Madagascar (film)

film d'animazione del 2005 diretto da Eric Darnell e Tom McGrath

Madagascar è un film d'animazione del 2005, diretto da Eric Darnell e Tom McGrath.

Madagascar
Da sinistra: Marty la zebra, Alex il leone, Gloria l'ippopotamo e Melman la giraffa appena sbarcati nell'isola del Madagascar
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2005
Durata86 min
Genereanimazione, commedia, avventura
RegiaEric Darnell, Tom McGrath
SceneggiaturaMark Burton, Billy Frolick, Eric Darnell, Tom McGrath
ProduttoreMireille Soria
Casa di produzioneDreamWorks Animation, PDI
Distribuzione in italianoUIP
MontaggioH. Lee Peterson, Claire De Chenu
Effetti specialiPhilippe Gluckman
MusicheHans Zimmer
ScenografiaKendal Chronkite, Ewan Johnson
Art directorShannon Jeffries
Character designCraig Kellman, Nico Marlet, Philippe Tilkete
AnimatoriRex Grignon, Denis Couchon, Paul Chung, Trey Thomas, Donnachada Daly
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Logo ufficiale del film

Prodotto da DreamWorks Animation, Madagascar uscì nelle sale statunitensi il 27 maggio 2005, ricevendo recensioni contrastanti da parte della critica, con elogi alla grafica e al fascino, ma critiche alla storia e all'umorismo. Tuttavia, è stato un successo al botteghino e il sesto film con il maggior incasso del 2005. Il film ha lanciato un franchise che include i sequel diretti Madagascar 2 (2008) e Madagascar 3 - Ricercati in Europa (2012), lo spin-off I pinguini di Madagascar (2014), diversi cortometraggi, serie televisive e special, una serie di videogiochi, attrazioni e spettacoli dal vivo.

Trama modifica

Il leone Alex, la zebra maschio Marty, l'ippopotamo femmina Gloria e la giraffa maschio Melman vivono insieme nello zoo di Central Park a New York. Alex, che è totalmente innocuo in quanto abituato a mangiare bistecche, è al centro dell'attenzione dello zoo poiché si esibisce ogni giorno ballando ed è l'animale beniamino dei cittadini. Un giorno quattro pinguini, anch'essi ospiti dello zoo - il capo Skipper, Rico, Kowalski e Soldato - tentano di scappare verso l'Antartide scavando un tunnel, ma finiscono per sbaglio nel recinto di Marty, a cui accennano in segreto il loro piano. Marty comincia così a pensare al mondo al di fuori delle mura dello zoo e, ammirando il murales davanti al suo recinto che raffigura un paesaggio incontaminato, inizia a desiderare di scappare a sua volta. Così, quella notte Marty fugge di nascosto dallo zoo ed Alex, Gloria e Melman vanno a cercarlo per riportarlo indietro; in questa occasione fuggono anche Mason e Phil, due scimpanzé che vivono allo zoo.

Alex, Gloria e Melman prendono la metropolitana, suscitando terrore nei passeggeri, ed arrivano al Grand Central Terminal, dove riescono a ritrovare Marty, ma subito dopo vengono circondati dai poliziotti. Alex cerca di spiegare la situazione agli agenti, che però interpretano male i suoi movimenti e, credendo che il leone voglia attaccare, addormentano gli animali con freccette narcotizzanti e li catturano insieme ai pinguini e agli scimpanzé. A seguito di tali eventi, che scatenano le proteste degli animalisti (i quali fraintendono e considerano Alex un eroe per essere fuggito dalla cattività dello zoo), gli animali vengono chiusi in casse ed imbarcati su una nave diretta ad una riserva naturale in Kenya. Durante il viaggio nell'Oceano i pinguini, dopo aver saputo dagli scimpanzé che la nave non è diretta in Antartide, aprono il lucchetto della loro cassa, atterrano gli uomini dell'equipaggio e prendono il controllo della nave per dirigersi verso l'Antartide, ma non riescono a manovrarla e finiscono per far cadere le casse di Marty, Alex, Gloria e Melman in acqua.

Dopo un lungo viaggio, i quattro si ritrovano su una spiaggia, dove trovano dei lemuri, guidati dall'autoproclamato re Julien, accompagnato dai suoi due consiglieri Maurice e Mortino, che vivono tutti sopra un gigantesco baobab dove è intrappolato un aereo precipitato, nel quale si trovano ancora gli scheletri dei passeggeri morti. Julien non riesce ad imporre il proprio dominio su tutta l'isola a causa dei fossa, che da anni terrorizzano i lemuri uccidendoli ed interrompendo le loro feste; notando che i fossa scappano alla vista di Alex, il lemure decide di diventare amico del leone e degli altri animali per essere difeso dai fossa ed accoglie i protagonisti con calore. Dopo aver saputo tramite re Julien e Maurice di essere in Madagascar nella natura più incontaminata, Marty è molto felice, avendo finalmente realizzato il suo desiderio, mentre Alex è disperato e tenta di tornare a New York: tra i due si scatena inevitabilmente un'accesa diatriba.

Il leone decide di dividere la spiaggia in due parti: quella di Marty, chiamata "la parte selvaggia", e la sua, di Gloria e di Melman, chiamata "la parte civilizzata". Mentre Marty si diverte e usa le sue abilità per costruire una capanna di foglie, Alex, Gloria e Melman lavorano ad un piano del leone: dopo ore di lavoro, di notte, Alex crea una gigantesca Statua della Libertà fatta con legno e paglia ed intende usarne la fiaccola come fuoco di segnalazione per attirare l'attenzione di eventuali elicotteri che potrebbero salvarli. Questo piano fallisce, perché Melman, dopo essere riuscito ad accendere il fuoco strofinando due legnetti, si distrae e brucia accidentalmente tutta la statua; alla fine la giraffa e Gloria decidono di andare con Marty. Non avendo altre opzioni, Alex si unisce a Marty e gli altri ed il leone comincia poco a poco ad adattarsi alla natura, pur cercando di adattarla alle sue esigenze, ma poco dopo, dal momento che non mangia le sue adorate bistecche da giorni, comincia ad essere affamato e a voler azzannare ciò che gli capita a tiro. I pinguini intanto arrivano con la nave in Antartide, ma scoprono che, a dispetto della loro natura, il ghiaccio ed il freddo non fanno per loro, quindi decidono di tornare a New York.

Alex e Marty, ormai riappacificati, se la spassano nello spazio aperto del Madagascar e tengono i lemuri al sicuro dai fossa, ma Alex è sempre più affamato e manifesta sempre di più i suoi istinti animaleschi, cosa che mette a dura prova la sua amicizia con Marty. A un certo punto, offuscato dalla fame, Alex morde Marty sul sedere avendo iniziato a vedere tutti come bistecche. Maurice, il quale fin dall'inizio non era convinto che Alex fosse così buono come i suoi simili credevano, spiega che Alex è un carnivoro e che mangia solo carne a differenza loro e il suo posto è solo tra quelli che seguono la sua natura di carnivori. Marty e gli altri non credono a questo, ma la fame riprende il sopravvento su Alex vedendoli tutti come bistecche giganti, mandandoli nel panico, dandosi alla fuga. Julien e Maurice trovando rifugio sopra una palma, tirano una noce di cocco, in testa ad Alex, facendolo tornare in se. Il leone, sconvolto per quello che gli sta succedendo, scappa andando nella terra dei Fossa.

Marty, Melman e Gloria, nell'arco di poco tempo, scoprono che la natura non è così bella come se la immaginavano, ma è piena di predatori e di violenza, quindi fuggono via e tornano alla spiaggia, rattristandosi per Alex; Marty, in particolare, si sente responsabile per tutto quello che è accaduto. A quel punto vedono la nave su cui erano stati imbarcati, pilotata dai pinguini, passati di lì per caso. Marty tenta di andare a recuperare Alex per condurlo alla nave, pur rischiando di farsi uccidere dall'inferocito leone. I pinguini, che sulla via di ritorno hanno visto da lontano i tre mammiferi, sbarcano sulla spiaggia e organizzano un piano di salvataggio a cui collaborano anche Gloria e Melman. Marty, arrivato nel territorio dei fossa, cerca di convincere Alex a seguirlo, ma il leone, convintosi di essere un mostro e di doversi tenere lontano dalla civiltà, si rifiuta. I fossa, vedendo la zebra e sapendo che si tratta di un erbivoro, attaccano: Marty viene salvato da Melman e dai pinguini, i quali però rischiano di essere uccisi dai fossa a loro volta.

