN) The Founders–Part 8–Giuseppe Farina, su f1grandprixdriversclub.com. URL consultato il 7 gennaio 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica