Apri il menu principale
Néstor Garay in un fotogramma del film Allegro non troppo (1976).

Néstor Garay (Santa Rosa, 13 gennaio 1931Roma, 11 aprile 2003[1]) è stato un attore argentino.

Indice

BiografiaModifica

 
Garay interpreta il sultano Abdullah in La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa!

Argentino di nascita ma italiano d'adozione, Néstor Garay inizia la propria carriera recitativa intorno alla prima metà degli anni sessanta in qualità di caratterista e in più occasioni anche in ruoli da comprimario inizialmente in alcuni sceneggiati televisivi e a partire dal 1968 anche in ruoli cinematografici.

Dato il suo aspetto corpulento e bonario, i ruoli che venivano affidati a Néstor Garay erano spesso semplici e discreti come ad esempio preti, camerieri, maggiordomi, medici e talvolta anche imprenditori; trasferitosi in Italia ancor giovane, l'attore è stato maggiormente apprezzato per essere apparso in compagnia di alcuni attori noti perlopiù nel filone della commedia all'italiana negli anni ottanta.

Tra i ruoli in cui Néstor Garay compare si possono citare il film Fico d'India in cui interpreta il ruolo del fratello di Renato Pozzetto e Ricchi, ricchissimi... praticamente in mutande in cui duetta svariate volte insieme a Lino Banfi; da ricordare inoltre il ruolo di Biagio Cerioni in Spaghetti House in cui è uno dei camerieri sequestrati (insieme al protagonista, interpretato da Nino Manfredi) da una banda di terroristi nella città di Londra.

Seppur in ruoli minori, Néstor Garay recitò anche con Alberto Sordi in Amore mio aiutami nel ruolo di un sacerdote e in Sono un fenomeno paranormale nella parte di un arrogante proprietario di un'emittente televisiva locale; inoltre Néstor Garay affianca anche Carlo Verdone in Perdiamoci di vista in cui questa volta veste i panni del titolare di un'agenzia televisiva che licenzia il protagonista a causa del suo eccesso di cinismo nei confronti di una ragazza invalida interpretata da Asia Argento.

Negli anni novanta le apparizioni televisive e cinematografiche di Néstor Garay si riducono notevolmente fino a quando prende parte a un ultimo film cinematografico dal titolo La rentrée con il quale si congeda definitivamente dal mondo dello spettacolo prima di scomparire nel più discreto silenzio artistico.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN65100612 · ISNI (EN0000 0003 8546 4455 · LCCN (ENn00074837