Proprio quando sembra che sia la fine interviene Alex, che salva i suoi amici mettendo in fuga i fossa. Il territorio dei fossa e la spiaggia diventano infine possedimenti dei lemuri. Alex, Marty, Melman e Gloria non possono ancora tornare a New York poiché la nave ha esaurito il carburante, ma non sono affatto dispiaciuti di passare alcuni mesi con Julien in Madagascar. Durante la festa che i lemuri tengono per essere stati liberati dai fossa, i pinguini fanno mangiare ad Alex del sushi: il leone, dopo averlo assaggiato, ritiene che sia ancora meglio della carne e decide che da quel momento in poi non mangerà più bistecche ma solo pesce.

Cast di doppiatori modifica

  • Ben Stiller come Alex, un leone buono, vanitoso e pieno di energia. Tom McGrath ha spiegato che "Ben Stiller è stato il primo attore a cui abbiamo chiesto di partecipare e sapevamo che volevamo che il suo personaggio, Alex, fosse un grande leone con un lato vulnerabile."[1]
  • Chris Rock come Marty, un maschio di zebra delle pianure ottimista e positivo. McGrath ha spiegato che il personaggio: "Marty è un ragazzo che pensa che potrebbe esserci di più nella vita di quello che c'è nello zoo. Volevamo che fosse energico, quindi abbiamo ascoltato Chris Rock."[1]
  • David Schwimmer come Melman, un maschio di giraffa reticolata fortemente ipocondriaco e pauroso ma gentile e di buon cuore. Quando stavano cercando un doppiatore per Melman, hanno ascoltato la voce di Schwimmer e, secondo McGrath, hanno pensato che "suonasse davvero bene."[1]
  • Jada Pinkett Smith come Gloria, un ippopotamo femmina bella, forte, sicura di sé e dolce. McGrath ha detto di aver trovato tutti questi tratti nella voce di Pinkett Smith, quando l'hanno ascoltata.[1]
  • Sacha Baron Cohen come Re Julien XIII, un lemure dalla coda ad anelli che si è auto-proclamato re dei propri simili. Re Julien era inizialmente pensato solo come un personaggio "da due battute" fino a quando, alla propria audizione, Baron Cohen ha improvvisato otto minuti di dialogo con un accento indiano.[2]
  • Cedric the Entertainer come Maurice, un aye-aye consigliere reale di Re Julien (che Julien ascolta raramente, anche se spesso si rivela avere ragione).
  • Andy Richter come Mortino, un microcebo di Goodman.
  • Tom McGrath come Skipper, il capo dei pinguini. McGrath, regista e sceneggiatore del film, inizialmente ha prestato la sua voce solo alle tracce temporanee.[3][4] Robert Stack è stato contattato per dare voce al personaggio, ma è morto prima dell'inizio della produzione dell'animazione, e la sua voce temporanea è stata mantenuta.[5][6][7]
  • Chris Miller come Kowalski, un pinguino intelligente e il braccio destro di Skipper.[3]
  • Jeffrey Katzenberg come Rico, un pinguino silenzioso che si esprime solo attraverso grugniti e strilli.[3]
  • Christopher Knights come Soldato, un pinguino desideroso e umile. Knights è stato anche assistente al montaggio del film.[3]
  • Jason Alexander come Mason, uno scimpanzé (è presente anche un altro scimpanzé, Phil, che però non parla mai).
  • Eric Darnell e Tom McGrath come i fossa.
  • Elisa Grabrielli come Nana, un'anziana newyorkese che si dimostra estremamente violenta con Alex, riuscendo a metterlo in difficoltà. La Gabrielli ha modellato la voce di Nana sulle nonne russe e ungheresi e sul suo patrigno, anche se all'inizio non pensava che la sua voce sarebbe stata mantenuta nel film finito.[8]

Produzione modifica

All'inizio del 1998, tra i progetti della DreamWorks, c'era un film intitolato Rockumentary; il film era la storia di 4 pinguini (tutti e 4 caricature dei Beatles) che avevano successo nel mondo come musicisti. Tuttavia il film venne cancellato in quanto si pensava che come idea non potesse funzionare. Quando iniziò la produzione di Madagascar, il regista Eric Darnell decise di riprendere i pinguini protagonisti di Rockumentary e di trasformarli nei 4 pinguini del film.[9]

Per realizzare il film è stata necessaria una troupe di 240 persone. Per le ambientazioni gli artisti della DreamWorks si sono ispirati a pittori e fotografi contemporanei come Michael Sowa, John Register, Alfred Stieglitz e Henri Rousseau.

Il presidente del Madagascar, Marc Ravalomanana, ha visitato gli studi della DreamWorks durante la lavorazione del film.

Distribuzione modifica

È uscito nelle sale cinematografiche americane il 27 maggio 2005, mentre in quelle italiane il 31 agosto dello stesso anno.[10]

Edizione italiana modifica

L'edizione italiana del film è stata diretta da Massimiliano Alto, mentre i dialoghi sono di Carlo Valli; il doppiaggio italiano venne eseguito dalla Cast Doppiaggio S.r.l.[11] e la sonorizzazione è stata affidata alla SEFIT - CDC.[11]

Al doppiaggio italiano hanno partecipato Ale e Franz nei ruoli di Alex e Marty, e Fabio De Luigi e Michelle Hunziker in quelli di Melman e Gloria.[11]

Accoglienza modifica

Incassi modifica

Il film è stato un successo commerciale, avendo incassato 193595521 $ in Nordamerica e 348468325 $ nel resto del mondo, per un totale di 542063846 $.[12] Ad aprile 2019, il film è il nono film di maggior incasso della DreamWorks Animation negli Stati Uniti, dietro i quattro film di Shrek, Dragon Trainer, Madagascar 3, Kung Fu Panda e Mostri contro alieni.[13] In Italia, con un incasso totale pari a 21199208 ,[14] è il 47º film col maggiore incasso.

Critica modifica

Su Rotten Tomatoes, il film ha ricevuto un punteggio di approvazione del 54% basato su 191 recensioni, con una valutazione media di 6,0/10; il consenso recita: "Sebbene la sua storia sia problematica in alcuni punti e il suo umorismo sia incostante per la folla adulta, Madagascar vanta immagini impressionanti e un fascino abbastanza audace da intrattenere i bambini."[15] Su Metacritic, il film ha un punteggio di approvazione di 57/100 basato su 36 recensioni che rientrano nella categoria "miste o medie".[16]

Riconoscimenti modifica

Sequel modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Madagascar (franchise).

Successivamente sono stati girati due sequel: Madagascar 2 (2008) e Madagascar 3 - Ricercati in Europa (2012), e uno spin-off, I pinguini di Madagascar (2014), ambientato dopo gli eventi del terzo film, e uscito in seguito alla produzione dell'omonima serie televisiva spin-off.

Note modifica

  1. ^ a b c d (EN) Animatore parla a un gruppo di giovani appassionati del suo nuovo film, "Madagascar", su The Seattle Times. URL consultato il 14 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2014).
  2. ^ (EN) Recensione: 'All Hail King Julien' dà inizio al rave del 'Madagascar', su Los Angeles Times.
  3. ^ a b c d (EN) Un colorato quartetto di bianchi e neri, su The Los Angeles Times.
  4. ^ (EN) Mantenere il controllo dello zoo, su MovieFreak.com.. URL consultato il 14 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2006).
  5. ^ (EN) I piccoli prendono il posto di 'I pinguini di Madagascar', su Los Angeles Times.
  6. ^ (EN) Il co-regista di 'Madagascar' ruba lo spettacolo come leader dei pinguini, su Deseret News.
  7. ^ (EN) Direttori e attori dell'SDCC parlano di spionaggio e ilarità in 'I pinguini di Madagascar', su Comic Book Resources. URL consultato il 14 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  8. ^ (EN) Nana è tornata! Elisa Gabrielli su Madagascar 2, su Animated Views.
  9. ^ (EN) Julian Phillips, Escape from Zoo-York: Behind The Scenes of Madagascar, su Skwigly, 25 novembre 2005. URL consultato il 3 dicembre 2023.
  10. ^ Claudia Morgoglione, "Madagascar", dai trionfi al cinema all'assalto del mercato homevideo, su repubblica.it, 2 dicembre 2005.
  11. ^ a b c Madagascar (2005), su AntonioGenna.net, 31 agosto 2005. URL consultato il 25 gennaio 2024.
  12. ^ (EN) Madagascar (film), su Box Office Mojo. URL consultato il 21/11/2023.
  13. ^ (EN) Film di animazione DreamWorks al botteghino, su Box Office Mojo.
  14. ^ Film con maggiori incassi in Italia, su movieplayer.it. URL consultato il 23 novembre 2023.
  15. ^ (EN) Madagascar (film), su Rotten Tomatoes.
  16. ^ (EN) Madagascar (film), su Metacritic.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN174329020 · LCCN (ENn2004044609 · GND (DE7515949-1 · J9U (ENHE987007594417305171