Gustavo Munúa

allenatore di calcio ed ex calciatore uruguaiano
Gustavo Munúa
Gustavo Adolfo Munúa.jpg
Munúa con la maglia del Levante
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 189 cm
Peso 87 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex portiere)
Termine carriera 2015 - giocatore
Carriera
Giovanili
1986-1997Nacional
Squadre di club1
1996-2003Nacional102 (-?;3)
2003-2009Deportivo La Coruña27 (-15)
2009-2010Malaga38 (-48)
2010-2013Levante86 (-124)
2013-2014Fiorentina0 (0)
2014-2015Nacional41 (-42)[1]
Nazionale
1997Uruguay Uruguay U-20? (-?)
1998-2004Uruguay Uruguay22 (-35)[2]
Carriera da allenatore
2015-2016Nacional
2017LDU Quito
2017-2018Deportivo B
2018-2019FC Cartagena
2020Nacional
Palmarès
Transparent.png Mondiale di calcio Under-20
Argento Malesia 1997
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 dicembre 2019

Gustavo Adolfo Munúa Vera (Montevideo, 27 gennaio 1978) è un allenatore di calcio ed ex calciatore uruguaiano, di ruolo portiere.

Caratteristiche tecnicheModifica

Ha grandi capacità di muoversi tra i pali e grandissimi abilità anche con i piedi. In carriera ha realizzato dei gol su rigore e su punizione; è molto bravo anche nel far ripartire l'azioni con rinvii molto precisi.[3]

CarrieraModifica

CalciatoreModifica

ClubModifica

NacionalModifica

Inizia nel Nacional, con cui vince il campionato uruguaiano nel 1998, nel 2000, nel 2001 e nel 2002. Sempre nel Nacional ha stabilito il record di imbattibilità consecutiva: 963 minuti.[senza fonte] Munúa ha anche stabilito il record di primo portiere a segnare una rete nel campionato uruguaiano, segnando su punizione contro il Central Español.[senza fonte] Ha anche realizzato diversi gol su rigore, sia in campionato che in Coppa Libertadores.

In SpagnaModifica

Nel 2003 si è trasferito in Spagna per giocare nella Primera División, con il Deportivo de La Coruña, dove milita per sei stagioni, senza però vincere alcun titolo con la maglia della squadra galiziana.

Il 30 giugno 2009 viene acquistato dal Malaga, firmando un contratto di durata annuale e indossando la maglia di titolare della squadra andalusa lungo tutta la stagione, venendo schierato 38 volte in campionato.

Nella stagione 2010-2011 passa al Levante, squadra di Valencia militante in Primera División, dove fa il suo debutto all'Estadio Ciutat de València alla prima giornata di campionato nella partita Levante-Siviglia, persa dai padroni di casa per 4-1.

FiorentinaModifica

Rimasto svincolato dal Levante,[4] il 18 giugno 2013 viene tesserato dalla società italiana della Fiorentina, firmando un contratto fino al 30 giugno 2015.[5] Esordisce in maglia viola il 7 novembre nella gara di Europa League Pandurii-Fiorentina (1-2).[6] Il 21 gennaio 2014 risolve consensualmente il contratto che lo legava alla squadra viola.[7]

Ritorno al NacionalModifica

Dopo aver rescisso il contratto con la Fiorentina torna a giocare nel Nacional club dove aveva iniziato la carriera.[8]

NazionaleModifica

Conta diverse presenze in Nazionale, avendo partecipato, tra l'altro, alla Copa América 2001 in Colombia, al campionato del mondo 2002 in Corea del Sud e Giappone e alle qualificazioni al campionato del mondo 2006.

AllenatoreModifica

Al termine della carriera da calciatore decide d'intraprendere quella di allenatore.

Il 7 novembre 2017 diventa il nuovo allenatore del Deportivo Fabril.[9]

StatisticheModifica

Cronologia presenze e punti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Uruguay
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
24-5-1998 Santiago del Cile Cile   2 – 2   Uruguay Amichevole -2
17-2-2000 Maldonado Uruguay   2 – 0   Ungheria Amichevole -
14-7-2001 Medellín Bolivia   0 – 1   Uruguay Coppa America 2001 - 1º turno -
17-7-2001 Medellín Uruguay   1 – 1   Costa Rica Coppa America 2001 - 1º turno -1
23-7-2001 Armenia Costa Rica   1 – 2   Uruguay Coppa America 2001 - Quarti di finale -1   90’
25-7-2001 Pereira Messico   2 – 1   Uruguay Coppa America 2001 - Semifinale -2
7-10-2001 Montevideo Uruguay   1 – 1   Colombia Qual. Mondiali 2002 -1
17-4-2002 Milano Italia   1 – 1   Uruguay Amichevole -1   63’
12-5-2002 Washington Stati Uniti   2 – 1   Uruguay Amichevole -2
20-11-2002 Caracas Venezuela   1 – 0   Uruguay Amichevole -1
8-6-2003 Seul Corea del Sud   0 – 2   Uruguay Amichevole -
30-7-2003 Montevideo Uruguay   1 – 0   Perù Amichevole -
30-7-2003 Montevideo Uruguay   5 – 3   Iraq Amichevole -1   75’
20-8-2003 Firenze Argentina   3 – 2   Uruguay Amichevole -3
7-9-2003 Montevideo Uruguay   5 – 0   Bolivia Qual. Mondiali 2006 -
10-9-2003 Asunción Paraguay   4 – 1   Uruguay Qual. Mondiali 2006 -4
15-11-2003 Montevideo Uruguay   2 – 1   Cile Qual. Mondiali 2006 -1
19-11-2003 Curitiba Brasile   3 – 3   Uruguay Qual. Mondiali 2006 -3
18-2-2004 Kingston Giamaica   2 – 0   Uruguay Amichevole -1   46’
31-3-2004 Montevideo Uruguay   0 – 3   Venezuela Qual. Mondiali 2006 -3
1-6-2004 Montevideo Uruguay   1 – 3   Perù Qual. Mondiali 2006 -3
6-6-2004 Barranquilla Colombia   5 – 0   Uruguay Qual. Mondiali 2006 -5
Totale Presenze 22 Reti -35

PalmarèsModifica

ClubModifica

Nacional: 1998, 2000, 2001, 2002

NoteModifica

  1. ^ 42 (-44) se si comprendono le presenze nei play-off.
  2. ^ (EN) Uruguay - Record International Players, su rsssf.com. URL consultato il 18 ottobre 2015.
  3. ^ Fiorentina, Munua: "Non prendiamo sottogamba l'Europa", su calciomercato.com.
  4. ^ La Fiorentina ufficializza l'acquisto a parametro zero di Gustavo Munua firenzetoday.it
  5. ^ Un nuovo portiere per la Fiorentina tesserato l'uruguaiano Munua, violachannel.tv, 18 giugno 2013. URL consultato il 18 giugno 2013.
  6. ^ Due acuti nel finale, la Fiorentina si qualifica uefa.com
  7. ^ Risolto il contratto con Munua violachannel.tv
  8. ^ Munùa, primo allenamento con il Nacional. Larrosa: "Mi ha sorpreso, gran portiere" Archiviato il 23 gennaio 2014 in Internet Archive. fiorentina.it
  9. ^ (ES) Gustavo Munúa, nuevo entrenador del Fabril, su rcdeportivo.es. URL consultato il 14 agosto 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica