Laurent Dufaux

ex ciclista su strada svizzero
Laurent Dufaux
Laurent Dufaux - 2014.jpg
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 169 cm
Peso 57 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Termine carriera 2004
Carriera
Squadre di club
1991-1992Helvetia
1993-1994ONCE
1995-1998Festina
1999-2001Saeco
2002-2003Alessio
2004Quick Step
Nazionale
1991-2000Svizzera Svizzera
Statistiche aggiornate al 27 febbraio 2020

Laurent Dufaux (Montreux, 20 maggio 1969) è un ex ciclista su strada svizzero con caratteristiche di scalatore, professionista dal 1991 al 2004.

CarrieraModifica

Professionista dal 1991 al 2004, in quattordici anni di carriera Dufaux ha conquistato un totale di 38 vittorie (fra cui due edizioni del Critérium du Dauphiné Libéré, una del Tour de Romandie e una Coppa Placci), indossando per due giorni la maglia amarillo alla Vuelta a España 1997, oltre a conseguire piazzamenti nelle classifiche finali dei grandi giri (3 piazzamenti nei 10 al Tour de France e 2 podi consecutivi alla Vuelta). Coinvolto nello scandalo doping Festina, ammise l'uso di EPO[1] e fu sospeso dall'attività ciclistica per otto mesi[2].

PalmarèsModifica

  • 1991 (Helvetia, tre vittorie)
Campionati svizzeri, Prova in linea
Classifica generale Route du Sud
Coppa Placci
  • 1992 (Helvetia, una vittoria)
Grand Prix Pino Cerami
  • 1993 (O.N.C.E., due vittorie)
5ª tappa Critérium du Dauphiné Libéré (Bonneville > Grenoble)
Classifica generale Critérium du Dauphiné Libéré
  • 1994 (O.N.C.E., due vittorie)
Classifica generale Critérium du Dauphiné Libéré
2ª tappa Tour de l'Oise
  • 1995 (Festina, quattro vittorie)
Classifica generale Route du Sud
2ª tappa Vuelta a Burgos
3ª tappa, 1ª semitappa Vuelta a Burgos
Classifica generale Vuelta a Burgos
  • 1996 (Festina, due vittorie)
17ª tappa Tour de France (Argelès-Gazost > Pamplona)
19ª tappa Vuelta a España (Getafe > Ávila
  • 1997 (Festina, due vittorie)
2ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Baraqueville > Saint-Chély-d'Apcher)
À travers Lausanne
  • 1998 (Festina, sei vittorie)
Prologo Tour de Romandie (Rheinfelden, cronometro)
1ª tappa Tour de Romandie (Rheinfelden > Saignelégier)
3ª tappa Tour de Romandie (Montreux > Veysonnaz)
Classifica generale Tour de Romandie
5ª tappa Grand Prix du Midi Libre (Nîmes > Mende)
Classifica generale Grand Prix du Midi Libre
  • 1999 (Saeco, una vittoria)
La Poly Normande
  • 2000 (Saeco, tre vittorie)
2ª tappa Tour de Romandie (Montreux > La Chaux-de-Fonds)
1ª tappa À travers Lausanne (Losanna, cronometro)
Gran Premio di Svizzera
  • 2001 (Saeco, una vittoria)
3ª tappa Giro del Trentino (Fondo > Malcesine)
  • 2002 (Alessio, due vittorie)
Trofeo Melinda
1ª tappa Settimana Ciclistica Lombarda (Novate Milanese > Carimate)
  • 2003 (Alessio, tre vittorie)
3ª tappa Tour de Romandie (Moudon > Loèche-les-Bains)
1ª tappa Rominger Classic (Grafenort > Grafenort)
2ª tappa Rominger Classic (Grafenort, cronometro)

Altri successiModifica

Classifica regolarità Vuelta a Burgos
2ª tappa, 2ª semitappa Tour Méditerranéen (Berre-les-Alpes > Velaux, cronosquadre)

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

1992: ritirato (13ª tappa)
1994: 35º
1995: 19º
1996: 4º
1997: 9º
1998: escluso (7ª tappa)[3]
1999: 4º
2000: ritirato (13ª tappa)
2002: ritirato (16ª tappa)
2003: 21º
2004: 67º
1996: 2º
1997: 3º
1998: ritirato
1999: ritirato (4ª tappa)
2000: non partito (14ª tappa)

Classiche monumentoModifica

1992: 130º
1994: 25º
1995: 57º
1996: 21º
1997: 41º
1998: 14º
2002: 109º
2003: 56º
1991: 57º
1993: 25º
1997: 37º
1998: 10º
2000: 21º
2001: 38º
2003: 24º
2004: 46º
1991: 54º
1993: 13º
1996: 38º

Competizioni mondialiModifica

Stoccarda 1991 - In linea: 49º
Benidorm 1992 - In linea: 52º
Agrigento 1994 - In linea: 20º
Lugano 1996 - In linea: 16º
San Sebastián 1997 - In linea: 6º

NoteModifica

  1. ^ (EN) The drugs scandal update, in http://autobus.cyclingnews.com, 27 luglio 1998. URL consultato il 5 agosto 2012.
  2. ^ Ciclismo: punizioni per lo scandalo al Tour. Zuelle, Dufaux e Meier squalificati per 8 mesi, in http://archiviostorico.corriere.it, 1º ottobre 1998. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  3. ^ Caso Festina, il Tour cerca altri colpevoli, in http://archiviostorico.corriere.it, 20 luglio 1998. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica