Enzo Fiermonte

pugile, attore e regista italiano
Enzo Fiermonte
Fiermonte1.jpg
Enzo Fiermonte in una fotografia scattata presumibilmente nel 1934.
Nazionalità Italia Italia
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi medi
Termine carriera 21 settembre 1934
Carriera
Incontri disputati
Totali 56
Vinti (KO) 43 (10)
Persi (KO) 10 (6)
Pareggiati 3
 

Enzo Fiermonte (Casamassima, 17 luglio 1908Mentana, 22 marzo 1993) è stato un pugile, attore e regista italiano. Come regista usò lo pseudonimo di William Bird.

BiografiaModifica

Figlio dei casamassimesi Donato e Lucrezia Nanna, Enzo Fiermonte visse la sua infanzia, con genitori, fratelli e sorelle a Casamassima. Da adolescente, visse alcuni anni a Bari, dove la sua famiglia si era trasferita alla ricerca di migliori condizioni di vita.[1]

PugileModifica

Pugile professionista, conquistò grande fama tra la fine degli anni Venti — il suo esordio avvenne a Roma il 22 novembre 1925 opposto ad Alfredo Venturi in un match senza verdetto — e i primi anni Trenta.

Ha combattuto tra i pesi medi e ha reso appassionanti le sue sfide con Mario Bosisio, contro cui perse il primo incontro il 1º marzo 1931 a Milano (in un incontro valido per il titolo italiano ed europeo), battendolo però nella rivincita, svoltasi a Roma il 19 ottobre 1931 alla presenza di Benito Mussolini, e conquistando così il titolo tricolore.

Enzo Fiermonte combatté in anni in cui il pugilato era in Italia molto popolare, forse quanto il calcio.

La svolta che cambiò la vita al pugliese, ormai romano d'adozione, avvenne nel 1932, quando conobbe, mentre entrambi solcavano l'oceano a bordo di un lussuoso transatlantico, Madeleine Force Astor Dick; la Force era la ricca vedova del miliardario americano John Jacob Astor IV, scomparso nel disastro del Titanic, e era di 15 anni più anziana di quello che negli anni Venti divenne famoso come il Bello del ring; la donna s'invaghì di Fiermonte, spezzandone definitivamente la carriera. Per lei, Fiermonte chiese e ottenne il divorzio dalla prima moglie, Tosca Manetti, da cui aveva avuto il figlio Giovanni.

Fiermonte, quindi, per sposare il 27 novembre 1933 la Force, si allontanò per due anni dal quadrato, rinunciando alla sfida iridata con Marcel Thil e abbandonando il titolo italiano dei medi conquistato contro Bosisio. Il matrimonio gli aprì le porte di una nuova e fastosa esistenza che lo portò a stabilirsi in una sontuosa villa a Hollywood e a vivere di rendita. Questa unione durò poco meno di cinque anni — i due coniugi divorziarono l'11 giugno 1938 — e a quel punto Fiermonte volle sfruttare sino in fondo i propri tratti maschi e accattivanti, la sua straordinaria fotogenia, il suo ancora notevole vigore fisico e l'ulteriore fama raggiunta per questa movimentata e chiacchierata storia d'amore. Successivamente al divorzio dalla Force, Fiermonte iniziò un'altra storia d'amore, con l'ereditiera americana Caroline Leiper, che però si concluse ben presto a seguito del suo ritorno in Italia.

Si convinse, infatti, a iniziare una carriera d'attore cinematografico in un periodo in cui il fascismo, prossimo a entrare in guerra con gli Stati Uniti, era prontissimo ad accogliere il suo figliol prodigo. Fiermonte aveva del resto da tempo chiuso con i guantoni, salendo inutilmente sul quadrato in un ultimo svogliato incontro, risoltosi in una sconfitta, contro Les Kennedy, il 21 settembre 1934 al Legion Stadium di Hollywood. Da professionista, Fiermonte aveva sostenuto 56 volte combattimenti vincendone 43, di cui 10 prima del limite.

AttoreModifica

Il suo fisico prestante e la sua duttilità atletica — a differenza di altri pugili-attori come Spalla, Carnera e più tardi Mitri, seppe cimentarsi anche in altre discipline come l'equitazione ed il tennis — gli consentirono di partecipare in rapida successione a diversi film di cappa e spada, e di genere pugilistico.

 
Fiermonte nel pieno della sua carriera d'attore

I suoi esordi sulle scene coincisero con le sue prove più convincenti, come l'autobiografico L'ultimo combattimento di Piero Ballerini del 1941 e in seguito Il campione di Carlo Borghesio del 1943, pellicole in cui collaborò anche al soggetto; buona prova di sé la diede anche nel ruolo di protagonista in Fra Diavolo di Luigi Zampa del 1942. Negli stessi anni del suo rientro in Italia conobbe a un ricevimento l'aristocratica Giulia del Rio, giovanissima vedova ventiduenne di oltre dieci anni più giovane, con la quale allacciò una lunga relazione amorosa che non poté concludersi con il matrimonio a causa del veto imposto dalla famiglia di lei. Fiermonte non seppe tuttavia mai uscire dallo stereotipo di attore aitante, muscoloso e scanzonato ma scarsamente dotato dal punto di vista artistico: nonostante la partecipazione a decine e decine di lungometraggi, con il passare degli anni le sue apparizioni cinematografiche si limitarono a ruoli spesso senza pretese. Fu anche scritturato da Luchino Visconti nel ruolo d'allenatore di pugilato in Rocco e i suoi fratelli e continuò a partecipare a svariati film sino al 1979.

Complessivamente, Fiermonte prese parte a oltre 100 pellicole, ricorrendo talvolta a pseudonimi, tra i quali William Stockridge e Glenn Foster.

RegistaModifica

Fiermonte tentò anche la strada della regia, con lo pseudonimo di William Bird, nel film del 1946 L'atleta di cristallo — girato a Bari, città della sua giovinezza — ma con esiti poco felici; la pellicola fu stampata in 29 copie e risulta introvabile.[2]

Filmografia parzialeModifica

AttoreModifica

RegistaModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ Giovanni Memola, L'avventurosa vita di Enzo Fiermonte, pugile attore, Bari, Edizioni dal Sud, 2016, ISBN 978-88-7553-216-1.
  2. ^ Ludovico Fontana, Dal ring ai set di Cinecittà, la storia di Enzo Fiermonte, in Corriere del Mezzogiorno/Corriere della Sera, 3 febbraio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN47043569 · ISNI (EN0000 0004 3983 2541 · LCCN (ENno2009074257 · BNF (FRcb15029226p (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2009074257