Apri il menu principale

Ombretta Fumagalli Carulli

politica italiana
Ombretta Fumagalli Carulli
Ombretta Fumagalli Carulli.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature X, XI, XII
Gruppo
parlamentare
DC, CCD
Circoscrizione Lombardia
Collegio Milano
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
CCD, Rinnovamento Italiano
Circoscrizione Piemonte
Collegio Vercelli
Sito istituzionale

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno
Durata mandato 22 dicembre 1999 –
25 aprile 2000
Presidente Massimo D'Alema
Predecessore Franco Barberi
Successore Gian Franco Schietroma

Sottosegretario di Stato del Ministero della Salute
Durata mandato 25 aprile 2000 –
11 giugno 2001
Presidente Giuliano Amato
Predecessore Fabio Di Capua
Successore Cesare Cursi

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana, Centro Cristiano Democratico
Titolo di studio laurea in Giurisprudenza
Professione docente universitaria

Ombretta Fumagalli Carulli (Meda, 5 marzo 1944) è una giurista, accademica e politica italiana.

BiografiaModifica

Laureata con lode in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1966, nel 1975 è la prima donna[1] in Italia a ricoprire una cattedra Universitaria di diritto canonico; prima a Ferrara e poi proprio alla Cattolica, in cui assunse anche la cattedra di diritto ecclesiastico. Nel 1981 fu eletta nel Consiglio Superiore della Magistratura (prima donna eletta dal Parlamento come componente del CSM)[1], dove rimase fino al 1986 presiedendo la Commissione Incarichi Direttivi e fondando il Comitato Antimafia.

Nel 1987 cominciò la sua carriera politica, venendo eletta deputato con la Democrazia Cristiana. Confermato il seggio a Palazzo Montecitorio nel 1992, l'anno successivo divenne Sottosegretario alle Poste e Telecomunicazioni nel governo Ciampi.

Nel 1994 aderì al Centro Cristiano Democratico di Pier Ferdinando Casini e fu rieletta alla Camera nelle liste di Forza Italia[2]; quindi divenne Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per la Protezione Civile nel governo Berlusconi I.

Nel 1996 approdò al Senato, in rappresentanza della coalizione di centro-destra del Polo per le Libertà, ma nel 1997 cambiò schieramento passando a Rinnovamento Italiano di Lamberto Dini. Nel 1999 entrò a far parte del governo D'Alema II, in qualità di sottosegretario al Ministero dell'interno (con delega alla libertà religiosa e al personale prefettizio); nel 2000 assunse l'incarico di sottosegretario al Ministero della sanità (con delega ai problemi della prevenzione nonché dell'alimentazione e veterinaria) nel governo Amato II.

Nel 1999 è stata eletta presidente dell'Intergruppo Internazionale "Parlamentari per il Giubileo", al quale fu affidata l'organizzazione del Giubileo dei responsabili della cosa pubblica dell'anno 2000, in collaborazione con 100 Parlamenti dei cinque Continenti.

Nel 2001, al termine del mandato parlamentare, tornò a tempo pieno alla Cattolica di Milano, dove ha continuato a insegnare diritto ecclesiastico e diritto canonico. È autrice di oltre cento pubblicazioni di carattere accademico, religioso e sociale.

È stata nominata da Papa Giovanni Paolo II Accademico Pontificio presso la Pontificia accademia delle scienze sociali nell'aprile 2003.

Nel luglio del 2007, insieme ad altri 200 tra docenti, giornalisti e scrittori, ha firmato un appello contro il vicedirettore del Corriere della Sera Magdi Allam e il suo libro Viva Israele.[senza fonte] Dopo essersi allontanata dalla politica, ha aderito all'Unione di Centro[3].

Nel 2012 è divenuta presidente della riattivata Democrazia Cristiana, guidata da Giovanni Angelo Fontana[4].

Dal 2010 è direttore dell'Istituto giuridico dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È membro del Comitato Etico del Global Catholic Ethical Based Fund di JP Morgan, nonché di diverse società scientifiche e comitati di riviste giuridiche.

È presidente dell'Associazione Culturale Giuseppe Dossetti: i Valori e della Associazione per la prevenzione e la cura dell'epatite virale Beatrice Vitiello.

Ha collaborato come pubblicista ai quotidiani il Giornale, Avvenire e L'Osservatore Romano.

NoteModifica

  1. ^ a b FUMAGALLI CARULLI OMBRETTA - Docente Università Cattolica del Sacro Cuore, su docenti.unicatt.it. URL consultato il 14 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2016).
  2. ^ Archivio storico delle elezioni
  3. ^ ASCA.it[collegamento interrotto]
  4. ^ Copia archiviata, su dc-democraziacristiana.it. URL consultato il 29 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2012).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN119395702 · ISNI (EN0000 0001 1033 3800 · SBN IT\ICCU\CFIV\106305 · LCCN (ENn80104652 · GND (DE1026186684 · BNF (FRcb12359879n (data) · WorldCat Identities (ENn80-104652